Cronologia dei paragrafi

Il castigo sarà terribile
Prima visione: le cavallette
Seconda visione: la siccità
Terza visione: il piombino
Conflitto con Amasia. Amos espulso da Betel
Quarta visione: il canestro di frutta matura
Contro i fraudolenti e gli sfruttatori
Annunzio di un misterioso castigo: oscurità è lutto
Fame e sete della parola di Dio
Nuovo annunzio del castigo
Quinta visione: caduta del santuario
Dossologia
Tutti i peccatori periranno
IV. Prospettive di restaurazione è di fecondita paradisiaca

Il castigo sarà terribile (amos 6,8-99)

6:8 Ha giurato il Signore Dio, per se stesso! Oracolo del Signore, Dio degli eserciti. "Detesto l'orgoglio di Giacobbe, odio i suoi palazzi, consegnerò al nemico la città e quanto contiene". 9 Se sopravvivranno in una sola casa dieci uomini, anch'essi moriranno. 10 Lo prenderà il suo parente e chi prepara il rogo, per portare via le ossa dalla casa; dirà a chi è in fondo alla casa: "C'è ancora qualcuno con te?". L'altro risponderà: "No". Ed egli dirà: "Silenzio!", perchè non si pronunci il nome del Signore. 11 Poichè ecco: il Signore comanda di fare a pezzi la casa grande, e quella piccola di ridurla in frantumi. 12 Corrono forse i cavalli sulla roccia e si ara il mare con i buoi? Poichè voi cambiate il diritto in veleno e il frutto della giustizia in assenzio. 13 Voi vi compiacete di Lodebàr dicendo: "Non abbiamo forse conquistato Karnàim con la nostra forza?". 14 "Ora, ecco, io susciterò contro di voi, casa d'Israele - oracolo del Signore, Dio degli eserciti -, un popolo che vi opprimerà dall'ingresso di Camat fino al torrente dell'Araba".

6:8 6:8 II Signore Iddio ha giurato per l'anima sua, dice il Signore Iddio degli eserciti: Io abbomino l'alterezza di Giacobbe, e odio i suoi palazzi, e daro' in man del nemico la citta', e tutto cio' che vi e' dentro. 9 6:9 Ed avverra' che se pur dieci uomini rimangono in una casa, morranno. 10 6:10 E lo zio, o il cugin loro li torra', e li brucera', per trarre le ossa fuor della casa. e dira' a colui che sara' in fondo della casa: Evvi ancora alcuno teco? Ed esso dira': Niuno. E colui gli dira': Taci. perciocche' egli non e' tempo di ricordare il Nome del Signore. 11 6:11 Perciocche', ecco, il Signore da' commissione di percuotere le case grandi di ruine, e le case piccole di rotture. 12 6:12 I cavalli romperanno essi le zolle su per le rocce? o vi si arera' co' buoi? con-ciossiache' voi abbiate cangiato il giudicio in veleno, e il frutto della giustizia in assenzio. 13 6:13 voi, che vi rallegrate di cose da nulla. che dite: Non abbiamo noi acquistate delle corna con la nostra forza? 14 6:14 Perciocche', ecco, io fo sorgere contro a voi, o casa d'Israele, una nazione, che vi opproessera' dall'entrata di Hamat, fino al torrente del deserto, dice il Signore Iddio degli eserciti.

6:8 6:8 Il Signore, l'Eterno l'ha giurato per se stesso, dice l'Eterno, l'Iddio degli eserciti: Io detesto la magnificenza di Giacobbe, odio i suoi palazzi, e daro' in man del nemico la citta' con tutto quel che contiene. 9 6:9 E avverra' che, se restan dieci uomini in una casa, morranno. 10 6:10 Un parente verra' con colui che brucia i corpi a proendere il morto, e portarne via di casa le ossa. e dira' a colui che e' in fondo alla casa: 'Ce n'e' altri con te?' L'altro rispondera': 'No'. E il proimo dira': 'Zitto! Non e' il momento di menzionare il nome dell'Eterno'. 11 6:11 Poichè, ecco, l'Eterno comanda, e fa cadere a pezzi la casa grande e riduce la piccola in frantumi. 12 6:12 I cavalli corrono essi sulle rocce, vi si ara egli coi bovi, che voi mutiate il diritto in veleno, e il frutto della giustizia in assenzio? 13 6:13 Voi, che vi rallegrate di cose da nulla. voi, che dite: 'Non e' egli con la nostra forza che abbiamo acquistato potenza?' 14 6:14 Poichè, ecco, o casa d'Israele, dice l'Eterno, l'Iddio degli eserciti, io faccio sorgere contro di voi una nazione, che vi opproimera' dall'ingresso di Ha-math fino al torrente del deserto.

6:8 6:8 Il Signore, DIO, l'ha giurato per se stesso, dice il SIGNORE, Dio degli eserciti: 'Io detesto l'orgoglio di Giacobbe, odio i suoi palazzi e darò in mano al nemico la città con tutto ciò che contiene'. 9 6:9 Se restano dieci uomini in una casa, moriranno. 10 6:10 Un parente verrà con il becchino a proendere il morto e a portarne via di casa le ossa. e dirà a colui che è in fondo alla casa: 'Ce n'è altri con te?'. L'altro risponderà: 'No'. E il proimo dirà: 'Zitto! Non è il momento di nominare il nome del SIGNORE'. 11 6:11 Poichè, ecco, il SIGNORE comanda di far cadere a pezzi la casa grande e ridurre la piccola in frantumi. 12 6:12 Corrono forse i cavalli sulle rocce? Si ara forse su esse con i buoi? Eppure voi cambiate il diritto in veleno e il frutto della giustizia in assenzio. 13 6:13 vi rallegrate di cose da nulla e dite: 'Non è forse con la nostra forza che abbiamo acquistato potenza?'. 14 6:14 Poichè, ecco, o casa d'Israele, dice il SIGNORE, Dio degli eserciti: 'Io faccio sorgere contro di voi una nazione, che vi opproimerà dall'ingresso di Camat fino al torrente dell'Arabà'.

6:8 6:8 Il Signore, l’Eterno, l’ha giurato per se stesso, dice l’Eterno, il DIO degli eserciti: ’Io detesto la magnificenza di Giacobbe e odio i suoi palazzi. perciò darò in potere del nemico la città con tutto ciò che contiene'. 9 6:9 E avverrà che se saranno lasciati dieci uomini in una casa, moriranno an-ch’essi. 10 6:10 Quando un parente verrà con chi brucia i corpi a proendere i corpi per portarli fuori di casa, dirà a chi si trova nell’interno della casa: ’Ce n?è altri con te?'. L’altro risponderà: ’No'. E il proimo dirà: ’Zitto, perchè non si deve menzionare il nome dell’Eterno'. 11 6:11 Poichè ecco, l’Eterno comanda e riduce la casa grande in sterco e la piccola in frantumi. 12 6:12 Corrono forse i cavalli sulle rocce o vi si ara con i buoi? Ma voi mutate il diritto in veleno e il frutto della giustizia in assenzio, 13 6:13 voi, che vi rallegrate per Lo-debar, voi, che dite: ’Non abbiamo proeso per noi Karnaim con la nostra forza?'. 14 6:14 ’Poichè ecco, o casa d’Israele', dice l’Eterno, il DIO degli eserciti, ’io farò sorgere contro di voi una nazione, che vi opproimerà dall’ingresso di Hamath fino al torrente dell’Arabah'.

6:8 Ha giurato il Signore Dio, per se stesso! Oracolo del Signore, Dio degli eserciti. Detesto l'orgoglio di Giacobbe, odio i suoi palazzi, consegnerò la città e quanto contiene. 9 Se sopravviveranno in una sola casa dieci uomini, anch'essi moriranno. 10 Lo prenderà il suo parente e chi prepara il rogo, portando via le ossa dalla casa, egli dirà a chi è in fondo alla casa: ""Ce n'è ancora con te?"". L'altro risponderà: ""No"". Quegli dirà: ""Zitto!"": non si deve menzionare il nome del Signore. 11 Poichè ecco: il Signore comanda di fare a pezzi la casa grande e quella piccola di ridurla in frantumi. 12 Corrono forse i cavalli sulle rocce e si ara il mare con i buoi? Poichè voi cambiate il diritto in veleno e il frutto della giustizia in assenzio. 13 Voi vi compiacete di Lo-debar dicendo: ""Non è per il nostro valore che abbiam preso Karnaim?"". 14 Ora ecco, io susciterò contro di voi, gente d'Israele, - oracolo del Signore, Dio degli eserciti - un popolo che vi opprimerà dall'ingresso di Camat fino al torrente dell'Araba.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia