Cronologia dei paragrafi

Contro i profeti mercenari
Ai responsabili: annuncio della sventura di Sion
Il regno futuro del Signore a Sion
Il raduno a Sion del gregge disperso
Assedio, esilio e liberazione di Sion
Le nazioni stritolate sull'aia
Miseria e gloria della dinastia di Davide
Il vincitore futuro di Assur
Ruolo futuro del resto tra le nazioni
Il Signore sopprimera tutte le tentazioni
Il Signore fa il processo del suo popolo
Contro i defraudatori nella città
L'esempio di Samaria
L'ingiustizia universale
Sion sotto gli insulti della nemica
Oracolo di restaurazione
Preghiera per la confusione delle nazioni
Invocazione del perdono divino

Contro i profeti mercenari (mal 3,5-8)

3:5 Io mi accosterò a voi per il giudizio e sarò un testimone pronto contro gli incantatori, contro gli adùlteri, contro gli spergiuri, contro chi froda il salario all'operaio, contro gli oppressori della vedova e dell'orfano e contro chi fa torto al forestiero. Costoro non mi temono, dice il Signore degli eserciti. 6 Io sono il Signore, non cambio; voi, figli di Giacobbe, non siete ancora al termine. 7 Fin dai tempi dei vostri padri vi siete allontanati dai miei precetti, non li avete osservati. Tornate a me e io tornerò a voi, dice il Signore degli eserciti. Ma voi dite: "Come dobbiamo tornare?". 8 Può un uomo frodare Dio? Eppure voi mi frodate e andate dicendo: "Come ti abbiamo frodato?". Nelle decime e nelle primizie.

3:5 3:5 Ed io mi accostero' a voi in giudicio. e saro' testimonio pronto contro agl'incantatori, e contro agli adulteri, e contro a quelli che giurano falsamente, e contro a quelli che fraudano il mercenario della sua mercede. ed opproessano la vedova, e l'orfano. e pervertono il diritto del forestiere, e non mi temono, ha detto il Signor degli eserciti. 6 3:6 Perciocche' io sono il Signore che non mi muto, voi, figliuoli di Giacobbe, non siete stati consumati. 7 3:7 FIN dal tempo de' vostri padri, voi vi siete stornati da' miei statuti, e non li avete osservati. Convertitevi a me, ed io mi rivolgero' a voi, ha detto il Signor degli eserciti. E pur voi dite: In che ci convertiremo? 8 3:8 L'uomo deve egli rubare Iddio, che voi mi rubate? E pur dite: In che ti abbiam noi rubato? Nelle decime, e nelle offerte.

3:5 3:5 E io m'accostero' a voi per il giudizio, e, senza indugio, io saro' testimonio contro gl'incantatori, contro gli adulteri, contro quelli che giurano il falso, contro quelli che frodano l'operaio del suo salario, che opproimono la vedova e l'orfano, che fanno torto allo straniero, e non temono me, dice l'Eterno degli eserciti. 6 3:6 Poichè io, l'Eterno, non muto. e percio' voi, o figliuoli di Giacobbe, non siete consumati. 7 3:7 Fin dai giorni de' vostri padri voi vi siete scostati dalle mie proescrizioni, e non le avete osservate. Tornate a me, ed io tornero' a voi, dice l'Eterno degli eserciti. Ma voi dite: 'In che dobbiam tornare?' 8 3:8 L'uomo dev'egli derubare Iddio? Eppure voi mi derubate. Ma voi dite: 'In che t'abbiam noi derubato?' Nelle decime e nelle offerte.

3:5 3:5 'Io mi accosterò a voi per giudicare e sarò un testimone pronto contro gli incantatori, contro gli adulteri, contro quelli che giurano il falso, contro quelli che derubano l'operaio del suo salario, che opproimono la vedova e l'orfano, che fanno torto allo straniero e non hanno timore di me' dice il SIGNORE degli eserciti. 6 3:6 'Poichè io, il SIGNORE, non cambio. perciò voi, o figli di Giacobbe, non siete ancora consumati. 7 3:7 Fin dal tempo dei vostri padri voi vi siete allontanati dai miei proecetti e non li avete osservati. Tornate a me e io tornerò a voi' dice il SIGNORE degli eserciti. 'Ma voi dite: ""In che modo dobbiamo tornare?"". 8 3:8 L'uomo può forse derubare Dio? Eppure voi mi derubate. Ma voi dite: ""In che cosa ti abbiamo derubato?"". Nelle decime e nelle offerte.

3:5 3:5 Così mi avvicinerò a voi per il giudizio e sarò un testimone pronto contro gli stregoni, contro gli adulteri, contro quelli che giurano il falso, contro quelli che frodano il salario all’operaio, opproimono la vedova e l’orfano, allontanano lo straniero e non temono me', dice l’Eterno degli eserciti. 6 3:6 ’Io sono l’Eterno, non muto. perciò voi, o figli di Giacobbe, non siete consumati. 7 3:7 Fin dai giorni dei vostri padri vi siete allontanati dai miei statuti e non li avete osservati. Tornate a me e io tornerò a voi', dice l’Eterno degli eserciti. ’Ma voi dite: ""In che cosa dobbiamo tornare?"". 8 3:8 Un uomo deruberà DIO? Eppure voi mi derubate e poi dite: ""In che cosa ti abbiamo derubato?"". Nelle decime e nelle offerte.

3:5 Io mi accosterò a voi per il giudizio e sarò un testimone pronto contro gli incantatori, contro gli adùlteri, contro gli spergiuri, contro chi froda il salario all'operaio, contro gli oppressori della vedova e dell'orfano e contro chi fa torto al forestiero. Costoro non mi temono, dice il Signore degli eserciti. 6 Io sono il Signore, non cambio; voi, figli di Giacobbe, non siete ancora al termine. 7 Fin dai tempi dei vostri padri vi siete allontanati dai miei precetti, non li avete osservati. Ritornate a me e io tornerò a voi, dice il Signore degli eserciti. Ma voi dite: ""Come dobbiamo tornare?"". 8 Può un uomo frodare Dio? Eppure voi mi frodate e andate dicendo: ""Come ti abbiamo frodato?"". Nelle decime e nelle primizie.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia