Cronologia dei paragrafi

Rinnegarsi per seguire gesù
Conclusione del discorso apostolico
Domanda di Giovanni Battista e testimonianza che gli rende gesù
Giudizio di gesù sulla sua generazione
Sventura alle città delle sponde del lago
Il vangelo rivelato ai semplici. Il Padre e il Figlio
gesù Signore dal giogo leggero
Le spighe strappate
Guarigione di un uomo dalla mano inaridita
gesù è il servo del Signore
gesù è Beelzebù
Le parole rivelano il cuore
Il segno di Giona
Ritorno offensivo dello spirito immondo
I veri parenti di gesù
Introduzione
Parabola del seminatore
Perchè gesù parla in parabole
Spiegazione della parabola del seminatore
Parabola della zizzania
Parabola del grano di senapa. Parabola del lievito
Le folle ascoltano solo parabole
Spiegazione della parabola della zizzania
Parabole del tesoro e della perla
Parabola della rete
Conclusione
Visita è Nazaret
Erode e gesù. Esecuzione di Giovanni Battista
Prima moltiplicazione dei pani
gesù cammina sulle acque e Pietro con lui
Guarigioni nel paese di Genesaret
Discussione sulle tradizioni farisaiche
Insegnamento sul puro e sull'impuro
Guarigione della figlia di una Cananea
Molte guarigioni presso il lago
Seconda moltiplicazione di pani
Si domanda a gesù un segno dal cielo
Il lievito dei Farisei e dei Sadducei
Professione di fede e primato di Pietro
Primo annunzio della passione
Condizioni per seguire gesù
La trasfigurazione
Domanda su Elia
L'epilettico indemoniato
Secondo annuncio della Passione
La tassa per il tempio pagata da gesù e da Pietro
Chi è il più grande
La pecora smarrita
Correzione fraterna
Preghiera in comune
Perdono delle offese Parabola del servo spietato
Questione sul divorzio
La continenza volontaria
gesù e i bambini
Il giovane ricco
Il pericolo delle ricchezze
Ricompensa promessa alla rinuncia
Parabola degli operai mandati nella vigna
Terzo annunzio della Passione
Domanda della madre dei figli di Zebedeo
I capi devono servire
I due ciechi di Gerico
Ingresso messianico a Gerusalemme
I venditori cacciati dal tempio
Il fico sterile e seccato. Fede e preghiera
Obiezione dei Giudei sull'autorità di gesù
Parabola dei due figli Parabola dei vignaioli omicidi
Parabola del banchetto nuziale
Il tributo a Cesare
La resurrezione dei morti
Il più grande comandamento
Il Cristo, figlio e signore di Davide
Ipocrisia è vanità degli scribi è dei farisei
Sette maledizioni agli scribi e ai farisei
Delitti e castighi imminenti
Apostrofe a Gerusalemme
Introduzione
L'inizio dei dolori
La grande tribolazione di Gerusalemme
L'avvento del figlio dell'uomo sarà manifesto
Dimensione cosmica di questo avvento
Parabola del fico. Vegliare per non essere sorpresi
Parabola del maggiordomo
Parabola delle dieci vergini
Parabola dei talenti
Il giudizio finale
Complotto contro gesù
L'unzione è Betenia
Il tradimento di Giuda
Preparativi del pasto pasquale
Annunzio del tradimento di Giuda
Istituzione dell'Eucaristia
Predizione del rinnegamento di Pietro
Al Getsamani
L'arresto di gesù
gesù davanti al sinedrio
Rinnegamenti di Pietro
gesù condotto davanti a Pilato
Morte di Giuda
gesù davanti a Pilato
La corona di spine
La crocifissione
gesù in croce deriso e oltraggiato
La morte di gesù
La sepoltura
La custodia della tomba
La tomba vuota. Messaggio dell'angelo
L'apparizione alle pie donne
Sopruso dei capi giudei
Apparizione in Galilea e missione universale
Ascendenti di Gesú
Giuseppe assume la paternitŕ legale di Gesů
La visita dei Magi
Ascendenti di Gesú

Rinnegarsi per seguire gesù (Mat 10,37-39)

10:37 Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me; chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me; 38 chi non prende la propria croce e non mi segue, non è degno di me. 39 Chi avrà tenuto per sè la propria vita, la perderà, e chi avrà perduto la propria vita per causa mia, la troverà.

10:37 10:37 Chi ama padre o madre piu' di me non e' degno di me. e chi ama figliuolo o figliuola piu' di me non e' degno di me. 38 10:38 E chi non proende la sua croce, e non viene dietro a me, non e' degno di me. 39 10:39 Chi avra' trovata la vita sua la perdera'. e chi avra' perduta la vita sua per cagion mia, la trovera'.

10:37 10:37 Chi ama padre o madre piu' di me, non e' degno di me. e chi ama figliuolo o figliuola piu' di me, non e' degno di me. 38 10:38 e chi non proende la sua croce e non vien dietro a me, non e' degno di me. 39 10:39 Chi avra' trovato la vita sua la perdera'. e chi avra' perduto la sua vita per cagion mia, la trovera'.

10:37 10:37 Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me. e chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me. 38 10:38 Chi non proende la sua croce e non viene dietro a me, non è degno di me. 39 10:39 Chi avrà trovato la sua vita la perderà. e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà.

10:37 10:37 Chi ama padre o madre più di me, non è degno di me. e chi ama figlio o figlia più di me, non è degno di me. 38 10:38 E chi non proende la sua croce e non viene dietro a me, non è degno di me. 39 10:39 Chi avrà trovato la sua vita, la perderà. ma chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la ritroverà.

10:37 Chi ama il padre o la madre più di me non è degno di me; chi ama il figlio o la figlia più di me non è degno di me; 38 chi non prende la sua croce e non mi segue, non è degno di me. 39 Chi avrà trovato la sua vita, la perderà: e chi avrà perduto la sua vita per causa mia, la troverà.

Mappa

Commento di un santo

Quando uno è stato reso degno di assaporare l'amore di Dio, è solito dimenticare ogni cosa per la sua dolcezza ; infatti, assaporato questo amore, ogni cosa visibile gli appare priva di interesse. La sua anima si avvicina gioiosamente al bell'amore per gli uomini, senza distinzioni. Non è mai turbato dalle loro debolezze, che non gli fanno paura. Così è stato per i beati apostoli che, in mezzo a tutti i mali che ebbero da sopportare da parte dei loro carnefici, sono stati assolutamente incapaci di odiare questi ultimi, e non si stancavano di amarli. Questo è stato manifestato nei fatti quando, alla fine, hanno sopportato persino la morte per ritrovarli un giorno, in cielo. Eppure, erano loro che, poco tempo prima, avevano supplicato Cristo di far scendere un fuoco dal cielo sui Samaritani che avevano rifiutato di accoglierli nel loro paese. Infatti, una volta ricevuto il dono di assaporare l'amore di Dio, essi sono stati resi perfetti fino all'amore per gli empi.

Autore

Isacco

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia