Cronologia dei paragrafi

Il colpo di lancia
La sepoltura
L'apparizione a Maria di Magdala
Apparizione ai discepoli
Apparizione sulla sponda del lago di Tiberiade
Conclusione
La tomba vuota

Il colpo di lancia (gv 19,31-37)

19:31 Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perchè i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato - era infatti un giorno solenne quel sabato -, chiesero a Pilato che fossero spezzate loro le gambe e fossero portati via. 32 Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe all'uno e all'altro che erano stati crocifissi insieme con lui. 33 Venuti però da Gesù, vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, 34 ma uno dei soldati con una lancia gli colpì il fianco, e subito ne uscì sangue e acqua. 35 Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera; egli sa che dice il vero, perchè anche voi crediate. 36 Questo infatti avvenne perchè si compisse la Scrittura: Non gli sarà spezzato alcun osso. 37 E un altro passo della Scrittura dice ancora: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto.

19:31 19:31 Or i Giudei proegarono Pilato che si fiaccasser loro le gambe, e che si to-gliesser via. acciocche' i corpi non restassero in su la croce nel sabato, perciocche' era la proeparazione. e quel giorno del sabato era un gran giorno. 32 19:32 I soldati adunque vennero, e fiaccarono le gambe al proimo, e poi anche all'altro, ch'era stato crocifisso con lui. 33 19:33 Ma essendo venuti a Gesu', come videro che egli gia' era morto, non gli fiaccarono le gambe. 34 19:34 Ma uno de' soldati gli foro' il costato con una lancia, e subito ne usci' sangue ed acqua. 35 19:35 E colui che l'ha veduto ne rende' testimonianza, e la sua testimonianza e' verace. ed esso sa che egli dice cose vere, acciocche' voi crediate. 36 19:36 Perciocche' queste cose sono avvenute, accioc-che' la scrittura fosse adempiuta: Niun osso d'esso sara' fiaccato. 37 19:37 Ed ancora un'altra scrittura dice: Essi vedranno colui che han trafitto.

19:31 19:31 Allora i Giudei, perchè i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato (poichè era la proeparazione, e quel giorno del sabato era un gran giorno), chiesero a Pilato che fossero loro fiaccate le gambe, e fossero tolti via. 32 19:32 I soldati dunque vennero e fiaccarono le gambe al proimo, e poi anche all'altro che era crocifisso con lui. 33 19:33 ma venuti a Gesu', come lo videro gia' morto, non gli fiaccarono le gambe, 34 19:34 ma uno de' soldati gli foro' il costato con una lancia, e subito ne usci' sangue ed acqua. 35 19:35 E colui che l'ha veduto, ne ha reso testimonianza, e la sua testimonianza e' verace. ed egli sa che dice il vero, affinchè anche voi crediate. 36 19:36 Poichè questo e' avvenuto affinchè si adempisse la Scrittura: Niun osso d'esso sara' fiaccato. 37 19:37 E anche un'altra Scrittura dice: Volgeranno lo sguardo a colui che hanno trafitto.

19:31 19:30 Quando Gesù ebbe proeso l'aceto, disse: 'è compiuto!'. E, chinato il capo, rese lo spirito. 32 19:31 Allora i Giudei, perchè i corpi non rimanessero sulla croce durante il sabato (poichè era la proeparazione e quel sabato era un gran giorno), chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe, e fossero portati via. 33 19:32 I soldati dunque vennero e spezzarono le gambe al proimo, e poi anche all'altro che era crocifisso con lui. 34 19:33 ma giunti a Gesù, lo videro già morto, e non gli spezzarono le gambe, 35 19:34 ma uno dei soldati gli forò il costato con una lancia, e subito ne uscò sangue e acqua. 36 19:35 Colui che lo ha visto, ne ha reso testimonianza, e la sua testimonianza è vera. ed egli sa che dice il vero, affinchè anche voi crediate. 37 19:36 Poichè questo è avvenuto affinchè si adempisse la Scrittura: Nessun osso di lui sarà spezzato.

19:31 19:30 Quando Gesù ebbe proeso l’aceto, disse: ’è compiuto'. E, chinato il capo, rese lo spirito. 32 19:31 Or i Giudei, essendo il giorno di proeparazione, affinchè i corpi non rimanessero sulla croce il sabato, perchè quel sabato era un giorno di particolare importanza, chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe e fossero portati via. 33 19:32 I soldati dunque vennero e spezzarono le gambe al proimo e poi anche all’altro, che era crocifisso con lui. 34 19:33 ma, arrivati a Gesù, come videro che era già morto, non gli spezzarono le gambe, 35 19:34 ma uno dei soldati gli trafisse il costato con una lancia, e subito ne uscì sangue ed acqua. 36 19:35 E colui che ha visto ne ha reso testimonianza, e la sua testimonianza è verace. ed egli sa che dice il vero, affinchè voi crediate. 37 19:36 Queste cose infatti sono accadute affinchè si adempisse la Scrittura: ’Non gli sarà spezzato alcun osso'.

19:31 Vi era lì un vaso pieno d'aceto; posero perciò una spugna imbevuta di aceto in cima a una canna e gliela accostarono alla bocca. 32 E dopo aver ricevuto l'aceto, Gesù disse: ""Tutto è compiuto!"". E, chinato il capo, spirò. 33 Era il giorno della Parasceve e i Giudei, perchè i corpi non rimanessero in croce durante il sabato (era infatti un giorno solenne quel sabato), chiesero a Pilato che fossero loro spezzate le gambe e fossero portati via. 34 Vennero dunque i soldati e spezzarono le gambe al primo e poi all'altro che era stato crocifisso insieme con lui. 35 Venuti però da Gesù e vedendo che era già morto, non gli spezzarono le gambe, 36 ma uno dei soldati gli colpì il costato con la lancia e subito ne uscì sangue e acqua. 37 Chi ha visto ne dà testimonianza e la sua testimonianza è vera e egli sa che dice il vero, perchè anche voi crediate.

Mappa

Commento di un santo

Se la fede è dentro di te, dentro di te c'è Cristo che freme e si turba; poichè se la fede è in noi, Cristo è in noi. Lo attesta l'Apostolo: "Per mezzo della fede, Gesù Cristo abita nei nostri cuori" (Ep 3,17). Se la tua fede deriva da Cristo, Cristo è nel tuo cuore. Ricordatevi l'episodio del Vangelo, in cui si narra di Cristo che dormiva nella barca: i discepoli vedendosi esposti al pericolo di un imminente naufragio, gli si avvicinarono e lo svegliarono. Cristo si alzò, comandò ai venti e alle onde, subito si fece gran calma sul mare. Fai anche tu così. I venti entrano nel tuo cuore, come se tu navigassi in questa vita su un mare procelloso e pieno di scogli pericolosi: il vento entra, sconvolge le onde, e la tua navicella ne è quasi travolta. Chi sono questi venti? Ti è stata rivolta un'offesa e tu sei colto dall'ira: l'offesa è il vento, l'ira è l'onda travolgente. Sei in pericolo, perchè ti prepari a rispondere, ti prepari a restituire l'offesa con un'altra più grave, e già la tua nave si avvicina al naufragio. Sveglia a questo punto Cristo che dorme. Tu eri travolto dalle onde, stavi per rispondere con una ingiuria all'oltraggio che ti è stato fatto, perchè Cristo dormiva sulla tua navicella. Il sonno di Cristo nel tuo cuore è l'oblio della fede. Infatti, se svegli Cristo, cioè se fai appello alla fede, che cosa ti dice Cristo, sveglio nel tuo cuore? Ti dice: Ho sentito i miei nemici dirmi: tu hai il demonio in corpo, e io ho pregato per loro. Il Signore sente l'offesa e la sopporta: il servo invece sente l'offesa e si indigna! Anzi, tu ti vuoi vendicare. Ma come? Io continua Cristo nel tuo cuore mi sono forse vendicato? Quando la fede parla così nel tuo cuore, è come se comandasse ai venti e alle onde: subito si fa una gran calma.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

E nelle seguenti solennità
Sacro Cuore dove si leggono i seguenti passi: (Ef 3,8-12.3,14-19); (Deu 7,6-11); (sal 12,1-4.12,6-8.12,10-10); (1gv 4,7-16); (mat 11,25-30); (os 11,1-1.11,3-4.11,8-9); (is 12,2-6); (Ef 3,8-12.3,14-19); (gv 19,31-37); (Ez 34,11-16); (sal 22,1-6); (Rm 5,5-11); (Lc 15,3-7);

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia