Ricerca

Oracolo contro Babilonia (ger 50,1-10)

50:1 Parola che il Signore pronunciò contro Babilonia, contro la terra dei Caldei, per mezzo del profeta Geremia. 2 "Proclamatelo fra i popoli e fatelo sapere, non nascondetelo, dite: "Babilonia è presa, Bel è coperto di confusione, è infranto Marduc, sono svergognati i suoi idoli, sono infranti i suoi feticci". 3 Poichè dal settentrione sale contro di essa un popolo che ridurrà la sua terra a un deserto: non vi abiterà più nessuno. Uomini e animali fuggono, se ne vanno. 4 In quei giorni e in quel tempo - oracolo del Signore - verranno i figli d'Israele insieme con i figli di Giuda; cammineranno piangendo e cercheranno il Signore, loro Dio. 5 Domanderanno di Sion, verso cui sono fissi i loro volti: "Venite, uniamoci al Signore con un'alleanza eterna, che non sia mai dimenticata". 6 Gregge di pecore sperdute era il mio popolo, i loro pastori le avevano sviate, le avevano fatte smarrire per i monti; esse andavano di monte in colle, avevano dimenticato il loro ovile. 7 Quanti le trovavano, le divoravano, e i loro nemici dicevano: "Non ne siamo colpevoli, perchè essi hanno peccato contro il Signore, sede di giustizia e speranza dei loro padri". 8 Fuggite da Babilonia, dalla regione dei Caldei, uscite e siate come capri in testa al gregge. 9 Poichè ecco, io suscito e mando contro Babilonia una massa di grandi nazioni dalla terra del settentrione; le si schiereranno contro, ed essa sarà presa. Le loro frecce sono come quelle di un abile arciere, nessuna ritorna a vuoto. 10 La Caldea diventerà preda di saccheggiatori, tutti se ne sazieranno". Oracolo del Signore.
50:1 50:1 LA parola che il Signore pronunzio' contro a Babilonia, contro al paese de' Caldei, per lo profeta Geremia.2 50:2 Annunziate fra le genti, e bandite, ed alzate la bandiera. bandite/o, no/ celate. dite: Babilonia e' stata proesa, Bel e' confuso, Mero-dac e' rotto in pezzi. le sue immagini sono confuse, i suoi idoli son rotti in pezzi.3 50:3 Perciocche' una nazione e' salita contro a lei dal Settentrione, la quale mettera' il paese di quella in desolazione, e non vi sara' piu' alcuno che abiti in lei. uomini, e bestie si son dileguati, se ne sono andati via.4 50:4 In que' giorni, ed in quel tempo, dice il Signore, i figliuoli d'Israele, ed i figliuoli di Giuda verranno, tutti insieme, e andranno piangendo, e ricercheranno il Signore Iddio loro.5 50:5 Domanderanno di Sion. per la via avranno volte la' le facce. diranno: Venite, e congiungetevi al Signore per un patto eterno, che giammai non si dimentichi.6 50:6 Il mio popolo e' stato a guisa di pecore smarrite. i lor pastori le hanno fatte andare errando, le han traviate su per li monti. sono andate di monte in colle, hanno dimenticata la lor mandra.7 50:7 Tutti coloro che le hanno trovate le han divorate. e i lor nemici hanno detto: Noi non saremo colpevoli di misfatto. conciossia-che' abbiano peccato contro al Signore, abitacolo di giustizia, e contro al Signore, speranza de' lor padri.8 50:8 Fuggite del mezzo di Babilonia, ed uscite del paese de' Caldei. e siate come becchi dinanzi alla greggia.9 50:9 Perciocche', ecco, io eccito, e fo levare contro a Babilonia una raunanza di grandi nazioni del paese di Settentrione. ed esse ordineranno la battaglia contro a lei, e sara' proesa. le lor saette saranno come d'un valente, ed intendente saettatore che non ritorna a vuoto.10 50:10 E la Caldea sara' in proeda. tutti quelli che la proederanno saranno saziati, dice il Signore.
50:1 50:1 Parola che l'Eterno pronunzio' riguardo a Babilonia, riguardo al paese de' Caldei, per mezzo del profeta Geremia:2 50:2 Annunziatelo fra le nazioni, proclamatelo, issate una bandiera, proclamatelo, non lo celate! Dite: 'Babilonia e' proesa! Bel e' coperto d'onta, Merodac e' infranto! le sue immagini son coperte d'onta. i suoi idoli, infranti!'3 50:3 Poichè dal settentrione sale contro di lei una nazione che ne ridurra' il paese in un deserto, e non vi sara' piu' alcuno che abiti in lei. uomini e bestie fuggiranno, se n'andranno.4 50:4 In que' giorni, in quel tempo, dice l'Eterno, i figliuoli d'Israele e i figliuoli di Giuda torneranno assieme. cammineranno piangendo, e cercheranno l'Eterno, il loro Dio.5 50:5 Domanderanno qual e' la via di Sion, volgeranno le loro facce in direzione d'essa, e diranno: 'Venite, unitevi all'Eterno con un patto eterno, che non si dimentichi piu'!'6 50:6 Il mio popolo era un gregge di pecore smarrite. i loro pastori le aveano sviate, sui monti dell'infedelta'. esse andavano di monte in colle, avean dimenticato il luogo del loro riposo.7 50:7 Tutti quelli che le trovavano, le divoravano. e i loro nemici dicevano: 'Noi non siamo colpevoli poich'essi han peccato contro l'Eterno, dimora della giustizia, contro l'Eterno, speranza de' loro padri'.8 50:8 Fuggite di mezzo a Babilonia, uscite dal paese de' Caldei, e siate come de' caproi davanti al gregge!9 50:9 Poichè, ecco, io suscito e fo salire contro Babilonia un'adunata di grandi nazioni dal paese del settentrione, ed esse si schiereranno contro di lei. e da quel lato sara' proesa. Le loro frecce son come quelle d'un valente arciere. nessuna d'esse ritorna a vuoto.10 50:10 E la Caldea sara' deproedata. tutti quelli che la proederanno saranno saziati, dice l'Eterno.
50:1 50:1 Ecco la parola che il SIGNORE pronunziò riguardo a Babilonia, riguardo al paese dei Caldei, per mezzo del profeta Geremia:2 50:2 'Annunziatelo fra le nazioni, proclamatelo, issate una bandiera, proclamatelo, non tenetelo nascosto! Dite: ""Babilonia è proesa! Bel è coperto di vergogna, Merodac è infranto! Le sue immagini sono coperte di vergogna. i suoi idoli, infranti!"".3 50:3 Infatti dal settentrione marcia contro di lei una nazione che ne ridurrà il paese in un deserto e non vi sarà più nessuno che abiti in lei. uomini e bestie fuggiranno, se ne andranno.4 50:4 In quei giorni, in quel tempo' dice il SIGNORE, 'i figli d'Israele e i figli di Giuda torneranno insieme. cammineranno piangendo, cercheranno il SIGNORE, il loro Dio.5 50:5 Domanderanno qual è la via di Sion, volgeranno le loro facce in direzione d'essa, e diranno: ""Venite, unitevi al SIGNORE con un patto eterno, che non si dimentichi più!"".6 50:6 Il mio popolo era un gregge di pecore smarrite. i loro pastori le avevano sviate sui monti dell'infedeltà. esse andavano di monte in colle, avevano dimenticato il luogo del loro riposo.7 50:7 Tutti quelli che le trovavano, le divoravano. i loro nemici dicevano: ""Noi non siamo colpevoli, poichè essi hanno peccato contro il SIGNORE! Territorio di giustizia e speranza dei loro padri è il SIGNORE"".8 50:8 Fuggite di mezzo a Babilonia, uscite dal paese dei Caldei, siate come dei caproi davanti al gregge!9 50:9 Poichè, ecco, io suscito e faccio marciare contro Babilonia una moltitudine di grandi nazioni dal paese del settentrione. esse si schiereranno contro di lei e da quel lato sarà conquistata. Le loro frecce sono come quelle di un valente arciere. nessuna di esse ritorna a vuoto.10 50:10 La Caldea sarà saccheggiata. tutti quelli che la saccheggeranno saranno saziati' dice il SIGNORE.
50:1 50:1 La parola che l’Eterno pronunciò contro Babilonia e contro il paese dei Caldei per mezzo del profeta Geremia:2 50:2 ’Annunziate/o fra le nazioni, proclamatelo e innalzate una bandiera. proclamatelo e non nascondete-/o. Dite: ""Babilonia è proesa, Bel è coperto di vergogna, Merodak è infranto, le sue immagini sono coperte di vergogna, i suoi idoli sono infranti"".3 50:3 Poichè dal nord sale contro di lei una nazione che ridurrà il paese a un deserto e nessuno più abiterà in essa. uomini e bestie fuggiranno, se ne andranno.4 50:4 In quei giorni e in quel tempo', dice l’Eterno, ’i figli d’Israele e i figli di Giuda verranno insieme. cammineranno piangendo e cercheranno l’Eterno, il loro DIO.5 50:5 Domanderanno della via di Sion, verso cui volgeranno le loro facce, dicendo: ""Venite, uniamoci all’Eterno, con un patto eterno, che non sia più dimenticato'.6 50:6 Il mio popolo è stato un gregge di pecore smarrite. i loro pastori le avevano sviate, le avevano fatte smarrire sui monti. Sono andate di monte in colle e hanno dimenticato il luogo del loro riposo.7 50:7 Tutti quelli che le trovavano, le divoravano, e i loro nemici dicevano: ""Non siamo colpevoli, perchè hanno peccato contro l’Eterno, dimora della giustizia, l’Eterno, speranza dei loro padri"".8 50:8 Fuggite di mezzo a Babilonia, uscite dal paese dei Caldei e siate come caproi davanti al gregge.9 50:9 Poichè ecco, io suscito e faccio salire contro Babilonia una moltitudine di grandi nazioni dal paese del nord, e si schiereranno contro di essa. di là essa sarà proesa. Le loro frecce sono come quelle di un abile arciere. nessuna ritorna a vuoto.10 50:10 La Caldea sarà abbandonata al saccheggio. tutti i suoi saccheggiatori saranno saziati', dice l’Eterno.
50:1 Parola che il Signore pronunziò contro Babilonia, contro il paese dei Caldei, per mezzo del profeta Geremia.2 ""Proclamatelo fra i popoli e fatelo sapere, non nascondetelo, dite: Babilonia è presa, Bel è coperto di confusione, è infranto Marduch; sono confusi i suoi idoli, sono sgomenti i suoi feticci.3 Poichè dal settentrione sale contro di essa un popolo che ridurrà la sua terra a un deserto, non vi abiterà più nessuno; uomini e animali fuggono, se ne vanno.4 In quei giorni e in quel tempo - dice il Signore - verranno gli Israeliti insieme con i figli di Giuda; cammineranno piangendo e cercheranno il Signore loro Dio.5 Domanderanno di Sion, verso cui sono fissi i loro volti: Venite, uniamoci al Signore con un'alleanza eterna, che non sia mai dimenticata.6 Gregge di pecore sperdute era il mio popolo, i loro pastori le avevano sviate, le avevano fatte smarrire per i monti; esse andavano di monte in colle, avevano dimenticato il loro ovile.7 Quanti le trovavano, le divoravano e i loro nemici dicevano: Non commettiamo nessun delitto, perchè essi hanno peccato contro il Signore, pascolo di giustizia e speranza dei loro padri.8 Fuggite da Babilonia, dalla regione dei Caldei, uscite e siate come capri in testa al gregge.9 Poichè, ecco io suscito e mando contro Babilonia una massa di grandi nazioni dal paese del settentrione; queste le si schiereranno contro, di là essa sarà presa. Le loro frecce sono come quelle di un abile arciere, nessuna ritorna a vuoto.10 La Caldea sarà saccheggiata, tutti i suoi saccheggiatori saranno saziati. Parola del Signore.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

avvento



natale



ordinario



quaresima



pasqua



passione







E nelle seguenti solennità




Genealogia

    Conversione di misure antiche presenti nel testo

    Quantità nel testo
    misura bibblica
    Quantità convertita
    Unità di misura attuale