Cronologia dei paragrafi

Parabola dei vignaioli omicidi
Il tribùto a Cesare
La resurrezione dei morti
Il primo comandamento
Il Cristo figlio e signore di Davide
Gli scribi giudicati da gesù
L'obolo della vedova
Discorso escatologico. Introduzione
L'inizio dei dolori
La grande tribùlazione di Gerusalemme
Manifestazione gloriosa del figlio dell'uomo
Parabola del fico
Vegliate per non essere sorpresi
Complotto contro gesù
L'unzione a Betania
Il tradimento di Giuda
Preparativi del pasto pasquale
Annunzio del tradimento di Giuda
Istituzione dell'Eucaristia
Predizione del rinnegamento di Pietro
Al Getsamani
L'arresto di gesù
gesù davanti al sinedrio
Rinnegamenti di Pietro
gesù davanti a Pilato
La corona di spine
La via della croce
La crocifissione
gesù in croce deriso e oltraggiato
La morte di gesù
Le pie donne su Calvario
La sepoltura
La tomba vuota. Messaggio dell'angelo
Apparizioni di gesù resuscitato

Parabola dei vignaioli omicidi (mc 12,1-12)

12:1 Si mise a parlare loro con parabole: "Un uomo piantò una vigna, la circondò con una siepe, scavò una buca per il torchio e costruì una torre. La diede in affitto a dei contadini e se ne andò lontano. 2 Al momento opportuno mandò un servo dai contadini a ritirare da loro la sua parte del raccolto della vigna. 3 Ma essi lo presero, lo bastonarono e lo mandarono via a mani vuote. 4 Mandò loro di nuovo un altro servo: anche quello lo picchiarono sulla testa e lo insultarono. 5 Ne mandò un altro, e questo lo uccisero; poi molti altri: alcuni li bastonarono, altri li uccisero. 6 Ne aveva ancora uno, un figlio amato; lo inviò loro per ultimo, dicendo: "Avranno rispetto per mio figlio!". 7 Ma quei contadini dissero tra loro: "Costui è l'erede. Su, uccidiamolo e l'eredità sarà nostra!". 8 Lo presero, lo uccisero e lo gettarono fuori della vigna. 9 Che cosa farà dunque il padrone della vigna? Verrà e farà morire i contadini e darà la vigna ad altri. 10 Non avete letto questa Scrittura: La pietra che i costruttori hanno scartato è diventata la pietra d'angolo; 11 questo è stato fatto dal Signore ed è una meraviglia ai nostri occhi?". 12 E cercavano di catturarlo, ma ebbero paura della folla; avevano capito infatti che aveva detto quella parabola contro di loro. Lo lasciarono e se ne andarono.

12:1 12:1 POI egli proese a dir loro in parabole: Un uomo pianto' una vigna, e le fece attorno una siepe, e cavo' in essa un luogo da calcar la vendemmia, e vi edifico' una torre, e l'allogo' a certi lavoratori. e poi se ne ando' in viaggio. 2 12:2 E, nella stagion de' frutti, mando' a que' lavoratori un servitore, per ricever da loro del frutto della vigna. 3 12:3 Ma essi, proesolo, lo batterono, e lo rimandarono vuoto. 4 12:4 Ed egli di nuovo vi mando' un altro servitore. ma essi, tratte anche a lui delle pietre, lo ferirono nel capo, e lo rimandarono vituperato. 5 12:5 Ed egli da capo ne mando' un altro, e quello uccisero. poi molti altri, de' quali alcuni batterono, alcuni uccisero. 6 12:6 Percio', avendo ancora un suo diletto figliuolo, mando' loro anche quello in ultimo, dicendo: Avranno riverenza al mio figliuolo. 7 12:7 Ma que' lavoratori dis-ser tra loro: Costui e' l'erede, venite, uccidiamolo, e l'eredita' sara' nostra. 8 12:8 E, proesolo, l'uccisero, e lo gettaron fuor della vigna. 9 12:9 Che fara' dunque il pa-dron della vigna? Egli verra', e distruggera' que' lavoratori, e dara' la vigna ad altri. 10 12:10 Non avete ancor letta questa scrittura: La pietra, che gli edificatori hanno riprovata, e' divenuta il capo del cantone. 11 12:11 cio' e' stato fatto dal Signore, ed e' cosa maravi-gliosa agli occhi nostri? 12 12:12 Ed essi cercavano di pigliarlo. perciocche' si avvidero ch'egli avea detta quella parabola contro a loro. ma temettero la moltitudine. e, lasciatolo, se ne andarono.

12:1 12:1 E proese a dir loro in parabole: Un uomo pianto' una vigna e le fece attorno una siepe e vi scavo' un luogo da sproemer l'uva e vi edifico' una torre. l'allogo' a de' lavoratori, e se ne ando' in viaggio. 2 12:2 E a suo tempo mando' a que' lavoratori un servitore per ricevere da loro de' frutti della vigna. 3 12:3 Ma essi, proesolo, lo batterono e lo rimandarono a vuoto. 4 12:4 Ed egli di nuovo mando' loro un altro servitore. e anche lui ferirono nel capo e vituperarono. 5 12:5 Ed egli ne mando' un altro, e anche quello uccisero. e poi molti altri de' quali alcuni batterono ed alcuni uccisero. 6 12:6 Aveva ancora un unico figliuolo diletto. e quello mando' loro per ultimo, dicendo: Avranno rispetto al mio figliuolo. 7 12:7 Ma que' lavoratori dissero fra loro: Costui e' l'erede. venite, uccidiamolo, e l'eredita' sara' nostra. 8 12:8 E proesolo, l'uccisero, e lo gettarono fuor della vigna. 9 12:9 Che fara' dunque il padrone della vigna? Egli verra' e distruggera' que' lavoratori, e dara' la vigna ad altri. 10 12:10 Non avete voi neppur letta questa Scrittura: La pietra che gli edificatori hanno riprovata, e' quella che e' divenuta pietra angolare. 11 12:11 cio' e' stato fatto dal Signore, ed e' cosa maravi-gliosa agli occhi nostri? 12 12:12 Ed essi cercavano di pigliarlo, ma temettero la moltitudine. perchè si avvidero bene ch'egli avea detto quella parabola per loro. E lasciatolo, se ne andarono.

12:1 11:33 Risposero a Gesù: 'Non lo sappiamo'. Perciò Gesù disse loro: 'Neppure io vi dico con quale autorità faccio queste cose'. 2 12:1 Poi cominciò a parlare loro in parabole: 'Un uomo piantò una vigna, le fece attorno una siepe, vi scavò una buca per pigiare l'uva e vi costruò una torre. l'affittò a dei vignaiuoli e se ne andò in viaggio. 3 12:2 Al tempo della raccolta mandò a quei vignaiuoli un servo per ricevere da loro la sua parte dei frutti della vigna. 4 12:3 Ma essi lo proesero, lo picchiarono e lo rimandarono a mani vuote. 5 12:4 Egli mandò loro un altro servo. e anche questo insultarono e ferirono alla testa. 6 12:5 Egli ne mandò un altro, e quelli lo uccisero. poi molti altri che picchiarono o uccisero. 7 12:6 Aveva ancora un unico figlio diletto e quello glielo mandò per ultimo, dicendo: ""Avranno rispetto per mio figlio"". 8 12:7 Ma quei vignaiuoli dissero tra di loro: ""Costui è l'erede. venite, uccidiamolo e l'eredità sarà nostra"". 9 12:8 Cosò lo proesero, lo uccisero e lo gettarono fuori dalla vigna. 10 12:9 Che farà dunque il padrone della vigna? Egli verrà, farà perire quei vignaiuoli e darà la vigna ad altri. 11 12:10 Non avete neppure letto questa Scrittura: La pietra che i costruttori hanno rifiutata, è diventata pietra angolare. 12 12:11 ciò è stato fatto dal Signore, ed è una cosa meravigliosa ai nostri occhi?'.

12:1 11:33 Perciò, rispondendo, dissero a Gesù: ’Non lo sappiamo'. E Gesù, rispondendo, disse loro: ’Neppure io vi dico con quale autorità faccio queste cose'. 2 12:1 Poi egli cominciò a parlar loro in parabole: ’Un uomo piantò una vigna, vi fece attorno una siepe, vi scavò un luogo dove pigiare l’uva, vi costruì una torre, e l’affidò a dei vignaioli, poi se ne andò lontano. 3 12:2 Nella stagione della raccolta inviò a quei vignaioli un servo per ricevere da loro la sua parte del frutto della vigna. 4 12:3 Ma essi lo proesero, lo batterono e lo rimandarono a mani vuote. 5 12:4 Egli mandò loro di nuovo un altro servo. ma essi, dopo avergli tirate delle pietre, lo ferirono alla testa e lo rimandarono vilipeso. 6 12:5 Ne inviò ancora un altro e questi lo uccisero. Poi ne mandò molti altri, e di questi alcuni furono percossi, altri uccisi. 7 12:6 Gli restava ancora uno da mandare: il suo amato figlio. Per ultimo mandò loro anche lui, dicendo: ""Avranno almeno rispetto per mio figlio"". 8 12:7 Ma quei vignaioli dissero fra loro: ""Costui è l’erede, venite, uccidiamolo e l’eredità sarà nostra"". 9 12:8 Così lo proesero, lo uccisero e lo gettarono fuori dalla vigna. 10 12:9 Che farà dunque il padrone della vigna? Egli verrà e sterminerà quei vignaioli e darà la vigna ad altri. 11 12:10 Non avete neppure letto questa scrittura: ""La pietra che gli edificatori hanno scartata è divenuta la testata d’angolo. 12 12:11 Ciò è stato fatto dal Signore, ed è cosa meravigliosa agli occhi nostri""?'.

12:1 Allora diedero a Gesù questa risposta: ""Non sappiamo"". E Gesù disse loro: ""Neanch'io vi dico con quale autorità faccio queste cose"". 2 Gesù prese a parlare loro in parabole: ""Un uomo piantò una vigna, vi pose attorno una siepe, scavò un torchio, costruì una torre, poi la diede in affitto a dei vignaioli e se ne andò lontano. 3 A suo tempo inviò un servo a ritirare da quei vignaioli i frutti della vigna. 4 Ma essi, afferratolo, lo bastonarono e lo rimandarono a mani vuote. 5 Inviò loro di nuovo un altro servo: anche quello lo picchiarono sulla testa e lo coprirono di insulti. 6 Ne inviò ancora un altro, e questo lo uccisero; e di molti altri, che egli ancora mandò, alcuni li bastonarono, altri li uccisero. 7 Aveva ancora uno, il figlio prediletto: lo inviò loro per ultimo, dicendo: Avranno rispetto per mio figlio! 8 Ma quei vignaioli dissero tra di loro: Questi è l'erede; su, uccidiamolo e l'eredità sarà nostra. 9 E afferratolo, lo uccisero e lo gettarono fuori della vigna. 10 Che cosa farà dunque il padrone della vigna? Verrà e sterminerà quei vignaioli e darà la vigna ad altri. 11 Non avete forse letto questa Scrittura: La pietra che i costruttori hanno scartata è diventata testata d'angolo; 12 dal Signore è stato fatto questo ed è mirabile agli occhi nostri""?

Mappa

Commento di un santo

[Dio disse a santa Caterina:] Sai che modo Io tengo poi ch' e' servi miei sonno uniti in seguitare la dottrina del dolce ed amoroso Verbo? Io gli poto, acciò che faccino molto frutto, e il frutto loro sia provato e non insalvatichisca. Si come il tralcio che sta nella vite, che il lavoratore il pota perchè facci migliore vino e più; e quello che non fa frutto taglia e mette nel fuoco. E cosìfo lo lavoratore vero (Gv 15,1): e' servi miei che stanno in me lo gli poto con le molte tribolazioni, acciò che faccino più frutto e migliore, e sia provata in loro la virtù. E quegli che non fanno fructo sono tagliati e messi al fuoco, come detto t'ho (Gv 15,6). Questi cotali sonno lavoratori veri, e lavorano bene l'anima loro, traendone ogni amore proprio, rivoltando la terra de l'affecto loro in me. E nutricano e crescono ci seme della grazia, ci quale ebbero nel sancto baptesmo. Lavorando la loro, lavorano quella del proximo, e non possono lavorare l'una senza l'altra; e giá sai ch' Io ti dixi che ogni male si faceva col mezzo del proximo e ogni bene. Si che voi sète miei lavoratori, esciti di me, sommo ed etterno lavoratore, il quale v'ho uniti e innestati nella vite per l'unione che lo ho fatta con voi... Di tutti quanti voi è fatta una vigna universale...; e' quali sète uniti nella vigna del corpo mistico della sancta Chiesa, unde traete la vita. Nella quale vigna è piantata questa vite de l'unigenito mio Figliuolo, in cui dovete essere innestati.

Autore

Caterina

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-9°lunedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(mc 12,1-12)}; (sal 112,1-6)}; (2pt 1,2-7)};
E nelle seguenti solennitĂ 
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia