Cronologia dei paragrafi

Terza lamentazione
Quarta lamentazione
Quinta lamentazione

Terza lamentazione (lam 3,1-99)

3:1 Io sono l'uomo che ha provato la miseria sotto la sferza della sua ira. 2 Egli mi ha guidato, mi ha fatto camminare nelle tenebre e non nella luce. 3 Sì, contro di me egli volge e rivolge la sua mano tutto il giorno. 4 Egli ha consumato la mia carne e la mia pelle, ha rotto le mie ossa. 5 Ha costruito sopra di me, mi ha circondato di veleno e di affanno. 6 Mi ha fatto abitare in luoghi tenebrosi come i morti da gran tempo. 7 Mi ha costruito un muro tutt'intorno, non posso più uscire; ha reso pesanti le mie catene. 8 Anche se grido e invoco aiuto, egli soffoca la mia preghiera. 9 Ha sbarrato le mie vie con blocchi di pietra, ha ostruito i miei sentieri. 10 Era per me un orso in agguato, un leone in luoghi nascosti. 11 Seminando di spine la mia via, mi ha lacerato, mi ha reso desolato. 12 Ha teso l'arco, mi ha posto come bersaglio alle sue saette. 13 Ha conficcato nei miei reni le frecce della sua faretra. 14 Sono diventato lo scherno di tutti i popoli, la loro beffarda canzone tutto il giorno. 15 Mi ha saziato con erbe amare, mi ha dissetato con assenzio. 16 Ha spezzato i miei denti con la ghiaia, mi ha steso nella polvere. 17 Sono rimasto lontano dalla pace, ho dimenticato il benessere. 18 E dico: "è scomparsa la mia gloria, la speranza che mi veniva dal Signore". 19 Il ricordo della mia miseria e del mio vagare è come assenzio e veleno. 20 Ben se ne ricorda la mia anima e si accascia dentro di me. 21 Questo intendo richiamare al mio cuore, e per questo voglio riprendere speranza. 22 Le grazie del Signore non sono finite, non sono esaurite le sue misericordie. 23 Si rinnovano ogni mattina, grande è la sua fedeltà. 24 "Mia parte è il Signore - io esclamo -, per questo in lui spero". 25 Buono è il Signore con chi spera in lui, con colui che lo cerca. 26 è bene aspettare in silenzio la salvezza del Signore. 27 è bene per l'uomo portare un giogo nella sua giovinezza. 28 Sieda costui solitario e resti in silenzio, poichè egli glielo impone. 29 Ponga nella polvere la bocca, forse c'è ancora speranza. 30 Porga a chi lo percuote la sua guancia, si sazi di umiliazioni. 31 Poichè il Signore non respinge per sempre. 32 Ma, se affligge, avrà anche pietà secondo il suo grande amore. 33 Poichè contro il suo desiderio egli umilia e affligge i figli dell'uomo. 34 Schiacciano sotto i loro piedi tutti i prigionieri del paese. 35 Ledono i diritti di un uomo davanti al volto dell'Altissimo. 36 Opprimono un altro in una causa. Forse il Signore non vede tutto questo? 37 Chi mai ha parlato e la sua parola si è avverata, senza che il Signore lo avesse comandato? 38 Dalla bocca dell'Altissimo non procedono forse le sventure e il bene? 39 Perchè si rammarica un essere vivente, un uomo, per i castighi dei suoi peccati? 40 "Esaminiamo la nostra condotta e scrutiamola, ritorniamo al Signore. 41 Innalziamo i nostri cuori al di sopra delle mani, verso Dio nei cieli. 42 Noi abbiamo peccato e siamo stati ribelli, e tu non ci hai perdonato. 43 Ti sei avvolto nell'ira e ci hai perseguitati, hai ucciso senza pietà. 44 Ti sei avvolto in una nube, perchè la supplica non giungesse fino a te. 45 Ci hai ridotti a spazzatura e rifiuto in mezzo ai popoli. 46 Hanno spalancato la bocca contro di noi tutti i nostri nemici. 47 Nostra sorte sono terrore e fossa, sterminio e rovina". 48 Rivoli di lacrime scorrono dai miei occhi, per la rovina della figlia del mio popolo. 49 Il mio occhio piange senza sosta perchè non ha pace, 50 finchè non guardi e non veda il Signore dal cielo. 51 Il mio occhio mi tormenta per tutte le figlie della mia città. 52 Mi hanno dato la caccia come a un passero coloro che mi odiano senza ragione. 53 Mi hanno chiuso vivo nella fossa e hanno gettato pietre su di me. 54 Sono salite le acque fin sopra il mio capo; ho detto: "è finita per me". 55 Ho invocato il tuo nome, o Signore, dalla fossa profonda. 56 Tu hai udito il mio grido: "Non chiudere l'orecchio al mio sfogo". 57 Tu eri vicino quando t'invocavo, hai detto: "Non temere!". 58 Tu hai difeso, Signore, la mia causa, hai riscattato la mia vita. 59 Hai visto, o Signore, la mia umiliazione, difendi il mio diritto! 60 Hai visto tutte le loro vendette, tutte le loro trame contro di me. 61 Hai udito, Signore, i loro insulti, tutte le loro trame contro di me. 62 I discorsi dei miei oppositori e i loro pensieri sono contro di me tutto il giorno. 63 Osserva quando siedono e quando si alzano; io sono la loro beffarda canzone. 64 Ripagali, o Signore, secondo l'opera delle loro mani. 65 Rendili duri di cuore, sia su di loro la tua maledizione! 66 Perseguitali nell'ira, Signore, e distruggili sotto il cielo.

3:1 3:1 IO son l'uomo che ha veduta afflizione, Per la verga dell'indegnazion del Signore. 2 3:2 Egli mi ha condotto, e fatto camminar nelle tenebre, E non nella luce. 3 3:3 Certo, egli mi ritorna addosso, E rivolge la sua mano contro a me tuttodi'. 4 3:4 Egli ha fatta invecchiar la mia carne, e la mia pelle. Egli mi ha fiaccate le ossa. 5 3:5 Egli ha fatti degli edifi-cii contro a me, E mi ha intorniato di tosco e di affanno. 6 3:6 Egli mi ha fatto dimorare in luoghi tenebrosi, A guisa di quelli che son morti gia' da lungo tempo. 7 3:7 Egli mi ha assiepato d'ogn'intorno, si' che non posso uscire. Egli ha aggravati i miei ceppi. 8 3:8 Eziandio quando grido e sclamo, Egli chiude il passo alla mia orazione, 9 3:9 Egli ha chiuse le mie vie di pietre conce a scarpello, Ha rinvolti i miei sentieri. 10 3:10 Egli mi e' stato un orso all'agguato, Un leone ne' suoi nascondimenti. 11 3:11 Egli ha traviate le mie vie, Mi ha tagliato a pezzi, mi ha renduto desolato. 12 3:12 Egli ha teso l'arco suo, E mi ha posto come un bersaglio incontro alle saette. 13 3:13 Egli mi ha fitti nelle reni Gli strali del suo turcasso. 14 3:14 Io sono in derisione a tutti i popoli, E son la lor canzone tuttodi'. 15 3:15 Egli mi ha saziato di amaritudini, Mi ha inebbria-to di assenzio. 16 3:16 Egli mi ha stritolati i denti con della ghiaia, Mi ha voltolato nella cenere. 17 3:17 E tu hai allontanata l'anima mia dalla pace, Ed io ho dimenticato il bene. 18 3:18 E ho detto: Il Signore ha fatta perire la mia forza, E la mia speranza. 19 3:19 Ricordati della mia afflizione, E del mio esilio. del tosco e dell'assenzio. 20 3:20 L'anima mia se ne ricorda del continuo, E se ne abbatte in me. 21 3:21 Questo mi torna alla mente, Percio' sperero' ancora. 22 3:22 Se non siamo stati del tutto consumati, e' per le benignita' del Signore. Per-ciocche' le sue misericordie non son venute meno. 23 3:23 Si rinnovano ogni mattina. La tua lealta' e' grande. 24 3:24 Il Signore e' la mia parte, ha detto l'anima mia. Percio' sperero' in lui. 25 3:25 Il Signore e' buono a quelli che l'aspettano, All'anima che lo ricerca. 26 3:26 Buona cosa e' di aspettare in silenzio La salute del Signore. 27 3:27 Buona cosa e' all'uomo di portare il giogo Nella sua giovanezza. 28 3:28 Sieda egli pur solitario, ed in silenzio, Se Dio gliel'ha imposto! 29 3:29 Metta pur la sua bocca nella polvere! Forse, ci sara' ancora speranza. 30 3:30 Porga pur la guancia a chi lo percuote. Si sazi pur di vituperio! 31 3:31 Poichà il Signore non rigetta in perpetuo. 32 3:32 Anzi, se affligge, ha altresi' compassione, Secondo la moltitudine delle sue benignita'. 33 3:33 Perciocchà s'egli affligge, E addolora i figliuoli degli uomini, Non lo fa volentieri. 34 3:34 Mentre altri trita sotto i suoi piedi Tutti i proigioni della terra. 35 3:35 Mentre altri pervertisce la ragion dell'uomo, Nel cospetto dell'Altissimo. 36 3:36 Mentre altri fa torto all'uomo nella sua lite. Il Signore nol vede egli? 37 3:37 Chi e' colui che abbia detta qualche cosa, e quella sia avvenuta, Che il Signore non l'abbia comandata? 38 3:38 Non procedono i mali ed i beni Dalla bocca dell'Altissimo? 39 3:39 Perchà si rammarica l'uomo vivente? Perche' si rammarica l'uomo della pena del suo peccato? 40 3:40 Esaminiamo le nostre vie, E ricerchiamole e convertiamoci al Signore. 41 3:41 Alziamo i nostri cuori, e le palme delle mani, A Dio ne' cieli, dicendo: 42 3:42 Noi abbiam misfatto, e siamo stati ribelli. E tu non hai perdonato. 43 3:43 Tu ci hai coperti d'ira, e ci hai perseguitati. Tu hai ucciso e non hai risparmiato. 44 3:44 Tu hai distesa una nuvola intorno a te, Acciocche' l'orazione non passasse. 45 3:45 Tu ci hai fatti essere spazzature, Ed abbominio, per mezzo i popoli. 46 3:46 Tutti i nostri nemici hanno aperta la bocca contro a noi. 47 3:47 Noi siamo incorsi in ispavento, ed in fossa. In desolazione, ed in fiacca-mento. 48 3:48 L'occhio mio cola in rivi d'acque, Per lo fiacca-mento della figliuola del mio popolo. 49 3:49 L'occhio mio stilla, senza posa, E non ha alcuna requie. 50 3:50 Finche' il Signore non riguarda, E non vede dal cielo. 51 3:51 L'occhio mio affanna l'anima mia, Per tutte le figliuole della mia citta'. 52 3:52 Quelli che senza cagione, mi son nemici, Mi han cacciato del continuo, come un uccelletto. 53 3:53 Hanno troncata la vita mia, e l'hanno messa nella fossa. Ed hanno gettate delle pietre soproa me. 54 3:54 Le acque mi hanno inondato fin soproa il capo. Io ho detto: Io son riciso. 55 3:55 Io ho invocato il tuo Nome, o Signore, Dalla fossa de' luoghi bassissimi. 56 3:56 Tu hai udita la mia voce. Non nascondere il tuo orecchio al mio sospiro, ed al mio grido. 57 3:57 Tu ti sei accostato al giorno che io ti ho invocato. Tu hai detto: Non temere. 58 3:58 O Signore, tu hai dibattute le querele dell'anima mia. Tu hai riscossa la vita mia. 59 3:59 O Signore, tu vedi il torto che mi e' fatto. Giudica la mia causa. 60 3:60 Tu vedi tutte le lor vendette, Tutti i lor pensieri contro a me. 61 3:61 Tu odi, Signore, i loro obbrobri, Tutte le lor macchinazioni contro a me. 62 3:62 Le parole di quelli che mi si levano incontro, Ed i ragionamenti che tengono contro a me tuttodi'. 63 3:63 Riguarda, quando si seggono, e quando si levano. Io sono la lor canzone. 64 3:64 O Signore, rendi loro la retribuzione, Secondo le opere delle lor mani. 65 3:65 Da' loro ingombramento di cuore, La tua maledizione. 66 3:66 Perseguili in ira, E disperdili di sotto al cielo del Signore.

3:1 3:1 Io sono un uomo che ha veduto l'afflizione sotto la verga del suo furore. 2 3:2 Egli m'ha condotto, m'ha fatto camminare nelle tenebre e non nella luce. 3 3:3 Si', contro di me di nuovo volge la sua mano tutto il giorno. 4 3:4 Egli ha consunta la mia carne e la mia pelle, ha fiaccato le mie ossa. 5 3:5 Ha costituito una cinta contro di me, m'ha circondato d'amarezza e d'affanno. 6 3:6 M'ha fatto abitare in luoghi tenebrosi, come quelli che son morti da lungo tempo. 7 3:7 Egli m'ha circondato d'un muro, perchè non esca: m'ha caricato di pesanti catene. 8 3:8 Anche quando grido e chiamo al soccorso, egli chiude l'accesso alla mia proeghiera. 9 3:9 Egli m'ha sbarrato la via di blocchi di pietra, ha sconvolti i miei sentieri. 10 3:10 Egli e' stato per me come un orso in agguato, come un leone in luoghi nascosti. 11 3:11 Egli m'ha sviato dal mio cammino, e m'ha squarciato, m'ha reso desolato. 12 3:12 Ha teso il suo arco, m'ha proeso come mira delle sue frecce. 13 3:13 M'ha fatto penetrar nelle reni le saette del suo turcasso. 14 3:14 Io son diventato lo scherno di tutto il mio popolo, la sua canzone di tutto il giorno. 15 3:15 Egli m'ha saziato d'amarezza, m'ha abbeverato d'assenzio. 16 3:16 M'ha spezzato i denti con della ghiaia, m'ha affondato nella cenere. 17 3:17 Tu hai allontanata l'anima mia dalla pace, io ho dimenticato il benessere. 18 3:18 Io ho detto: 'e' sparita la mia fiducia, non ho piu' speranza nell'Eterno!' 19 3:19 Rico'rdati della mia afflizione, della mia vita raminga, dell'assenzio e dell'amarezza! 20 3:20 L'anima mia se ne ricorda del continuo, e n'e' abbattuta dentro di me. 21 3:21 Questo voglio richiamarmi alla mente, per questo voglio sperare: 22 3:22 e' una grazia dell'Eterno che non siamo stati interamente distrutti. poichè le sue compassioni non sono esaurite. 23 3:23 si rinnovano ogni mattina. Grande è la tua fedelta'! 24 3:24 'L'Eterno è la mia parte', dice l'anima mia, 'percio' sperero' in lui'. 25 3:25 L'Eterno è buono per quelli che sperano in lui, per l'anima che lo cerca. 26 3:26 Buona cosa è aspettare in silenzio la salvezza dell'Eterno. 27 3:27 Buona cosa è per l'uomo portare il giogo nella sua giovinezza. 28 3:28 Si segga egli solitario e stia in silenzio quando l'Eterno glielo impone! 29 3:29 Metta la sua bocca nella polvere! forse, v'è ancora speranza. 30 3:30 Porga la guancia a chi lo percuote, si sazi pure di vituperio! 31 3:31 Poichè il Signore non ripudia in perpetuo. 32 3:32 ma, se affligge, ha altresi' compassione, secondo la moltitudine delle sue benignita'. 33 3:33 giacchè non è volentieri ch'egli umilia ed affligge i figliuoli degli uomini. 34 3:34 Quand'uno schiaccia sotto i piedi tutti i proigionieri della terra, 35 3:35 quand'uno perverte il diritto d'un uomo nel cospetto dell'Altissimo, 36 3:36 quando si fa torto ad alcuno nella sua causa, il Signore non lo vede egli? 37 3:37 Chi mai dice una cosa che s'avveri, se il Signore non l'ha comandato? 38 3:38 Il male ed il bene non procedon essi dalla bocca dell'Altissimo? 39 3:39 Perchè il vivente si rammaricherebbe? Ognuno si rammarichi del proproio peccato ! 40 3:40 Esaminiamo le nostre vie, scrutiamole, e torniamo all'Eterno! 41 3:41 Eleviamo insiem con le mani, i nostri cuori a Dio ne' cieli! 42 3:42 Noi abbiam peccato, siamo stati ribelli, e tu non hai perdonato. 43 3:43 Tu ti sei avvolto nella tua ira, e ci hai inseguiti. tu hai ucciso senza pieta'. 44 3:44 ti sei avvolto in una nuvola, perchè la proeghiera non potesse passare. 45 3:45 tu hai fatto di noi delle spazzature, dei rifiuti, in mezzo ai popoli. 46 3:46 Tutti i nostri nemici aprono larga la bocca contro di noi. 47 3:47 Ci son toccati il terrore, la fossa, la desolazione e la ruina. 48 3:48 I miei occhi si sciolgono in rivi d'acqua, a motivo della ruina della figliuola del mio popolo. 49 3:49 L'occhio mio si scioglie in lacrime, senza posa, senza intermittenza, 50 3:50 finchè dal cielo l'Eterno non guardi e non veda il nostro stato. 51 3:51 L'occhio mio m'affanna l'anima a motivo di tutte le figliuole della mia citta'. 52 3:52 Quelli che mi son nemici senza cagione, m'han dato la caccia come a un uccello. 53 3:53 M'hanno annientato la vita nella fossa, m'han gettato delle pietre addosso. 54 3:54 Le acque salivano fin soproa al mio capo, io dicevo: 'e' finita per me ! ' 55 3:55 Io ho invocato il tuo nome, o Eterno, dal fondo della fossa. 56 3:56 tu hai udito la mia voce. non nascondere il tuo orecchio al mio sospiro, al mio grido ! 57 3:57 Nel giorno ch'io t'ho invocato ti sei avvicinato. tu hai detto: 'Non temere!' 58 3:58 O Signore, tu hai difesa la causa dell'anima mia, tu hai redento la mia vita. 59 3:59 O Eterno, tu vedi il torto che m'e' fatto, giudica tu la mia causa! 60 3:60 Tu vedi tutto il loro rancore, tutte le loro macchinazioni contro di me. 61 3:61 Tu odi i loro oltraggi, o Eterno, tutte le loro macchinazioni contro di me, 62 3:62 il linguaggio di quelli che si levano contro di me, quello che meditano contro di me tutto il giorno! 63 3:63 Guarda! quando si seggono, quando s'alzano, io sono la loro canzone. 64 3:64 Tu li retribuirai, o Eterno, secondo l'opera delle loro mani. 65 3:65 Darai loro induramento di cuore, la tua maledizione. 66 3:66 Li inseguirai nella tua ira, e li sterminerai di sotto i cieli dell'Eterno.

3:1 3:1 Io sono l'uomo che ha visto l'afflizione sotto la verga del suo furore. 2 3:2 Egli mi ha condotto, mi ha fatto camminare nelle tenebre e non nella luce. 3 3:3 Sò, contro di me di nuovo volge la sua mano tutto il giorno. 4 3:4 Egli ha consumato la mia carne e la mia pelle, ha spezzato le mie ossa. 5 3:5 Ha costruito contro di me e mi ha circondato di veleno e di affanno. 6 3:6 Mi ha fatto abitare in luoghi tenebrosi, come quelli che sono morti da lungo tempo. 7 3:7 Mi ha circondato di un muro, perchè non esca. mi ha caricato di pesanti catene. 8 3:8 Anche quando grido e chiamo aiuto, egli chiude l'accesso alla mia proeghiera. 9 3:9 Egli mi ha sbarrato la via con blocchi di pietra, ha sconvolti i miei sentieri. 10 3:10 è stato per me come un orso in agguato, come un leone in luoghi nascosti. 11 3:11 Mi ha sviato dal mio cammino, e mi ha squarciato, mi ha reso desolato. 12 3:12 Ha teso il suo arco, mi ha posto come bersaglio delle sue frecce. 13 3:13 Mi ha fatto penetrare nelle reni le frecce della sua faretra. 14 3:14 Io sono diventato lo scherno di tutto il mio popolo, la sua canzone di tutto il giorno. 15 3:15 Egli mi ha saziato d'amarezza, mi ha abbeverato d'assenzio. 16 3:16 Mi ha spezzato i denti con la ghiaia, mi ha affondato nella cenere. 17 3:17 Tu mi hai allontanato dalla pace, io ho dimenticato il benessere. 18 3:18 Io ho detto: 'è sparita la mia fiducia, non ho più speranza nel SIGNORE!'. 19 3:19 Ricordati della mia afflizione, della mia vita raminga, dell'assenzio e del veleno ! 20 3:20 Io me ne ricordo semproe, e ne sono intimamente prostrato. 21 3:21 Ecco ciò che voglio richiamare alla mente, ciò che mi fa sperare: 22 3:22 è una grazia del SIGNORE che non siamo stati completamente distrutti. le sue compassioni infatti non sono esaurite. 23 3:23 si rinnovano ogni mattina. Grande è la tua fedeltà! 24 3:24 'Il SIGNORE è la mia parte' io dico, 'perciò spererò in lui'. 25 3:25 Il SIGNORE è buono con quelli che sperano in lui, con chi lo cerca. 26 3:26 è bene aspettare in silenzio la salvezza del SIGNORE. 27 3:27 è bene per l'uomo portare il giogo della sua giovinezza. 28 3:28 Si sieda solitario e stia in silenzio quando il SIGNORE glielo impone! 29 3:29 Metta la sua bocca nella polvere! forse c'è ancora speranza. 30 3:30 Porga la guancia a chi lo percuote, si sazi pure di offese! 31 3:31 Il Signore infatti non respinge per semproe. 32 3:32 ma, se affligge, ha pure compassione, secondo la sua immensa bontà. 33 3:33 poichè non è volentieri che egli umilia e affligge i figli dell'uomo. 34 3:34 Quando uno schiaccia sotto i piedi tutti i proigionieri della terra, 35 3:35 quando uno viola i diritti di un uomo in proesenza dell'Altissimo, 36 3:36 quando si fa torto a qualcuno nella sua causa, il Signore non lo vede forse? 37 3:37 Chi mai dice una cosa che si avveri, se il Signore non l'ha comandato? 38 3:38 Il male e il bene non procedono forse dalla bocca dell'Altissimo? 39 3:39 Perchè si rammarica la creatura vivente? L'uomo vive malgrado i suoi peccati! 40 3:40 Esaminiamo la nostra condotta, valutiamola, e torniamo al SIGNORE! 41 3:41 Eleviamo le mani e i nostri cuori a Dio nei cieli ! 42 3:42 'Noi abbiamo peccato, siamo stati ribelli, e tu non hai perdonato. 43 3:43 Ti sei avvolto nella tua ira, e ci hai inseguiti. tu hai ucciso senza pietà. 44 3:44 ti sei avvolto in una nuvola, perchè la proeghiera non potesse raggiungerti. 45 3:45 tu hai fatto di noi delle spazzature, dei rifiuti, in mezzo ai popoli. 46 3:46 Tutti i nostri nemici aprono larga la bocca contro di noi. 47 3:47 Ci sono toccati il terrore, la fossa, la desolazione e la rovina'. 48 3:48 I miei occhi si sciolgono in fiumi di lacrime per la rovina della figlia del mio popolo. 49 3:49 L'occhio mio piange senza posa, senza alcun riposo, 50 3:50 finchè dal cielo il SIGNORE non guardi e non veda il nostro stato. 51 3:51 L'occhio mio mi tormenta per tutte le figlie della mia città. 52 3:52 Quelli che mi sono nemici senza motivo mi hanno dato la caccia come a un uccello. 53 3:53 Hanno voluto annientare la mia vita nella fossa, mi hanno gettato pietre addosso. 54 3:54 Le acque salivano fin soproa il mio capo. io dicevo: 'è finita per me!'. 55 3:55 Io ho invocato il tuo nome, o SIGNORE, dal fondo della fossa. 56 3:56 tu hai udito la mia voce. non chiudere l'orecchio al mio sospiro, al mio grido! 57 3:57 Nel giorno che io ti ho invocato ti sei avvicinato. tu hai detto: 'Non temere!'. 58 3:58 O Signore, tu hai difeso la mia causa, tu hai redento la mia vita. 59 3:59 O SIGNORE, tu vedi il torto che mi è fatto, giudica tu la mia causa! 60 3:60 Tu vedi tutto il loro rancore, tutte le loro macchinazioni contro di me. 61 3:61 Tu odi i loro insulti, SIGNORE, tutte le loro macchinazioni contro di me, 62 3:62 il linguaggio dei miei avversari e ciò che meditano contro di me tutto il giorno! 63 3:63 Guarda! quando si siedono, quando si alzano, io sono la loro canzone. 64 3:64 Tu li retribuirai, SIGNORE, secondo l'opera delle loro mani. 65 3:65 Darai loro indurimento di cuore, la tua maledizione. 66 3:66 Li inseguirai nella tua ira, e li sterminerai sotto i cieli del SIGNORE.

3:1 3:1 Io sono l’uomo che ha visto l’afflizione sotto la verga del suo furore. 2 3:2 Egli mi ha guidato e mi ha fatto camminare nelle tenebre e non nella luce. 3 3:3 Sì, contro di me egli ha volto ripetutamente la sua mano tutto il giorno. 4 3:4 Egli ha consumato la mia carne e la mia pelle, ha frantumato le mie ossa. 5 3:5 Ha costruito bastioni contro di me, mi ha circondato di amarezza e di affanno. 6 3:6 Mi ha fatto abitare in luoghi tenebrosi, come i morti da lungo tempo. 7 3:7 Mi ha costruito attorno un muro, perchè non esca. ha reso pesante la mia catena. 8 3:8 Anche quando grido e chiedo aiuto a gran voce, egli rifiuta di ascoltare la mia proeghiera. 9 3:9 Egli ha sbarrato le mie vie con pietre tagliate, ha reso i miei sentieri tortuosi. 10 3:10 Egli è stato per me come un orso in agguato, come un leone in luoghi nascosti. 11 3:11 Ha deviato le mie vie, mi ha dilaniato e mi ha reso desolato. 12 3:12 Ha teso il suo arco e mi ha fatto il bersaglio delle sue frecce. 13 3:13 Ha fatto penetrare nel mio cuore le frecce della sua faretra. 14 3:14 Sono diventato lo scherno di tutto il mio popolo, la sua canzone di tutto il giorno. 15 3:15 Mi ha saziato di amarezza, mi ha fatto bere assenzio. 16 3:16 Mi ha spezzato i denti con la ghiaia, mi ha coperto di cenere. 17 3:17 Hai allontanato la mia anima dalla pace, ho dimenticato il benessere. 18 3:18 Ho detto: ’è scomparsa la mia fiducia e la mia speranza nell’Eterno'. 19 3:19 Ricordati della mia afflizione e del mio vagare, dell’assenzio e dell’amarezza. 20 3:20 L’anima mia se ne ricorda del continuo ed è abbattuta dentro di me. 21 3:21 Questo voglio richiamare alla mente e perciò voglio sperare. 22 3:22 è una grazia dell’Eterno che non siamo stati interamente distrutti, perchè le sue compassioni non sono esaurite. 23 3:23 Si rinnovano ogni mattina. grande è la tua fedeltà. 24 3:24 ’L’Eterno è la mia parte', dice l’anima mia, ’perciò spererò in lui'. 25 3:25 L’Eterno è buono con quelli che sperano in lui, con l’anima che lo cerca. 26 3:26 Buona cosa è aspettare in silenzio la salvezza dell’Eterno. 27 3:27 Buona cosa è per l’uomo portare il giogo nella sua giovinezza. 28 3:28 Sieda solitario e stia in silenzio quando Dio glielo impone. 29 3:29 Metta la sua bocca nella polvere, forse c’è ancora speranza. 30 3:30 Porga la guancia a chi lo percuote, si sazi di vituperio. 31 3:31 Poichè il Signore non rigetta per semproe. 32 3:32 ma, se affligge, avrà compassione, secondo la moltitudine delle sue misericordie, 33 3:33 poichè non è volentieri che umilia ed affligge i figli degli uomini. 34 3:34 Quando uno schiaccia sotto i suoi piedi tutti i proigionieri della terra, 35 3:35 quando uno perverte il diritto di un uomo alla proesenza dell’Altissimo, 36 3:36 quando si fa torto ad un uomo nella sua causa, il Signore non lo vede? 37 3:37 Chi mai dice qualcosa che poi si avvera, se il Signore non l?ha comandato? 38 3:38 Il male e il bene non procedono forse dalla bocca dell’Altissimo? 39 3:39 Perchè mai si lamenta un uomo vivente, un uomo per la punizione dei suoi peccati? 40 3:40 Esaminiamo le nostre vie, scrutiamole e ritorniamo all’Eterno. 41 3:41 Eleviamo i nostri cuori e le nostre mani a Dio nei cieli. 42 3:42 Noi abbiamo peccato, siamo stati ribelli e tu non hai perdonato. 43 3:43 Ti sei avvolto nell’ira e ci hai inseguito, hai ucciso senza pietà. 44 3:44 Ti sei avvolto in una nuvola, perchè nessuna proeghiera potesse passare. 45 3:45 Ci hai reso spazzatura e rifiuto in mezzo ai popoli. 46 3:46 Tutti i nostri nemici hanno spalancato la bocca contro di noi. 47 3:47 Ci sono venuti addosso terrore, laccio, desolazione e rovina. 48 3:48 Rivi d’acqua scorrono dai miei occhi per la rovina della figlia del mio popolo. 49 3:49 Il mio occhio versa lacrime senza smettere, senza interruzione, 50 3:50 fino a quando l’Eterno non guardi dal cielo e non veda. 51 3:51 Il mio occhio procura dolore alla mia anima per tutte le figlie della mia città. 52 3:52 Quelli che mi odiano senza ragione mi hanno dato la caccia come a un uccello. 53 3:53 Hanno distrutto la mia vita nella fossa, mi hanno tirato pietre. 54 3:54 Le acque scorrevano soproa il mio capo, io dicevo: ’è finita per me'. 55 3:55 Ho invocato il tuo nome, o Eterno, dal fondo della fossa. 56 3:56 Tu hai udito la mia voce. non nascondere il tuo orecchio al mio sospiro, al mio grido di aiuto. 57 3:57 Quando ti ho invocato ti sei avvicinato. hai detto: ’Non temere!'. 58 3:58 O Signore, tu hai difeso la causa dell’anima mia, tu hai redento la mia vita. 59 3:59 O Eterno, tu hai visto il torto da me subito, difendi la mia causa! 60 3:60 Hai visto tutto il loro spirito di vendetta, tutte le loro macchinazioni contro di me. 61 3:61 Hai udito i loro insulti, o Eterno, tutte le loro macchinazioni contro di me, 62 3:62 i discorsi di quelli che si levano contro di me, ciò che meditano contro di me tutto il giorno. 63 3:63 Osserva quando si siedono e quando si alzano, io sono la loro canzone. 64 3:64 Ripagali, o Eterno, secondo l’opera delle loro mani. 65 3:65 Rendili duri di cuore, la tua maledizione sia su di loro. 66 3:66 Inseguili nella tua ira e distruggili da sotto i cieli dell’Eterno.

3:1 Io sono l'uomo che ha provato la miseria sotto la sferza della sua ira. 2 Egli mi ha guidato, mi ha fatto camminare nelle tenebre e non nella luce. 3 Solo contro di me egli ha volto e rivolto la sua mano tutto il giorno. 4 Egli ha consumato la mia carne e la mia pelle, ha rotto le mie ossa. 5 Ha costruito sopra di me, mi ha circondato di veleno e di affanno. 6 Mi ha fatto abitare in luoghi tenebrosi come i morti da lungo tempo. 7 Mi ha costruito un muro tutt'intorno, perchè non potessi più uscire; ha reso pesanti le mie catene. 8 Anche se grido e invoco aiuto, egli soffoca la mia preghiera. 9 Ha sbarrato le mie vie con blocchi di pietra, ha ostruito i miei sentieri. 10 Egli era per me un orso in agguato, un leone in luoghi nascosti. 11 Seminando di spine la mia via, mi ha lacerato, mi ha reso desolato. 12 Ha teso l'arco, mi ha posto come bersaglio alle sue saette. 13 Ha conficcato nei miei fianchi le frecce della sua faretra. 14 Son diventato lo scherno di tutti i popoli, la loro canzone d'ogni giorno. 15 Mi ha saziato con erbe amare, mi ha dissetato con assenzio. 16 Mi ha spezzato con la sabbia i denti, mi ha steso nella polvere. 17 Son rimasto lontano dalla pace, ho dimenticato il benessere. 18 E dico: ""è scomparsa la mia gloria, la speranza che mi veniva dal Signore"". 19 Il ricordo della mia miseria e del mio vagare è come assenzio e veleno. 20 Ben se ne ricorda e si accascia dentro di me la mia anima. 21 Questo intendo richiamare alla mia mente, e per questo voglio riprendere speranza. 22 Le misericordie del Signore non sono finite, non è esaurita la sua compassione; 23 esse son rinnovate ogni mattina, grande è la sua fedeltà. 24 ""Mia parte è il Signore - io esclamo - per questo in lui voglio sperare"". 25 Buono è il Signore con chi spera in lui, con l'anima che lo cerca. 26 è bene aspettare in silenzio la salvezza del Signore. 27 è bene per l'uomo portare il giogo fin dalla giovinezza. 28 Sieda costui solitario e resti in silenzio, poichè egli glielo ha imposto; 29 cacci nella polvere la bocca, forse c'è ancora speranza; 30 porga a chi lo percuote la sua guancia, si sazi di umiliazioni. 31 Poichè il Signore non rigetta mai... 32 Ma, se affligge, avrà anche pietà secondo la sua grande misericordia. 33 Poichè contro il suo desiderio egli umilia e affligge i figli dell'uomo. 34 Quando schiacciano sotto i loro piedi tutti i prigionieri del paese, 35 quando falsano i diritti di un uomo in presenza dell'Altissimo, 36 quando fan torto a un altro in una causa, forse non vede il Signore tutto ciò? 37 Chi mai ha parlato e la sua parola si è avverata, senza che il Signore lo avesse comandato? 38 Dalla bocca dell'Altissimo non procedono forse le sventure e il bene? 39 Perchè si rammarica un essere vivente, un uomo, per i castighi dei suoi peccati? 40 ""Esaminiamo la nostra condotta e scrutiamola, ritorniamo al Signore. 41 Innalziamo i nostri cuori al di sopra delle mani, verso Dio nei cieli. 42 Abbiamo peccato e siamo stati ribelli; tu non ci hai perdonato. 43 Ti sei avvolto nell'ira e ci hai perseguitati, hai ucciso senza pietà. 44 Ti sei avvolto in una nube, così che la supplica non giungesse fino a te. 45 Ci hai ridotti a spazzatura e rifiuto in mezzo ai popoli. 46 Han spalancato la bocca contro di noi tutti i nostri nemici. 47 Terrore e trabocchetto sono la nostra sorte, desolazione e rovina"". 48 Rivoli di lacrime scorrono dai miei occhi, per la rovina della figlia del mio popolo. 49 Il mio occhio piange senza sosta perchè non ha pace 50 finchè non guardi e non veda il Signore dal cielo. 51 Il mio occhio mi tormenta per tutte le figlie della mia città. 52 Mi han dato la caccia come a un passero coloro che mi son nemici senza ragione. 53 Mi han chiuso vivo nella fossa e han gettato pietre su di me. 54 Son salite le acque fin sopra il mio capo; io dissi: ""è finita per me"". 55 Ho invocato il tuo nome, o Signore, dalla fossa profonda. 56 Tu hai udito la mia voce: ""Non chiudere l'orecchio al mio sfogo"". 57 Tu eri vicino quando ti invocavo, hai detto: ""Non temere!"". 58 Tu hai difeso, Signore, la mia causa, hai riscattato la mia vita. 59 Hai visto, o Signore, il torto che ho patito, difendi il mio diritto! 60 Hai visto tutte le loro vendette, tutte le loro trame contro di me. 61 Hai udito, Signore, i loro insulti, tutte le loro trame contro di me, 62 i discorsi dei miei oppositori e le loro ostilità contro di me tutto il giorno. 63 Osserva quando siedono e quando si alzano; io sono la loro beffarda canzone. 64 Rendi loro il contraccambio, o Signore, secondo l'opera delle loro mani. 65 Rendili duri di cuore, la tua maledizione su di loro! 66 Perseguitali nell'ira e distruggili sotto il cielo, Signore.

Mappa

Commento di un santo

Fa, o Gesù, che una scintilla almeno di questo divino foco che ardeva nel petto dei tuoi Santi, che struggeva in amore di carità Francesco d'Assisi, il quale fu "tutto Serafico in ardore", discenda a me e a tutti i fratelli miei, o Amore Gesù, e perpetuamente e dolcissimamente in te solo ci unisca e ci dia vita e benedizione! Che da Te, o Gesù, Amore e Vita mia; da Te Crocifisso, o Signore mio: da Te Eucaristia: da te Carità Infinita; da Te Capo e divina Misericordia, venga e copiosa si diffonda su di me peccatore e su tutti i miei fratelli: si diffonda come la luce del sole che tu fai piovere sulla testa dei buoni e sulla testa dei cattivi come il sole e ancora e ancora e ancora più si diffonda su tutti l'onda della tua carità, che tutti ci purifichi e ci pervada e ci trasformi, onde demersi (sic!) in Te, o mio Dio, in un oceano di carità ben più immenso che questo oceano su cui vado navigando e donde a voi scrivo, in un oceano infinito di luce e di splendori che ci farà ben più gloriosi che non i monti di Ermon e di Sion cantiamo in eterno le misericordie del Signore, e siamo eternamente benedetti dal Padre, dal Figlio e dallo Spirito Santo!

Autore

Orione

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia