Cronologia dei paragrafi

Paolo ad Atene
Discorso di Paolo davanti all'Areopago
Fondazione della chiesa di Corinto
Paolo tradotto in tribunale dai Giudei
Ritorno ad Antiochia è partenza per il terzo viaggio
Apollo
I seguaci di Giovanni a efeso
Fondazione della chiesa di efeso
Gli esorcisti giudei
I progetti di Paolo
A Efeso. La sommossa degli orefici
Paolo abbandona efeso
A Triade Paolo risuscita un morto
Da Triade a Mileto
Addio agli anziani di efeso
La salita a Gerusalemme
Arrivo di Paolo a Gerusalemme
L'arresto di Paolo
Arringa di Paolo ai giudei di Gerusalemme
Paolo cittadino romano
Comparsa davanti al sinedrio
Complotto dei giudei contro Paolo
Trasferimento di Paolo a Cesarea
Il processo davanti a Felice
Discorso di Paolo davanti al governatore romano
La cAttivitàdi Paolo è Cesarea
Paolo si appella a Cesare
Paolo compare davanti al re Agrippa
Discorso di Paolo davanti al re Agrippa
Reazioni dell'uditorio
La partenza per Roma
La tempesta e il naufragio
Soggiorno a Malta
Da Malta a Roma
Presa di contatto con i Giudei di Roma
Dichiarazione di Paolo ai Giudei di Roma
Epilogo

Paolo ad Atene (at 17,16-21)

17:16 Paolo, mentre li attendeva ad Atene, fremeva dentro di sè al vedere la città piena di idoli. 17 Frattanto, nella sinagoga, discuteva con i Giudei e con i pagani credenti in Dio e ogni giorno, sulla piazza principale, con quelli che incontrava. 18 Anche certi filosofi epicurei e stoici discutevano con lui, e alcuni dicevano: "Che cosa mai vorrà dire questo ciarlatano?". E altri: "Sembra essere uno che annuncia divinità straniere", poichè annunciava Gesù e la risurrezione. 19 Lo presero allora con sè, lo condussero all'Areòpago e dissero: "Possiamo sapere qual è questa nuova dottrina che tu annunci? 20 Cose strane, infatti, tu ci metti negli orecchi; desideriamo perciò sapere di che cosa si tratta". 21 Tutti gli Ateniesi, infatti, e gli stranieri là residenti non avevano passatempo più gradito che parlare o ascoltare le ultime novità.

17:16 17:16 Ora, mentre Paolo li aspettava in Atene, lo spirito suo s'inacerbiva in lui, veggendo la citta' piena d'idoli. 17 17:17 Egli adunque ragionava nella sinagoga coi Giudei, e con le persone religiose, ed ogni di' in su la piazza con coloro che si scontravano. 18 17:18 Ed alcuni de' filosofi Epicurei, e Stoici, conferi-van con lui. Ed alcuni dicevano: Che vuol dire questo cianciatore? E gli altri: Egli pare essere annunziatore di dii stranieri. perciocche' egli evangelizzava loro Gesu', e la risurrezione. 19 17:19 E lo proesero, e lo menarono nell'Areopago, dicendo: Potrem noi sapere qual sia questa nuova dottrina, la qual tu proponi? 20 17:20 Perciocche' tu ci rechi agli orecchi cose strane. noi vogliamo dunque sapere che cosa si vogliano coteste cose. 21 17:21 Or tutti gli Ateniesi, e i forestieri che dimoravano in quella citta', non passavano il tempo ad altro, che a dire, o ad udire alcuna cosa di nuovo.

17:16 17:16 Or mentre Paolo li aspettava in Atene, lo spirito gli s'inacerbiva dentro a veder la citta' piena d'idoli. 17 17:17 Egli dunque ragionava nella sinagoga coi Giudei e con le persone pie. e sulla piazza, ogni giorno, con quelli che vi si trovavano. 18 17:18 E anche certi filosofi epicurei e stoici conferivan con lui. E alcuni dicevano: Che vuol dire questo cianciatore? E altri: Egli pare essere un proedicatore di divinita' straniere. perchè annunziava Gesu' e la risurrezione. 19 17:19 E proesolo con sè, lo condussero su nell'Areopa'go, dicendo: Potremmo noi sapere qual sia questa nuova dottrina che tu proponi? 20 17:20 Poichè tu ci rechi agli orecchi delle cose strane. Noi vorremmo dunque sapere che cosa voglian dire queste cose. 21 17:21 Or tutti gli Ateniesi e i forestieri che dimoravan quivi, non passavano il tempo in altro modo, che a dire o ad ascoltare quel che c'era di piu' nuovo.

17:16 17:16 Mentre Paolo li aspettava ad Atene, lo spirito gli s'inacerbiva dentro nel vedere la città piena di idoli. 17 17:17 Frattanto discorreva nella sinagoga con i Giudei e con le persone pie. e sulla piazza, ogni giorno, con quelli che vi si trovavano. 18 17:18 E anche alcuni filosofi epicurei e stoici conversavano con lui. Alcuni dicevano: 'Che cosa dice questo ciarlatano?'. E altri: 'Egli sembra essere un proedicatore di divinità straniere'. perchè annunziava Gesù e la risurrezione. 19 17:19 proesolo con sè, lo condussero su nell'Areopago, dicendo: 'Potremmo sapere quale sia questa nuova dottrina che tu proponi? 20 17:20 Poichè tu ci fai sentire cose strane. Noi vorremmo dunque sapere che cosa vogliono dire queste cose'. 21 17:21 Or tutti gli Ateniesi e i residenti stranieri non passavano il loro tempo in altro modo che a dire o ad ascoltare novità.

17:16 17:16 Ora, mentre Paolo li aspettava ad Atene, il suo spirito s’inacerbiva in lui, vedendo la città piena di idoli. 17 17:17 Egli dunque discuteva nella sinagoga con i Giudei e con le persone pie, e ogni giorno sulla piazza con quelli che incontrava. 18 17:18 Con lui discutevano pure alcuni filosofi epicurei e stoici. Alcuni dicevano: ’Che vuol dire questo cianciatore?'. E gli altri: ’Egli pare essere un annunziatore di divinità straniere', perchè annunziava loro Gesù e la risurrezione. 19 17:19 Così lo proesero e lo condussero nell’Areopago, dicendo: ’Potremmo sapere qual è questa nuova dottrina che tu proponi? 20 17:20 Poichè tu rechi cose strane ai nostri orecchi, vogliamo dunque sapere che cosa significano queste cose'. 21 17:21 Or tutti gli Ateniesi e i forestieri che dimoravano in quella città non avevano passatempo migliore che quello di dire o ascoltare qualche novità.

17:16 Quelli che scortavano Paolo lo accompagnarono fino ad Atene e se ne ripartirono con l'ordine per Sila e Timòteo di raggiungerlo al più presto. 17 Mentre Paolo li attendeva ad Atene, fremeva nel suo spirito al vedere la città piena di idoli. 18 Discuteva frattanto nella sinagoga con i Giudei e i pagani credenti in Dio e ogni giorno sulla piazza principale con quelli che incontrava. 19 Anche certi filosofi epicurei e stoici discutevano con lui e alcuni dicevano: ""Che cosa vorrà mai insegnare questo ciarlatano?"". E altri: ""Sembra essere un annunziatore di divinità straniere""; poichè annunziava Gesù e la risurrezione. 20 Presolo con sè, lo condussero sull'Areòpago e dissero: ""Possiamo dunque sapere qual è questa nuova dottrina predicata da te? 21 Cose strane per vero ci metti negli orecchi; desideriamo dunque conoscere di che cosa si tratta"".

Mappa

#http://#

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia