Cronologia dei paragrafi

Ma il Signore perdona
Il ritorno dall'esilio
Perversione politica e religiosa di Israele
Contro Giacobbe ed Efraim
Prospettive di riconciliazione
Castigo dell'idolatria
Castigo dell'ingratitudine
Fine del regno
La rovina inevitabile
Ritorno sincero di Israele al Signore

Ma il Signore perdona (os 11,7-9)

11:7 Il mio popolo è duro a convertirsi: chiamato a guardare in alto, nessuno sa sollevare lo sguardo. 8 Come potrei abbandonarti, èfraim, come consegnarti ad altri, Israele? Come potrei trattarti al pari di Adma, ridurti allo stato di Seboìm? Il mio cuore si commuove dentro di me, il mio intimo freme di compassione. 9 Non darò sfogo all'ardore della mia ira, non tornerò a distruggere èfraim, perchè sono Dio e non uomo; sono il Santo in mezzo a te e non verrò da te nella mia ira.

11:7 11:7 Or il mio popolo e' dedito a sviarsi da me. ed egli e' richiamato all'Altissimo. ma non vi e' niuno, di quanti sono, che lo esalti. 8 11:8 O Efraim, come ti daro'. o Israele, come ti mettero' in man de' tuoi nemici? come ti rendero' simile ad Adma, e ti ridurro' nello stato di Seboim? il mio cuore si rivolta sottosoproa in me, tutte le mie compassioni si commuovono. 9 11:9 Io non eseguiro' l'ardor della mia ira, io non tornero' a distruggere Efraim. perciocche' io sono Dio, e non uomo. io sono il Santo in mezzo di te. io non verro' piu' contro alla citta'.

11:7 11:7 Il mio popolo persiste a sviarsi da me. lo s'invita a guardare in alto, ma nessun d'essi alza lo sguardo. 8 11:8 ... Come farei a lasciarti, o Efraim? come farei a darti in mano altrui, o Israele? a renderti simile ad Adma? a ridurti allo stato di Tseboim? Il mio cuore si commuove tutto dentro di me, tutte le mie compassioni s'accendono. 9 11:9 Io non sfoghero' l'ardente mia ira, non distruggero' Efraim di nuovo, perchè sono Dio, e non un uomo, sono il Santo in mezzo a te, e non verro' nel mio furore.

11:7 11:7 Il mio popolo persiste a sviarsi da me. lo s'invita a guardare a chi è in alto, ma nessuno di essi alza lo sguardo. 8 11:8 'Come farei a lasciarti, o Efraim? Come farei a darti in mano altrui, o Israele? Come potrei renderti simile ad Adma e ridurti allo stato di Seboim? Il mio cuore si commuove tutto dentro di me, tutte le mie compassioni si accendono. 9 11:9 Io non sfogherò la mia ira ardente, non distruggerò Efraim di nuovo, perchè sono Dio, e non un uomo, sono il Santo in mezzo a te, e non verrò nel mio furore.

11:7 11:7 Il mio popolo tende ad allontanarsi da me. malgrado invocano l’Altissimo, nessuno di essi lo esalta. 8 11:8 Come potrei abbandonarti, o Efraim, o lasciarti in balìa di altri, o Israele? Come potrei renderti come Admah, o ridurti come Tse-boim? Il mio cuore si commuove dentro di me, le mie compassioni si infiammano tutte. 9 11:9 Non darò sfogo alla mia ira ardente, non distruggerò Efraim di nuovo, perchè sono Dio e non un uomo, il Santo in mezzo a te, e non verrò con ira.

11:7 Il mio popolo è duro a convertirsi: chiamato a guardare in alto nessuno sa sollevare lo sguardo. 8 Come potrei abbandonarti, Efraim, come consegnarti ad altri, Israele? Come potrei trattarti al pari di Adma, ridurti allo stato di Zeboim? Il mio cuore si commuove dentro di me, il mio intimo freme di compassione. 9 Non darò sfogo all'ardore della mia ira, non tornerò a distruggere Efraim, perchè sono Dio e non uomo; sono il Santo in mezzo a te e non verrò nella mia ira.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia