Cronologia dei paragrafi

Risurrezione di Gesu, appare agli apostoli
Risurrezione di Gesu, istruzione agli apostoli
ascensione di Gesu secondo luca
Primi oltraggi

Risurrezione di Gesu, appare agli apostoli (lc 24,36-43)

24:36 Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona stette in mezzo a loro e disse: "Pace a voi!". 37 Sconvolti e pieni di paura, credevano di vedere un fantasma. 38 Ma egli disse loro: "Perchè siete turbati, e perchè sorgono dubbi nel vostro cuore? 39 Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa, come vedete che io ho". 40 Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. 41 Ma poichè per la gioia non credevano ancora ed erano pieni di stupore, disse: "Avete qui qualche cosa da mangiare?". 42 Gli offrirono una porzione di pesce arrostito; 43 egli lo prese e lo mangiò davanti a loro.

24:36 24:36 ORA, mentre essi ragionavano queste cose, Gesu' stesso comparve nel mezzo di loro, e disse loro: Pace a voi. 37 24:37 Ma essi, smarriti, ed impauriti, pensavano vedere uno spirito. 38 24:38 Ed egli disse loro: Perche' siete turbati? e perche' salgono ragionamenti ne' cuori vostri? 39 24:39 Vedete le mie mani, e i miei piedi. perciocche' io son desso. palpatemi, e vedete. poiche' uno spirito non ha carne, ne' ossa, come mi vedete avere. 40 24:40 E detto questo, mostro' loro le mani, e i piedi. 41 24:41 Ma, non credendo essi ancora per l'allegrezza, e maravigliandosi, egli disse loro: Avete voi qui alcuna cosa da mangiare? 42 24:42 Ed essi gli diedero un pezzo di pesce arrostito, e di un fiale di miele. 43 24:43 Ed egli proesolo, mangio' in lor proesenza.

24:36 24:36 Or mentr'essi parlavano di queste cose, Gesu' stesso comparve in mezzo a loro, e disse: Pace a voi! 37 24:37 Ma essi, smarriti e impauriti, pensavano di vedere uno spirito. 38 24:38 Ed egli disse loro: Perchè siete turbati? E perchè vi sorgono in cuore tali pensieri? 39 24:39 Guardate le mie mani ed i miei piedi, perchè son ben io. palpatemi e guardate. perchè uno spirito non ha carne e ossa come vedete che ho io. 40 24:40 E detto questo, mostro' loro le mani e i piedi. 41 24:41 Ma siccome per l'allegrezza non credevano ancora, e si stupivano, disse loro: Avete qui nulla da mangiare? 42 24:42 Essi gli porsero un pezzo di pesce arrostito. 43 24:43 ed egli lo proese, e mangio' in loro proesenza.

24:36 24:35 Essi pure raccontarono le cose avvenute loro per la via, e come era stato da loro riconosciuto nello spezzare il pane. 37 24:36 Ora, mentre essi parlavano di queste cose, Gesù stesso comparve in mezzo a loro, e disse: 'Pace a voi!'. 38 24:37 Ma essi, sconvolti e atterriti, pensavano di vedere un fantasma. 39 24:38 Ed egli disse loro: 'Perchè siete turbati? E perchè sorgono dubbi nel vostro cuore? 40 24:39 Guardate le mie mani e i miei piedi, perchè sono proproio io. toccatemi e guardate. perchè un fantasma non ha carne e ossa come vedete che ho io'. 41 24:40 E, detto questo, mostrò loro le mani e i piedi. 42 24:41 Ma siccome per la gioia non credevano ancora e si stupivano, disse loro: 'Avete qui qualcosa da mangiare?'. 43 24:42 Essi gli porsero un pezzo di pesce arrostito.

24:36 24:35 Essi allora raccontarono le cose avvenute loro per via, e come lo avevano riconosciuto allo spezzar del pane. 37 24:36 Ora, mentre essi parlavano di queste cose, Gesù stesso si rese proesente in mezzo a loro e disse loro: ’Pace a voi!'. 38 24:37 Ma essi, terrorizzati e pieni di paura, pensavano di vedere uno spirito. 39 24:38 Allora egli disse loro: ’Perchè siete turbati? E perchè nei vostri cuori sorgono dei dubbi? 40 24:39 Guardate le mie mani e i miei piedi, perchè sono io. Toccatemi e guardate, perchè uno spirito non ha carne e ossa, come vedete che ho io'. 41 24:40 E, detto questo, mostrò loro le mani e i piedi. 42 24:41 Ma poichè essi non credevano ancora per la gioia ed erano pieni di meraviglia, egli disse loro: ’Avete qui qualcosa da mangiare?'. 43 24:42 Ed essi gli diedero un pezzo di pesce arrostito e un favo di miele.

24:36 Essi poi riferirono ciò che era accaduto lungo la via e come l'avevano riconosciuto nello spezzare il pane. 37 Mentre essi parlavano di queste cose, Gesù in persona apparve in mezzo a loro e disse: ""Pace a voi!"". 38 Stupiti e spaventati credevano di vedere un fantasma. 39 Ma egli disse: ""Perchè siete turbati, e perchè sorgono dubbi nel vostro cuore? 40 Guardate le mie mani e i miei piedi: sono proprio io! Toccatemi e guardate; un fantasma non ha carne e ossa come vedete che io ho"". 41 Dicendo questo, mostrò loro le mani e i piedi. 42 Ma poichè per la grande gioia ancora non credevano ed erano stupefatti, disse: ""Avete qui qualche cosa da mangiare?"". 43 Gli offrirono una porzione di pesce arrostito;

Mappa

Commento di un santo

Come sapete, quando egli "venne" a loro "a porte chiuse e stette in mezzo a loro, essi, stupiti e spaventati credevano di vedere un fantasma (Jn 20,26 Lc 24,3637); ma egli alitò su di loro e disse: "Ricevete lo Spirito Santo" (Jn 20,2223). Poi, inviò loro dal cielo lo stesso Spirito, ma come nuovo dono. Questi doni furono per loro le testimonianze e gli argomenti di prova della risurrezione e della vita. è lo Spirito infatti che rende testimonianza, anzitutto nel cuore dei santi, poi per bocca loro, che "Cristo è la verità" (1Jn 5,6), la vera risurrezione e la vita. Ecco perchè gli apostoli, che erano rimasti persino nel dubbio inizialmente, dopo aver visto il suo corpo redivivo, "resero testimonianza con grande forza della sua risurrezione" (Ac 4,33), quando ebbero gustato lo Spirito vivificatore. Quindi, più proficuo concepire Gesù nel proprio cuore che il vederlo con gli occhi del corpo o sentirlo parlare, e l'opera dello Spirito Santo è molto più poderosa sui sensi dell'uomo interiore, di quanto non lo sia l'impressione degli oggetti corporei su quelli dell'uomo esteriore. Quale spazio, invero, resta per il dubbio allorchè colui che dà testimonianza e colui che la riceve sono un medesimo ed unico spirito? (1Jn 5,610). Se non sono che un unico spirito, sono del pari un unico sentimento e un unico assenso... Ora perciò, fratelli miei, in che senso la gioia del vostro cuore è testimonianza del vostro amore di Cristo? Da parte mia, ecco quel che penso; a voi stabilire se ho ragione: Se mai avete amato Gesù, vivo, morto, poi reso alla vita, nel giorno in cui, nella Chiesa, i messaggeri della sua risurrezione ne danno l'annuncio e la proclamano di comune accordo e a tante riprese, il vostro cuore gioisce dentro di voi e dice: ''Me ne è stato dato l'annuncio, Gesù, mio Dio, è in vita! Ecco che a questa notizia il mio spirito, già assopito di tristezza, languente di tiepidità, o pronto a soccombere allo scoraggiamento, si rianima'. In effetti, il suono di questo beato annuncio arriva persino a strappare dalla morte i criminali. Se fosse diversamente, non resterebbe altro che disperare e seppellire nell'oblio colui che Gesù, uscendo dagli inferi, avrebbe lasciato nell'abisso. Sarai nel tuo diritto di riconoscere che il tuo spirito ha pienamente riscoperto la vita in Cristo, se può dire con intima convinzione: ''Se Gesù è in vita, tanto mi basta!'. Esprimendo un attaccamento profondo, una tale parola è degna degli amici di Gesù! E quanto è puro, l'affetto che così si esprime: ''Se Gesù è in vita, tanto mi basta!'. Se egli vive, io vivo, poichè la mia anima è sospesa a lui; molto di più, egli è la mia vita, e tutto ciò di cui ho bisogno. Cosa può mancarmi, in effetti, se Gesù è in vita? Quand'anche mi mancasse tutto, ciò non avrebbe alcuna importanza per me, purchè Gesù sia vivo. Se poi gli piace che venga meno io stesso, mi basta che egli viva, anche se non è che per se stesso. Quando l'amore di Cristo assorbe in un modo così totale il cuore dell'uomo, in guisa che egli dimentica se stesso e si trascura, essendo sensibile solo a Gesù Cristo e a ciò che concerne Gesù Cristo, solo allora la carità è perfetta in lui. Indubbiamente, per colui il cui cuore è stato così toccato, la povertà non è più un peso; egli non sente più le ingiurie; si ride degli obbrobri; non tiene più conto di chi gli fa torto, e reputa la morte un guadagno (Ph 1,21). Non pensa neppure di morire, poichè ha coscienza piuttosto di passare dalla morte alla vita; e con fiducia, dice: ''Andrò a vederlo, prima di morire'.

Autore

Igny

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia