Cronologia dei paragrafi

La lavanda dei piedi
Annunzio del tradimento di Giuda
L'addio
Annuncio del Rinnegamento di Pietro
Preparazione della dimora
Opere a gloria del Padre
Il paraclito
La vera vite
I discepoli e il mondo
La venuta del Paraclito
L'annunzio di un pronto ritorno
La preghiera di gesù
L'arresto di gesù
gesù davanti ad Anna e a Caifa. Rinnegamenti di Pietro
gesù davanti a Pilato
La condanna a morte
La crocifissione
La divisione dei vestiti
gesù e sua madre
La morte di gesù
Il colpo di lancia
La sepoltura
L'apparizione a Maria di Magdala
Apparizione ai discepoli
Apparizione sulla sponda del lago di Tiberiade
Conclusione
La tomba vuota

La lavanda dei piedi (gv 13,1-2)

13:1 Prima della festa di Pasqua Gesù, sapendo che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine. 2 Durante la cena, quando il diavolo aveva già messo in cuore a Giuda, figlio di Simone Iscariota, di tradirlo,

13:1 13:1 OR avanti la festa di Pasqua, Gesu', sapendo che la sua ora era venuta, da passar di questo mondo al Padre. avendo amati i suoi che erano nel mondo, li amo' infino alla fine. 2 13:2 E finita la cena (avendo gia' il diavolo messo nel cuor di Giuda Iscariot, fi-gliuol di Simone, di tradirlo)_

13:1 13:1 Or avanti la festa di Pasqua, Gesu', sapendo che era venuta per lui l'ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amo' sino alla fine. 2 13:2 E durante la cena, quando il diavolo avea gia' messo in cuore a Giuda I-scariot, figliuol di Simone, di tradirlo,

13:1 12:50 e so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico cosò come il Padre le ha dette a me'. 2 13:1 Or proima della festa di Pasqua, Gesù, sapendo che era venuta per lui l'ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò sino alla fine.

13:1 12:50 Ed io so che il suo comandamento è vita eterna. le cose dunque che io dico, le dico così come il Padre me le ha dette'. 2 13:1 Or proima della festa di Pasqua, sapendo Gesù che era venuta la sua ora di passare da questo mondo al Padre, avendo amato i suoi che erano nel mondo, li amò fino alla fine.

13:1 Perchè io non ho parlato da me, ma il Padre che mi ha mandato, egli stesso mi ha ordinato che cosa devo dire e annunziare. 2 E io so che il suo comandamento è vita eterna. Le cose dunque che io dico, le dico come il Padre le ha dette a me"".

Mappa

Commento di un santo

Il Signore, dopo la sua risurrezione, si presenta di nuovo ai suoi discepoli. Interroga l'apostolo Pietro, costringe a confessare il suo amore, colui che, dalla paura, lo aveva rinnegato tre volte. Cristo è risuscitato secondo la carne, e Pietro secondo lo spirito. Così come Cristo è morto soffrendo, Pietro è morto rinnegando. Il Signore Cristo, essendo risuscitato dai morti, ha risuscitato Pietro grazie all'amore che egli nutriva per lui. Ha interrogato l'amore di colui che ora lo confessava, e ha affidato a lui il suo gregge. Quale vantaggio procura a Cristo il fatto che Pietro lo ami ? Se Cristo ti ama, il profitto è per te, non per Cristo. Se tu ami Cristo, il profitto è ancora per te, non per lui. Tuttavia, il Signore volendo mostrarci come occorra che gli uomini gli diano una prova del loro amore, ce lo rivela chiaramente : amando le sue pecore. '' Simone di Giovanni, mi vuoi bene ? - ti voglio bene. - Pasci le mie pecorelle. ' E questo una volta, due volte, tre volte. Pietro non dice altro che il suo amore. Il Signore non gli chiede altro che il suo amore ; non gli affida altro che le sue pecore. Amiamoci dunque gli uni gli altri, e ameremo Cristo.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia