Cronologia dei paragrafi

La risposta agli inviati di Sedecia
Appello generale alla casa reale
Oracoli contro diversi re: contro Ioacaz
Contro Ioiakim
Contro Ioiachin
Oracoli messianici. Il re dell'avvenire
Libretto contro i falsi profeti
I due canestri di fichi
4. Babilonia, flagello del Signore
La visione della coppa
Arresto e giudizio di Geremia
L'azione simbolica del giogo e il messaggio ai re occidentali
L'alterco con il profeta Anania
La lettera agli esiliati
Profezia contro Semaia
Restaurazione promessa a Israele
Ristabilimento promesso a Giuda
Israele e Giuda
La retribuzione personale
La nuova alleanza
Permanenza di Israele
Ricostruzione e grandezza di Gerusalemme
L'acquisto di un campo, pegno di avvenire felice
Altra promessa di restaurazione
Le istituzioni dell'avvenire
La sorte finale di Sedecia
Il problema della liberazione degli schiavi
Il rotolo del 65-64
Giudizio riassuntivo su Sedecia
Geremia nella cisterna. Intervento di Ebed-Milech
Ultimo incontro di Geremia con Sedecia
Sorte di Geremia alla caduta di Gerusalemme
Oracolo di salvezza per Ebed-Milech
Ancora la sorte di Geremia
Godolia governatore: suo assassinio
La fuga in Egitto
Geremia predice l'invasione dell'Egitto da parte di Nabucodonosor
Ultimo ministero di Geremia: i Giudei in Egitto e la Regina del Cielo
La parola di consolazione per Baruc
Oracoli contro l'Egitto. La disfatta di Crchemis
L'invasione dell'Egitto
Oracolo contro i Filistei
Oracolo contro Moab
Oracolo contro Ammon
Oracolo contro Edom
Oracolo contro città sire
Oracolo contro le tribù arabe
Oracolo contro Elam
Oracolo contro Babilonia
Caduta di Babilonia, liberazione di Israele
Caduta di Babilonia annunziata a Gerusalemme
Il peccato di insolenza
Il Signore redentore di Israele
Il popolo del nord e il leone del Giordano
Il Signore contro Babilonia
Il martello del Signore e il monte colossale
Verso la fine
La vendetta del Signore
Elegia su Babilonia
La visita del Signore agli idoli
L'abbattimento di Babilonia
L'oracolo gettato nell'Eufrate
La catastrofe di Gerusalemme è il favore reso è Ioiachin

La risposta agli inviati di Sedecia (ger 21,1-10)

21:1 Questa parola fu rivolta a Geremia dal Signore quando il re Sedecìa gli mandò Pascur, figlio di Malchia, e il sacerdote Sofonia, figlio di Maasia, per dirgli: 2 "Consulta per noi il Signore perchè Nabucodònosor, re di Babilonia, ci fa guerra; forse il Signore compirà per noi qualcuno dei suoi tanti prodigi, in modo da farlo allontanare". 3 Geremia rispose loro: "Direte a Sedecìa: 4 Così dice il Signore, Dio d'Israele: Ecco, io farò rientrare le armi da guerra di cui disponete e con le quali combattete il re di Babilonia e i Caldei che vi assediano fuori delle mura, e le radunerò in mezzo a questa città. 5 Io stesso combatterò contro di voi con mano tesa e con braccio potente, con ira, furore e grande sdegno. 6 Percuoterò gli abitanti di questa città, uomini e bestie; essi moriranno di una grave peste. 7 Poi - oracolo del Signore - io consegnerò Sedecìa, re di Giuda, i suoi ministri e la gente che sarà scampata in questa città alla peste, alla spada e alla fame, in potere di Nabucodònosor, re di Babilonia, in mano ai loro nemici e a quanti vogliono la loro vita. Egli li passerà a fil di spada; non ne avrà pietà, non perdonerà e non risparmierà nessuno. 8 Dirai a questo popolo: Dice il Signore: Ecco, metto davanti a voi la via della vita e la via della morte. 9 Chi rimane in questa città morirà di spada, di fame e di peste; chi uscirà e si consegnerà ai Caldei che vi cingono d'assedio, vivrà e gli sarà lasciata la vita come bottino, 10 perchè io ho volto la faccia contro questa città, per il suo danno e non per il suo bene. Oracolo del Signore. Essa sarà data in mano al re di Babilonia, che la darà alle fiamme.

21:1 21:1 LA parola, che fu dal Signore indirizzata a Geremia, quando il re Sedechia mando' a lui Pashur, figliuolo di Malchia, e Sefania, figliuolo di Maaseia, sacerdote, dicendo: 2 21:2 Deh! domanda per noi il Signore. perciocche' Ne-bucadnesar, re di Babilonia, guerreggia contro a noi. forse il Signore operera' inverso noi secondo tutte le sue maraviglie, e fara' ch'egli si ritrarra' da noi. 3 21:3 E Geremia disse loro: Cosi' direte a Sedechia: 4 21:4 II Signore Iddio d'Israele ha detto cosi': Ecco, io fo rivolgere indietro gli strumenti bellici, che son nelle vostre mani, co' quali voi combattete contro al re di Babilonia, e contro ai Caldei, che vi assediano di fuori delle mura. e li raccogliero' in mezzo di questa citta'. 5 21:5 Ed io stesso combattero' contro a voi con man distesa, e con possente braccio, in ira, e in cruccio, e in grande indegnazione. 6 21:6 E percotero' gli abitanti di questa citta', gli uomini, e gli animali. e morranno di gran mortalita'. 7 21:7 E poi approesso, dice il Signore, io daro' Sedechia, re di Giuda, e i suoi servitori, e il popolo e quelli che saranno scampati in questa citta' dalla mortalita', e dalla spada, e dalla fame, in man di Nebucadnesar, re di Babilonia, e in mano de' lor nemici, e di quelli che cercano l'anima loro. ed egli li percotera', mettendoli a fil di spada. egli non perdonera' loro e non li risparmiera', e non ne avra' pieta'. 8 21:8 Ed a questo popolo di': Cosi' ha detto il Signore: Ecco, io vi propongo la via della vita, e la via della morte. 9 21:9 Coloro che dimoreranno in questa citta' morranno di spada, o di fame, o di pestilenza. ma quelli che andranno ad arrendersi a' Caldei, i quali vi assediano, vi-veranno, e l'anima loro sara' loro per ispoglia. 10 21:10 Perciocche' io ho volta la mia faccia contro a questa citta', in male, e non in bene, dice il Signore. ella sara' messa in mano del re di Babilonia, ed egli l'ardera' col fuoco.

21:1 21:1 La parola che fu rivolta a Geremia da parte dell'Eterno, quando il re Sedechia gli mando' Pashur, figliuolo di Malchia, e Se-fonia, figliuolo di Maaseia, il sacerdote, per dirgli: 2 21:2 'Deh, consulta per noi l'Eterno. poichè Nebucad-netsar, re di Babilonia, ci fa la guerra. forse l'Eterno fara' a pro nostro qualcuna delle sue maraviglie, in guisa che quegli si ritragga da noi'. 3 21:3 Allora Geremia disse loro: Direte cosi' a Sedechia: 4 21:4 - Cosi' parla l'Eterno, l'Iddio d'Israele: Ecco, io sto per far rientrare nella citta' le armi di guerra che sono nelle vostre mani e con le quali voi combattete, fuori delle mura, contro il re di Babilonia, e contro i Caldei che vi assediano, e le raccogliero' in mezzo a questa citta'. 5 21:5 E io stesso combattero' contro di voi con mano distesa e con braccio potente, con ira, con furore, con grande indignazione. 6 21:6 E colpiro' gli abitanti di questa citta', uomini e bestie. e morranno d'un'orrenda peste. 7 21:7 Poi, dice l'Eterno, io daro' Sedechia, re di Giuda, e i suoi servi, il popolo, e coloro che in questa citta' saranno scampati dalla peste, dalla spada e dalla fame, in mano di Nebucadne-tsar re di Babilonia, in mano dei loro nemici, in mano di quelli che cercano la loro vita. e Nebucadnetsar li passera' a fil di spada. non li risparmiera', e non ne avra' nè pieta' nè compassione. 8 21:8 E a questo popolo dirai: Cosi' parla l'Eterno: Ecco, io pongo dinanzi a voi la via della vita e la via della morte. 9 21:9 Colui che rimarra' in questa citta' morra' per la spada, per la fame o per la peste. ma chi ne uscira' per arrendersi ai Caldei che vi assediano vivra', e avra' la vita per suo bottino. 10 21:10 Poichè io volgo la mia faccia contro questa citta' per farle del male e non del bene, dice l'Eterno. essa sara' data in mano del re di Babilonia, ed egli la dara' alle fiamme.

21:1 21:1 Ecco la parola che fu rivolta a Geremia da parte del SIGNORE, quando il re Sedechia gli mandò Pascur, figlio di Malchia, e Sefania, figlio di Maaseia, il sacerdote, per dirgli: 2 21:2 'Ti proego, consulta per noi il SIGNORE. poichè Nabucodonosor, re di Babilonia, ci fa la guerra. forse il SIGNORE farà in nostro favore qualcuna delle sue meraviglie, in modo che si ritiri da noi'. 3 21:3 Allora Geremia disse loro: 'Direte cosò a Sedechia: 4 21:4 ""Cosò parla il SIGNORE, Dio d'Israele: Ecco, io sto per far rientrare nella città le armi di guerra che sono nelle vostre mani e con le quali voi combattete, fuori delle mura, contro il re di Babilonia e contro i Caldei che vi assediano, e le raccoglierò in mezzo a questa città. 5 21:5 Io stesso combatterò contro di voi con mano distesa e con braccio potente, con ira, con furore, con grande indignazione. 6 21:6 Colpirò gli abitanti di questa città, uomini e bestie, e moriranno di un'orrenda peste. 7 21:7 Poi, dice il SIGNORE, 10 darò Sedechia, re di Giuda, e i suoi servitori, e il popolo, e coloro che in questa città saranno scampati alla peste, alla spada e alla fame, in mano di Nabuco-donosor re di Babilonia, in mano dei loro nemici, in mano di quelli che cercano la loro vita. Nabucodonosor 11 passerà a fil di spada. non li risparmierà, e non avrà nè pietà nè compassione"". 8 21:8 A questo popolo dirai: ""Cosò parla il SIGNORE: Ecco, io pongo davanti a voi la via della vita e la via della morte. 9 21:9 Colui che rimarrà in questa città morirà di spada, di fame o di peste. ma chi ne uscirà per arrendersi ai Caldei che vi assediano vivrà, e avrà la vita come suo bottino. 10 21:10 Io infatti volgo la mia faccia contro questa città per farle del male e non del bene, dice il SIGNORE. essa sarà data in mano al re di Babilonia, ed egli la darà alle fiamme"".

21:1 21:1 La parola che fu rivolta a Geremia dall’Eterno, quando il re Sedekia gli mandò Pashhur figlio di Malkiah e Sofonia, figlio di Maaseiah, il sacerdote per dirgli: 2 21:2 ’Deh. consulta per noi l’Eterno, perchè Nebukad-netsar, re di Babilonia, fa guerra contro di noi. Forse l’Eterno agirà nei nostri confronti secondo tutte le sue meraviglie, ed egli si ritirerà da noi'. 3 21:3 Allora Geremia disse loro: ’Direte così a Sedekia: 4 21:4 Così dice l’Eterno, il DIO d’Israele: Ecco, io farò indietreggiare le armi di guerra che sono nelle vostre mani, con le quali combattete contro il re di Babilonia, contro i Caldei che vi assediano fuori le mura e le radunerò in mezzo a questa città. 5 21:5 Io stesso combatterò contro di voi con mano distesa e con braccio potente, con ira, con furore e con grande indignazione. 6 21:6 Percuoterò gli abitanti di questa città, tanto uomini che bestie. essi moriranno di una grande peste. 7 21:7 Dopo questo', dice l’Eterno, ’darò Sedekia, re di Giuda, e i suoi servi, il popolo e coloro che in questa città saranno scampati dalla peste, dalla spada e dalla fame, in mano di Ne-bukadnetsar, re di Babilonia, in mano dei loro nemici e in mano di quelli che cercano la loro vita. Egli li passerà a fil di spada: non li risparmierà nè avrà pietà o compassione. 8 21:8 E a questo popolo dirai: Così dice l’Eterno: Ecco, io metto davanti a voi la via della vita e la via della morte. 9 21:9 Chi rimane in questa città morirà di spada, di fame e di peste. ma chi uscirà e si consegnerà ai Caldei che vi assediano vivrà, e avrà come suo bottino la proproia vita. 10 21:10 Poichè io ho volto la mia faccia contro questa città per sventura e non per bene', dice l’Eterno. ’Essa sarà data in mano del re di Babilonia, ed egli la brucerà col fuoco'.

21:1 Questa parola fu rivolta a Geremia dal Signore quando il re Sedecìa gli mandò il sacerdote Pascur figlio di Malchìa, e Sofonìa figlio di Maasìa, per dirgli: 2 ""Intercedi per noi presso il Signore perchè Nabucodònosor re di Babilonia ci muove guerra; forse il Signore compirà a nostro vantaggio qualcuno dei suoi tanti prodigi, così che egli si allontani da noi"". 3 Geremia rispose loro: ""Riferite a Sedecìa: 4 Così dice il Signore, Dio di Israele: Ecco io farò rientrare le armi di guerra, che sono nelle vostre mani, con le quali combattete il re di Babilonia e i Caldei che vi assediano fuori delle mura e le radunerò in mezzo a questa città. 5 Io stesso combatterò contro di voi con mano tesa e con braccio potente, con ira, furore e grande sdegno. 6 Percuoterò gli abitanti di questa città, uomini e bestie; essi moriranno di una grave peste. 7 Dopo ciò - dice il Signore - io consegnerò Sedecìa, re di Giuda, i suoi ministri e il popolo, che saranno scampati in questa città dalla peste, dalla spada e dalla fame, in potere di Nabucodònosor, re di Babilonia, in potere dei loro nemici e in potere di coloro che attentano alla loro vita. Egli li passerà a fil di spada; non avrà pietà di loro, non li perdonerà nè risparmierà. 8 Riferirai a questo popolo: Dice il Signore: Ecco, io vi metto davanti la via della vita e la via della morte. 9 Chi rimane in questa città morirà di spada, di fame e di peste; chi uscirà e si consegnerà ai Caldei che vi cingono d'assedio, vivrà e gli sarà lasciata la vita come suo bottino. 10 Poichè io ho volto la faccia contro questa città a suo danno e non a suo bene. Oracolo del Signore. Essa sarà messa nelle mani del re di Babilonia, il quale la brucerà con il fuoco"".

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia