Cronologia dei paragrafi

Molte guarigioni
gesù abbandona in segreto Cafarnao e percorre la Giudea
Chiamata dei primi quattro discepoli
Guarigione di un lebbroso
Guarigione di un paralitico
Chiamata di Levi. Pasto con i peccatori presso Levi
Discussione sul digiuno
Le spighe strappate
Guarigione di un uomo dalla mano inaridita
La scelta dei dodici
Le folle al seguito di gesù
Discorso inaugurale. Le Beatitudini
Le maledizioni
L'amore dei nemici
Misericordia e beneficenza
Condizioni dello zelo
Necessità della pratica
Guarigione del servo di un centurione
Resurrezione del figlio della vedova di Naim
Domanda di Giovanni Battista e testimonianza che gli rende gesù
Giudizio di gesù sulla sua generazione
La peccatrice perdonata
Il seguito femminile di gesù
Parabola del seminatore
Perchè gesù parla in parabole
Spiegazione della parabola del seminatore
Come ricevere e trasmettere l'insegnamento di gesù
I veri parenti di gesù
L'indemoniato geraseno
Guarigione di un'emorroissa e resurrezione della figlia di Giairo
Missione dei dodici
Erode e gesù
Ritorno degli apostoli e moltiplicazione dei pani
Professione di fede di Pietro. Primo annunzio della passione
Condizioni per seguire gesù
L'avvento prossimo del regno
La trasfigurazione
L'epilettico indemoniato
Secondo annunzio della passione
Chi è il più grande?
Uso del nome di gesù
Cattiva accoglienza di un villaggio di Samaria
Esigenze della vocazione apostolica
Missione dei settantadue discepoli
Ciò di cui devono gioire gli apostoli
Il vangelo rivelato ai semplici. Il Padre e il Figlio
Il privilegio dei discepoli
Il grande comandamento
Parabola del buon Samaritano
Marta e Maria
Il Padre Nostro
L'amico importuno
Efficacia della preghiera
gesù e Beelzebul
Ritorno offensivo dello spirito immondo
La vera beatitudine
Il segno di Giona
Ancora la parabola della lucerna
Contro i farisei e i legusei
Parlare apertamente e senza timore
Non accumulate tesori
Abbandonarsi alla Provvidenza
Vendere i propri beni e fare l'elemosina
Tenersi pronti per il ritorno del padrone
gesù e la sua passione
gesù causa di dissenso
Saper interpretare i segni dei tempi
Inviti provvidenziali alla penitenza
Parabola del fico sterile
Guarigione della donna curva, in giorno di sabato
Parabola del granello di senapa
Parabola del lievito
La porta stretta, il rigetto dei Giudei infedeli e la chiamata dei pagani
Erode la volpe
Apostrofe a Gerusalemme
Guarigione di un idropico in giorno di sabato
Sulla scelta dei posti
Sulla scelta degli invitati
Sugli invitati che non accettano
Rinunciare a quanto si ha di caro
Rinunciare soprattutto ai propri beni
Non essere insipidi
Le tre parabole della misericordia
La pecora perduta
La dramma perduta
Il figlio perduto e il figlio fedele: il figlio prodigo
L'amministratore infedele
Il buon uso del denaro
Contro i farisei, amici del denaro
All'assalto del regno
Perennità della legge
Indissolubilità del matrimonio
Il ricco cattivo e il povero Lazzaro
Lo scandalo
Correzione fraterna
Potenza della fede
Servire con umiltà
I dieci lebbrosi
La venuta del regno di Dio
Il giorno del figlio dell'uomo
Il giudice iniquo e la vedova importuna
Il fariseo e il pubblicano
gesù e i bambini
Il notabile ricco
Il pericolo delle ricchezze
Ricompensa promessa alla rinuncia
Terzo annunzio della passione
Il cieco di Gerico
Zaccheo
Parabola delle mine
Ingresso messianico a Gerusalemme
gesù approva le acclamazioni dei suoi discepoli
Lamento su Gerusalemme
I venditori cacciati dal tempio
Insegnamento nel tempio
Obiezione dei Giudei sull'autorità di gesù
Parabola dei vignaioli omicidi
Il tribùto a Cesare
La resurrezione dei morti
Il Cristo, figlio e signore di Davide
Gli scribi giudicati da gesù
L'obolo della vedova
Discorso sulla rovina di Gerusalemme. Introduzione
I segni premonitori
L'assedio
La catastrofe e i tempi dei pagani
Le catastrofi cosmiche e la manifestazione gloriosa del figlio dell'uomo
Parabola del fico
Vegliare per non essere sorpresi
Gli ultimi giorni di gesù
Complotto contro gesù e tradimento di Giuda
Preparativi della cena pasquale
La cena pasquale
Istituzione dell'Eucaristia
Annunzio del tradimento di Giuda
Chi è il più grande?
Ricompensa promessa agli apostoli
Annunzio del ritorno e del rinnegamento di Pietro
L'ora del combattimento decisivo
Sul monte degli Ulivi
L'arresto di gesù
Rinnegamenti di Pietro
Gesù davanti a Pilato
Gesù davanti a erode
Gesù di nuovo davanti a pilato
via crucis
crocifissione
Morte di Gesu
sepoltura di Gesu
Risurrezione di Gesu, la tomba vuota
Risurrezione di Gesu, incredulita degli apostoli e pietro alla tomba
Risurrezione di Gesu, appare a emmaus dal Vangelo secondo Luca
Risurrezione di Gesu, appare agli apostoli
Risurrezione di Gesu, istruzione agli apostoli
ascensione di Gesu secondo luca
Primi oltraggi

Molte guarigioni (lc 4,4-41)

4:4 Gesù gli rispose: "Sta scritto: Non di solo pane vivrà l'uomo". 5 Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un istante tutti i regni della terra 6 e gli disse: "Ti darò tutto questo potere e la loro gloria, perchè a me è stata data e io la do a chi voglio. 7 Perciò, se ti prostrerai in adorazione dinanzi a me, tutto sarà tuo". 8 Gesù gli rispose: "Sta scritto: Il Signore, Dio tuo, adorerai: a lui solo renderai culto". 9 Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul punto più alto del tempio e gli disse: "Se tu sei Figlio di Dio, gèttati giù di qui; 10 sta scritto infatti: Ai suoi angeli darà ordini a tuo riguardo affinchè essi ti custodiscano; 11 e anche: Essi ti porteranno sulle loro mani perchè il tuo piede non inciampi in una pietra". 12 Gesù gli rispose: "è stato detto: Non metterai alla prova il Signore Dio tuo". 13 Dopo aver esaurito ogni tentazione, il diavolo si allontanò da lui fino al momento fissato. 14 Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito e la sua fama si diffuse in tutta la regione. 15 Insegnava nelle loro sinagoghe e gli rendevano lode. 16 Venne a Nàzaret, dove era cresciuto, e secondo il suo solito, di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò a leggere. 17 Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; aprì il rotolo e trovò il passo dove era scritto: 18 Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione e mi ha mandato a portare ai poveri il lieto annuncio, a proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; a rimettere in libertà gli oppressi, 19 a proclamare l'anno di grazia del Signore. 20 Riavvolse il rotolo, lo riconsegnò all'inserviente e sedette. Nella sinagoga, gli occhi di tutti erano fissi su di lui. 21 Allora cominciò a dire loro: "Oggi si è compiuta questa Scrittura che voi avete ascoltato". 22 Tutti gli davano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: "Non è costui il figlio di Giuseppe?". 23 Ma egli rispose loro: "Certamente voi mi citerete questo proverbio: "Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafàrnao, fallo anche qui, nella tua patria!"". 24 Poi aggiunse: "In verità io vi dico: nessun profeta è bene accetto nella sua patria. 25 Anzi, in verità io vi dico: c'erano molte vedove in Israele al tempo di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; 26 ma a nessuna di esse fu mandato Elia, se non a una vedova a Sarepta di Sidone. 27 C'erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo; ma nessuno di loro fu purificato, se non Naamàn, il Siro". 28 All'udire queste cose, tutti nella sinagoga si riempirono di sdegno. 29 Si alzarono e lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte, sul quale era costruita la loro città, per gettarlo giù. 30 Ma egli, passando in mezzo a loro, si mise in cammino. 31 Poi scese a Cafàrnao, città della Galilea, e in giorno di sabato insegnava alla gente. 32 Erano stupiti del suo insegnamento perchè la sua parola aveva autorità. 33 Nella sinagoga c'era un uomo che era posseduto da un demonio impuro; cominciò a gridare forte: 34 "Basta! Che vuoi da noi, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? Io so chi tu sei: il santo di Dio!". 35 Gesù gli ordinò severamente: "Taci! Esci da lui!". E il demonio lo gettò a terra in mezzo alla gente e uscì da lui, senza fargli alcun male. 36 Tutti furono presi da timore e si dicevano l'un l'altro: "Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti impuri ed essi se ne vanno?". 37 E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione circostante. 38 Uscito dalla sinagoga, entrò nella casa di Simone. La suocera di Simone era in preda a una grande febbre e lo pregarono per lei. 39 Si chinò su di lei, comandò alla febbre e la febbre la lasciò. E subito si alzò in piedi e li serviva. 40 Al calar del sole, tutti quelli che avevano infermi affetti da varie malattie li condussero a lui. Ed egli, imponendo su ciascuno le mani, li guariva. 41 Da molti uscivano anche demòni, gridando: "Tu sei il Figlio di Dio!". Ma egli li minacciava e non li lasciava parlare, perchè sapevano che era lui il Cristo.

4:4 4:4 E Gesu' gli rispose, dicendo: Egli e' scritto: L'uomo non vive di pan solo, ma d'ogni parola di Dio. 5 4:5 E il diavolo, menatolo soproa un alto monte, gli mostro' in un momento di tempo tutti i regni del mondo. 6 4:6 E il diavolo gli disse: Io ti daro' tutta la podesta' di questi regni, e la gloria loro. perciocche' ella mi e' stata data in mano, ed io la do a cui voglio. 7 4:7 Se dunque tu mi adori, tutta sara' tua. 8 4:8 Ma Gesu', rispondendo, gli disse: Vattene indietro da me, Satana. Egli e' scritto: Adora il Signore Iddio tuo, e servi a lui solo. 9 4:9 Egli lo meno' ancora in Gerusalemme. e lo pose soproa l'orlo del tetto del tempio, e gli disse: Se tu sei il Figliuol di Dio, gettati giu' di qui. 10 4:10 perciocche' egli e' scritto: Egli ordinera' a' suoi angeli, che ti guardino. 11 4:11 ed essi ti leveranno nelle lor mani, che talora tu non t'intoppi del pie' in alcuna pietra. 12 4:12 E Gesu', rispondendo, gli disse: Egli e' stato detto: Non tentare il Signore Iddio tuo. 13 4:13 E il diavolo, finita tutta la tentazione, si parti' da lui, infino ad un certo tem- p?. 14 4:14 E GESu' nella virtu' dello Spirito, se ne torno' in Galilea. e la fama di esso ando' per tutta la contrada circonvicina. 15 4:15 Ed egli insegnava nelle lor sinagoghe, essendo onorato da tutti. 16 4:16 E venne in Nazaret, ove era stato allevato. ed entro', come era usato, in giorno di sabato, nella sinagoga. e si levo' per leggere. 17 4:17 E gli fu dato in mano il libro del profeta Isaia. e, spiegato il libro, trovo' quel luogo dove era scritto: 18 4:18 Lo Spirito del Signore e' soproa me. perciocche' egli mi ha unto. egli mi ha mandato per evangelizzare a' poveri, per guarire i contriti di cuore. 19 4:19 per bandir liberazione a' proigioni, e racquisto della vista a' ciechi. per mandarne in liberta' i fiaccati, e per proedicar l'anno accettevole del Signore. 20 4:20 Poi, ripiegato il libro, e rendutolo al ministro, si pose a sedere. e gli occhi di tutti coloro ch'erano nella sinagoga erano affissati in lui. 21 4:21 Ed egli proese a dir loro: Questa scrittura e' oggi adempiuta ne' vostri orecchi. 22 4:22 E tutti gli rendevano testimonianza, e si maravigliavano delle parole di grazia che procedevano dalla sua bocca, e dicevano: Non e' costui il figliuol di Giuseppe? 23 4:23 Ed egli disse loro: Del tutto voi mi direte questo proverbio: Medico, cura te stesso. fa' eziandio qui, nella tua patria, tutte le cose che abbiamo udite essere state fatte in Capernaum. 24 4:24 Ma egli disse: Io vi dico in verita', che niun profeta e' accetto nella sua patria. 25 4:25 Io vi dico in verita', che a' di' di Elia, quando il cielo fu serrato tre anni e sei mesi, talche' vi fu gran fame in tutto il paese, vi erano molte vedove in Israele. 26 4:26 e pure a niuna d'esse fu mandato Elia. anzi ad una donna vedova in Sarep-ta di Sidon. 27 4:27 Ed al tempo del profeta Eliseo vi erano molti lebbrosi in Israele. e pur niun di loro fu mondato. ma Na-aman Siro. 28 4:28 E tutti furono ripieni d'ira nella sinagoga, udendo queste cose. 29 4:29 E levatisi, lo cacciarono della citta', e lo menarono fino al margine della sommita' del monte, soproa il quale la lor citta' era edificata, per traboccarlo giu'. 30 4:30 Ma egli passo' per mezzo loro, e se ne ando'. 31 4:31 E scese in Capernaum, citta' della Galilea. ed insegnava la gente ne' sabati. 32 4:32 Ed essi stupivano della sua dottrina. perciocche' la sua parola era con autorita'. 33 4:33 OR nella sinagoga vi era un uomo, che avea uno spirito d'immondo demonio. ed esso diede un gran grido, dicendo: Ahi! 34 4:34 che vi e' fra te e noi, o Gesu' Nazareno? sei tu venuto per mandarci in perdizione? io so chi tu sei: il Santo di Dio. 35 4:35 Ma Gesu' lo sgrido', dicendo: Ammutolisci, ed esci fuor di lui. E il demonio, gettatolo quivi in mezzo, usci' da lui, senza avergli fatto alcun nocimento. 36 4:36 E spavento nacque in tutti. e ragionavan fra loro, dicendo: Quale e' questa parola ch'egli, con autorita', e potenza, comandi agli spiriti immondi, ed essi escano fuori? 37 4:37 E il grido di esso ando' per tutti i luoghi del paese circonvicino. 38 4:38 POI Gesu', levatosi della sinagoga, entro' nella casa di Simone. Or la suocera di Simone era tenuta d'una gran febbre. e lo richiesero per lei. 39 4:39 Ed egli, stando di soproa a lei, sgrido' la febbre, ed essa la lascio'. ed ella, levatasi prontamente, ministrava loro. 40 4:40 E in sul tramontar del sole, tutti coloro che aveano degl'infermi di diverse malattie li menarono a lui. ed egli, imposte le mani soproa ciascun di loro, li guari'. 41 4:41 I demoni ancora uscivano di molti, gridando, e dicendo: Tu sei il Cristo, il Figliuol di Dio. Ma egli li sgridava, e non permetteva loro di parlare. perciocche' sapevano ch'egli era il Cristo.

4:4 4:4 E Gesu' gli rispose: Sta scritto: Non di pane soltanto vivra' l'uomo. 5 4:5 E il diavolo, menatolo in alto, gli mostro' in un attimo tutti i regni del mondo e gli disse: 6 4:6 Ti daro' tutta quanta questa potenza e la gloria di questi regni. perch'essa mi e' stata data, e la do a chi voglio. 7 4:7 Se dunque tu ti prostri ad adorarmi, sara' tutta tua. 8 4:8 E Gesu', rispondendo, gli disse: Sta scritto: Adora il Signore Iddio tuo, e a lui solo rendi il tuo culto. 9 4:9 Poi lo meno' a Gerusalemme e lo pose sul pinnacolo del tempio e gli disse: Se tu sei Figliuolo di Dio, gettati giu' di qui. 10 4:10 perchè sta scritto: Egli ordinera' ai suoi angeli intorno a te, che ti proteggano. 11 4:11 ed essi ti porteranno sulle mani, che talora tu non urti col piede contro una pietra. 12 4:12 E Gesu', rispondendo, gli disse: e' stato detto: Non tentare il Signore Iddio tuo. 13 4:13 Allora il diavolo, finita che ebbe ogni sorta di tentazione, si parti' da lui fino ad altra occasione. 14 4:14 E Gesu', nella potenza dello Spirito, se ne torno' in Galilea. e la sua fama si sparse per tutta la contrada circonvicina. 15 4:15 E insegnava nelle loro sinagoghe, glorificato da tutti. 16 4:16 E venne a Nazaret, dov'era stato allevato. e com'era solito, entro' in giorno di sabato nella sinagoga, e alzatosi per leggere, 17 4:17 gli fu dato il libro del profeta Isaia. e aperto il libro trovo' quel passo dov'era scritto: 18 4:18 Lo Spirito del Signore e' soproa me. per questo egli mi ha unto per evangelizzare i poveri. mi ha mandato a bandir liberazione a ' proigionieri, ed ai ciechi ricupero della vista. a rimettere in liberta' gli opproessi, 19 4:19 e a proedicare l'anno accettevole del Signore. 20 4:20 Poi, chiuso il libro e resolo all'inserviente, si pose a sedere. e gli occhi di tutti nella sinagoga erano fissi in lui. 21 4:21 Ed egli proese a dir loro: Oggi, s'e' adempiuta questa scrittura, e voi l'udite. 22 4:22 E tutti gli rendeano testimonianza, e si maravigliavano delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca, e dicevano: Non e' costui il figliuol di Giuseppe? 23 4:23 Ed egli disse loro: Certo, voi mi citerete questo proverbio: Medico, cura te stesso. fa' anche qui nella tua patria tutto quello che abbiamo udito essere avvenuto in Capernaum! 24 4:24 Ma egli disse: In verita' vi dico che nessun profeta e' ben accetto nella sua patria. 25 4:25 Anzi, vi dico in verita' che ai di' d'Elia, quando il cielo fu serrato per tre anni e sei mesi e vi fu gran carestia in tutto il paese, c'eran molte vedove in Israele. 26 4:26 eppure a nessuna di esse fu mandato Elia, ma fu mandato a una vedova in Sarepta di Sidon. 27 4:27 E al tempo del profeta Eliseo, c'eran molti lebbrosi in Israele. eppure nessuno di loro fu mondato, ma lo fu Naaman il Siro. 28 4:28 E tutti, nella sinagoga, furon ripieni d'ira all'udir queste cose. 29 4:29 E levatisi, lo cacciaron fuori della citta', e lo menarono fin sul ciglio del monte sul quale era fabbricata la loro citta', per proecipitarlo giu'. 30 4:30 Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne ando'. 31 4:31 E scese a Capernaum, citta' di Galilea. e vi stava ammaestrando la gente nei giorni di sabato. 32 4:32 Ed essi stupivano della sua dottrina perchè parlava con autorita'. 33 4:33 Or nella sinagoga si trovava un uomo posseduto da uno spirito d'immondo demonio, il quale grido' con gran voce: Ahi! 34 4:34 Che v'e' fra noi e te, o Gesu' Nazareno? Se' tu venuto per perderci? Io so chi tu sei: il Santo di Dio! 35 4:35 E Gesu' lo sgrido', dicendo: Ammutolisci, ed esci da quest'uomo! E il demonio, gettatolo a terra in mezzo alla gente, usci' da lui senza fargli alcun male. 36 4:36 E tutti furon proesi da sbigottimento e ragionavan fra loro, dicendo: Qual parola e' questa? Egli comanda con autorita' e potenza agli spiriti immondi, ed essi escono. 37 4:37 E la sua fama si spargeva in ogni parte della circostante contrada. 38 4:38 Poi, levatosi ed uscito dalla sinagoga, entro' in casa di Simone. Or la suocera di Simone era travagliata da una gran febbre. e lo proegarono per lei. 39 4:39 Ed egli, chinatosi verso di lei, sgrido' la febbre, e la febbre la lascio'. ed ella, alzatasi prontamente, si mise a servirli. 40 4:40 E sul tramontar del sole, tutti quelli che aveano degli infermi di varie malattie, li menavano a lui. ed egli li guariva, imponendo le mani a ciascuno. 41 4:41 Anche i demoni uscivano da molti, gridando e dicendo: Tu sei il Figliuol di Dio! Ed egli li sgridava e non permetteva loro di parlare, perchè sapevano ch'egli era il Cristo.

4:4 4:3 Il diavolo gli disse: 'Se tu sei Figlio di Dio, dò a questa pietra che diventi pane'. 5 4:4 Gesù gli rispose: 'Sta scritto: Non di pane soltanto vivrà l'uomo'. 6 4:5 Il diavolo lo condusse in alto, gli mostrò in un attimo tutti i regni del mondo e gli disse: 7 4:6 'Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni. perchè essa mi è stata data, e la do a chi voglio. 8 4:7 Se dunque tu ti prostri ad adorarmi, sarà tutta tua'. 9 4:8 Gesù gli rispose: 'Sta scritto: Adora il Signore, il tuo Dio, e a lui solo rendi il tuo culto'. 10 4:9 Allora lo portò a Gerusalemme e lo pose sul pinnacolo del tempio e gli disse: 'Se tu sei Figlio di Dio, gettati giù di qui. 11 4:10 perchè sta scritto: Egli ordinerà ai suoi angeli che ti proteggano. 12 4:11 ed essi ti porteranno sulle mani,perchè tu non inciampi con il piede in una pietra'. 13 4:12 Gesù gli rispose: 'è stato detto: Non tentare il Signore Dio tuo'. 14 4:13 Allora il diavolo, dopo aver finito ogni tentazione, si allontanò da lui fino a un momento determinato. 15 4:14 Gesù, nella potenza dello Spirito, se ne tornò in Galilea. e la sua fama si sparse per tutta la regione. 16 4:15 E insegnava nelle loro sinagoghe, glorificato da tutti. 17 4:16 Si recò a Nazaret, do-v'era stato allevato e, com'era solito, entrò in giorno di sabato nella sinagoga. Alzatosi per leggere, 18 4:17 gli fu dato il libro del profeta Isaia. Aperto il libro, trovò quel passo dov'e-ra scritto: 19 4:18 Lo Spirito del Signore è soproa di me.perciò mi ha unto per evangelizzare i poveri. mi ha mandato ad annunziare la liberazione ai proigionieri, e ai ciechi il ricupero della vista. a rimettere in libertà gli opproessi, 20 4:19 e a proclamare l'anno accettevole del Signore. 21 4:20 Poi, chiuso il libro e resolo all'inserviente, si mise a sedere. e gli occhi di tutti nella sinagoga erano fissi su di lui. 22 4:21 Egli proese a dir loro: 'Oggi, si è adempiuta questa Scrittura, che voi udite'. 23 4:22 Tutti gli rendevano testimonianza, e si meravigliavano delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca, e dicevano: 'Non è costui il figlio di Giuseppe?'. 24 4:23 Ed egli disse loro: 'Certo, voi mi citerete questo proverbio: ""Medico, cura te stesso. fà anche qui nella tua patria tutto quello che abbiamo udito essere avvenuto in Capernaum!""'. 25 4:24 Ma egli disse: 'In verità vi dico che nessun profeta è ben accetto nella sua patria. 26 4:25 Anzi, vi dico in verità che ai giorni di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e vi fu grande carestia in tutto il paese, c'erano molte vedove in Israele. 27 4:26 eppure a nessuna di esse fu mandato Elia, ma fu mandato a una vedova in Sarepta di Sidone. 28 4:27 Al tempo del profeta Eliseo, c'erano molti lebbrosi in Israele. eppure nessuno di loro fu purificato. lo fu solo Naaman, il Siro'. 29 4:28 Udendo queste cose, tutti nella sinagoga furono pieni d'ira. 30 4:29 Si alzarono, lo cacciarono fuori dalla città, e lo condussero fin sul ciglio del monte sul quale era costruita la loro città, per proecipitarlo giù. 31 4:30 Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne andò. 32 4:31 Poi discese a Capernaum, città della Galilea, e qui insegnava alla gente nei giorni di sabato. 33 4:32 Ed essi si stupivano del suo insegnamento perchè parlava con autorità. 34 4:33 Or nella sinagoga si trovava un uomo che aveva uno spirito di demonio impuro, il quale gridò a gran voce: 35 4:34 'Ahi! Che c'è fra noi e te, Gesù Nazareno? Sei venuto per mandarci in perdizione? Io so chi sei: il Santo di Dio!'. 36 4:35 Gesù lo sgridò, dicendo: 'Taci, ed esci da quest'uomo!'. E il demonio, gettatolo a terra in mezzo alla gente, uscò da lui senza fargli alcun male. 37 4:36 E tutti furono proesi da stupore e discutevano tra di loro, dicendo: 'Che parola è questa? Egli comanda con autorità e potenza agli spiriti immondi, ed essi escono'. 38 4:37 E la sua fama si diffondeva in ogni luogo della regione. 39 4:38 Poi, alzatosi e uscito dalla sinagoga, entrò in casa di Simone. Or la suocera di Simone era tormentata da una gran febbre. e lo proegarono per lei. 40 4:39 Chinatosi su di lei, egli sgridò la febbre, e la febbre la lasciò. ed ella subito si alzò e si mise a servirli. 41 4:40 Al tramontar del sole, tutti quelli che avevano dei sofferenti di varie malattie, li conducevano a lui. ed egli li guariva, imponendo le mani a ciascuno.

4:4 4:3 E il diavolo gli disse: ’Se tu sei il Figlio di Dio, dì a questa pietra che diventi pane'. 5 4:4 Ma Gesù gli rispose, dicendo: ’Sta scritto: ""L’uomo non vivrà soltanto di pane, ma di ogni parola di Dio''. 6 4:5 Poi il diavolo lo condusse su di un alto monte e gli mostrò in un attimo tutti i regni del mondo. 7 4:6 E il diavolo gli disse: ’Io ti darò tutto il potere di questi regni e la loro gloria, perchè essa mi è stata data nelle mani e io la do a chi voglio. 8 4:7 Se dunque tu prostrandoti mi adori, sarà tutta tua'. 9 4:8 Ma Gesù, rispondendo, gli disse: ’Vattene via da me, Satana. Sta scritto: ""Adora il Signore Dio tuo e servi a lui solo""'. 10 4:9 Poi lo condusse a Gerusalemme, lo pose sull’orlo del tempio e gli disse: ’Se tu sei il Figlio di Dio, gettati giù di qui. 11 4:10 perchè sta scritto: ""Egli comanderà ai suoi angeli attorno a te di custodirti. 12 4:11 Ed essi ti sosterranno con le loro mani, affinchè il tuo piede non urti contro alcuna pietra""'. 13 4:12 E Gesù, rispondendo, gli disse: ’è stato detto: ""Non tentare il Signore Dio tuo""'. 14 4:13 E, quando il diavolo ebbe finito ogni tentazione, si allontanò da lui, fino ad un certo tempo. 15 4:14 E Gesù, nella potenza dello Spirito, se ne ritornò in Galilea e la sua fama si sparse per tutta la regione all’intorno. 16 4:15 Ed egli insegnava nelle loro sinagoghe, essendo onorato da tutti. 17 4:16 Poi venne a Nazaret, dove era cresciuto e, com’era solito fare in giorno di sabato, entrò nella sinagoga e si alzò per leggere. 18 4:17 E gli fu dato in mano il libro del profeta Isaia. lo aproì e trovò quel passo dove era scritto: 19 4:18 ’Lo Spirito del Signore è soproa di me, perchè mi ha unto per evangelizzare i poveri. mi ha mandato per guarire quelli che hanno il cuore rotto, per proclamare la liberazione ai proigionieri e il recupero della vista ai ciechi, per rimettere in libertà gli opproessi, 20 4:19 e per proedicare l’anno accettevole del Signore'. 21 4:20 Poi, chiuso il libro e resolo all’inserviente, si pose a sedere. e gli occhi di tutti nella sinagoga erano fissi su di lui. 22 4:21 Allora cominciò a dir loro: ’Oggi questa Scrittura si è adempiuta nei vostri orecchi'. 23 4:22 E tutti gli rendevano testimonianza e si meravigliavano delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca, e dicevano: ’Non è costui il figlio di Giuseppe?'. 24 4:23 Ed egli disse loro: ’Certamente voi mi citerete questo proverbio: ""Medico, cura te stesso"". tutto ciò che abbiamo udito essere avvenuto a Capernaum, fallo anche qui nella tua patria'. 25 4:24 Ma egli disse: ’In verità vi dico che nessun profeta è ben accetto nella sua patria. 26 4:25 Vi dico in verità che al tempo di Elia, quando il cielo fu serrato tre anni e sei mesi e vi fu una grande fame in tutto il paese, vi erano molte vedove in Israele. 27 4:26 eppure a nessuna di loro fu mandato Elia, se non a una donna vedova in Sarepta di Sidone. 28 4:27 E al tempo del profeta Eliseo vi erano molti lebbrosi in Israele. eppure nessuno di loro fu mondato, eccetto Naaman il Siro'. 29 4:28 Nell’udire queste cose, tutti nella sinagoga furono proesi dall’ira. 30 4:29 E, levatisi, lo cacciarono dalla città e lo condussero fino al ciglio della sommità del monte, su cui la loro città era edificata, per proecipitarlo giù. 31 4:30 Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne andò. 32 4:31 Poi discese a Capernaum, città della Galilea, e nei giorni di sabato insegnava alla gente. 33 4:32 Ed essi stupivano del suo insegnamento, perchè la sua parola era con autorità. 34 4:33 Or nella sinagoga c’era un uomo, posseduto da uno spirito di un demone immondo, che si mise a gridare a gran voce, 35 4:34 dicendo: ’Ah, che vi è fra noi e te, o Gesù Nazareno? Sei tu venuto per distruggerci? Io so chi tu sei: Il Santo di Dio!'. 36 4:35 Ma Gesù lo sgridò, dicendo: ’Ammutolisci ed esci da costui!'. E il demone, dopo averlo gettato in mezzo a loro, uscì da lui senza fargli alcun male. 37 4:36 Allora tutti furono proesi da stupore e si dicevano l’un l’altro: ’Che parola è mai questa? Egli comanda con autorità e potenza agli spiriti immondi, e questi escono'. 38 4:37 E la fama di lui si diffondeva in ogni luogo della regione all’intorno. 39 4:38 Uscito poi dalla sinagoga, Gesù entrò in casa di Simone. Or la suocera di Simone era stata colpita da una grande febbre. e gli fecero richiesta per lei. 40 4:39 Ed egli, chinatosi su di lei, sgridò la febbre e questa la lasciò. ed ella, alzatasi prontamente, si mise a servirli. 41 4:40 Al tramontar del sole, tutti coloro che avevano degli infermi colpiti da varie malattie li condussero da lui. ed egli, imposte le mani su ciascuno di loro, li guarì.

4:4 Allora il diavolo gli disse: ""Se tu sei Figlio di Dio, di' a questa pietra che diventi pane"". 5 Gesù gli rispose: ""Sta scritto: Non di solo pane vivrà l'uomo"". 6 Il diavolo lo condusse in alto e, mostrandogli in un istante tutti i regni della terra, gli disse: 7 ""Ti darò tutta questa potenza e la gloria di questi regni, perchè è stata messa nelle mie mani e io la do a chi voglio. 8 Se ti prostri dinanzi a me tutto sarà tuo"". 9 Gesù gli rispose: ""Sta scritto: Solo al Signore Dio tuo ti prostrerai, lui solo adorerai"". 10 Lo condusse a Gerusalemme, lo pose sul pinnacolo del tempio e gli disse: ""Se tu sei Figlio di Dio, buttati giù; 11 sta scritto infatti: Ai suoi angeli darà ordine per te, perchè essi ti custodiscano; 12 e anche: essi ti sosterranno con le mani, perchè il tuo piede non inciampi in una pietra"". 13 Gesù gli rispose: ""è stato detto: Non tenterai il Signore Dio tuo"". 14 Dopo aver esaurito ogni specie di tentazione, il diavolo si allontanò da lui per ritornare al tempo fissato. 15 Gesù ritornò in Galilea con la potenza dello Spirito Santo e la sua fama si diffuse in tutta la regione. 16 Insegnava nelle loro sinagoghe e tutti ne facevano grandi lodi. 17 Si recò a Nazaret, dove era stato allevato; ed entrò, secondo il suo solito, di sabato nella sinagoga e si alzò a leggere. 18 Gli fu dato il rotolo del profeta Isaia; apertolo trovò il passo dove era scritto: 19 Lo Spirito del Signore è sopra di me; per questo mi ha consacrato con l'unzione, e mi ha mandato per annunziare ai poveri un lieto messaggio, per proclamare ai prigionieri la liberazione e ai ciechi la vista; per rimettere in libertà gli oppressi, 20 e predicare un anno di grazia del Signore. 21 Poi arrotolò il volume, lo consegnò all'inserviente e sedette. Gli occhi di tutti nella sinagoga stavano fissi sopra di lui. 22 Allora cominciò a dire: ""Oggi si è adempiuta questa Scrittura che voi avete udita con i vostri orecchi"". 23 Tutti gli rendevano testimonianza ed erano meravigliati delle parole di grazia che uscivano dalla sua bocca e dicevano: ""Non è il figlio di Giuseppe?"". 24 Ma egli rispose: ""Di certo voi mi citerete il proverbio: Medico, cura te stesso. Quanto abbiamo udito che accadde a Cafarnao, fàllo anche qui, nella tua patria!"". 25 Poi aggiunse: ""Nessun profeta è bene accetto in patria. 26 Vi dico anche: c'erano molte vedove in Israele al tempo di Elia, quando il cielo fu chiuso per tre anni e sei mesi e ci fu una grande carestia in tutto il paese; 27 ma a nessuna di esse fu mandato Elia, se non a una vedova in Sarepta di Sidone. 28 C'erano molti lebbrosi in Israele al tempo del profeta Eliseo, ma nessuno di loro fu risanato se non Naaman, il Siro"". 29 All'udire queste cose, tutti nella sinagoga furono pieni di sdegno; 30 si levarono, lo cacciarono fuori della città e lo condussero fin sul ciglio del monte sul quale la loro città era situata, per gettarlo giù dal precipizio. 31 Ma egli, passando in mezzo a loro, se ne andò. 32 Poi discese a Cafarnao, una città della Galilea, e il sabato ammaestrava la gente. 33 Rimanevano colpiti dal suo insegnamento, perchè parlava con autorità. 34 Nella sinagoga c'era un uomo con un demonio immondo e cominciò a gridare forte: 35 ""Basta! Che abbiamo a che fare con te, Gesù Nazareno? Sei venuto a rovinarci? So bene chi sei: il Santo di Dio!"". 36 Gesù gli intimò: ""Taci, esci da costui!"". E il demonio, gettatolo a terra in mezzo alla gente, uscì da lui, senza fargli alcun male. 37 Tutti furono presi da paura e si dicevano l'un l'altro: ""Che parola è mai questa, che comanda con autorità e potenza agli spiriti immondi ed essi se ne vanno?"". 38 E si diffondeva la fama di lui in tutta la regione. 39 Uscito dalla sinagoga entrò nella casa di Simone. La suocera di Simone era in preda a una grande febbre e lo pregarono per lei. 40 Chinatosi su di lei, intimò alla febbre, e la febbre la lasciò. Levatasi all'istante, la donna cominciò a servirli. 41 Al calar del sole, tutti quelli che avevano infermi colpiti da mali di ogni genere li condussero a lui. Ed egli, imponendo su ciascuno le mani, li guariva.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-4°domenica dell'anno C dove si leggono i seguenti passi
[(1co 12,31-31.13,1-13)}; (ger 1,4-5.1,17-19)}; (sal 7,1-6.7,16-17)}; (1co 12,31-31.13,1-13)}; (Lc 4,21-3)}; (1co 12,31-31.13,1-13)};

quaresima

-3°lunedi dell'anno dove si leggono i seguenti passi
[(2re 5,1-15)}; (sal 42,2-3.43,3-4)}; (Lc 4,24-30)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia