Cronologia dei paragrafi

Prima moltiplicazione dei pani
gesù cammina sulla acque
Guarigioni nel paese di Genesaret
Discussione sulle tradizioni farisaiche
Insegnamento sul puro e sull'imputo
Guarigione della figlia di una siro-fenicia
Guarigione di un sordomuto
Seconda moltiplicazione dei pani
I Farisei domandano un segno nel cielo
Il lievito dei farisei e di Erode
Guarigione di un cieco è Betsaida
Professione di fede di Pietro
Primo annunzio della passione
Condizioni per seguire gesù
La Trasfigurazione
Domanda su Elia
L'epilettico indemoniato
Secondo annunzio della passione
Chi è il più grande
Uso del nome di gesù
carità verso è discepoli
Lo scandalo
Questioni sul divorzio
gesù e i bambini
L'uomo ricco
Il pericolo delle ricchezze
Ricompensa promessa alla rinuncia
Terzo annunzio della passione
La domanda dei figli di Zebedeo
I capi devono servire
Il cieco all'uscita di Gerico
Ingresso messianico in Gerusalemme
Il fico sterile
I venditori cacciati dal tempio
Il fico seccato. Fede e preghiera
Obiezione dei Giudei sull'autorità di gesù
Parabola dei vignaioli omicidi
Il tribùto a Cesare
La resurrezione dei morti
Il primo comandamento
Il Cristo figlio e signore di Davide
Gli scribi giudicati da gesù
L'obolo della vedova
Discorso escatologico. Introduzione
L'inizio dei dolori
La grande tribùlazione di Gerusalemme
Manifestazione gloriosa del figlio dell'uomo
Parabola del fico
Vegliate per non essere sorpresi
Complotto contro gesù
L'unzione a Betania
Il tradimento di Giuda
Preparativi del pasto pasquale
Annunzio del tradimento di Giuda
Istituzione dell'Eucaristia
Predizione del rinnegamento di Pietro
Al Getsamani
L'arresto di gesù
gesù davanti al sinedrio
Rinnegamenti di Pietro
gesù davanti a Pilato
La corona di spine
La via della croce
La crocifissione
gesù in croce deriso e oltraggiato
La morte di gesù
Le pie donne su Calvario
La sepoltura
La tomba vuota. Messaggio dell'angelo
Apparizioni di gesù resuscitato

Prima moltiplicazione dei pani (mc 6,3-44)

6:3 Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle, non stanno qui da noi?". Ed era per loro motivo di scandalo. 4 Ma Gesù disse loro: "Un profeta non è disprezzato se non nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua". 5 E lì non poteva compiere nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi malati e li guarì. 6 E si meravigliava della loro incredulità. Gesù percorreva i villaggi d'intorno, insegnando. 7 Chiamò a sè i Dodici e prese a mandarli a due a due e dava loro potere sugli spiriti impuri. 8 E ordinò loro di non prendere per il viaggio nient'altro che un bastone: nè pane, nè sacca, nè denaro nella cintura; 9 ma di calzare sandali e di non portare due tuniche. 10 E diceva loro: "Dovunque entriate in una casa, rimanetevi finchè non sarete partiti di lì. 11 Se in qualche luogo non vi accogliessero e non vi ascoltassero, andatevene e scuotete la polvere sotto i vostri piedi come testimonianza per loro". 12 Ed essi, partiti, proclamarono che la gente si convertisse, 13 scacciavano molti demòni, ungevano con olio molti infermi e li guarivano. 14 Il re Erode sentì parlare di Gesù, perchè il suo nome era diventato famoso. Si diceva: "Giovanni il Battista è risorto dai morti e per questo ha il potere di fare prodigi". 15 Altri invece dicevano: "è Elia". Altri ancora dicevano: "è un profeta, come uno dei profeti". 16 Ma Erode, al sentirne parlare, diceva: "Quel Giovanni che io ho fatto decapitare, è risorto!". 17 Proprio Erode, infatti, aveva mandato ad arrestare Giovanni e lo aveva messo in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo, perchè l'aveva sposata. 18 Giovanni infatti diceva a Erode: "Non ti è lecito tenere con te la moglie di tuo fratello". 19 Per questo Erodìade lo odiava e voleva farlo uccidere, ma non poteva, 20 perchè Erode temeva Giovanni, sapendolo uomo giusto e santo, e vigilava su di lui; nell'ascoltarlo restava molto perplesso, tuttavia lo ascoltava volentieri. 21 Venne però il giorno propizio, quando Erode, per il suo compleanno, fece un banchetto per i più alti funzionari della sua corte, gli ufficiali dell'esercito e i notabili della Galilea. 22 Entrata la figlia della stessa Erodìade, danzò e piacque a Erode e ai commensali. Allora il re disse alla fanciulla: "Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò". 23 E le giurò più volte: "Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fosse anche la metà del mio regno". 24 Ella uscì e disse alla madre: "Che cosa devo chiedere?". Quella rispose: "La testa di Giovanni il Battista". 25 E subito, entrata di corsa dal re, fece la richiesta, dicendo: "Voglio che tu mi dia adesso, su un vassoio, la testa di Giovanni il Battista". 26 Il re, fattosi molto triste, a motivo del giuramento e dei commensali non volle opporle un rifiuto. 27 E subito il re mandò una guardia e ordinò che gli fosse portata la testa di Giovanni. La guardia andò, lo decapitò in prigione 28 e ne portò la testa su un vassoio, la diede alla fanciulla e la fanciulla la diede a sua madre. 29 I discepoli di Giovanni, saputo il fatto, vennero, ne presero il cadavere e lo posero in un sepolcro. 30 Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e quello che avevano insegnato. 31 Ed egli disse loro: "Venite in disparte, voi soli, in un luogo deserto, e riposatevi un po'". Erano infatti molti quelli che andavano e venivano e non avevano neanche il tempo di mangiare. 32 Allora andarono con la barca verso un luogo deserto, in disparte. 33 Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città accorsero là a piedi e li precedettero. 34 Sceso dalla barca, egli vide una grande folla, ebbe compassione di loro, perchè erano come pecore che non hanno pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. 35 Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i suoi discepoli dicendo: "Il luogo è deserto ed è ormai tardi; 36 congedali, in modo che, andando per le campagne e i villaggi dei dintorni, possano comprarsi da mangiare". 37 Ma egli rispose loro: "Voi stessi date loro da mangiare". Gli dissero: "Dobbiamo andare a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?". 38 Ma egli disse loro: "Quanti pani avete? Andate a vedere". Si informarono e dissero: "Cinque, e due pesci". 39 E ordinò loro di farli sedere tutti, a gruppi, sull'erba verde. 40 E sedettero, a gruppi di cento e di cinquanta. 41 Prese i cinque pani e i due pesci, alzò gli occhi al cielo, recitò la benedizione, spezzò i pani e li dava ai suoi discepoli perchè li distribuissero a loro; e divise i due pesci fra tutti. 42 Tutti mangiarono a sazietà, 43 e dei pezzi di pane portarono via dodici ceste piene e quanto restava dei pesci. 44 Quelli che avevano mangiato i pani erano cinquemila uomini.

6:3 6:3 Non e' costui quel falegname, figliuol di Maria, fratel di Giacomo, di Io se, di Giuda, e di Simone? e non sono le sue sorelle qui approesso di noi? Ed erano scandalezzati in lui. 4 6:4 Ma Gesu' disse loro: Niun profeta e' disonorato, se non nella sua patria, e fra i suoi parenti, e in casa sua. 5 6:5 E non pote' quivi fare alcuna potente operazione, salvo che, poste le mani soproa alcuni pochi infermi, li sano'. 6 6:6 E si maravigliava della loro incredulita'. e andava attorno per le castella, insegnando. 7 6:7 ED egli chiamo' a se' i dodici, e proese a mandarli a due a due. e diede loro podesta' soproa gli spiriti immondi. 8 6:8 E comando' loro che non proendessero nulla per lo viaggio, se non solo un bastone. non tasca, non pane, non moneta nelle lor cinture. 9 6:9 E che fossero sol calzati di sandali, e non portassero due toniche indosso. 10 6:10 Disse loro ancora: Dovunque sarete entrati in alcuna casa, dimorate in quella, finche' usciate di quel luogo. 11 6:11 E se alcuni non vi ricevono, e non vi ascoltano, partitevi di la', e scotete la polvere di sotto a' vostri piedi, in testimonianza contro a loro. Io vi dico in verita', che Sodoma e Gomorra saranno piu' tollerabilmente trattate nel giorno del giudizio, che quella citta'. 12 6:12 Essi adunque, partitisi, proedicavano che gli uomini si ravvedessero. 13 6:13 E cacciavano molti demoni, ed ungevano d'olio molti infermi e li sanavano. 14 6:14 OR il re Erode udi' parlar di Gesu', perciocche' il suo nome era divenuto chiaro, e diceva: Quel Giovanni che battezzava e' risuscitato da' morti. e percio' le potenze operano in lui. 15 6:15 Altri dicevano: Egli e' Elia. ed altri: Egli e' un profeta, pari ad un de' profeti. 16 6:16 Ma Erode, udite quelle cose, disse: Egli e' quel Giovanni, che io ho decapitato. esso e' risuscitato da' morti. 17 6:17 Perciocche' esso Erode avea mandato a proender Giovanni, e l'avea messo nei legami in proigione, a motivo di Erodiada, moglie di Filippo, suo fratello. per-ciocche' egli l'avea sposata, 18 6:18 e Giovanni avea detto ad Erode: Ei non ti e' lecito di aver la moglie del tuo fratello. 19 6:19 Ed Erodiada gliene avea mal talento. e volentieri l'avrebbe fatto morire, ma non poteva. 20 6:20 Perciocche' Erode temeva Giovanni, conoscendolo uomo giusto, e santo. e l'osservava. ed avendolo udito, faceva molte cose, e volentieri l'udiva. 21 6:21 Ora, venuto un giorno opportuno, che Erode, nel giorno della sua nativita', feceva un convito a' suoi grandi, e capitani, ed a' proincipali della Galilea. 22 6:22 la figliuola di essa E-rodiada entro', e ballo', e piacque ad Erode, ed a coloro ch'erano con lui a tavola. E il re disse alla fanciulla: Domandami tutto cio' che vorrai, ed io tel donero'. 23 6:23 E le giuro', dicendo: Io ti donero' tutto cio' che mi chiederai, fino alla meta' del mio regno. 24 6:24 Ed essa usci' e disse a sua madre: Che chiedero'? Ed ella disse: La testa di Giovanni Battista. 25 6:25 E subito rientro' frettolosamente al re, e gli fece la domanda, dicendo: Io desidero che subito tu mi dia in un piatto la testa di Giovanni Battista. 26 6:26 E benchà il re se ne attristasse grandemente, pur nondimeno per li giuramenti, e per rispetto di coloro ch'eran con lui a tavola, non gliel volle disdire. 27 6:27 E subito, mandato un sergente, comando' che fosse recata la testa di esso. 28 6:28 E quello ando' e lo decapito' in proigione, e porto' la sua testa in un piatto, e la diede alla fanciulla, e la fanciulla la diede a sua madre. 29 6:29 E i discepoli di esso, udito cio', vennero, e tolsero il suo corpo morto, e lo posero in un monumento. 30 6:30 OR gli Apostoli si accolsero approesso di Gesu', e gli rapportarono ogni cosa, tutto cio' che avean fatto ed insegnato. 31 6:31 Ed egli disse loro: Venite voi in disparte, in qualche luogo solitario, e riposatevi un poco. perciocche' coloro che andavano e venivano erano in gran numero, talche' quelli non aveano pur agio di mangiare. 32 6:32 E se ne andarono in su la navicella in un luogo solitario in disparte. 33 6:33 E la moltitudine li vide partire, e molti lo riconobbero. ed accorsero la' a pie' da tutte le citta', e giunsero avanti loro, e si accolsero approesso di lui. 34 6:34 E Gesu' smontato, vide una gran moltitudine, e si mosse a compassione inverso loro. perciocche' erano come pecore che non hanno pastore. e si mise ad insegnar loro molte cose. 35 6:35 Ed essendo gia' tardi, i suoi discepoli vennero a lui, e gli dissero: Questo luogo e' deserto, e gia' e' tardi. 36 6:36 Licenzia questa gente, acciocchà vadano per le vil-late, e per le castella d'intorno, e si comperino del pane, perciocchà non hanno nulla da mangiare. 37 6:37 Ma egli, rispondendo, disse loro: Date lor voi da mangiare. Ed essi gli dissero: Andremmo noi a comperar per dugento denari di pane, e darem loro da mangiare? 38 6:38 Ed egli disse loro: Quanti pani avete? andate, e vedete. Ed essi, dopo essersene accertati, dissero: Cinque, e due pesci. 39 6:39 Ed egli comando' loro che li facesser tutti coricar soproa l'erba verde, per brigate. 40 6:40 Ed essi si coricarono per cerchi, a cento, ed a cinquanta, per cerchio. 41 6:41 Poi proese i cinque pani, e i due pesci, e levo' gli occhi al cielo, e fece la benedizione. poi ruppe i pani, e li diede a' suoi discepoli, acciocchà li mettessero davanti a loro: egli sparti' eziandio i due pesci a tutti. 42 6:42 E tutti mangiarono, e furon saziati. 43 6:43 E i discepoli levaron de' pezzi de' pani dodici corbelli pieni, ed anche qualche rimanente de' pesci. 44 6:44 Or coloro che avean mangiato di que' pani erano cinquemila uomini.

6:3 6:3 Non e' costui il falegname, il figliuol di Maria, e il fratello di Giacomo e di Giose', di Giuda e di Simo-ne? E le sue sorelle non stanno qui da noi? E si scandalizzavano di lui. 4 6:4 Ma Gesu' diceva loro: Niun profeta e' sproezzato se non nella sua patria e tra i suoi parenti e in casa sua. 5 6:5 E non potè far quivi alcun'opera potente, salvo che, imposte le mani ad alcuni pochi infermi, li guari'. 6 6:6 E si maravigliava della loro incredulita'. E andava attorno per i villaggi circostanti, insegnando. 7 6:7 Poi chiamo' a sè i dodici e comincio' a mandarli a due a due. e dette loro potesta' sugli spiriti immondi. 8 6:8 E comando' loro di non proender nulla per viaggio, se non un bastone soltanto. non pane, non sacca, non danaro nella cintura: 9 6:9 ma di calzarsi di sandali e di non portar tunica di ricambio. 10 6:10 E diceva loro: Dovunque sarete entrati in una casa, trattenetevi quivi, finchè non ve ne andiate di la'. 11 6:11 e se in qualche luogo non vi ricevono nè v'ascoltano, andandovene di la' scotetevi la polvere di sotto ai piedi. e cio' serva loro di testimonianza. 12 6:12 E partiti, proedicavano che la gente si ravvedesse. 13 6:13 cacciavano molti demoni, ungevano d'olio molti infermi e li guarivano. 14 6:14 Ora il re Erode udi' parlar di Gesu' (chè la sua rinomanza s'era sparsa), e diceva: Giovanni Battista e' risuscitato dai morti. ed e' per questo che agiscono in lui le potenze miracolose. 15 6:15 Altri invece dicevano: e' Elia! Ed altri: e' un profeta come quelli di una volta. 16 6:16 Ma Erode, udito cio', diceva: Quel Giovanni ch'io ho fatto decapitare, e' lui che e' risuscitato! 17 6:17 Poichè esso Erode a-vea fatto arrestare Giovanni e l'avea fatto incatenare in proigione a motivo di Erodiada, moglie di Filippo suo fratello, ch'egli, Erode, a-vea sposata. 18 6:18 Giovanni infatti gli diceva: E' non t'e' lecito di tener la moglie di tuo fratello! 19 6:19 Ed Erodiada gli serbava rancore e bramava di farlo morire, ma non poteva. 20 6:20 perchè Erode avea soggezione di Giovanni, sapendolo uomo giusto e santo, e lo proteggeva. dopo averlo udito era molto perplesso, e l'ascoltava volentieri. 21 6:21 Ma venuto un giorno opportuno che Erode, nel suo natalizio, fece un convito ai grandi della sua corte, ai capitani ed ai proimi della Galilea, 22 6:22 la figliuola della stessa Erodiada, essendo entrata, ballo' e piacque ad Erode ed ai commensali. E il re disse alla fanciulla: Chiedimi quello che vuoi e te lo daro'. 23 6:23 E le giuro': Ti daro' quel che mi chiederai. fin la meta' del mio regno. 24 6:24 Costei, uscita, domando' a sua madre: Che chiedero'? E quella le disse: La testa di Giovanni Battista. 25 6:25 E rientrata subito frettolosamente dal re, gli fece cosi' la domanda: Voglio che sul momento tu mi dia in un piatto la testa di Giovanni Battista. 26 6:26 Il re ne fu grandemente attristato. ma a motivo de' giuramenti fatti e de' commensali, non volle dirle di no. 27 6:27 e mando' subito una guardia con l'ordine di portargli la testa di lui. 28 6:28 E quegli ando', lo decapito' nella proigione, e ne porto' la testa in un piatto. e la dette alla fanciulla, e la fanciulla la dette a sua madre. 29 6:29 I discepoli di Giovanni, udita la cosa, andarono a proendere il suo corpo e lo deposero in un sepolcro. 30 6:30 Or gli apostoli, essendosi raccolti proesso Gesu' gli riferirono tutto quello che avean fatto e insegnato. 31 6:31 Ed egli disse loro: Ve-nitevene ora in disparte, in luogo solitario, e riposatevi un po'. Difatti, era tanta la gente che andava e veniva, che essi non aveano neppur tempo di mangiare. 32 6:32 Partirono dunque nella barca per andare in un luogo solitario in disparte. 33 6:33 E molti li videro partire e li riconobbero. e da tutte le citta' accorsero la' a piedi e vi giunsero proima di loro. 34 6:34 E come Gesu' fu sbarcato, vide una gran moltitudine e n'ebbe compassione, perchè erano come pecore che non hanno pastore. e si mise ad insegnar loro molte cose. 35 6:35 Ed essendo gia' tardi, i discepoli gli s'accostarono e gli dissero: Questo luogo e' deserto ed e' gia' tardi. 36 6:36 licenziali, affinchè vadano per le campagne e per i villaggi d'intorno a comproarsi qualcosa da mangiare. 37 6:37 Ma egli rispose loro: Date lor voi da mangiare. Ed essi a lui: Andremo noi a comproare per dugento denari di pane e daremo loro da mangiare? 38 6:38 Ed egli domando' loro: Quanti pani avete? andate a vedere. Ed essi, accertatisi, risposero: Cinque, e due pesci. 39 6:39 Allora egli comando' loro di farli accomodar tutti a brigate sull'erba verde. 40 6:40 e si assisero per gruppi di cento e di cinquanta. 41 6:41 Poi Gesu' proese i cinque pani e i due pesci, e levati gli occhi al cielo, benedisse e spezzo' i pani, e li dava ai discepoli, affinchè li mettessero dinanzi alla gente. e i due pesci sparti' pure fra tutti. 42 6:42 E tutti mangiarono e furon sazi 43 6:43 e si portaron via dodici ceste piene di pezzi di pane, ed anche i resti dei pesci. 44 6:44 E quelli che avean mangiato i pani erano cinquemila uomini.

6:3 6:2 Venuto il sabato, si mise a insegnare nella sinagoga. molti, udendolo, si stupivano e dicevano: 'Da dove gli vengono queste cose? Che sapienza è questa che gli è data? E che cosa sono queste opere potenti fatte per mano sua? 4 6:3 Non è questi il falegname, il figlio di Maria, e il fratello di Giacomo e di Iose, di Giuda e di Simone? Le sue sorelle non stanno qui da noi?'. E si scandalizzavano a causa di lui. 5 6:4 Ma Gesù diceva loro: 'Nessun profeta è disproezzato se non nella sua patria, fra i suoi parenti e in casa sua'. 6 6:5 E non vi potè fare alcuna opera potente, ad eccezione di pochi malati a cui impose le mani e li guarò. 7 6:6 E si meravigliava della loro incredulità. Gesù andava attorno per i villaggi circostanti, insegnando. 8 6:7 Poi chiamò a sè i dodici e cominciò a mandarli a due a due. e diede loro potere sugli spiriti immondi. 9 6:8 Comandò loro di non proendere niente per il viaggio. nè pane, nè sacca, nè denaro nella cintura, ma soltanto un bastone. 10 6:9 di calzare i sandali e di non portare tunica di ricambio. 11 6:10 Diceva loro: 'Dovunque sarete entrati in una casa, trattenetevi lò, finchè non ve ne andiate da quel villaggio. 12 6:11 e se in qualche luogo non vi ricevono nè vi ascoltano, andando via, scotetevi la polvere dai piedi come testimonianza contro di loro'. 13 6:12 E, partiti, proedicavano alla gente di ravvedersi. 14 6:13 scacciavano molti demoni, ungevano d'olio molti infermi e li guarivano. 15 6:14 Il re Erode udò parlare di Gesù (poichè la sua fama si era sparsa) e diceva: 'Giovanni il battista è risuscitato dai morti. è per questo che agiscono in lui le potenze miracolose'. 16 6:15 Altri invece dicevano: 'è Elia!'. Ed altri: 'è un profeta come quelli di una volta'. 17 6:16 Ma Erode, udito ciò, diceva: 'Giovanni, che io ho fatto decapitare, lui è risuscitato!'. 18 6:17 Poichè Erode aveva fatto arrestare Giovanni e lo aveva fatto incatenare in proigione a motivo di Ero-diada, moglie di Filippo suo fratello, che egli, Erode, aveva sposata. 19 6:18 Giovanni infatti gli diceva: 'Non ti è lecito tenere la moglie di tuo fratello!'. 20 6:19 Perciò Erodiada gli serbava rancore e voleva farlo morire, ma non poteva. 21 6:20 Infatti Erode aveva soggezione di Giovanni, sapendo che era uomo giusto e santo, e lo proteggeva. dopo averlo udito era molto perplesso, e l'ascoltava volentieri. 22 6:21 Ma venne un giorno opportuno quando Erode, al suo compleanno, fece un convito ai grandi della sua corte, agli ufficiali e ai notabili della Galilea. 23 6:22 La figlia della stessa Erodiada entrò e ballò, e piacque a Erode e ai commensali. Il re disse alla ragazza: 'Chiedimi quello che vuoi e te lo darò'. 24 6:23 E le giurò: 'Ti darò quel che mi chiederai. fino alla metà del mio regno'. 25 6:24 Costei, uscita, domandò a sua madre: 'Che chiederò?'. La madre disse: 'La testa di Giovanni il battista'. 26 6:25 E, ritornata in fretta dal re, gli fece questa richiesta: 'Voglio che sul momento tu mi dia, su un piatto, la testa di Giovanni il battista'. 27 6:26 Il re ne fu molto rattristato. ma, a motivo dei giuramenti fatti e dei commensali, non volle dirle di no. 28 6:27 e mandò subito una guardia con l'ordine di portargli la testa di Giovanni. 29 6:28 La guardia andò, lo decapitò nella proigione e portò la testa su un piatto. la diede alla ragazza e la ragazza la diede a sua madre. 30 6:29 I discepoli di Giovanni, udito questo, andarono a proendere il suo corpo e lo deposero in un sepolcro. 31 6:30 Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e insegnato. 32 6:31 Ed egli disse loro: 'Venitevene ora in disparte, in un luogo solitario, e riposatevi un poco'. Difatti, era tanta la gente che andava e veniva, che essi non avevano neppure il tempo di mangiare. 33 6:32 Partirono dunque con la barca per andare in un luogo solitario in disparte. 34 6:33 Molti li videro partire e li riconobbero. e da tutte le città accorsero a piedi e giunsero là proima di loro. 35 6:34 Come Gesù fu sbarcato, vide una gran folla e ne ebbe compassione, perchè erano come pecore che non hanno pastore. e si mise a insegnare loro molte cose. 36 6:35 Essendo già tardi, i discepoli gli si accostarono e gli dissero: 'Questo luogo è deserto ed è già tardi. 37 6:36 lasciali andare, affinchè vadano per le campagne e per i villaggi dei dintorni e si comproino qualcosa da mangiare'. 38 6:37 Ma egli rispose: 'Date loro voi da mangiare'. Ed essi a lui: 'Andremo noi a comproare del pane per duecento denari e daremo loro da mangiare?'. 39 6:38 Egli domandò loro: 'Quanti pani avete? Andate a vedere'. Essi si accertarono e risposero: 'Cinque, e due pesci'. 40 6:39 Allora egli comandò loro di farli accomodare a gruppi sull'erba verde. 41 6:40 e si sedettero per gruppi di cento e di cinquanta. 42 6:41 Poi Gesù proese i cinque pani e i due pesci, e, alzati gli occhi verso il cielo, benedisse e spezzò i pani, e li dava ai discepoli, affinchè li distribuissero alla gente. e divise pure i due pesci fra tutti. 43 6:42 Tutti mangiarono e furono sazi, 44 6:43 e si portarono via dodici ceste piene di pezzi di pane, ed anche i resti dei pesci.

6:3 6:2 E, venuto il sabato, si mise ad insegnare nella sinagoga. E molti, udendolo, stupivano e dicevano: ’Da dove vengono a costui queste cose? Che sapienza è mai questa che gli è data? E come mai si compiono tali potenti opere per mano sua? 4 6:3 Non è costui il falegname, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Iose, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non sono qui fra noi?'. Ed erano scandalizzati a causa di lui. 5 6:4 Ma Gesù disse loro: ’Nessun profeta è disonorato, se non nella sua patria, fra i suoi parenti e in casa sua'. 6 6:5 E non potè fare lì alcuna opera potente, salvo che guarire pochi infermi, imponendo loro le mani. 7 6:6 E si meravigliava della loro incredulità. e andava in giro per i villaggi, insegnando. 8 6:7 Poi egli chiamò a sè i dodici e cominciò a mandarli a due a due. e diede loro potere sugli spiriti immondi. 9 6:8 E ordinò loro che non proendessero nulla per il viaggio, eccetto un bastone soltanto: nè sacca nè pane nè denaro nella cintura. 10 6:9 e che fossero calzati di sandali e non indossassero due tuniche. 11 6:10 Disse loro ancora: ’Dovunque entrate in una casa, fermatevi lì, finchè non partiate da quel luogo. 12 6:11 Se poi alcuni non vi ricevono e non vi ascoltano, andando via di là, scuotete la polvere dai vostri piedi in testimonianza contro di loro. In verità vi dico che nel giorno del giudizio Sodoma e Gomorra saranno trattate con più tolleranza che quella città'. 13 6:12 Così partiti, proedicavano che la gente si doveva ravvedere. 14 6:13 e scacciavano molti demoni e ungevano con olio molti infermi, e li guarivano. 15 6:14 Ora il re Erode sentì parlare di Gesù, perchè il suo nome era diventato celebre, e diceva: ’Quel Giovanni che battezzava è risuscitato dai morti. e perciò le potenze miracolose operano in lui'. 16 6:15 Altri dicevano: ’è Elia'. ed altri: ’è un profeta, o come uno dei profeti'. 17 6:16 Ma Erode, udito questo, diceva: ’Quel Giovanni, che io ho fatto decapitare, è risorto dai morti!'. 18 6:17 Erode stesso infatti aveva fatto arrestare Giovanni e l’aveva tenuto legato in carcere a causa di Ero-diade, moglie di Filippo suo fratello, perchè egli l’aveva proesa per moglie. 19 6:18 Giovanni infatti diceva ad Erode: ’Non ti è lecito di avere la moglie di tuo fratello'. 20 6:19 Ed Erodiade gli portava rancore e volentieri l’avrebbe fatto uccidere, ma non poteva. 21 6:20 Erode infatti temeva Giovanni, sapendolo uomo giusto e santo, e lo proteggeva. e, dopo averlo udito, faceva molte cose e lo ascoltava volentieri. 22 6:21 Ora, venuto un giorno propizio, Erode per il suo compleanno offrì un banchetto ai suoi grandi, ai comandanti e ai notabili della Galilea. 23 6:22 La figlia di Erodiade stessa entrò e danzò, e piacque ad Erode e a coloro che erano a tavola con lui. allora il re disse alla fanciulla: ’Domandami tutto ciò che vuoi e io te lo darò'. 24 6:23 E le giurò: ’Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fino alla metà del mio regno!'. 25 6:24 Ella uscì, e disse a sua madre: ’Che cosa devo chiedere?'. Quella rispose: ’La testa di Giovanni Battista'. 26 6:25 Ed ella, ritornata subito dal re, gli fece in fretta la richiesta, dicendo: ’Io desidero che tu mi dia immediatamente, su un piatto, la testa di Giovanni Battista'. 27 6:26 E il re, sebbene ne fosse molto rattristato, a motivo del giuramento e per rispetto dei convitati, non volle opporle un rifiuto. 28 6:27 Così il re mandò subito una guardia, con l’ordine di portargli la testa di Giovanni. 29 6:28 E quegli andò, lo decapitò in proigione e portò la sua testa su un piatto e la diede alla fanciulla, e la fanciulla la diede a sua madre. 30 6:29 E, quando i suoi discepoli udirono ciò, vennero, proesero il suo corpo e lo posero in un sepolcro. 31 6:30 Ora gli apostoli si radunarono intorno a Gesù, e gli riferirono tutto quello che avevano fatto ed insegnato. 32 6:31 Ed egli disse loro: ’Venite in disparte in un luogo solitario e riposatevi un pò'. Poichè era tanta la gente che andava e veniva, che essi non avevano neppure il tempo di mangiare. 33 6:32 Partirono quindi in barca verso un luogo solitario e appartato. 34 6:33 La folla però li vide partire, e molti lo riconobbero. e da tutte le città accorsero là a piedi ed arrivarono proima di loro. e si strinsero intorno a lui. 35 6:34 E Gesù, sbarcato, vide una grande folla e ne ebbe compassione, perchè erano come pecore senza pastore. e proese a insegnare loro molte cose. 36 6:35 Ed essendo già tardi, i suoi discepoli gli si avvicinarono e gli dissero: ’Questo luogo è deserto, ed è già tardi. 37 6:36 Licenzia questa gente perchè se ne vada nelle campagne e nei villaggi all’intorno a comproarsi del pane, perchè non ha nulla da mangiare'. 38 6:37 Ma egli, rispondendo, disse loro: ’Date voi a loro da mangiare'. Ed essi gli dissero: ’Dobbiamo andare noi a comperare del pane per duecento denari e dare loro da mangiare?'. 39 6:38 Ed egli disse loro: ’Quanti pani avete? Andate a vedere'. Ed essi, accertatisi, dissero: ’Cinquepani e due pesci'. 40 6:39 Allora egli ordinò loro di farli accomodare tutti, per gruppi, sull’erba verde. 41 6:40 Così essi si sedettero in gruppi di cento e di cinquanta. 42 6:41 Poi egli proese i cinque pani e i due pesci e, alzati gli occhi al cielo, li benedisse. quindi spezzò i pani e li diede ai suoi discepoli, perchè li distribuissero loro. e divise pure i due pesci fra tutti. 43 6:42 Mangiarono tutti a sazietà. 44 6:43 E raccolsero dodici ceste piene di pezzi di pane e di resti dei pesci.

6:3 Venuto il sabato, incominciò a insegnare nella sinagoga. E molti ascoltandolo rimanevano stupiti e dicevano: ""Donde gli vengono queste cose? E che sapienza è mai questa che gli è stata data? E questi prodigi compiuti dalle sue mani? 4 Non è costui il carpentiere, il figlio di Maria, il fratello di Giacomo, di Ioses, di Giuda e di Simone? E le sue sorelle non stanno qui da noi?"". E si scandalizzavano di lui. 5 Ma Gesù disse loro: ""Un profeta non è disprezzato che nella sua patria, tra i suoi parenti e in casa sua"". 6 E non vi potè operare nessun prodigio, ma solo impose le mani a pochi ammalati e li guarì. 7 E si meravigliava della loro incredulità. 8 Allora chiamò i Dodici, ed incominciò a mandarli a due a due e diede loro potere sugli spiriti immondi. 9 E ordinò loro che, oltre al bastone, non prendessero nulla per il viaggio: nè pane, nè bisaccia, nè denaro nella borsa; 10 ma, calzati solo i sandali, non indossassero due tuniche. 11 E diceva loro: ""Entrati in una casa, rimanetevi fino a che ve ne andiate da quel luogo. 12 Se in qualche luogo non vi riceveranno e non vi ascolteranno, andandovene, scuotete la polvere di sotto ai vostri piedi, a testimonianza per loro"". 13 E partiti, predicavano che la gente si convertisse, 14 scacciavano molti demòni, ungevano di olio molti infermi e li guarivano. 15 Il re Erode sentì parlare di Gesù, poichè intanto il suo nome era diventato famoso. Si diceva: ""Giovanni il Battista è risuscitato dai morti e per questo il potere dei miracoli opera in lui"". 16 Altri invece dicevano: ""è Elia""; altri dicevano ancora: ""è un profeta, come uno dei profeti"". 17 Ma Erode, al sentirne parlare, diceva: ""Quel Giovanni che io ho fatto decapitare è risuscitato!"". 18 Erode infatti aveva fatto arrestare Giovanni e lo aveva messo in prigione a causa di Erodìade, moglie di suo fratello Filippo, che egli aveva sposata. 19 Giovanni diceva a Erode: ""Non ti è lecito tenere la moglie di tuo fratello"". 20 Per questo Erodìade gli portava rancore e avrebbe voluto farlo uccidere, ma non poteva, 21 perchè Erode temeva Giovanni, sapendolo giusto e santo, e vigilava su di lui; e anche se nell'ascoltarlo restava molto perplesso, tuttavia lo ascoltava volentieri. 22 Venne però il giorno propizio, quando Erode per il suo compleanno fece un banchetto per i grandi della sua corte, gli ufficiali e i notabili della Galilea. 23 Entrata la figlia della stessa Erodìade, danzò e piacque a Erode e ai commensali. Allora il re disse alla ragazza: ""Chiedimi quello che vuoi e io te lo darò"". 24 E le fece questo giuramento: ""Qualsiasi cosa mi chiederai, te la darò, fosse anche la metà del mio regno"". 25 La ragazza uscì e disse alla madre: ""Che cosa devo chiedere?"". Quella rispose: ""La testa di Giovanni il Battista"". 26 Ed entrata di corsa dal re fece la richiesta dicendo: ""Voglio che tu mi dia subito su un vassoio la testa di Giovanni il Battista"". 27 Il re ne fu rattristato; tuttavia, a motivo del giuramento e dei commensali, non volle opporle un rifiuto. 28 E subito il re mandò una guardia con l'ordine che gli fosse portata la testa. 29 La guardia andò, lo decapitò in prigione e portò la testa su un vassoio, la diede alla ragazza e la ragazza la diede a sua madre. 30 I discepoli di Giovanni, saputa la cosa, vennero, ne presero il cadavere e lo posero in un sepolcro. 31 Gli apostoli si riunirono attorno a Gesù e gli riferirono tutto quello che avevano fatto e insegnato. 32 Ed egli disse loro: ""Venite in disparte, in un luogo solitario, e riposatevi un po'"". Era infatti molta la folla che andava e veniva e non avevano più neanche il tempo di mangiare. 33 Allora partirono sulla barca verso un luogo solitario, in disparte. 34 Molti però li videro partire e capirono, e da tutte le città cominciarono ad accorrere là a piedi e li precedettero. 35 Sbarcando, vide molta folla e si commosse per loro, perchè erano come pecore senza pastore, e si mise a insegnare loro molte cose. 36 Essendosi ormai fatto tardi, gli si avvicinarono i discepoli dicendo: ""Questo luogo è solitario ed è ormai tardi; 37 congedali perciò, in modo che, andando per le campagne e i villaggi vicini, possano comprarsi da mangiare"". 38 Ma egli rispose: ""Voi stessi date loro da mangiare"". Gli dissero: ""Dobbiamo andar noi a comprare duecento denari di pane e dare loro da mangiare?"". 39 Ma egli replicò loro: ""Quanti pani avete? Andate a vedere"". E accertatisi, riferirono: ""Cinque pani e due pesci"". 40 Allora ordinò loro di farli mettere tutti a sedere, a gruppi, sull'erba verde. 41 E sedettero tutti a gruppi e gruppetti di cento e di cinquanta. 42 Presi i cinque pani e i due pesci, levò gli occhi al cielo, pronunziò la benedizione, spezzò i pani e li diede ai discepoli perchè li distribuissero; e divise i due pesci fra tutti. 43 Tutti mangiarono e si sfamarono, 44 e portarono via dodici ceste piene di pezzi di pane e anche dei pesci.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-4°giovedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Eb 12,18-19.12,21-24)}; (sal 48,2-4.48,9-11)}; (mc 6,7-13)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:
Martirio di S. Giovanni Battista dove si leggono i seguenti passi: (ger 1,17-19); (sal 71,1-6.71,15-15.71,17-17); (mc 6,17-29);
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia