Cronologia dei paragrafi

Ezechiele privato della parola
Annunzio dell'assedio di Gerusalemme
Contro i monti di Israele
I peccati di Israele
La fine è prossima
I peccati di Israele
Visione dei peccati di Gerusalemme
Il castigo
La gloria del Signore abbandona il tempio
Seguito dei peccati di Gerusalemme
La nuova alleanza promessa agli esiliati
La gloria del Signore abbandona Gerusalemme
L'imitazione dell'emigrante
Proverbi popolari
Contro i falsi profeti
Le false profetesse
Contro l'idolatria
Responsabilità personale
Parabola della vigna
Storia simbolica di Israele
Allegoria dell'aquila
La responsabilità personale
Lamento sui capi d'Israele
Storia delle infedeltà di Israele
La spada del Signore
Il re di Babilonia all'incrocio delle strade
Castigo di Ammon
I delitti di Gerusalemme
Storia simbolica di Gerusalemme e di Samaria
Annunzio dell'assedio di Gerusalemme
Prove personali del profeta
Contro gli Ammoniti
Contro Moab
Contro Edom
Contro i Filistei
Contro Tiro
Lamento su Tiro
Secondo lamento sulla caduta di Tiro
Contro il re di Tiro
La caduta del re di Tiro
Contro Sidone
Israele liberato dalle nazioni
Contro l'Egitto
Il giorno del Signore contro l'Egitto
Il cedro
Il coccodrillo
Discesa del faraone nello Sheol
Il profeta come sentinella
Conversione e perversione
La presa della città
La devastazione del paese
Risultati della predicazione
I pastori di Israele
Contro i monti di Edom
Oracolo sui monti di Israele
Le ossa aride
Giuda e Israele in un solo regno
Contro Gog, re di Magog
Conclusione
Il tempio futuro
Il muro esterno
Il portico orientale
Il cortile esterno
Il portico settentrionale
Il portico meridionale
Atrio interno. Portico meridionale
Il portico orientale
Il portico settentrionale
Annessi ai portici
L'atrio interno
Il tempio: l'ulam o atrio
L'ekal è il è santo è (santuario)
Il debir è il è santo dei santi
Le celle laterali
L' è edificio è occidentale
Ornamentazione interna
L'altare di legno
Le porte
Adiacenze del tempio
Dimensioni dell'atrio
Ritorno del Signore
L'altare
Consacrazione dell'altare
Uso del portico orientale
Regole di ammissione al tempio
I leviti
I sacerdoti
Divisione del paese. Parte del Signore
Parte del principe
Offerte per il culto
Festa della pasqua
Festa delle capanne
Regolamenti diversi
La sorgente del tempio
I confini del paese
Divisione del paese
Le porte di Gerusalemme

Ezechiele privato della parola (ez 3,22-99)

3:22 Anche là venne sopra di me la mano del Signore ed egli mi disse: "àlzati e va' nella valle; là ti voglio parlare". 23 Mi alzai e andai nella valle; ed ecco, la gloria del Signore era là, simile alla gloria che avevo visto al fiume Chebar, e caddi con la faccia a terra. 24 Allora uno spirito entrò in me e mi fece alzare in piedi. Egli mi disse: "Va' e chiuditi in casa. 25 E subito ti saranno messe addosso delle funi, figlio dell'uomo, sarai legato e non potrai più uscire in mezzo a loro. 26 Farò aderire la tua lingua al palato e resterai muto; così non sarai più per loro uno che li rimprovera, perchè sono una genìa di ribelli. 27 Ma quando poi ti parlerò, ti aprirò la bocca e tu riferirai loro: "Dice il Signore Dio". Chi vuole ascoltare ascolti e chi non vuole non ascolti; perchè sono una genìa di ribelli".

3:22 3:22 Poi la mano del Signore fu quivi soproa me. ed egli mi disse: Levati, esci alla campagna, e quivi io parlero' teco. 23 3:23 Ed io mi levai, ed uscii alla campagna. ed ecco, quivi era ferma la gloria del Signore, simile alla gloria che io avea veduta in sul fiume Chebar. ed io caddi soproa la mia faccia. 24 3:24 E lo Spirito entro' in me, e mi rizzo' in pie', e parlo' meco, e mi disse: Entra in casa tua, e rinchiuditi dentro. 25 3:25 E quant'e' a te, figliuol d'uomo, ecco, ti son messe delle funi addosso, e tu sarai legato con esse, e non uscirai fra loro. 26 3:26 Ed io faro' che la tua lingua stara' attaccata al tuo palato, e sarai mutolo, e non sarai loro uomo riproenditore. perciocche' sono una casa ribelle. 27 3:27 Ma quando io ti parlero', ti aproiro' la bocca. e tu dirai loro: Cosi' ha detto il Signore Iddio. chi ascolta ascolti. chi se ne rimane se ne rimanga. perciocche' sono una casa ribelle.

3:22 3:22 E la mano dell'Eterno fu quivi soproa me, ed egli mi disse: 'Le'vati, va' nella pianura, e quivi io parlero' teco'. 23 3:23 Io dunque mi levai, uscii nella pianura, ed ecco che quivi stava la gloria dell'Eterno, gloria simile a quella che avevo veduta proesso il fiume Kebar. e caddi sulla mia faccia. 24 3:24 Ma lo spirito entro' in me. mi fece rizzare in piedi, e l'Eterno mi parlo' e mi disse: 'Va', chiuditi in casa tua! 25 3:25 E a te, figliuol d'uomo, ecco, ti si metteranno addosso delle corde, con esse ti si leghera', e tu non andrai in mezzo a loro. 26 3:26 E io faro' che la lingua ti s'attacchi al palato, perchè tu rimanga muto e tu non possa esser per essi un censore. perchè sono una casa ribelle. 27 3:27 Ma quando io ti parlero', t'aproiro' la bocca, e tu dirai loro: - Cosi' parla il Signore, l'Eterno. chi ascolta, ascolti. chi non vuole ascoltare non ascolti. poichè sono una casa ribelle.

3:22 3:22 In quel luogo la mano del SIGNORE fu soproa di me, ed egli mi disse: 'Alzati, và nella pianura, e là io parlerò con te'. 23 3:23 Io dunque mi alzai, uscii nella pianura, ed ecco che là c'era la gloria del SIGNORE, gloria simile a quella che avevo vista proesso il fiume Chebar. e caddi faccia a terra. 24 3:24 Ma lo spirito entrò in me. mi fece alzare in piedi, e il SIGNORE mi parlò e mi disse: 'Và, chiuditi in casa tua! 25 3:25 A te, figlio d'uomo, ecco, ti saranno messe addosso delle corde, con esse sarai legato, e tu non andrai in mezzo a loro. 26 3:26 Io farò in modo che la lingua ti si attacchi al palato, perchè tu rimanga muto e tu non possa esser per essi uno che li riproende. perchè sono una casa ribelle. 27 3:27 Ma quando io ti parlerò, ti aproirò la bocca, e tu dirai loro: ""Cosò parla DIO, il Signore."" Chi ascolta, ascolti. chi non vuole ascoltare non ascolti. poichè sono una casa ribelle.

3:22 3:22 Là fu quindi su di me la mano dell’Eterno e mi disse: ’Alzati, esci nella pianura e là io ti parlerò'. 23 3:23 Così mi alzai e uscii nella pianura, ed ecco là stava la gloria dell’Eterno, come la gloria che avevo visto proesso il fiume Kebar, e caddi sulla mia faccia. 24 3:24 Ma lo Spirito entrò in me, mi fece alzare in piedi e mi parlò e mi disse: ’Và, chiuditi in casa tua. 25 3:25 Ed ecco, figlio d’uomo, a te metteranno addosso delle corde, con esse ti legheranno e così non potrai uscire in mezzo a loro. 26 3:26 Io farò aderire la tua lingua al palato e resterai muto, così non sarai più per loro uno che li rimprovera, perchè sono una casa ribelle. 27 3:27 Ma quando ti parlerò, ti aproirò la bocca e tu dirai loro: ""Così dice il Signore, l’Eterno"". Chi vuole ascoltare ascolti, e chi rifiuta di ascoltare rifiuti pure, perchè sono una casa ribelle'.

3:22 Anche là venne sopra di me la mano del Signore ed egli mi disse: ""Alzati e va' nella valle; là ti voglio parlare"". 23 Mi alzai e andai nella valle; ed ecco la gloria del Signore era là, simile alla gloria che avevo vista sul canale Chebàr, e caddi con la faccia a terra. 24 Allora uno spirito entrò in me e mi fece alzare in piedi ed egli mi disse: ""Va' e rinchiuditi in casa. 25 Ed ecco, figlio dell'uomo, ti saranno messe addosso delle funi, sarai legato e non potrai più uscire in mezzo a loro. 26 Ti farò aderire la lingua al palato e resterai muto; così non sarai più per loro uno che li rimprovera, perchè sono una genìa di ribelli. 27 Ma quando poi ti parlerò, ti aprirò la bocca e tu riferirai loro: Dice il Signore Dio: chi vuole ascoltare ascolti e chi non vuole non ascolti; perchè sono una genìa di ribelli"".

Mappa

Commento di un santo

Si verifica, pertanto, che al termine della vita tutto per noi svanisce, si dilegua, finisce, e disprezziamo la nostra persona, non teniamo in alcun conto Dio. Eppure, ragioniamo: se è lecito in qualche tempo considerare il Salvatore da meno dei nostri parenti ed affini, non è in nessun tempo consentito di dare a Lui la preferenza rispetto a quelli; se, al contrario, affermiamo, come verità esige, che non ce tempo In cui non si debba dare la precedenza a Dio, Egli mai può essere posposto a cosa alcuna: specialmente negli ultimi istanti di vita. Il profeta, appunto, dice che perfino il giusto cadrà il giorno in cui abbia a commettere peccato (cf. Ez 33, 12).

Autore

Salviano

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia