Cronologia dei paragrafi

Guarigione di un paralitico
Chiamata di Matteo
Pasto con peccatori
Discussione sul digiuno
Guarigione dell'emorroissa e resurrezione della figlia di un capo
Guarigione di due ciechi
Guarigione di un muto indemoniato
Miseria delle folle
Missione dei dodici
I missionari saranno perseguitati
Parlare apertamente e senza timore
gesù causa di dissensi
Rinnegarsi per seguire gesù
Conclusione del discorso apostolico
Domanda di Giovanni Battista e testimonianza che gli rende gesù
Giudizio di gesù sulla sua generazione
Sventura alle città delle sponde del lago
Il vangelo rivelato ai semplici. Il Padre e il Figlio
gesù Signore dal giogo leggero
Le spighe strappate
Guarigione di un uomo dalla mano inaridita
gesù è il servo del Signore
gesù è Beelzebù
Le parole rivelano il cuore
Il segno di Giona
Ritorno offensivo dello spirito immondo
I veri parenti di gesù
Introduzione
Parabola del seminatore
Perchè gesù parla in parabole
Spiegazione della parabola del seminatore
Parabola della zizzania
Parabola del grano di senapa. Parabola del lievito
Le folle ascoltano solo parabole
Spiegazione della parabola della zizzania
Parabole del tesoro e della perla
Parabola della rete
Conclusione
Visita è Nazaret
Erode e gesù. Esecuzione di Giovanni Battista
Prima moltiplicazione dei pani
gesù cammina sulle acque e Pietro con lui
Guarigioni nel paese di Genesaret
Discussione sulle tradizioni farisaiche
Insegnamento sul puro e sull'impuro
Guarigione della figlia di una Cananea
Molte guarigioni presso il lago
Seconda moltiplicazione di pani
Si domanda a gesù un segno dal cielo
Il lievito dei Farisei e dei Sadducei
Professione di fede e primato di Pietro
Primo annunzio della passione
Condizioni per seguire gesù
La trasfigurazione
Domanda su Elia
L'epilettico indemoniato
Secondo annuncio della Passione
La tassa per il tempio pagata da gesù e da Pietro
Chi è il più grande
La pecora smarrita
Correzione fraterna
Preghiera in comune
Perdono delle offese Parabola del servo spietato
Questione sul divorzio
La continenza volontaria
gesù e i bambini
Il giovane ricco
Il pericolo delle ricchezze
Ricompensa promessa alla rinuncia
Parabola degli operai mandati nella vigna
Terzo annunzio della Passione
Domanda della madre dei figli di Zebedeo
I capi devono servire
I due ciechi di Gerico
Ingresso messianico a Gerusalemme
I venditori cacciati dal tempio
Il fico sterile e seccato. Fede e preghiera
Obiezione dei Giudei sull'autorità di gesù
Parabola dei due figli Parabola dei vignaioli omicidi
Parabola del banchetto nuziale
Il tributo a Cesare
La resurrezione dei morti
Il più grande comandamento
Il Cristo, figlio e signore di Davide
Ipocrisia è vanità degli scribi è dei farisei
Sette maledizioni agli scribi e ai farisei
Delitti e castighi imminenti
Apostrofe a Gerusalemme
Introduzione
L'inizio dei dolori
La grande tribolazione di Gerusalemme
L'avvento del figlio dell'uomo sarà manifesto
Dimensione cosmica di questo avvento
Parabola del fico. Vegliare per non essere sorpresi
Parabola del maggiordomo
Parabola delle dieci vergini
Parabola dei talenti
Il giudizio finale
Complotto contro gesù
L'unzione è Betenia
Il tradimento di Giuda
Preparativi del pasto pasquale
Annunzio del tradimento di Giuda
Istituzione dell'Eucaristia
Predizione del rinnegamento di Pietro
Al Getsamani
L'arresto di gesù
gesù davanti al sinedrio
Rinnegamenti di Pietro
gesù condotto davanti a Pilato
Morte di Giuda
gesù davanti a Pilato
La corona di spine
La crocifissione
gesù in croce deriso e oltraggiato
La morte di gesù
La sepoltura
La custodia della tomba
La tomba vuota. Messaggio dell'angelo
L'apparizione alle pie donne
Sopruso dei capi giudei
Apparizione in Galilea e missione universale
Ascendenti di Gesú
Giuseppe assume la paternitŕ legale di Gesů
La visita dei Magi
Ascendenti di Gesú

Guarigione di un paralitico (Mat 9,1-8)

9:1 Salito su una barca, passò all'altra riva e giunse nella sua città. 2 Ed ecco, gli portavano un paralitico disteso su un letto. Gesù, vedendo la loro fede, disse al paralitico: "Coraggio, figlio, ti sono perdonati i peccati". 3 Allora alcuni scribi dissero fra sè: "Costui bestemmia". 4 Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: "Perchè pensate cose malvagie nel vostro cuore? 5 Che cosa infatti è più facile: dire "Ti sono perdonati i peccati", oppure dire "àlzati e cammina"? 6 Ma, perchè sappiate che il Figlio dell'uomo ha il potere sulla terra di perdonare i peccati: àlzati - disse allora al paralitico -, prendi il tuo letto e va' a casa tua". 7 Ed egli si alzò e andò a casa sua. 8 Le folle, vedendo questo, furono prese da timore e resero gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini.

9:1 9:1 Ed egli, entrato nella navicella, passo' all'altra riva, e venne nella sua citta'. 2 9:2 ED ecco, gli fu proesentato un paralitico che giaceva in letto. E Gesu', veduta la fede loro, disse al paralitico: Figliuolo, sta' di buon cuore, i tuoi peccati ti son rimessi. 3 9:3 Ed ecco, alcuni degli Scribi dicevano fra se' stessi: Costui bestemmia. 4 9:4 E Gesu', veduti i lor pensieri, disse: Perche' pensate voi cose malvage ne' vostri cuori? 5 9:5 Perciocche', quale e' piu' agevole, dire: I tuoi peccati ti son rimessi, ovver dire: Levati, e cammina? 6 9:6 Ora, acciocche' voi sappiate che il Figliuol dell'uomo ha autorita' in terra di rimettere i peccati: Tu, levati (disse egli allora al paralitico), togli il tuo letto, e vattene a casa tua. 7 9:7 Ed egli, levatosi, se ne ando' a casa sua. 8 9:8 E le turbe, veduto cio', si maravigliarono, e glorificarono Iddio, che avea data cotal podesta' agli uomini.

9:1 9:1 E Gesu', entrato in una barca, passo' all'altra riva e venne nella sua citta'. 2 9:2 Ed ecco gli portarono un paralitico steso soproa un letto. E Gesu', veduta la fede loro, disse al paralitico: Figliuolo, sta' di buon animo, i tuoi peccati ti sono rimessi. 3 9:3 Ed ecco alcuni degli scribi dissero dentro di sè: Costui bestemmia. 4 9:4 E Gesu', conosciuti i loro pensieri, disse: Perchè pensate voi cose malvage ne' vostri cuori? 5 9:5 Poichè, che cos'e' piu' facile, dire: I tuoi peccati ti sono rimessi, o dire: Levati e cammina? 6 9:6 Or affinchè sappiate che il Figliuol dell'uomo ha sulla terra autorita' di rimettere i peccati: Levati (disse al paralitico), proendi il tuo letto e vattene a casa. 7 9:7 Ed egli, levatosi, se ne ando' a casa sua. 8 9:8 E le turbe, veduto cio', furon proese da timore, e glorificarono Iddio che avea data cotale autorita' agli uomini.

9:1 9:1 Gesù, entrato in una barca, passò all'altra riva e venne nella sua città. 2 9:2 Ed ecco gli portarono un paralitico disteso soproa un letto. Gesù, veduta la loro fede, disse al paralitico: 'Figliolo, coraggio, i tuoi peccati ti sono perdonati'. 3 9:3 Ed ecco alcuni scribi pensarono dentro di sè: 'Costui bestemmia'. 4 9:4 Ma Gesù, conosciuti i loro pensieri, disse: 'Perchè pensate cose malvage nei vostri cuori?'. 5 9:5 Infatti, che cos'è più facile, dire: 'I tuoi peccati ti sono perdonati', o dire: 'Alzati e cammina?'. 6 9:6 Ma, affinchè sappiate che il Figlio dell'uomo ha sulla terra autorità di perdonare i peccati: 'Alzati', disse allora al paralitico, 'proendi il tuo letto e vattene a casa'. 7 9:7 Il paralitico si alzò e se ne andò a casa sua. 8 9:8 Visto ciò, la folla fu proesa da timore e glorificò Dio, che aveva dato tale autorità agli uomini.

9:1 9:1 Ed egli, salito sulla barca, passò all’altra riva e venne nella sua città. 2 9:2 Ed ecco, gli fu proesentato un paralitico disteso soproa un letto. e Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: ’Figliolo, fatti animo, i tuoi peccati ti sono perdonati!'. 3 9:3 Allora alcuni scribi dicevano fra sè: ’Costui bestemmia!'. 4 9:4 Ma Gesù, conosciuti i loro pensieri, disse: ’Perchè pensate cose malvagie nei vostri cuori? 5 9:5 Infatti, che cosa è più facile dire: ""I tuoi peccati ti sono perdonati"", oppure: ""Alzati e cammina""? 6 9:6 Ora, affinchè sappiate che il Figlio dell’uomo ha autorità in terra di perdonare i peccati: Alzati (disse al paralitico), proendi il tuo letto e vattene a casa tua!'. 7 9:7 Ed egli, alzatosi, se ne andò a casa sua. 8 9:8 Le folle, veduto ciò, si meravigliavano e glorificavano Dio, che aveva dato tale potere agli uomini.

9:1 Salito su una barca, Gesù passò all'altra riva e giunse nella sua città. 2 Ed ecco, gli portarono un paralitico steso su un letto. Gesù, vista la loro fede, disse al paralitico: ""Coraggio, figliolo, ti sono rimessi i tuoi peccati"". 3 Allora alcuni scribi cominciarono a pensare: ""Costui bestemmia"". 4 Ma Gesù, conoscendo i loro pensieri, disse: ""Perchè mai pensate cose malvagie nel vostro cuore? 5 Che cosa dunque è più facile, dire: Ti sono rimessi i peccati, o dire: Alzati e cammina? 6 Ora, perchè sappiate che il Figlio dell'uomo ha il potere in terra di rimettere i peccati: alzati, disse allora il paralitico, prendi il tuo letto e va' a casa tua"". 7 Ed egli si alzò e andò a casa sua. 8 A quella vista, la folla fu presa da timore e rese gloria a Dio che aveva dato un tale potere agli uomini.

Mappa

Commento di un santo

''Si recarono da lui con un paralitico''. Gli evangelisti raccontano che, fatta un'apertura nel tetto, alcune persone calarono il lettuccio su cui giaceva il paralitico e lo deposero davanti a Cristo, senza chiedere nulla, lasciando che Gesù prendesse l'iniziativa. All'inizio del suo ministero, in tutta la Giudea, era Gesù a fare il primo passo e non esigeva una così grande fede. Ora invece, sono loro ad essere venuti verso di lui e vien chiesta loro una fede coraggiosa e viva. ''Gesù, vista la loro fede'' dice il vangelo, la fede cioè di coloro che avevano portato il paralitico... Anche il malato aveva una grande fede, poichè non si sarebbe lasciato trasportare se non si fosse fidato di Gesù. Davanti a tanta fede, Gesù mostra la sua potenza e, con una autorità divina, perdona i peccati del malato, dando così una prova della sua uguaglianza con suo Padre. Aveva già mostrato tale uguaglianza quando aveva guarito il lebbroso dicendo: ''Lo voglio, guarisci'', quando aveva placato il mare scatenato e quando aveva cacciato i demoni che avevano riconosciuto nella sua persona il loro sovrano e il loro giudice... Ora, la mostra prima senza splendore: infatti non si è affrettato a guarire esternamente colui che gli era stato presentato. Ha cominciato con un miracolo invisibile; ha guarito prima l'anima di quell'uomo perdonandogli i suoi peccati. Certo, questa guarigione era infinitamente più vantaggiosa per quell'uomo, ma portava poca gloria a Cristo. Allora, spinti dalla loro malvagità, alcuni hanno voluto nuocergli; ma così facendo, loro malgrado, hanno reso il miracolo più lampante.

Autore

Crisostomo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-13°giovedi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(mat 9,1-8)}; (Gen 22,1-19)}; (sal 115,1-6.115,8-9)};
E nelle seguenti solennitĂ 
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia