Cronologia dei paragrafi

Parabola del grano di senapa. Parabola del lievito
Le folle ascoltano solo parabole
Spiegazione della parabola della zizzania
Parabole del tesoro e della perla
Parabola della rete
Conclusione
Visita è Nazaret
Erode e gesù. Esecuzione di Giovanni Battista
Prima moltiplicazione dei pani
gesù cammina sulle acque e Pietro con lui
Guarigioni nel paese di Genesaret
Discussione sulle tradizioni farisaiche
Insegnamento sul puro e sull'impuro
Guarigione della figlia di una Cananea
Molte guarigioni presso il lago
Seconda moltiplicazione di pani
Si domanda a gesù un segno dal cielo
Il lievito dei Farisei e dei Sadducei
Professione di fede e primato di Pietro
Primo annunzio della passione
Condizioni per seguire gesù
La trasfigurazione
Domanda su Elia
L'epilettico indemoniato
Secondo annuncio della Passione
La tassa per il tempio pagata da gesù e da Pietro
Chi è il più grande
La pecora smarrita
Correzione fraterna
Preghiera in comune
Perdono delle offese Parabola del servo spietato
Questione sul divorzio
La continenza volontaria
gesù e i bambini
Il giovane ricco
Il pericolo delle ricchezze
Ricompensa promessa alla rinuncia
Parabola degli operai mandati nella vigna
Terzo annunzio della Passione
Domanda della madre dei figli di Zebedeo
I capi devono servire
I due ciechi di Gerico
Ingresso messianico a Gerusalemme
I venditori cacciati dal tempio
Il fico sterile e seccato. Fede e preghiera
Obiezione dei Giudei sull'autorità di gesù
Parabola dei due figli Parabola dei vignaioli omicidi
Parabola del banchetto nuziale
Il tributo a Cesare
La resurrezione dei morti
Il più grande comandamento
Il Cristo, figlio e signore di Davide
Ipocrisia è vanità degli scribi è dei farisei
Sette maledizioni agli scribi e ai farisei
Delitti e castighi imminenti
Apostrofe a Gerusalemme
Introduzione
L'inizio dei dolori
La grande tribolazione di Gerusalemme
L'avvento del figlio dell'uomo sarà manifesto
Dimensione cosmica di questo avvento
Parabola del fico. Vegliare per non essere sorpresi
Parabola del maggiordomo
Parabola delle dieci vergini
Parabola dei talenti
Il giudizio finale
Complotto contro gesù
L'unzione è Betenia
Il tradimento di Giuda
Preparativi del pasto pasquale
Annunzio del tradimento di Giuda
Istituzione dell'Eucaristia
Predizione del rinnegamento di Pietro
Al Getsamani
L'arresto di gesù
gesù davanti al sinedrio
Rinnegamenti di Pietro
gesù condotto davanti a Pilato
Morte di Giuda
gesù davanti a Pilato
La corona di spine
La crocifissione
gesù in croce deriso e oltraggiato
La morte di gesù
La sepoltura
La custodia della tomba
La tomba vuota. Messaggio dell'angelo
L'apparizione alle pie donne
Sopruso dei capi giudei
Apparizione in Galilea e missione universale
Ascendenti di Gesú
Giuseppe assume la paternitŕ legale di Gesů
La visita dei Magi
Ascendenti di Gesú

Parabola del grano di senapa. Parabola del lievito (mat 13,31-33)

13:31 Espose loro un'altra parabola, dicendo: "Il regno dei cieli è simile a un granello di senape, che un uomo prese e seminò nel suo campo. 32 Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande delle altre piante dell'orto e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a fare il nido fra i suoi rami". 33 Disse loro un'altra parabola: "Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna prese e mescolò in tre misure di farina, finchè non fu tutta lievitata".

13:31 13:31 EGLI propose loro un'altra parabola, dicendo: Il regno de' cieli e' simile ad un granel di senape, il quale un uomo proende, e lo semina nel suo campo. 32 13:32 Esso e' bene il piu' piccolo di tutti i semi. ma quando e' cresciuto e' la maggiore di tutte l'erbe, e divien albero, talche' gli uccelli del cielo vengono, e si riparano ne' suoi rami. 33 13:33 Egli disse loro un'altra parabola: Il regno de' cieli e' simile al lievito, il quale una donna proende, e lo ripone dentro tre staia di farina, finche' tutta sia levitata.

13:31 13:31 Egli propose loro un'altra parabola, dicendo: Il regno de' cieli e' simile ad un granel di senapa che un uomo proende e semina nel suo campo. 32 13:32 Esso e' bene il piu' piccolo di tutti i semi. ma quando e' cresciuto, e' maggiore de' legumi e diviene albero. tanto che gli uccelli del cielo vengono a ripararsi tra i suoi rami. 33 13:33 Disse loro un'altra parabola: Il regno de' cieli e' simile al lievito che una donna proende e nasconde in tre staia di farina, finchè la pasta sia tutta lievitata.

13:31 13:31 Egli propose loro un'altra parabola, dicendo: 'Il regno dei cieli è simile a un granello di senape che un uomo proende e semina nel suo campo. 32 13:32 Esso è il più piccolo di tutti i semi. ma, quand'è cresciuto, è maggiore dei legumi e diventa un albero. tanto che gli uccelli del cielo vengono a ripararsi tra i suoi rami'. 33 13:33 Disse loro un'altra parabola: 'Il regno dei cieli è simile al lievito che una donna proende e nasconde in tre misure di farina, finchè la pasta sia tutta lievitata'.

13:31 13:31 Egli propose loro un’altra parabola, dicendo: ’Il regno dei cieli è simile a un granello di senape che un uomo proende e semina nel suo campo. 32 13:32 Esso è certamente il più piccolo di tutti i semi. ma una volta cresciuto è il più grande di tutte le erbe e diventa un albero, tanto che gli uccelli del cielo vengono a ripararsi tra i suoi rami'. 33 13:33 Egli disse loro un’altra parabola: ’Il regno dei cieli è simile al lievito, che una donna proende ed impasta con tre misure di farina finchè tutta la pasta sia lievitata'.

13:31 Un'altra parabola espose loro: ""Il regno dei cieli si può paragonare a un granellino di senapa, che un uomo prende e semina nel suo campo. 32 Esso è il più piccolo di tutti i semi ma, una volta cresciuto, è più grande degli altri legumi e diventa un albero, tanto che vengono gli uccelli del cielo e si annidano fra i suoi rami"". 33 Un'altra parabola disse loro: ""Il regno dei cieli si può paragonare al lievito, che una donna ha preso e impastato con tre misure di farina perchè tutta si fermenti"".

Mappa

Commento di un santo

''Il Signore è vicino a quanti lo invocano'' (Sal 114, 18). Non fa distinzione di persone. ''Il Padre ama il Figlio e ha affidato tutto nelle sue mani'' (cfr. Gv 13, 3). Questo a condizione che noi amiamo lui, il nostro Padre celeste, come figli. Il Signore ascolta sia un monaco che un uomo di mondo, un semplice cristiano, a condizione che essi amino Dio nel profondo del cuore e abbiano una fede autentica, una fede grande come un granello di senape; entrambi saranno in grado di sollevare montagne (cfr. Mt 17, 20). ''Come può un uomo solo inseguirne mille o due soli, metterne in fuga diecimila?'' (Dt 32, 30). Il Signore stesso ha affermato : ''Tutto è possibile a colui che crede'' (Mc 9, 23). E l'apostolo Paolo esclama: ''Tutto posso in colui che mi dà forza'' (Fil 4, 13). Ancora più sorprendenti sono le parole del Signore a riguardo di quanti credono in lui: ''Chi crede in me, compirà le opere che io compio e ne farà di più grandi, perchè io vado al Padre ; qualunque cosa chiederete nel nome mio, la farò, perchè il Padre sia glorificato nel Figlio. Se mi chiederete qualcosa nel mio nome, la farò'' (Gv 14, 1214). (..) Quanto alle nostre condizioni diverse di monaco e di laico, non preoccuparti. Dio cerca anzitutto un cuore pieno di fede in lui e nel suo Figlio unigenito, ed è in risposta a questa fede che manda dall'alto la grazia dello Spirito Santo. Il Signore cerca un cuore ricolmo d'amore per lui e per il prossimo: è questo il trono sul quale ama sedersi e manifestarsi nella pienezza della sua gloria. ''Figlio, dammi il tuo cuore, e il resto te lo darò in sovrappiù'' (Pr 23, 26). Il cuore dell'uomo è capace di contenere il regno dei cieli. ''Cercate anzitutto il regno dei cieli e la sua giustizia, dice il Signore ai suoi discepoli , e il resto vi sarà dato in aggiunta, perchè Dio vostro Padre sa ciò di cui avete bisogno'' (Mt 6, 33).

Autore


Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia