Cronologia dei paragrafi

I patriarchi postdiluviani
La discendenza di Terach
Vocazione di Abramo
Abramo in Egitto
Separazione di Abramo e di Lot
La campagna dei quattro re
Melchisedek
Le promesse e l'alleanza
La nascita di Ismaele
L'alleanza e la circoncisione
L'apparizione di Mamre
L'intercessione di Abramo
La distruzione di Sodoma
Origine dei Moabiti e degli Ammoniti
Abramo a Gerar
Nascita di Isacco
Agar e Ismaele cacciati
Abramo e Abimilech a Bersabea
Il sacrificio di Isacco
La discendenza di Nacor
La tomba dei patriarchi
Matrimonio di Isacco
La discendenza di Chetura
Morte di Abramo
La discendenza di Ismaele
Nascita di Esaù e di Giacobbe
Esaù cede il diritto di primogenitura
Isacco a Gerar
I pozzi tra Gerar e Bersabea
Alleanza con Abimelech
Le donne hittite di Esaù
Giacobbe carpisce la benedizione di Isacco
Isacco manda Giacobbe da labano
Altro matrimonio di Esaù
Il sogno di Giacobbe
Giacobbe arriva presso labano
I due matrimoni di Giacobbe
I figli di Giacobbe
Come si è arricchito Giacobbe
Fuga di Giacobbe
labano insegue Giacobbe
Accordo tra Giacobbe e labano
Giacobbe prepara l'incontro con Esaù
La lotta con Dio
Incontro con Esaù
Giacobbe si separa da Esaù
Arrivo a Sichem
Violenza fatta a Dina
Accordo matrimoniale con i Sichemiti
Vendetta di Simeone e di Levi
Giacobbe a Betel
Nascita di Beniamino e morte di Rachele
Incesto di Ruben
I dodici figli di Giacobbe
Morte di Isacco
Mogli e figli di Esaù in Canaan
Migrazione di Esaù
Discendenza di Esaù in Seir
I Capi di Edom
Discendenza di Seir l'Hurrita
I re di Edom
Ancora i capi di Edom
Giuseppe e i suoi fratelli
Giuseppe venduto dai fratelli
Storia di Giuda e di Tamar
Primi successi di Giuseppe in Egitto
Giuseppe e la seduttrice
Giuseppe in prigione
Giuseppe interpreta i sogni degli ufficiali del Faraone
I sogni del Faraone
Promozione di Giuseppe
I figli di Giacobbe
Primo incontro di Giusepe con i suoi fratelli
Ritorno dei figli di Giacobbe in Canaan
I figli di Giacobbe ripartono con Beniamino
L'incontro presso Giuseppe
La coppa di Giuseppe nel sacco di Beniamino
L'intervento di Giuda
Giuseppe si fa riconoscere
L'invito del Faraone
Il ritorno in Canaan
Partenza di Giacobbe per l'Egitto
La famiglia di Giacobbe
L'accoglienza di Giuseppe
L'udienza del Faraone
Altro racconto
Politica agraria di Giuseppe
Ultime volontà di Giacobbe
Giacobbe adotta e benedice i due figli di Giuseppe
Benedizioni di Giacobbe
Ultimi momenti e morte di Giacobbe
Funerali di Giacobbe
Dalla morte di Giacobbe alla morte di Giuseppe

I patriarchi postdiluviani (gen 11,1-16)

11:1 Tutta la terra aveva un'unica lingua e uniche parole. 2 Emigrando dall'oriente, gli uomini capitarono in una pianura nella regione di Sinar e vi si stabilirono. 3 Si dissero l'un l'altro: "Venite, facciamoci mattoni e cuociamoli al fuoco". Il mattone servì loro da pietra e il bitume da malta. 4 Poi dissero: "Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo, e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra". 5 Ma il Signore scese a vedere la città e la torre che i figli degli uomini stavano costruendo. 6 Il Signore disse: "Ecco, essi sono un unico popolo e hanno tutti un'unica lingua; questo è l'inizio della loro opera, e ora quanto avranno in progetto di fare non sarà loro impossibile. 7 Scendiamo dunque e confondiamo la loro lingua, perchè non comprendano più l'uno la lingua dell'altro". 8 Il Signore li disperse di là su tutta la terra ed essi cessarono di costruire la città. 9 Per questo la si chiamò Babele, perchè là il Signore confuse la lingua di tutta la terra e di là il Signore li disperse su tutta la terra. 10 Questa è la discendenza di Sem: Sem aveva cento anni quando generò Arpacsàd, due anni dopo il diluvio; 11 Sem, dopo aver generato Arpacsàd, visse cinquecento anni e generò figli e figlie. 12 Arpacsàd aveva trentacinque anni quando generò Selach; 13 Arpacsàd, dopo aver generato Selach, visse quattrocentotrè anni e generò figli e figlie. 14 Selach aveva trent'anni quando generò Eber; 15 Selach, dopo aver generato Eber, visse quattrocentotrè anni e generò figli e figlie. 16 Eber aveva trentaquattro anni quando generò Peleg;

11:1 11:1 OR tutta la terra era d'una favella e di un linguaggio. 2 11:2 Ed avvenne che, partendosi gli uomini di Oriente, trovarono una pianura nel paese di Sinear, e quivi si posarono. 3 11:3 E dissero l'uno all'altro: Or su, facciamo de' mattoni, e cociamoli col fuoco. I mattoni adunque furono loro in vece di pietre, e il bitume in vece di malta. 4 11:4 Poi dissero: Or su, edifichiamoci una citta', ed una torre, la cui sommita' giunga fino al cielo, ed acquistiamoci fama. che talora noi non siamo dispersi soproa la faccia di tutta la terra. 5 11:5 E il Signore discese, per veder la citta' e la torre che i figliuoli degli uomini edificavano. 6 11:6 E il Signore disse: Ecco un medesimo popolo, ed essi tutti hanno un medesimo linguaggio, e questo e' il cominciamelo del lor lavoro, ed ora tutto cio' che hanno disegnato di fare, non sara' loro divietato. 7 11:7 Or su, scendiamo e confondiamo ivi la lor favella. acciocche' l'uno non intenda la favella dell'altro. 8 11:8 E il Signore li disperse di la' soproa la faccia di tutta la terra. ed essi cessarono di edificar la citta'. 9 11:9 Percio' essa fu nominata Babilonia. perciocche' il Signore confuse quivi la favella di tutta la terra, e disperse coloro di la' soproa la faccia di tutta la terra. 10 11:10 QUESTE sono le generazioni di Sem: Sem, essendo d'eta' di cent'anni, genero' Arfacsad, due anni dopo il diluvio. 11 11:11 E Sem, dopo ch'ebbe generato Arfacsad, visse cinquecent'anni, e genero' figliuoli e figliuole. 12 11:12 Ed Arfacsad, essendo vivuto trentacinque anni, genero' Sela. 13 11:13 Ed Arfacsad, dopo ch'egli ebbe generato Sela, visse quattrocentotre anni, e genero' figliuoli e figliuole. 14 11:14 E Sela, essendo vivuto trent'anni, genero' Eber. 15 11:15 E Sela, dopo ch'ebbe generato Eber, visse quattro-centotre anni, e genero' figliuoli e figliuole. 16 11:16 Ed Eber, essendo vivuto trentaquattr'anni, genero' Peleg.

11:1 11:1 Or tutta la terra parlava la stessa lingua e usava le stesse parole. 2 11:2 E avvenne che, essendo partiti verso l'Oriente, gli uomini trovarono una pianura nel paese di Scinear, e quivi si stanziarono. 3 11:3 E dissero l'uno all'altro: 'Orsu', facciamo de' mattoni e cociamoli col fuoco!' E si valsero di mattoni invece di pietre, e di bitume invece di calcina. 4 11:4 E dissero: 'Orsu', edifichiamoci una citta' e una torre di cui la cima giunga fino al cielo, e acquistiamoci fama, onde non siamo dispersi sulla faccia di tutta la terra'. 5 11:5 E l'Eterno discese per vedere la citta' e la torre che i figliuoli degli uomini edificavano. 6 11:6 E l'Eterno disse: 'Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti il medesimo linguaggio. e questo e' il proincipio del loro lavoro. ora nulla li impedira' di condurre a termine cio' che disegnano di fare. 7 11:7 Orsu', scendiamo e confondiamo quivi il loro linguaggio, sicchè l'uno non capisca il parlare dell'altro!' 8 11:8 Cosi' l'Eterno li disperse di la' sulla faccia di tutta la terra, ed essi cessarono di edificare la citta'. 9 11:9 Percio' a questa fu dato il nome di Babel perchè l'Eterno confuse quivi il linguaggio di tutta la terra, e di la' l'Eterno li disperse sulla faccia di tutta la terra. 10 11:10 Questa e' la posterita' di Sem. Sem, all'eta' di cent'anni, genero' Arpacshad, due anni dopo il diluvio. 11 11:11 E Sem, dopo ch'ebbe generato Arpacshad, visse cinquecent'anni e genero' figliuoli e figliuole. 12 11:12 Arpacshad visse trentacinque anni e genero' Sce-lah. e Arpacshad, dopo aver generato Scelah, 13 11:13 visse quattrocentotre anni e genero' figliuoli e figliuole. 14 11:14 Scelah visse trent'anni e genero' Eber. 15 11:15 e Scelah, dopo aver generato Eber, visse quattrocentotre anni e genero' figliuoli e figliuole. 16 11:16 Eber visse trentaquat-tro anni e genero' Peleg.

11:1 11:1 Tutta la terra parlava la stessa lingua e usava le stesse parole. 2 11:2 Dirigendosi verso l'Oriente, gli uomini capitarono in una pianura nel paese di Scinear, e ló si stanziarono. 3 11:3 Si dissero l'un l'altro: 'Venite, facciamo dei mattoni cotti con il fuoco!'. Essi adoperarono mattoni anzichè pietre, e bitume invece di calce. 4 11:4 Poi dissero: 'Venite, costruiamoci una cittó e una torre la cui cima giunga fino al cielo. acquistiamoci fama, affinchè non siamo dispersi sulla faccia di tutta la terra'. 5 11:5 Il SIGNORE discese per vedere la cittó e la torre che i figli degli uomini costruivano. 6 11:6 Il SIGNORE disse: 'Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola. questo è il proincipio del loro lavoro. ora nulla impediró loro di condurre a termine ciò che intendono fare. 7 11:7 Scendiamo dunque e confondiamo il loro linguaggio, perchè l'uno non capisca la lingua dell'altro!'. 8 11:8 Cosò il SIGNORE li disperse di ló su tutta la faccia della terra ed essi cessarono di costruire la cittó. 9 11:9 Perciò a questa fu dato il nome di Babel, perchè ló il SIGNORE confuse la lingua di tutta la terra e di ló li disperse su tutta la faccia della terra. 10 11:10 Questa è la discendenza di Sem. Sem, all'etó di cento anni, generò Arpacsad, due anni dopo il diluvio. 11 11:11 Sem, dopo aver generato Arpacsad, visse cinquecento anni e generò figli e figlie. 12 11:12 Arpacsad visse trenta-cinque anni e generò Sela. 13 11:13 Arpacsad, dopo aver generato Sela, visse quattro-centotrè anni e generò figli e figlie. 14 11:14 Sela visse trent'anni e generò Eber. 15 11:15 Sela, dopo aver generato Eber, visse quattrocen-totrè anni e generò figli e figlie. 16 11:16 Eber visse trentaquat-tro anni e generò Peleg.

11:1 11:1 Or tutta la terra parlava la stessa lingua e usava le stesse parole. 2 11:2 E avvenne che, mentre si spostavano verso sud, essi trovarono una pianura nel paese di Scinar, e vi si stabilirono. 3 11:3 E si dissero l’un l’altro: ’Orsù, facciamo dei mattoni e cuociamo/i col fuoco!'. E usarono mattoni invece di pietre e bitume invece di malta. 4 11:4 E dissero: ’Orsù, costruiamoci una cittó e una torre la cui cima giunga fino al cielo, e facciamoci un nome, per non essere dispersi sulla faccia di tutta la terra'. 5 11:5 Ma l’Eterno discese per vedere la cittó e la torre che i figli degli uomini stavano costruendo. 6 11:6 E l’Eterno disse: ’Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti la medesima lingua. e questo è quanto essi hanno cominciato a fare. ora nulla impediró loro di condurre a termine ciò che intendono fare. 7 11:7 Orsù, scendiamo laggiù e confondiamo la loro lingua, affinchè l’uno non comproenda più il parlare dell’altro'. 8 11:8 Così l’Eterno li disperse di ló sulla faccia di tutta la terra, ed essi cessarono di costruire la cittó. 9 11:9 Perciò a questa fu dato il nome di Babele, perchè l’Eterno coló confuse la lingua di tutta la terra, e di ló l’Eterno li disperse sulla faccia di tutta la terra. 10 11:10 Questa è la discendenza di Sem. Sem, all’etó di cent’anni generò Arpakshad, due anni dopo il diluvio. 11 11:11 Dopo aver generato Arpakshad, Sem visse cinquecento anni e generò figli e figlie. 12 11:12 Arpakshad visse trentacinque anni e generò Scelah. 13 11:13 Dopo aver generato Scelah, Arpakshad visse quattrocentotre anni e generò figli e figlie. 14 11:14 Scelah visse trent’anni e generò Eber. 15 11:15 Dopo aver generato Eber, Scelah visse quattro-centotre anni e generò figli e figlie. 16 11:16 Eber visse trentaquat-tro anni e generò Peleg.

11:1 Tutta la terra aveva una sola lingua e le stesse parole. 2 Emigrando dall'oriente gli uomini capitarono in una pianura nel paese di Sennaar e vi si stabilirono. 3 Si dissero l'un l'altro: "Venite, facciamoci mattoni e cuociamoli al fuoco". Il mattone servì loro da pietra e il bitume da cemento. 4 Poi dissero: "Venite, costruiamoci una città e una torre, la cui cima tocchi il cielo e facciamoci un nome, per non disperderci su tutta la terra". 5 Ma il Signore scese a vedere la città e la torre che gli uomini stavano costruendo. 6 Il Signore disse: "Ecco, essi sono un solo popolo e hanno tutti una lingua sola; questo è l'inizio della loro opera e ora quanto avranno in progetto di fare non sarà loro impossibile. 7 Scendiamo dunque e confondiamo la loro lingua, perchè non comprendano più l'uno la lingua dell'altro". 8 Il Signore li disperse di là su tutta la terra ed essi cessarono di costruire la città. 9 Per questo la si chiamò Babele, perchè là il Signore confuse la lingua di tutta la terra e di là il Signore li disperse su tutta la terra. 10 Questa è la discendenza di Sem: Sem aveva cento anni quando generò Arpacsad, due anni dopo il diluvio; 11 Sem, dopo aver generato Arpacsad, visse cinquecento anni e generò figli e figlie. 12 Arpacsad aveva trentacinque anni quando generò Selach; 13 Arpacsad, dopo aver generato Selach, visse quattrocentotrè anni e generò figli e figlie. 14 Selach aveva trent'anni quando generò Eber; 15 Selach, dopo aver generato Eber, visse quattrocentotrè anni e generò figli e figlie. 16 Eber aveva trentaquattro anni quando generò Peleg;

Mappa

Commento di un santo

Anche nel passo in questione potè essere indicata la Trinità nel senso che il Padre disse al Figlio e allo Spirito Santo: Suvvia, col discendere confondiamo adesso la loro lingua 39. E v'è qualcosa che impedisce di pensare agli angeli perchè ad essi compete piuttosto di andare a Dio con santi impulsi, cioè con devoti pensieri, con i quali da essi si consulta l'immutabile Verità che è come la legge eterna nella loro curia del cielo. Essi non sono verità a se stessi ma, partecipi della Verità che crea, si muovono a lei come a una sorgente di vita in modo da attingere da essa ciò che non compete al loro essere. E questo movimento con cui vanno è stabile perchè non si allontanano più.

Autore

Agostino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

ordinario

-6°venerdi dell'anno dispari dove si leggono i seguenti passi
[(Gen 11,1-9)}; (sal 33,1-15)}; (mc 8,34-38.9,1-1)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia