Cronologia dei paragrafi

Resurrezione del figlio della vedova di Naim
Domanda di Giovanni Battista e testimonianza che gli rende gesù
Giudizio di gesù sulla sua generazione
La peccatrice perdonata
Il seguito femminile di gesù
Parabola del seminatore
Perchè gesù parla in parabole
Spiegazione della parabola del seminatore
Come ricevere e trasmettere l'insegnamento di gesù
I veri parenti di gesù
L'indemoniato geraseno
Guarigione di un'emorroissa e resurrezione della figlia di Giairo
Missione dei dodici
Erode e gesù
Ritorno degli apostoli e moltiplicazione dei pani
Professione di fede di Pietro. Primo annunzio della passione
Condizioni per seguire gesù
L'avvento prossimo del regno
La trasfigurazione
L'epilettico indemoniato
Secondo annunzio della passione
Chi è il più grande?
Uso del nome di gesù
Cattiva accoglienza di un villaggio di Samaria
Esigenze della vocazione apostolica
Missione dei settantadue discepoli
Ciò di cui devono gioire gli apostoli
Il vangelo rivelato ai semplici. Il Padre e il Figlio
Il privilegio dei discepoli
Il grande comandamento
Parabola del buon Samaritano
Marta e Maria
Il Padre Nostro
L'amico importuno
Efficacia della preghiera
gesù e Beelzebul
Ritorno offensivo dello spirito immondo
La vera beatitudine
Il segno di Giona
Ancora la parabola della lucerna
Contro i farisei e i legusei
Parlare apertamente e senza timore
Non accumulate tesori
Abbandonarsi alla Provvidenza
Vendere i propri beni e fare l'elemosina
Tenersi pronti per il ritorno del padrone
gesù e la sua passione
gesù causa di dissenso
Saper interpretare i segni dei tempi
Inviti provvidenziali alla penitenza
Parabola del fico sterile
Guarigione della donna curva, in giorno di sabato
Parabola del granello di senapa
Parabola del lievito
La porta stretta, il rigetto dei Giudei infedeli e la chiamata dei pagani
Erode la volpe
Apostrofe a Gerusalemme
Guarigione di un idropico in giorno di sabato
Sulla scelta dei posti
Sulla scelta degli invitati
Sugli invitati che non accettano
Rinunciare a quanto si ha di caro
Rinunciare soprattutto ai propri beni
Non essere insipidi
Le tre parabole della misericordia
La pecora perduta
La dramma perduta
Il figlio perduto e il figlio fedele: il figlio prodigo
L'amministratore infedele
Il buon uso del denaro
Contro i farisei, amici del denaro
All'assalto del regno
Perennità della legge
Indissolubilità del matrimonio
Il ricco cattivo e il povero Lazzaro
Lo scandalo
Correzione fraterna
Potenza della fede
Servire con umiltà
I dieci lebbrosi
La venuta del regno di Dio
Il giorno del figlio dell'uomo
Il giudice iniquo e la vedova importuna
Il fariseo e il pubblicano
gesù e i bambini
Il notabile ricco
Il pericolo delle ricchezze
Ricompensa promessa alla rinuncia
Terzo annunzio della passione
Il cieco di Gerico
Zaccheo
Parabola delle mine
Ingresso messianico a Gerusalemme
gesù approva le acclamazioni dei suoi discepoli
Lamento su Gerusalemme
I venditori cacciati dal tempio
Insegnamento nel tempio
Obiezione dei Giudei sull'autorità di gesù
Parabola dei vignaioli omicidi
Il tribùto a Cesare
La resurrezione dei morti
Il Cristo, figlio e signore di Davide
Gli scribi giudicati da gesù
L'obolo della vedova
Discorso sulla rovina di Gerusalemme. Introduzione
I segni premonitori
L'assedio
La catastrofe e i tempi dei pagani
Le catastrofi cosmiche e la manifestazione gloriosa del figlio dell'uomo
Parabola del fico
Vegliare per non essere sorpresi
Gli ultimi giorni di gesù
Complotto contro gesù e tradimento di Giuda
Preparativi della cena pasquale
La cena pasquale
Istituzione dell'Eucaristia
Annunzio del tradimento di Giuda
Chi è il più grande?
Ricompensa promessa agli apostoli
Annunzio del ritorno e del rinnegamento di Pietro
L'ora del combattimento decisivo
Sul monte degli Ulivi
L'arresto di gesù
Rinnegamenti di Pietro
Gesù davanti a Pilato
Gesù davanti a erode
Gesù di nuovo davanti a pilato
via crucis
crocifissione
Morte di Gesu
sepoltura di Gesu
Risurrezione di Gesu, la tomba vuota
Risurrezione di Gesu, incredulita degli apostoli e pietro alla tomba
Risurrezione di Gesu, appare a emmaus dal Vangelo secondo Luca
Risurrezione di Gesu, appare agli apostoli
Risurrezione di Gesu, istruzione agli apostoli
ascensione di Gesu secondo luca
Primi oltraggi

Resurrezione del figlio della vedova di Naim (lc 7,11-17)

7:11 In seguito Gesù si recò in una città chiamata Nain, e con lui camminavano i suoi discepoli e una grande folla. 12 Quando fu vicino alla porta della città, ecco, veniva portato alla tomba un morto, unico figlio di una madre rimasta vedova; e molta gente della città era con lei. 13 Vedendola, il Signore fu preso da grande compassione per lei e le disse: "Non piangere!". 14 Si avvicinò e toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: "Ragazzo, dico a te, àlzati!". 15 Il morto si mise seduto e cominciò a parlare. Ed egli lo restituì a sua madre. 16 Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio, dicendo: "Un grande profeta è sorto tra noi", e: "Dio ha visitato il suo popolo". 17 Questa fama di lui si diffuse per tutta quanta la Giudea e in tutta la regione circostante.

7:11 7:11 ED avvenne nel giorno seguente, che egli andava in una citta', detta Nain. e i suoi discepoli, in gran numero, e una gran moltitudine andavano con lui. 12 7:12 E come egli fu proesso della porta della citta', ecco, si portava a seppellire un morto, figliuolo unico di sua madre, la quale ancora era vedova, e gran moltitudine della citta' era con lei. 13 7:13 E il Signore, vedutala, ebbe pieta' di lei, e le disse: Non piangere. 14 7:14 Ed accostatosi, tocco' la bara (or i portatori si fermarono), e disse: Giovanetto, io tel dico, levati. 15 7:15 E il morto si levo' a sedere, e comincio' a parlare. E Gesu' lo diede a sua madre. 16 7:16 E spavento li occupo' tutti, e glorificavano Iddio, dicendo: Un gran profeta e' sorto fra noi. Iddio ha visitato il suo popolo. 17 7:17 E questo ragionamento intorno a lui si sparse per tutta la Giudea, e per tutto il paese circonvicino.

7:11 7:11 E avvenne in seguito, ch'egli s'avvio' ad una citta' chiamata Nain, e i suoi discepoli e una gran moltitudine andavano con lui. 12 7:12 E come fu proesso alla porta della citta', ecco che si portava a seppellire un morto, figliuolo unico di sua madre. e questa era vedova. e una gran moltitudine della citta' era con lei. 13 7:13 E il Signore, vedutala, ebbe pieta' di lei e le disse: Non piangere! 14 7:14 E accostatosi, tocco' la bara. i portatori si fermarono, ed egli disse: Giovinetto, io tel dico, levati! 15 7:15 E il morto si levo' a sedere e comincio' a parlare. E Gesu' lo diede a sua madre. 16 7:16 Tutti furon proesi da timore, e glorificavano Iddio dicendo: Un gran profeta e' sorto fra noi. e: Dio ha visitato il suo popolo. 17 7:17 E questo dire intorno a Gesu' si sparse per tutta la Giudea e per tutto il paese circonvicino.

7:11 7:10 E quando gli inviati furono tornati a casa, trovarono il servo guarito. 12 7:11 Poco dopo egli si avviò verso una città chiamata Nain, e i suoi discepoli e una gran folla andavano con lui. 13 7:12 Quando fu vicino alla porta della città, ecco che si portava alla sepoltura un morto, figlio unico di sua madre, che era vedova. e molta gente della città era con lei. 14 7:13 Il Signore, vedutala, ebbe pietà di lei e le disse: 'Non piangere!'. 15 7:14 E, avvicinatosi, toccò la bara. i portatori si fermarono, ed egli disse: 'Ragazzo, dico a te, alzati!'. 16 7:15 Il morto si alzò e si mise seduto, e cominciò a parlare. E Gesù lo restituò a sua madre. 17 7:16 Tutti furono proesi da timore, e glorificavano Dio, dicendo: 'Un grande profeta è sorto tra di noi'. e: 'Dio ha visitato il suo popolo'.

7:11 7:10 E, quando gli inviati fecero ritorno a casa, trovarono il servo, che era stato infermo, guarito. 12 7:11 E il giorno dopo egli si recò in una città, chiamata Nain. e con lui andavano molti dei suoi discepoli e una grande folla. 13 7:12 E quando fu vicino alla porta della città, ecco che si portava a seppellire un morto, figlio unico di sua madre, che era vedova. e una grande folla della città era con lei. 14 7:13 Appena la vide, il Signore ne ebbe compassione e le disse: ’Non piangere!'. 15 7:14 Accostatosi, toccò la bara, e i portatori si fermarono. allora egli disse: ’Giovinetto, io ti dico, alzati!'. 16 7:15 E il morto si mise a sedere e cominciò a parlare. E Gesù lo consegnò a sua madre. 17 7: 16 Allora furono tutti proesi da meraviglia e glorificavano Dio, dicendo: ’Un grande profeta è sorto fra noi' e: ’Dio ha visitato il suo popolo'.

7:11 E gli inviati, quando tornarono a casa, trovarono il servo guarito. 12 In seguito si recò in una città chiamata Nain e facevano la strada con lui i discepoli e grande folla. 13 Quando fu vicino alla porta della città, ecco che veniva portato al sepolcro un morto, figlio unico di madre vedova; e molta gente della città era con lei. 14 Vedendola, il Signore ne ebbe compassione e le disse: ""Non piangere!"". 15 E accostatosi toccò la bara, mentre i portatori si fermarono. Poi disse: ""Giovinetto, dico a te, alzati!"". 16 Il morto si levò a sedere e incominciò a parlare. Ed egli lo diede alla madre. 17 Tutti furono presi da timore e glorificavano Dio dicendo: ""Un grande profeta è sorto tra noi e Dio ha visitato il suo popolo"".

Mappa

Commento di un santo

I miracoli del Signore e Salvatore nostro Gesù Cristo commuovono tutti coloro che li sentono, ma chi in un modo e chi in un altro. Alcuni si fermano stupiti dinanzi al fatto esteriore e non penetrano ciò che è più grande. Altri invece dalle grandi cose operate nei corpi arrivano ad ammirare l`opera ancora più grande che è nelle anime. Il Signore stesso dice: "Come il Padre risuscita i morti e li vivifica, cosìanche il Figlio vivifica chi vuole" (Gv 5,21). Non dice che altri siano i risuscitati del Padre e altri i risuscitati del Figlio, ma gli stessi li risuscita il Padre e il Figlio; perchè il Padre fa tutto attraverso il Figlio. Nessuno, dunque, che sia cristiano, metta in dubbio che anche oggi i morti vengano risuscitati. Ogni uomo ha gli occhi per veder risorgere i morti, come fu risuscitato il figlio della vedova; ma gli occhi per veder risorgere coloro che son morti nel cuore, li hanno solo quelli che son già risorti nel loro cuore. E` cosa molto più grande risuscitare uno che non morrà più, che risuscitare uno che morirà di nuovo. Di quel giovane risuscitato si rallegrò la madre vedova; degli uomini che risuscitano spiritualmente ogni giorno si rallegra la madre Chiesa. Quello era morto nel corpo; questi nell`anima. La morte di quello era visibile ed era visibilmente pianta; la morte di questi è invisibile e non è vista. Ma la cerca colui che riconosce i morti; e riconosce i morti solo colui che li può restituire alla vita. Se, infatti, il Signore non fosse venuto per risuscitare i morti, l`Apostolo non potrebbe dire: "Alzati, tu che dormi, sorgi dai morti e t`illuminerà il Cristo" (Ef 5,14). Pensi a un addormentato, quando dice: "Alzati, tu che dormi", ma comprendi che è un morto, quando senti: "Sorgi dai morti". Spesso si parla di morte con la parola ''sonno'. E, veramente, per chi li può risuscitare, essi dormono. E` morto, infatti, per te, uno che, per quanto lo tocchi, stuzzichi o dilanii, non si sveglia. Per Cristo, invece, dormiva quel tale, cui disse: "Alzati", e subito egli s`alzò. Nessuno sveglia cosìfacilmente uno che dorme, come Cristo richiama uno dal sepolcro. Abbiamo tre risuscitati visibilmente da Cristo, migliaia invisibilmente. Ma, veramente, chi può dire quanti furono visibilmente risuscitati? Non è stato scritto tutto ciò ch`egli fece. Giovanni dice: "Fece Gesù molte altre cose, che se fossero state scritte, penso che il mondo non potrebbe contenerne i libri" (Gv 21,25). Certamente, dunque, molti altri furono risuscitati; ma non a caso solo tre ne sono stati registrati. Il Signore Gesù voleva che i fatti fisici avessero una portata spirituale. Non faceva il miracolo per il miracolo; voleva che ciò che destava meraviglia a chi vedeva, insegnasse una verità a chi la comprendeva. Come uno che vede le lettere di un codice scritto bene se non sa leggere, loda la bellezza della scrittura; ma che cosa dicano quei segni, non lo sa dire. Un altro, invece, apprezza la bella scrittura e ne capisce il senso; ma questo deve saper leggere. Cosìquelli che videro i miracoli di Cristo, senza capirne il senso e che cosa volessero suggerire a chi li comprendeva, ammirarono solo l`avvenimento; altri, invece, ammirarono il fatto e ne compresero il valore. Questi dobbiamo essere noi nella scuola di Cristo.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-10°domenica dell'anno c dove si leggono i seguenti passi
[(1re 17,17-24)}; (sal 29,2-2.29,4-6.29,11-12)}; (Gal 1,11-19)}; (Lc 7,11-17)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia