Cronologia dei paragrafi

Daniele nella fossa dei leoni

Daniele nella fossa dei leoni (dan 14,31-99)

14:31 Ed essi lo gettarono nella fossa dei leoni, dove rimase sei giorni. 32 Nella fossa vi erano sette leoni, ai quali venivano dati ogni giorno due cadaveri e due pecore: ma quella volta non fu dato loro niente, perchè divorassero Daniele. 33 Si trovava allora in Giudea il profeta Abacuc, il quale aveva fatto una minestra e aveva spezzettato il pane in un recipiente e ora andava a portarli nel campo ai mietitori. 34 L'angelo del Signore gli disse: "Porta questo cibo a Daniele a Babilonia nella fossa dei leoni". 35 Ma Abacuc rispose: "Signore, Babilonia non l'ho mai vista e la fossa non la conosco". 36 Allora l'angelo del Signore lo prese per la cima della testa e sollevandolo per i capelli lo portò a Babilonia, sull'orlo della fossa dei leoni, con l'impeto del suo soffio. 37 Gridò Abacuc: "Daniele, Daniele, prendi il cibo che Dio ti ha mandato". 38 Daniele esclamò: "Dio, ti sei ricordato di me e non hai abbandonato coloro che ti amano". 39 Alzatosi, Daniele si mise a mangiare. L'angelo di Dio riportò subito Abacuc nella sua terra. 40 Il settimo giorno il re andò per piangere Daniele e, giunto alla fossa, guardò e vide Daniele seduto. 41 Allora esclamò ad alta voce: "Grande tu sei, Signore, Dio di Daniele, e non c'è altro dio all'infuori di te!". 42 Poi fece uscire Daniele dalla fossa e vi fece gettare coloro che volevano la sua rovina, ed essi furono subito divorati sotto i suoi occhi.

14:31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42

14:31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42

14:31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42

14:31 32 33 34 35 36 37 38 39 40 41 42

14:31 Ed essi lo gettarono nella fossa dei leoni, dove rimase sei giorni. 32 Nella fossa vi erano sette leoni, ai quali venivano dati ogni giorno due cadaveri e due pecore: ma quella volta non fu dato loro niente perchè divorassero Daniele. 33 Si trovava allora in Giudea il profeta Abacuc il quale aveva fatto una minestra e spezzettato il pane in un recipiente e andava a portarlo nel campo ai mietitori. 34 L'angelo del Signore gli disse: ""Porta questo cibo a Daniele in Babilonia nella fossa dei leoni"". 35 Ma Abacuc rispose: ""Signore, Babilonia non l'ho mai vista e la fossa non la conosco"". 36 Allora l'angelo del Signore lo prese per i capelli e con la velocità del vento lo trasportò in Babilonia e lo posò sull'orlo della fossa dei leoni. 37 Gridò Abacuc: ""Daniele, Daniele, prendi il cibo che Dio ti ha mandato"". 38 Daniele esclamò: ""Dio, ti sei ricordato di me e non hai abbandonato coloro che ti amano"". 39 Alzatosi, Daniele si mise a mangiare, mentre l'angelo di Dio riportava subito Abacuc nel luogo di prima. 40 Il settimo giorno il re andò per piangere Daniele e giunto alla fossa guardò e vide Daniele seduto. 41 Allora esclamò ad alta voce: ""Grande tu sei, Signore Dio di Daniele, e non c'è altro dio all'infuori di te!"". 42 Poi fece uscire Daniele dalla fossa e vi fece gettare coloro che volevano la sua rovina ed essi furono subito divorati sotto i suoi occhi.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia