Cronologia dei paragrafi

Ancora la parabola della lucerna
Contro i farisei e i legusei
Parlare apertamente e senza timore
Non accumulate tesori
Abbandonarsi alla Provvidenza
Vendere i propri beni e fare l'elemosina
Tenersi pronti per il ritorno del padrone
gesù e la sua passione
gesù causa di dissenso
Saper interpretare i segni dei tempi
Inviti provvidenziali alla penitenza
Parabola del fico sterile
Guarigione della donna curva, in giorno di sabato
Parabola del granello di senapa
Parabola del lievito
La porta stretta, il rigetto dei Giudei infedeli e la chiamata dei pagani
Erode la volpe
Apostrofe a Gerusalemme
Guarigione di un idropico in giorno di sabato
Sulla scelta dei posti
Sulla scelta degli invitati
Sugli invitati che non accettano
Rinunciare a quanto si ha di caro
Rinunciare soprattutto ai propri beni
Non essere insipidi
Le tre parabole della misericordia
La pecora perduta
La dramma perduta
Il figlio perduto e il figlio fedele: il figlio prodigo
L'amministratore infedele
Il buon uso del denaro
Contro i farisei, amici del denaro
All'assalto del regno
Perennità della legge
Indissolubilità del matrimonio
Il ricco cattivo e il povero Lazzaro
Lo scandalo
Correzione fraterna
Potenza della fede
Servire con umiltà
I dieci lebbrosi
La venuta del regno di Dio
Il giorno del figlio dell'uomo
Il giudice iniquo e la vedova importuna
Il fariseo e il pubblicano
gesù e i bambini
Il notabile ricco
Il pericolo delle ricchezze
Ricompensa promessa alla rinuncia
Terzo annunzio della passione
Il cieco di Gerico
Zaccheo
Parabola delle mine
Ingresso messianico a Gerusalemme
gesù approva le acclamazioni dei suoi discepoli
Lamento su Gerusalemme
I venditori cacciati dal tempio
Insegnamento nel tempio
Obiezione dei Giudei sull'autorità di gesù
Parabola dei vignaioli omicidi
Il tribùto a Cesare
La resurrezione dei morti
Il Cristo, figlio e signore di Davide
Gli scribi giudicati da gesù
L'obolo della vedova
Discorso sulla rovina di Gerusalemme. Introduzione
I segni premonitori
L'assedio
La catastrofe e i tempi dei pagani
Le catastrofi cosmiche e la manifestazione gloriosa del figlio dell'uomo
Parabola del fico
Vegliare per non essere sorpresi
Gli ultimi giorni di gesù
Complotto contro gesù e tradimento di Giuda
Preparativi della cena pasquale
La cena pasquale
Istituzione dell'Eucaristia
Annunzio del tradimento di Giuda
Chi è il più grande?
Ricompensa promessa agli apostoli
Annunzio del ritorno e del rinnegamento di Pietro
L'ora del combattimento decisivo
Sul monte degli Ulivi
L'arresto di gesù
Rinnegamenti di Pietro
Gesù davanti a Pilato
Gesù davanti a erode
Gesù di nuovo davanti a pilato
via crucis
crocifissione
Morte di Gesu
sepoltura di Gesu
Risurrezione di Gesu, la tomba vuota
Risurrezione di Gesu, incredulita degli apostoli e pietro alla tomba
Risurrezione di Gesu, appare a emmaus dal Vangelo secondo Luca
Risurrezione di Gesu, appare agli apostoli
Risurrezione di Gesu, istruzione agli apostoli
ascensione di Gesu secondo luca
Primi oltraggi

Ancora la parabola della lucerna (lc 11,33-36)

11:33 Nessuno accende una lampada e poi la mette in un luogo nascosto o sotto il moggio, ma sul candelabro, perchè chi entra veda la luce. 34 La lampada del corpo è il tuo occhio. Quando il tuo occhio è semplice, anche tutto il tuo corpo è luminoso; ma se è cattivo, anche il tuo corpo è tenebroso. 35 Bada dunque che la luce che è in te non sia tenebra. 36 Se dunque il tuo corpo è tutto luminoso, senza avere alcuna parte nelle tenebre, sarà tutto nella luce, come quando la lampada ti illumina con il suo fulgore".

11:33 11:33 OR niuno, avendo accesa una lampana, la mette in luogo nascosto, ne' sotto il moggio. anzi soproa il candelliere, acciocche' coloro che entrano veggan la luce. 34 11:34 La lampana del corpo e' l'occhio, se dunque l'occhio tuo e' puro, tutto il tuo corpo sara' illuminato. ma se l'occhio tuo e' viziato, tutto il tuo corpo ancora sara' tenebroso. 35 11:35 Riguarda adunque, se la luce che e' in te non e' tenebre. 36 11:36 Se dunque tutto il tuo corpo e' illuminato, non avendo parte alcuna tenebrosa, tutto sara' rischiarato, come quando la lampana ti illumina col suo splendore.

11:33 11:33 Nessuno, quand'ha acceso una lampada, la mette in un luogo nascosto o sotto il moggio. anzi la mette sul candeliere, affinchè coloro che entrano, veggano la luce. 34 11:34 La lampada del tuo corpo e' l'occhio. se l'occhio tuo e' sano, anche tutto il tuo corpo e' illuminato. ma se e' viziato, anche il tuo corpo e' nelle tenebre. 35 11:35 Guarda dunque che la luce che e' in te non sia tenebre. 36 11:36 Se dunque tutto il tuo corpo e' illuminato, senz'aver parte alcuna tenebrosa, sara' tutto illuminato come quando la lampada t'illumina col suo splendore.

11:33 11:32 Nel giorno del giudizio i Niniviti si alzeranno con questa generazione e la condanneranno. perchè essi si ravvidero alla proedicazione di Giona. ed ecco qui c'è più di Giona. 34 11:33 'Nessuno, quando ha acceso una lampada, la mette in un luogo nascosto o sotto un vaso. anzi la mette sul candeliere, perchè coloro che entrano vedano la luce. 35 11:34 La lampada del tuo corpo è l'occhio. se l'occhio tuo è limpido, anche tutto il tuo corpo è illuminato. ma se è malvagio, anche il tuo corpo è nelle tenebre. 36 11:35 Sta' quindi attento che la luce che è in te non sia tenebre.

11:33 11:32 I Niniviti risorgeranno nel giudizio con questa generazione e la condanneranno, perchè essi si ravvidero alla proedicazione di Giona. ed ecco, qui vi è uno più grande di Giona'. 34 11:33 ’Or nessuno, quando ha acceso una lampada, la mette in un luogo nascosto o sotto il moggio, ma sul candeliere, affinchè coloro che entrano vedano la luce. 35 11:34 La lampada del corpo è l’occhio. se dunque il tuo occhio è sano, tutto il tuo corpo sarà illuminato. ma se il tuo occhio è malato, anche tutto il tuo corpo sarà pieno di tenebre. 36 11:35 Bada perciò che la luce che è in te non sia tenebre.

11:33 Quelli di Nìnive sorgeranno nel giudizio insieme con questa generazione e la condanneranno; perchè essi alla predicazione di Giona si convertirono. Ed ecco, ben più di Giona c'è qui. 34 Nessuno accende una lucerna e la mette in luogo nascosto o sotto il moggio, ma sopra il lucerniere, perchè quanti entrano vedano la luce. 35 La lucerna del tuo corpo è l'occhio. Se il tuo occhio è sano, anche il tuo corpo è tutto nella luce; ma se è malato, anche il tuo corpo è nelle tenebre. 36 Bada dunque che la luce che è in te non sia tenebra.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia