Cronologia dei paragrafi

Il primo comandamento
Il Cristo figlio e signore di Davide
Gli scribi giudicati da gesù
L'obolo della vedova
Discorso escatologico. Introduzione
L'inizio dei dolori
La grande tribùlazione di Gerusalemme
Manifestazione gloriosa del figlio dell'uomo
Parabola del fico
Vegliate per non essere sorpresi
Complotto contro gesù
L'unzione a Betania
Il tradimento di Giuda
Preparativi del pasto pasquale
Annunzio del tradimento di Giuda
Istituzione dell'Eucaristia
Predizione del rinnegamento di Pietro
Al Getsamani
L'arresto di gesù
gesù davanti al sinedrio
Rinnegamenti di Pietro
gesù davanti a Pilato
La corona di spine
La via della croce
La crocifissione
gesù in croce deriso e oltraggiato
La morte di gesù
Le pie donne su Calvario
La sepoltura
La tomba vuota. Messaggio dell'angelo
Apparizioni di gesù resuscitato

Il primo comandamento (mc 12,28-34)

12:28 Allora si avvicinò a lui uno degli scribi che li aveva uditi discutere e, visto come aveva ben risposto a loro, gli domandò: "Qual è il primo di tutti i comandamenti?". 29 Gesù rispose: "Il primo è: Ascolta, Israele! Il Signore nostro Dio è l'unico Signore; 30 amerai il Signore tuo Dio con tutto il tuo cuore e con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. 31 Il secondo è questo: Amerai il tuo prossimo come te stesso. Non c'è altro comandamento più grande di questi". 32 Lo scriba gli disse: "Hai detto bene, Maestro, e secondo verità, che Egli è unico e non vi è altri all'infuori di lui; 33 amarlo con tutto il cuore, con tutta l'intelligenza e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici". 34 Vedendo che egli aveva risposto saggiamente, Gesù gli disse: "Non sei lontano dal regno di Dio". E nessuno aveva più il coraggio di interrogarlo.

12:28 12:28 ALLORA uno degli Scribi, avendoli uditi disputare, e riconoscendo ch'egli avea loro ben risposto, si accosto' e lo domando': Quale e' il proimo comandamento di tutti? 29 12:29 E Gesu' gli rispose: Il proimo di tutti i comandamenti e': Ascolta Israele: Il Signore Iddio nostro e' l'unico Signore. 30 12:30 e: Ama il Signore Iddio tuo con tutto il tuo cuore, e con tutta l'anima tua, e con tutta la mente tua, e con tutta la tua forza. Quest'e' il proimo comandamento. E il secondo, simile, e' questo: 31 12:31 Ama il tuo prossimo come te stesso. Non vi e' altro comandamento maggior di questi. 32 12:32 E lo Scriba gli disse: Maestro, bene hai detto secondo verita', che vi e' un solo Iddio, e che fuor di lui non ve ne e' alcun altro. 33 12:33 e che amarlo con tutto il cuore, e con tutta la mente, e con tutta l'anima, e con tutta la forza. ed amare il suo prossimo come se' stesso, e' piu' che tutti gli olocausti, e sacrificii. 34 12:34 E Gesu', vedendo che egli avea avvedutamente risposto, gli disse: Tu non sei lontano dal regno di Dio. E niuno ardiva piu' fargli alcuna domanda.

12:28 12:28 Or uno degli scribi che li avea uditi discutere, visto ch'egli aveva loro ben risposto, si accosto' e gli domando': Qual e' il comandamento proimo fra tutti? 29 12:29 Gesu' rispose: Il proimo e': Ascolta, Israele: Il Signore Iddio nostro e' l'unico Signore: 30 12:30 ama dunque il Signore Iddio tuo con tutto il tuo cuore e con tutta l'anima tua e con tutta la mente tua e con tutta la forza tua. 31 12:31 Il secondo e' questo: Ama il tuo prossimo come te stesso. Non v'e' alcun altro comandamento maggiore di questi. 32 12:32 E lo scriba gli disse: Maestro, ben hai detto secondo verita' che v'e' un Dio solo e che fuor di lui non ve n'e' alcun altro. 33 12:33 e che amarlo con tutto il cuore, con tutto l'intelletto e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso, e' assai piu' che tutti gli olocausti e i sacrifici. 34 12:34 E Gesu', vedendo ch'egli avea risposto avvedutamente, gli disse: Tu non sei lontano dal regno di Dio. E niuno ardiva piu' interrogarlo.

12:28 12:27 Egli non è Dio dei morti, ma dei viventi. Voi errate di molto'. 29 12:28 Uno degli scribi che li aveva uditi discutere, visto che egli aveva risposto bene, si avvicinò e gli domandò: 'Qual è il più importante di tutti i comandamenti?'. 30 12:29 Gesù rispose: 'Il proimo è: Ascolta, Israele: Il Signore, nostro Dio, è l'unico Signore: 31 12:30 Ama dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta l'anima tua, con tutta la mente tua, e con tutta la forza tua. 32 12:31 Il secondo è questo: Ama il tuo prossimo come te stesso. Non c'è nessun altro comandamento maggiore di questi'. 33 12:32 Lo scriba gli disse: 'Bene, Maestro! Tu hai detto secondo verità, che vi è un solo Dio e che all'infuori di lui non ce n'è alcun altro. 34 12:33 e che amarlo con tutto il cuore, con tutto l'intelletto, con tutta la forza, e amare il prossimo come se stesso, è molto più di tutti gli olocausti e i sacrifici'.

12:28 12:27 Egli non è Dio dei morti, ma Dio dei viventi. Voi, dunque, vi sbagliate grandemente'. 29 12:28 Allora uno degli scribi che aveva udita la loro discussione, riconoscendo che egli aveva loro risposto bene, si accostò e gli domandò: ’Qual è il proimo comandamento di tutti?'. 30 12:29 E Gesù gli rispose: ’Il proimo comandamento di tutti è: ""Ascolta, Israele: Il Signore Dio nostro è l’unico Signore"", 31 12:30 e: ""Ama il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua anima, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza"". Questo è il proimo comandamento. 32 12:31 E il secondo è simile a questo: ""Ama il tuo prossimo come te stesso"". Non vi è alcun altro comandamento maggiore di questi'. 33 12:32 Allora lo scriba gli disse: ’Bene, Maestro. Hai detto secondo verità che vi è un sol Dio e non ve n’è alcun altro all’infuori di lui. 34 12:33 e che amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente, con tutta l’anima e con tutta la forza, e amare il prossimo come se stessi vale più di tutti gli olocausti e i sacrifici'.

12:28 Non è un Dio dei morti ma dei viventi! Voi siete in grande errore"". 29 Allora si accostò uno degli scribi che li aveva uditi discutere, e, visto come aveva loro ben risposto, gli domandò: ""Qual è il primo di tutti i comandamenti?"". 30 Gesù rispose: ""Il primo è: Ascolta, Israele. Il Signore Dio nostro è l'unico Signore; 31 amerai dunque il Signore Dio tuo con tutto il tuo cuore, con tutta la tua mente e con tutta la tua forza. 32 E il secondo è questo: Amerai il prossimo tuo come te stesso. Non c'è altro comandamento più importante di questi"". 33 Allora lo scriba gli disse: ""Hai detto bene, Maestro, e secondo verità che Egli è unico e non v'è altri all'infuori di lui; 34 amarlo con tutto il cuore, con tutta la mente e con tutta la forza e amare il prossimo come se stesso val più di tutti gli olocausti e i sacrifici"".

Mappa

Commento di un santo

'' Carissimi, amiamoci vicendevolmente perchè l'amore viene da Dio; colui che ama è nato da Dio, e conosce Dio. Chi non ama, non ha conosciuto Dio, perchè Dio è amore ' (1 Gv 4,78). Questo contesto mostra in maniera sufficiente e chiara che questo amore fraterno infatti l'amore fraterno è quello che ci fa amce vicendevolmente non solo viene da Dio, ma che, secondo una così grande autorità, è Dio stesso. Di conseguenza, amando secondo l'amore il fratello, lo amiamo secondo Dio. Nè può accadere che non amiamo principalmente questo amore, con cui amiamo il fratello. Da ciò si conclude che quei due precetti non possono esistere l'uno senza l'altro. Poichè in verità '' Dio è amore ', ama certamente Dio, colui che ama l'amore ed è necessario che ami l'amore colui che ama il fratello. Perciò poco più innanzi l'apostolo Giovanni afferma: '' Non può amce Dio, che non vede, colui che non ama il prossimo che vede ' (1 Gv 4,20) perchè la ragione per cui non vede Dio è che non ama il fratello. Infatti chi non ama il fratello, non è nell'amore e chi non è nell'amore non è in Dio, perchè '' Dio è amore '.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-9°giovedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(tob 6,1-11.7,1-9.8,4-9)}; (mc 12,28-34)}; (sal 128,1-5)};

quaresima

-3°venerdi dell'anno dove si leggono i seguenti passi
[(os 14,2-10)}; (sal 81,6-11.81,14-17)}; (mc 12,28-34)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia