Cronologia dei paragrafi

Il tributo a Cesare
La resurrezione dei morti
Il più grande comandamento
Il Cristo, figlio e signore di Davide
Ipocrisia è vanità degli scribi è dei farisei
Sette maledizioni agli scribi e ai farisei
Delitti e castighi imminenti
Apostrofe a Gerusalemme
Introduzione
L'inizio dei dolori
La grande tribolazione di Gerusalemme
L'avvento del figlio dell'uomo sarà manifesto
Dimensione cosmica di questo avvento
Parabola del fico. Vegliare per non essere sorpresi
Parabola del maggiordomo
Parabola delle dieci vergini
Parabola dei talenti
Il giudizio finale
Complotto contro gesù
L'unzione è Betenia
Il tradimento di Giuda
Preparativi del pasto pasquale
Annunzio del tradimento di Giuda
Istituzione dell'Eucaristia
Predizione del rinnegamento di Pietro
Al Getsamani
L'arresto di gesù
gesù davanti al sinedrio
Rinnegamenti di Pietro
gesù condotto davanti a Pilato
Morte di Giuda
gesù davanti a Pilato
La corona di spine
La crocifissione
gesù in croce deriso e oltraggiato
La morte di gesù
La sepoltura
La custodia della tomba
La tomba vuota. Messaggio dell'angelo
L'apparizione alle pie donne
Sopruso dei capi giudei
Apparizione in Galilea e missione universale
Ascendenti di Gesú
Giuseppe assume la paternitŕ legale di Gesů
La visita dei Magi
Ascendenti di Gesú

Il tributo a Cesare (mat 22,15-22)

22:15 Allora i farisei se ne andarono e tennero consiglio per vedere come coglierlo in fallo nei suoi discorsi. 16 Mandarono dunque da lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: "Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità. Tu non hai soggezione di alcuno, perchè non guardi in faccia a nessuno. 17 Dunque, di' a noi il tuo parere: è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?". 18 Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: "Ipocriti, perchè volete mettermi alla prova? 19 Mostratemi la moneta del tributo". Ed essi gli presentarono un denaro. 20 Egli domandò loro: "Questa immagine e l'iscrizione, di chi sono?". 21 Gli risposero: "Di Cesare". Allora disse loro: "Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio". 22 A queste parole rimasero meravigliati, lo lasciarono e se ne andarono.

22:15 22:15 ALLORA i Farisei andarono, e tenner consiglio come lo sorproenderebbero in fallo nelle sue parole. 16 22:16 E gli mandarono i lor discepoli, con gli Erodiani, a dirgli: Maestro, noi sappiamo che tu sei verace, e che insegni la via di Dio in verita', e che non ti curi d'al-cuno. perciocche' tu non riguardi alla qualita' delle persone degli uomini. 17 22:17 Dicci adunque: Che ti par egli? e' egli lecito di dare il censo a Cesare, o no? 18 22:18 E Gesu', riconosciuta la lor malizia, disse: Perche' mi tentate, o ipocriti? 19 22:19 Mostratemi la moneta del censo. Ed essi gli porsero un denaro. 20 22:20 Ed egli disse loro: Di chi e' questa figura, e questa soproascritta? 21 22:21 Essi gli dissero: Di Cesare. Allora egli disse loro: Rendete dunque a Cesare le cose che appartengono a Cesare, e a Dio le cose che appartengono a Dio. 22 22:22 Ed essi, udito cio', si maravigliarono, e, lasciatolo, se ne andarono.

22:15 22:15 Allora i Farisei, ritiratisi, tennero consiglio per veder di coglierlo in fallo nelle sue parole. 16 22:16 E gli mandarono i loro discepoli con gli Ero-diani a dirgli: Maestro, noi sappiamo che sei verace e insegni la via di Dio secondo verita', e non ti curi d'alcuno, perchè non guardi all'apparenza delle persone. 17 22:17 Dicci dunque: Che te ne pare? e' egli lecito pagare il tributo a Cesare, o no? 18 22:18 Ma Gesu', conosciuta la loro malizia, disse: Perchè mi tentate, ipocriti? 19 22:19 Mostratemi la moneta del tributo. Ed essi gli porsero un denaro. Ed egli domando' loro: 20 22:20 Di chi e' questa effigie e questa iscrizione? 21 22:21 Gli risposero: Di Cesare. Allora egli disse loro: Rendete dunque a Cesare quel ch'e' di Cesare, e a Dio quel ch'e' di Dio. 22 22:22 Ed essi, udito cio', si maravigliarono. e, lasciatolo, se ne andarono.

22:15 22:15 Allora i farisei si ritirarono e tennero consiglio per vedere di coglierlo in fallo nelle sue parole. 16 22:16 E gli mandarono i loro discepoli con gli ero-diani a dirgli: 'Maestro, noi sappiamo che sei sincero e insegni la via di Dio secondo verità, e non hai riguardi per nessuno, perchè non badi all'apparenza delle persone. 17 22:17 Dicci dunque: Che te ne pare? è lecito, o no, pagare il tributo a Cesare?'. 18 22:18 Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, disse: 'Perchè mi tentate, ipocriti? 19 22:19 Mostratemi la moneta del tributo'. Ed essi gli porsero un denaro. 20 22:20 Ed egli domandò loro: 'Di chi è questa effigie e questa iscrizione?'. 21 22:21 Gli risposero: 'Di Cesare'. E Gesù disse loro: 'Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare, e a Dio quello che è di Dio'. 22 22:22 Ed essi, udito ciò, si stupirono e, lasciatolo, se ne andarono.

22:15 22:15 Allora i farisei, allontanatisi, si consigliarono sul modo di coglierlo in fallo nelle parole. 16 22:16 E gli mandarono i proproi discepoli, con gli e-rodiani, per dirgli: ’Maestro, noi sappiamo che tu sei verace e che insegni la via di Dio in verità, senza proeoccuparti del giudizio di alcuno, perchè tu non riguardi all’apparenza delle persone. 17 22:17 Dicci dunque: Che te ne pare? è lecito o no pagare il tributo a Cesare?'. 18 22:18 Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, disse: ’Perchè mi tentate, ipocriti? 19 22:19 Mostratemi la moneta del tributo'. Allora essi gli proesentarono un denaro. 20 22:20 Ed egli disse loro: ’Di chi è questa immagine e questa iscrizione?'. 21 22:21 Essi gli dissero: ’Di Cesare'. Allora egli disse loro: ’Rendete dunque a Cesare ciò che è di Cesare e a Dio ciò che è di Dio'. 22 22:22 Ed essi, udito ciò, si meravigliarono e, lasciatolo, se ne andarono.

22:15 Allora i farisei, ritiratisi, tennero consiglio per vedere di coglierlo in fallo nei suoi discorsi. 16 Mandarono dunque a lui i propri discepoli, con gli erodiani, a dirgli: ""Maestro, sappiamo che sei veritiero e insegni la via di Dio secondo verità e non hai soggezione di nessuno perchè non guardi in faccia ad alcuno. 17 Dicci dunque il tuo parere: è lecito o no pagare il tributo a Cesare?"". 18 Ma Gesù, conoscendo la loro malizia, rispose: ""Ipocriti, perchè mi tentate? 19 Mostratemi la moneta del tributo"". Ed essi gli presentarono un denaro. 20 Egli domandò loro: ""Di chi è questa immagine e l'iscrizione?"". 21 Gli risposero: ""Di Cesare"". Allora disse loro: ""Rendete dunque a Cesare quello che è di Cesare e a Dio quello che è di Dio"". 22 A queste parole rimasero sorpresi e, lasciatolo, se ne andarono.

Mappa

Commento di un santo

Cristo non ha l'immagine di Cesare, perchè Egli è ''l'immagine di Dio''. Pietro non ha l'immagine di Cesare, perchè ha detto: Noi abbiamo lasciato tutto e ti abbiamo seguito'' (Mt 19,27). Non si trova l'immagine di Cesare in Giacomo o in Giovanni, perchè sono i figli del tuono, ma essa si trova nel mare, dove vi sono sulle acque quei mostri dalle teste fracassate, e lo stesso mostro principale, col capo mozzo, vien dato come cibo ai popoli degli Etiopi. Ma se non aveva l'immagine di Cesare, perchè mai ha pagato il tributo? Non l'ha pagato del suo, ma ha restituito al mondo ciò che apparteneva al mondo. E se anche tu non vuoi esser tributario di Cesare, non possedere le proprietà del mondo. Però hai le ricchezze: e allora sei tributario di Cesare. Se non vuoi esser assolutamente debitore del re della terra, abbandona ogni tua cosa e segui Cristo.

Autore

Ambrogio

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-2°venerdi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Eb 8,6-13)}; (Eb 8,6-13)}; (sal 85,8-14)}; (mc 3,13-19)}; (sal 146,5-1)}; (mat 22,34-4)};
E nelle seguenti solennitĂ 
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia