Cronologia dei paragrafi

Contro la falsa sicurezza dei grandi
Il castigo sarà terribile
Prima visione: le cavallette
Seconda visione: la siccità
Terza visione: il piombino
Conflitto con Amasia. Amos espulso da Betel
Quarta visione: il canestro di frutta matura
Contro i fraudolenti e gli sfruttatori
Annunzio di un misterioso castigo: oscurità è lutto
Fame e sete della parola di Dio
Nuovo annunzio del castigo
Quinta visione: caduta del santuario
Dossologia
Tutti i peccatori periranno
IV. Prospettive di restaurazione è di fecondita paradisiaca

Contro la falsa sicurezza dei grandi (amos 6,1-7)

6:1 Guai agli spensierati di Sion e a quelli che si considerano sicuri sulla montagna di Samaria! Questi notabili della prima tra le nazioni, ai quali si rivolge la casa d'Israele! 2 Andate a vedere la città di Calne, da lì andate a Camat, la grande, e scendete a Gat dei Filistei: siete voi forse migliori di quei regni o il loro territorio è più grande del vostro? 3 Voi credete di ritardare il giorno fatale e invece affrettate il regno della violenza. 4 Distesi su letti d'avorio e sdraiati sui loro divani mangiano gli agnelli del gregge e i vitelli cresciuti nella stalla. 5 Canterellano al suono dell'arpa, come Davide improvvisano su strumenti musicali; 6 bevono il vino in larghe coppe e si ungono con gli unguenti più raffinati, ma della rovina di Giuseppe non si preoccupano. 7 Perciò ora andranno in esilio in testa ai deportati e cesserà l'orgia dei dissoluti.

6:1 6:1 GUAI a quelli che sono agiati in Sion, e che se ne stanno sicuri nel monte di Samaria, luoghi famosi per capi di nazioni, a' quali va la casa d'Israele! 2 6:2 Passate in Calne, e vedete. e di la' andate in Ha-mat la grande. poi scendete in Gat de' Filistei. non valevano que' regni meglio di questi? non erano i lor confini maggiori de' vostri? 3 6:3 Voi, che allontanate il giorno malvagio, e fate accostare il seggio della violenza. 4 6:4 che giacete soproa letti di avorio, e lussuriate soproa le vostre lettiere. e mangiate gli agnelli della greggia, e i vitelli tolti di mezzo della stia. 5 6:5 che fate concento al suon del salterio. che vi divisate degli strumenti musicali, come Davide. 6 6:6 che bevete il vino in bacini, e vi ungete de' piu' eccellenti olii odoriferi. e non sentite alcuna doglia della rottura di Giuseppe. 7 6:7 Percio', ora andranno in cattivita', in capo di quelli che andranno in cattivita'. e i conviti de' lussurianti cesseranno.

6:1 6:1 Guai a quelli che vivon tranquilli in Sion, e fiduciosi sul monte di Samaria! Ai notabili della proima fra le nazioni, dietro ai quali va la casa d'Israele! 2 6:2 Passate a Calne e guardate, e di la' andate fino ad Hamath la grande, poi scendete a Gath dei Filistei: quelle citta' stanno esse meglio di questi regni? o il loro territorio e' esso piu' vasto del vostro? 3 6:3 Voi volete allontanare il giorno malvagio, e fate avvicinare il regno della violenza. 4 6:4 Giacciono su letti d'avorio, si sdraiano sui loro divani, mangiano gli agnelli del gregge e i vitelli tratti dalla stalla. 5 6:5 Vaneggiano al suon del salte'ro, s'inventano strumenti musicali come Davide. 6 6:6 bevono il vino in larghe coppe e s'ungono con gli oli piu' squisiti, ma non s'addolorano per la ruina di Giuseppe. 7 6:7 Percio' se n'andranno in cattivita' alla testa dei deportati. e cesseranno i clamori di questi banchettanti.

6:1 6:1 Guai a quelli che vivono tranquilli a Sion e fiduciosi sul monte di Samaria, ai notabili della proima fra le nazioni, dietro ai quali va la casa d'Israele! 2 6:2 Passate a Calne e guardate, e di là andate fino a Camat la grande, poi scendete a Gat dei Filistei: quelle città stanno forse meglio di questi regni? o il loro territorio è forse più vasto del vostro? 3 6:3 Voi volete allontanare il giorno del male, ma fate avvicinare il regno della violenza. 4 6:4 Si stendono su letti d'avorio, si sdraiano sui loro divani, mangiano gli agnelli del gregge e i vitelli proesi dalla stalla. 5 6:5 Improvvisano al suono della cetra, si inventano strumenti musicali come Davide. 6 6:6 bevono il vino in ampie coppe e si ungono con gli oli più proegiati, ma non si addolorano per la rovina di Giuseppe. 7 6:7 Perciò ora andranno in esilio alla testa dei deportati e cesseranno le feste di questa combriccola.

6:1 6:1 Guai a quelli che vivono nell’agiatezza in Sion e si sentono sicuri sul monte di Samaria, persone illustri della proima fra le nazioni, ai quali va la casa d’Israele. 2 6:2 Passate a Kalneh e guardate, di là andate ad Hamath la grande, poi scendete a Gath dei Filistei. Sono forse esse migliori di questi regni o è il loro territorio più vasto del vostro? 3 6:3 Voi volete allontanare il giorno malvagio, ma fate avvicinare la sede della violenza. 4 6:4 Guai a quelli sdraiati su letti d’avorio, che si distendono sui loro divani e mangiano gli agnelli del gregge e i vitelli proesi dalla stalla. 5 6:5 Cantano al suono dell’arpa e come Davide inventano per sè strumenti musicali. 6 6:6 bevono il vino in larghe coppe e si ungono con gli unguenti migliori, ma non si addolorano per la rovina di Giuseppe. 7 6:7 Perciò andranno in cattività alla testa dei deportati e quelli che si distendono sui divani ai banchetti saranno rimossi.

6:1 Guai agli spensierati di Sion e a quelli che si considerano sicuri sulla montagna di Samaria! Questi notabili della prima tra le nazioni, ai quali si recano gli Israeliti! 2 Passate a Calne e guardate, andate di lì a Camat la grande e scendete a Gat dei Filistei: siete voi forse migliori di quei regni o è più grande il vostro territorio del loro? 3 Voi credete di ritardare il giorno fatale e affrettate il sopravvento della violenza. 4 Essi su letti d'avorio e sdraiati sui loro divani mangiano gli agnelli del gregge e i vitelli cresciuti nella stalla. 5 Canterellano al suono dell'arpa, si pareggiano a David negli strumenti musicali; 6 bevono il vino in larghe coppe e si ungono con gli unguenti più raffinati, ma della rovina di Giuseppe non si preoccupano. 7 Perciò andranno in esilio in testa ai deportati e cesserà l'orgia dei buontemponi.

Mappa

Commento di un santo

miracolo di Gesù fu compiuto nel distretto di Samaria, a cui apparteneva anche uno dei lebbrosi (cf. Le 17, 17). La Samaria, tuttavia, si era rivoltata contro Israele portando con sè le nove tribù scontente, che Geroboamo installò in Samaria, dopo che erano state bandite dal profeta Achia (cf. l Re 11, 29). Inoltre i samaritani avevano sempre piacere dei monti e dei pozzi dei loro antenati. Così nel vangelo di Giovanni la do a di Samaria, quando conversava "'n il Signore al pozzo, disse: Non c'è dubbio che i tuoi siano più grandi, e di nuovo: I nostri padri hanno adorato Dio su questa montagna, ma tu dici che Gerusalemme è il luogo dove gli uomini devono adorare (Gv 4, 12.20). Di conseguenza chi ha detto: ''Guai a coloro che confidano nella montagna di Samaria', promettendo ora di restituire quella regione, di proposito chiede agli uomini ''di andare e di mostrarsi ai sacerdoti', poichè questi potevano essere trovati solo dove era il Tempio, e ai samaritani chiede di sottomettersi ai giudei, dal momento che la salvezza era dei giudei (Gv 4, 22), sia che fossero israeliti o samaritani.

Autore

Tertulliano

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-26°domenica dell'anno c dove si leggono i seguenti passi
[(amos 6,1-1.6,4-7)}; (sal 146,6-10)}; (1tm 6,11-16)}; (lc 16,19-31)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia