Ricerca

Geremia e le parole dell'alleanza (ger 11,1-14)

11:1 Questa parola fu rivolta dal Signore a Geremia:2 "Riferisci agli uomini di Giuda e agli abitanti di Gerusalemme: Ascoltate le parole di questa alleanza!3 Dirai loro: Dice il Signore, Dio d'Israele: Maledetto l'uomo che non ascolta le parole di questa alleanza,4 che io imposi ai vostri padri quando li feci uscire dalla terra d'Egitto, dal crogiolo di ferro, dicendo: "Ascoltate la mia voce ed eseguite quanto vi comando; allora voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio,5 e potrò mantenere il giuramento fatto ai vostri padri di dare loro una terra dove scorrono latte e miele, come oggi possedete"". Io risposi: "Così sia, Signore!". 6 E il Signore mi disse: "Proclama tutte queste parole nelle città di Giuda e nelle strade di Gerusalemme, dicendo: Ascoltate le parole di questa alleanza e mettetele in pratica!7 Poichè io più volte ho scongiurato i vostri padri quando li feci uscire dalla terra d'Egitto e fino ad oggi, ammonendoli premurosamente ogni giorno: "Ascoltate la mia voce!". 8 Ma essi non ascoltarono nè prestarono orecchio; ognuno seguì la caparbietà del suo cuore malvagio. Perciò ho fatto ricadere su di loro tutte le parole di questa alleanza, che avevo ordinato loro di osservare e non osservarono". 9 Il Signore mi disse: "Si è formata una congiura fra gli uomini di Giuda e gli abitanti di Gerusalemme;10 sono ritornati alle iniquità dei loro primi padri, che avevano rifiutato di ascoltare le mie parole, e anch'essi hanno seguito altri dèi per servirli. La casa d'Israele e la casa di Giuda hanno infranto l'alleanza che io avevo concluso con i loro padri. 11 Perciò dice il Signore: Ecco, faccio venire su di loro una sventura alla quale non potranno sfuggire. Allora grideranno verso di me, ma io non li ascolterò;12 allora le città di Giuda e gli abitanti di Gerusalemme alzeranno grida agli dèi ai quali offrono incenso, ma quelli non li salveranno affatto nel tempo della loro sciagura. 13 Poichè numerosi come le tue città sono i tuoi dèi, o Giuda; numerosi come le strade di Gerusalemme gli altari che avete eretto alla vergogna, altari per bruciare incenso a Baal. 14 Tu, poi, non pregare per questo popolo, non innalzare per esso suppliche e preghiere, perchè non ascolterò quando mi invocheranno nella loro sventura.
11:1 11:1 LA parola che fu dal Signore indirizzata a Geremia, dicendo:2 11:2 Ascoltate le parole di questo patto, e parlate agli uomini di Giuda, ed agli abitanti di Gerusalemme.3 11:3 E tu di' loro: Cosi' ha detto il Signore Iddio d'Israele: Maledetto l'uomo, che non ascoltera' le parole di questo patto.4 11:4 il quale io comandai a' padri vostri di osservare, quando li trassi fuor del paese di Egitto, della fornace di ferro, dicendo: Ascoltate la mia voce, e fate queste cose, secondo tutto quello che io vi comando. e voi mi sarete popolo, ed io vi saro' Dio.5 11:5 Acciocche' io metta ad effetto il giuramento che io feci a' vostri padri, di dar loro un paese stillante latte e miele. come si vede al di' d'oggi. Ed io risposi, e dissi: Amen, Signore.6 11:6 Approesso il Signore mi disse: proedica tutte queste parole nelle citta' di Giuda, e nelle piazze di Gerusalemme: dicendo: Ascoltate le parole di questo patto, e mettetele ad effetto.7 11:7 Conciossiache' io abbia fatte di gran protestazioni a' vostri padri, dal di' che io li trassi fuor del paese di Egitto, infino a questo giorno, protestando loro ogni giorno, fin dalla mattina, e dicendo: Ascoltate la mia voce.8 11:8 Ma essi non /'hanno ascoltata, e non hanno porto l'orecchio loro, e son camminati ciascuno secondo la durezza del cuor suo malvagio. laonde io ho fatte venir soproa loro tutte le parole di questo patto, il quale io avea /or comandato di osservare. ma non /'hanno osservato.9 11:9 Poi il Signore mi disse: Ei si trova una congiura fra gli uomini di Giuda, e fra gli abitanti di Gerusalemme.10 11:10 Son tornati alle iniquita' de' lor padri antichi, i quali ricusarono di ascoltar le mie parole. e sono an-ch'essi andati dietro ad altri dii, per servirli. la casa d'Israele e la casa di Giuda hanno rotto il mio patto, che io avea fatto co' lor padri.11 11:11 Percio', cosi' ha detto il Signore: Ecco, io fo venir soproa loro un male, del quale non potranno uscire, e grideranno a me, ma io non li ascoltero'.12 11:12 Allora le citta' di Giuda, e gli abitanti di Gerusalemme, andranno, e grideranno agl'iddii, a' quali fanno profumi. ma essi non li salveranno in modo alcuno, nel tempo della loro avversita'.13 11:13 Perciocche', o Giuda, tu hai avuti tanti dii, quanto e' il numero delle tue citta'. e voi avete rizzati tanti altari alla cosa vergognosa, quanto e' il numero delle strade di Gerusalemme. altari da far profumi a Baal.14 11:14 Tu adunque non proegar per questo popolo, e non proendere a gridare, ne' a fare orazion per loro. perciocche' io non li esaudiro', quando grideranno a me per la loro avversita'.
11:1 11:1 La parola che fu rivolta a Geremia da parte dell'Eterno, in questi termini:2 11:2 'Ascoltate le parole di questo patto, e parlate agli uomini di Giuda e agli abitanti di Gerusalemme !3 11:3 Di' loro: - Cosi' parla l'Eterno, l'Iddio d'Israele: Maledetto l'uomo che non ascolta le parole di questo patto,4 11:4 che io comandai ai vostri padri il giorno che li feci uscire dal paese d'Egitto, dalla fornace di ferro, dicendo: Ascoltate la mia voce e fate tutto quello che vi comandero', e voi sarete mio popolo e io saro' vostro Dio,5 11:5 affinchè io possa mantenere il giuramento che feci ai vostri padri, di dar loro un paese dove scorre il latte e il miele, come oggi vedete ch'esso e''. Allora io risposi: 'Amen, o Eterno ! '6 11:6 L'Eterno mi disse: 'proclama tutte queste parole nelle citta' di Giuda e per le strade di Gerusalemme, dicendo: - Ascoltate le parole di questo patto, e mettetele ad effetto !7 11:7 Poichè io ho scongiurato i vostri padri dal giorno che li trassi fuori dal paese d'Egitto fino a questo giorno, li ho scongiurati fin dal mattino, dicendo: - Ascoltate la mia voce! -8 11:8 Ma essi non l'hanno ascoltata, non hanno proestato orecchio, e hanno camminato, seguendo ciascuno la caparbieta' del loro cuore malvagio. percio' io ho fatto venir su loro tutto quello che avevo detto in quel patto che io avevo comandato loro d'osservare, e ch'essi non hanno osservato'.9 11:9 Poi l'Eterno mi disse: 'Esiste una congiura fra gli uomini di Giuda e fra gli abitanti di Gerusalemme.10 11:10 Son tornati alle iniquita' dei loro padri antichi, i quali ricusarono di ascoltare le mie parole. e sono andati anch'essi dietro ad altri de'i, per servirli. la casa d'Israele e la casa di Giuda hanno rotto il patto, che io avevo fatto coi loro padri.11 11:11 Percio', cosi' parla l'Eterno: - Ecco, io faccio venir su loro una calamita', alla quale non potranno sfuggire. Essi grideranno a me, ma io non li ascoltero'.12 11:12 Allora le citta' di Giuda e gli abitanti di Gerusalemme andranno a gridare agli de'i ai quali offron profumi. ma essi non li salveranno, nel tempo della calamita'!13 11:13 Poichè, o Giuda, tu hai tanti de'i quante sono le tue citta'. e quante sono le strade di Gerusalemme, tanti altari avete eretti all'infamia, altari per offrir profumi a Baal.14 11:14 E tu non proegare per questo popolo, non ti mettere a gridare nè a far supplicazioni per loro. perchè io non li esaudiro' quando grideranno a me a motivo della calamita' che li avra' colpiti.
11:1 11:1 Ecco la parola che fu rivolta a Geremia da parte del SIGNORE:2 11:2 'Ascoltate le parole di questo patto, e parlate agli uomini di Giuda e agli abitanti di Gerusalemme !3 11:3 Dò loro: Cosò parla il SIGNORE, Dio d'Israele: ""Maledetto l'uomo che non ascolta le parole di questo patto,4 11:4 che io comandai ai vostri padri il giorno che li feci uscire dal paese d'Egitto, dalla fornace di ferro"", dicendo: ""Ascoltate la mia voce e fate tutto quello che vi comanderò, voi sarete mio popolo e io sarò vostro Dio,5 11:5 affinchè io possa mantenere il giuramento che feci ai vostri padri, di dar loro un paese dove scorre il latte e il miele"", come oggi si vede'. Allora io risposi: 'Amen, SIGNORE!'.6 11:6 Il SIGNORE mi disse: 'proclama tutte queste parole nelle città di Giuda e per le strade di Gerusalemme, dicendo: ""Ascoltate le parole di questo patto, e mettetele in proatica!7 11:7 Io infatti ho scongiurato i vostri padri dal giorno che li feci uscire dal paese d'Egitto fino a questo giorno, li ho scongiurati fin dal mattino, dicendo: Ascoltate la mia voce!8 11:8 Ma essi non l'hanno ascoltata, non hanno proestato orecchio, e hanno camminato seguendo ciascuno la caparbietà del loro cuore malvagio. perciò io ho fatto venir su di loro tutto quello che avevo detto in quel patto che io avevo comandato loro di osservare, e che essi non hanno osservato""'.9 11:9 Poi il SIGNORE mi disse: 'Esiste una congiura tra gli uomini di Giuda e fra gli abitanti di Gerusalemme.10 11:10 Sono tornati alle iniquità dei loro padri antichi, i quali rifiutarono di ascoltare le mie parole. sono andati anch'essi dietro ad altri dèi, per servirli. la casa d'Israele e la casa di Giuda hanno rotto il patto che io avevo fatto con i loro padri.11 11:11 Perciò, cosò parla il SIGNORE: ""Ecco, io faccio venir su di loro una calamità, alla quale non potranno sfuggire. Essi grideranno a me, ma io non li ascolterò.12 11:12 Allora le città di Giuda e gli abitanti di Gerusalemme andranno a gridare agli dèi a cui offrono profumi. ma essi non li salveranno, nel tempo della calamità!13 11:13 Infatti, o Giuda, tu hai tanti dèi quante sono le tue città. e quante sono le strade di Gerusalemme, tanti sono gli altari che avete eretti alla vergogna, altari per offrir profumi a Baal"".14 11:14 Tu non proegare per questo popolo, non ti mettere a gridare nè a far suppliche per loro. perchè io non li esaudirò quando grideranno a me a causa della calamità che li avrà colpiti.
11:1 11:1 Questa è la parola che fu rivolta a Geremia da parte dell’Eterno, dicendo:2 11:2 ’Ascoltate le parole di questo patto e parlate agli uomini di Giuda e agli abitanti di Gerusalemme.3 11:3 Dì loro: Così dice l’Eterno, il DIO d’Israele: Maledetto l’uomo che non ascolta le parole di questo patto,4 11:4 che io comandai ai vostri padri il giorno in cui li feci uscire dal paese d’Egitto, dalla fornace di ferro, dicendo: 'Ascoltate la mia voce e fate queste cose in base a tutto ciò che vi comando. allora voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro DIO',5 11:5 affinchè io possa adempiere il giuramento che feci ai vostri padri, di dare loro un paese dove scorre latte e miele, come oggi avviene'. Io risposi e dissi: ’Così sia, o Eterno!'.6 11:6 Allora l’Eterno mi disse: ’proclama tutte queste parole nelle città di Giuda e per le vie di Gerusalemme, dicendo: Ascoltate le parole di questo patto e mettetele in proatica.7 11:7 Poichè io ho insistentemente esortato i vostri padri dal giorno che li ho fatti uscire dal paese d’Egitto fino a questo giorno, li ho esortati con urgenza, dicendo: 'Ascoltate la mia voce!'.8 11:8 Essi però non l’hanno ascoltata nè proestarono orecchio, ma camminarono ciascuno secondo la caparbietà del loro cuore malvagio. perciò io farò venire su di loro tutte le cose dette in questo patto che avevo comandato /oro di osservare, ma che non osservarono'.9 11:9 Poi l’Eterno mi disse: ’è stata scoperta una congiura fra gli uomini di Giuda e fra gli abitanti di Gerusalemme.10 11:10 Sono ritornati alle iniquità dei loro padri antichi, i quali rifiutarono di ascoltare le mie parole, e sono anch’essi andati dietro ad altri dèi, per servirli. la casa d’Israele e la casa di Giuda hanno rotto il patto che io avevo fatto con i loro padri'.11 11:11 Perciò così dice l’Eterno: ’Ecco, io farò venire su di loro una calamità, alla quale non potranno sfuggire. Essi grideranno a me, ma io non li ascolterò.12 11:12 Allora le città di Giuda e gli abitanti di Gerusalemme andranno a gridare agli dèi ai quali hanno bruciato incenso, ma essi non li salveranno nel tempo della loro calamità.13 11:13 Poichè, o Giuda, i tuoi dèi sono numerosi come le tue città, e gli altari che avete eretto a quella cosa vergognosa, altari per bruciare incenso a Baal, sono numerosi come le vie di Gerusalemme.14 11:14 Perciò non proegare per questo popolo e non innalzare per loro alcun grido o proeghiera, perchè io non li esaudirò quando grideranno a me per la loro sventura'.
11:1 Questa la parola che fu rivolta a Geremia da parte del Signore:2 ""Ascolta le parole di questa alleanza e tu riferiscile agli uomini di Giuda e agli abitanti di Gerusalemme.3 Dirai loro: Dice il Signore Dio di Israele: Maledetto l'uomo che non ascolta le parole di questa alleanza,4 che io imposi ai vostri padri quando li feci uscire dal paese d'Egitto, dal crogiuolo di ferro, dicendo: Ascoltate la mia voce ed eseguite quanto vi ho comandato; allora voi sarete il mio popolo e io sarò il vostro Dio,5 così che io possa mantenere il giuramento fatto ai vostri padri di dare loro una terra dove scorrono latte e miele, come oggi possedete"". Io risposi: ""Così sia, Signore!"".6 E il Signore mi disse: ""Proclama tutte queste parole nelle città di Giuda e nelle strade di Gerusalemme, dicendo: Ascoltate le parole di questa alleanza e mettetele in pratica!7 Poichè io ho più volte scongiurato i vostri padri quando li feci uscire dal paese d'Egitto e fino ad oggi, ammonendoli premurosamente ogni giorno: Ascoltate la mia voce!8 Ma essi non ascoltarono nè prestarono orecchio; ognuno seguì la caparbietà del suo cuore malvagio. Perciò ho attuato nei loro riguardi tutte le parole di questa alleanza che avevo ordinato loro di osservare e non osservarono"".9 Il Signore mi disse: ""Si è formata una congiura fra gli uomini di Giuda e gli abitanti di Gerusalemme;10 sono ritornati alle iniquità dei loro primi padri che avevano rifiutato di ascoltare le mie parole, anch'essi hanno seguito altri dèi per servirli. La casa di Israele e la casa di Giuda hanno violato l'alleanza che io avevo concluso con i loro padri.11 Perciò dice il Signore: Ecco manderò su di loro una sventura alla quale non potranno sfuggire. Allora leveranno grida di aiuto verso di me, ma io non li ascolterò;12 allora le città di Giuda e gli abitanti di Gerusalemme alzeranno grida di aiuto agli dèi ai quali hanno offerto incenso, ma quelli certamente non li salveranno nel tempo della loro sciagura.13 Perchè numerosi come le tue città sono i tuoi dèi, o Giuda; numerosi come le strade di Gerusalemme gli altari che avete eretto all'idolo, altari per bruciare incenso a Baal.14 Tu poi, non intercedere per questo popolo, non innalzare per esso suppliche e preghiere, perchè non ascolterò quando mi invocheranno nel tempo della loro sventura"".

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

avvento



natale



ordinario



quaresima



pasqua



passione







E nelle seguenti solennità


dove si leggono i seguenti passi: ( ,-);

Genealogia

    Conversione di misure antiche presenti nel testo

    Quantità nel testo
    misura bibblica
    Quantità convertita
    Unità di misura attuale