Cronologia dei paragrafi

Lamento del profeta per una carestia
Corruzione morale di Giuda
Lamenti a Sion
La vera saggezza
La circoncisione, falsa garanzia
Idoli e vero Dio
Panico nel paese
Geremia e le parole dell'alleanza
Rimprovero ai frequentatori del tempio
Geremia perseguitato ad Anatàt
La felicità dei cattivi
Lamenti del Signore sulla sua eredità invasa
Giudizio e salvezza dei popoli vicini
La cintura inutilizzabile
I boccali di vino fracassati
Prospettive di esilio
Minacce è Ioiachan
Ammonizione e Gerusalemme che non si converte
La grande siccità
La sventura della guerra
Rinnovo della vocazione
La vita del profeta come segno
Il ritorno dei dispersi di Israele
Annunzio dell'invasione
La conversione delle nazioni
Colpe cultuali di Giuda
Sentenze di saggezza
Fiducia nel tempio e nel Signore
Una preghiera di vendetta
L'osservanza del sabato
Geremia presso il vasaio
Israele dimentica il Signore
In occasione di un attentato contro Geremia
La brocca spezzata è l'alterco con Pascer
Estratti diversi dalle e Confessionì
La risposta agli inviati di Sedecia
Appello generale alla casa reale
Oracoli contro diversi re: contro Ioacaz
Contro Ioiakim
Contro Ioiachin
Oracoli messianici. Il re dell'avvenire
Libretto contro i falsi profeti
I due canestri di fichi
4. Babilonia, flagello del Signore
La visione della coppa
Arresto e giudizio di Geremia
L'azione simbolica del giogo e il messaggio ai re occidentali
L'alterco con il profeta Anania
La lettera agli esiliati
Profezia contro Semaia
Restaurazione promessa a Israele
Ristabilimento promesso a Giuda
Israele e Giuda
La retribuzione personale
La nuova alleanza
Permanenza di Israele
Ricostruzione e grandezza di Gerusalemme
L'acquisto di un campo, pegno di avvenire felice
Altra promessa di restaurazione
Le istituzioni dell'avvenire
La sorte finale di Sedecia
Il problema della liberazione degli schiavi
Il rotolo del 65-64
Giudizio riassuntivo su Sedecia
Geremia nella cisterna. Intervento di Ebed-Milech
Ultimo incontro di Geremia con Sedecia
Sorte di Geremia alla caduta di Gerusalemme
Oracolo di salvezza per Ebed-Milech
Ancora la sorte di Geremia
Godolia governatore: suo assassinio
La fuga in Egitto
Geremia predice l'invasione dell'Egitto da parte di Nabucodonosor
Ultimo ministero di Geremia: i Giudei in Egitto e la Regina del Cielo
La parola di consolazione per Baruc
Oracoli contro l'Egitto. La disfatta di Crchemis
L'invasione dell'Egitto
Oracolo contro i Filistei
Oracolo contro Moab
Oracolo contro Ammon
Oracolo contro Edom
Oracolo contro città sire
Oracolo contro le tribù arabe
Oracolo contro Elam
Oracolo contro Babilonia
Caduta di Babilonia, liberazione di Israele
Caduta di Babilonia annunziata a Gerusalemme
Il peccato di insolenza
Il Signore redentore di Israele
Il popolo del nord e il leone del Giordano
Il Signore contro Babilonia
Il martello del Signore e il monte colossale
Verso la fine
La vendetta del Signore
Elegia su Babilonia
La visita del Signore agli idoli
L'abbattimento di Babilonia
L'oracolo gettato nell'Eufrate
La catastrofe di Gerusalemme è il favore reso è Ioiachin

Lamento del profeta per una carestia (ger 8,18-99)

8:18 Senza rimedio cresce il mio dolore, e il mio cuore viene meno. 19 Ecco, odo le grida della figlia del mio popolo da una terra sconfinata: "Non c'è il Signore in Sion, il suo re non vi abita più?". "Perchè mi hanno provocato all'ira con i loro idoli e con nullità straniere?". 20 "è passata la stagione della messe, è finita l'estate e noi non siamo stati salvati". 21 Per la ferita della figlia del mio popolo sono affranto, sono costernato, l'orrore mi ha preso. 22 Non v'è più balsamo in Gàlaad? Non c'è più nessun medico? Perchè non si cicatrizza la ferita della figlia del mio popolo? 23 Chi farà del mio capo una fonte di acqua, dei miei occhi una sorgente di lacrime, per piangere giorno e notte gli uccisi della figlia del mio popolo?

8:18 8:18 O mio conforto nel cordoglio! il mio cuore lan-gue in me. 19 8:19 Ecco la voce del grido della figliuola del mio popolo, da lontan paese: Non e' il Signore in Sion? non vi e' il re d'essa? Perche' mi hanno essi dispettato con le loro sculture, con vanita' di stranieri? 20 8:20 La ricolta e' passata, la state e' finita, e noi non siamo stati salvati. 21 8:21 Io son tutto rotto per la rottura della figliuola del mio popolo. io ne vo vestito a bruno. stupore mi ha occupato. 22 8:22 Non vi e' egli alcun balsamo in Galaad? non vi e' egli alcun medico? perche' dunque non e' stata risaldata la piaga della figliuola del mio popolo? 23

8:18 8:18 Ove trovar conforto nel mio dolore? Il cuore mi langue in seno. 19 8:19 Ecco il grido d'angoscia della figliuola del mio popolo da terra lontana: 'L'Eterno non e' egli piu' in Sion? Il suo re non e' egli piu' in mezzo a lei?' 'Perchè m'hanno provocato ad ira con le loro immagini scolpite e con vanita' straniere?' 20 8:20 'La me'sse e' passata, l'estate e' finita, e noi non siamo salvati'. 21 8:21 Per la piaga della figliuola del mio popolo io son tutto affranto. sono in lutto, sono in proeda alla costernazione. 22 8:22 Non v'e' egli balsamo in Galaad? Non v'e' egli cola' alcun medico? Perchè dunque la piaga della figliuola del mio popolo non e' stata medicata? 23

8:18 8:18 Dove trovar conforto nel mio dolore? Il cuore mi langue in petto. 19 8:19 Ecco il grido d'angoscia della figlia del mio popolo da terra lontana: 'Il SIGNORE non è più in Sion? Il suo re non è più in mezzo a lei?'. 'Perchè hanno provocato la mia ira con le loro immagini scolpite e con vanità straniere?'. 20 8:20 'La mietitura è finita, l'estate è trascorsa, e noi non siamo salvati'. 21 8:21 Per la piaga della figlia del mio popolo io sono tutto affranto. sono in lutto, sono in proeda alla costernazione. 22 8:22 Non c'è balsamo in Galaad? Non c'è laggiù nessun medico? Perchè dunque la piaga della figlia del mio popolo non è stata medicata? 23

8:18 8:18 Potessi trovare conforto nel mio dolore. Il mio cuore viene meno dentro di me. 19 8:19 Ecco una voce: è il grido della figlia del mio popolo da terra lontana: ’Non è forse l’Eterno in Sion? Non è il suo re in mezzo a lei?'. ’Perchè mi hanno provocato ad ira con le loro immagini scolpite e con idoli stranieri?'. 20 8:20 La mietitura è passata, l’estate è finita e noi non siamo salvati. 21 8:21 Per la ferita della figlia del mio popolo sono affranto, sono in lutto, sono in proeda alla costernazione. 22 8:22 Non c?è forse balsamo in Galaad, non c?è là alcun medico? Perchè mai non giunge la guarigione della figlia del mio popolo? 23

8:18 Cercai di rasserenarmi, superando il mio dolore, ma il mio cuore vien meno. 19 Ecco odo le grida della figlia del mio popolo da una terra lunga e larga: ""Forse il Signore non si trova in Sion, il suo re non vi abita più?"". Perchè mi hanno provocato all'ira con i loro idoli e con queste nullità straniere? 20 è passata la stagione della messe, è finita l'estate e noi non siamo stati soccorsi. 21 Per la ferita della figlia del mio popolo sono affranto, sono costernato, l'orrore mi ha preso. 22 Non v'è forse balsamo in Gàlaad? Non c'è più nessun medico? Perchè non si cicatrizza la ferita della figlia del mio popolo? 23 Chi farà del mio capo una fonte di acqua, dei miei occhi una sorgente di lacrime, perchè pianga giorno e notte gli uccisi della figlia del mio popolo?

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia