Cronologia dei paragrafi

In occasione di una carestia
Ripresa del tema
Ancora l'invasione
a) L'attacco contro il tempio
b) Gli dei stranieri
c) Il culto senza fedeltà
d) Di nuovo il culto illegittimo; minaccia di esilio
Minacce, lamenti, istruzioni. Traviamento di Israele
La legge nelle mani dei sacerdoti
Ripresa di un frammento con minacce
Minacce alla vigna - Giuda
Lamento del profeta per una carestia
Corruzione morale di Giuda
Lamenti a Sion
La vera saggezza
La circoncisione, falsa garanzia
Idoli e vero Dio
Panico nel paese
Geremia e le parole dell'alleanza
Rimprovero ai frequentatori del tempio
Geremia perseguitato ad Anatàt
La felicità dei cattivi
Lamenti del Signore sulla sua eredità invasa
Giudizio e salvezza dei popoli vicini
La cintura inutilizzabile
I boccali di vino fracassati
Prospettive di esilio
Minacce è Ioiachan
Ammonizione e Gerusalemme che non si converte
La grande siccità
La sventura della guerra
Rinnovo della vocazione
La vita del profeta come segno
Il ritorno dei dispersi di Israele
Annunzio dell'invasione
La conversione delle nazioni
Colpe cultuali di Giuda
Sentenze di saggezza
Fiducia nel tempio e nel Signore
Una preghiera di vendetta
L'osservanza del sabato
Geremia presso il vasaio
Israele dimentica il Signore
In occasione di un attentato contro Geremia
La brocca spezzata è l'alterco con Pascer
Estratti diversi dalle e Confessionì
La risposta agli inviati di Sedecia
Appello generale alla casa reale
Oracoli contro diversi re: contro Ioacaz
Contro Ioiakim
Contro Ioiachin
Oracoli messianici. Il re dell'avvenire
Libretto contro i falsi profeti
I due canestri di fichi
4. Babilonia, flagello del Signore
La visione della coppa
Arresto e giudizio di Geremia
L'azione simbolica del giogo e il messaggio ai re occidentali
L'alterco con il profeta Anania
La lettera agli esiliati
Profezia contro Semaia
Restaurazione promessa a Israele
Ristabilimento promesso a Giuda
Israele e Giuda
La retribuzione personale
La nuova alleanza
Permanenza di Israele
Ricostruzione e grandezza di Gerusalemme
L'acquisto di un campo, pegno di avvenire felice
Altra promessa di restaurazione
Le istituzioni dell'avvenire
La sorte finale di Sedecia
Il problema della liberazione degli schiavi
Il rotolo del 65-64
Giudizio riassuntivo su Sedecia
Geremia nella cisterna. Intervento di Ebed-Milech
Ultimo incontro di Geremia con Sedecia
Sorte di Geremia alla caduta di Gerusalemme
Oracolo di salvezza per Ebed-Milech
Ancora la sorte di Geremia
Godolia governatore: suo assassinio
La fuga in Egitto
Geremia predice l'invasione dell'Egitto da parte di Nabucodonosor
Ultimo ministero di Geremia: i Giudei in Egitto e la Regina del Cielo
La parola di consolazione per Baruc
Oracoli contro l'Egitto. La disfatta di Crchemis
L'invasione dell'Egitto
Oracolo contro i Filistei
Oracolo contro Moab
Oracolo contro Ammon
Oracolo contro Edom
Oracolo contro città sire
Oracolo contro le tribù arabe
Oracolo contro Elam
Oracolo contro Babilonia
Caduta di Babilonia, liberazione di Israele
Caduta di Babilonia annunziata a Gerusalemme
Il peccato di insolenza
Il Signore redentore di Israele
Il popolo del nord e il leone del Giordano
Il Signore contro Babilonia
Il martello del Signore e il monte colossale
Verso la fine
La vendetta del Signore
Elegia su Babilonia
La visita del Signore agli idoli
L'abbattimento di Babilonia
L'oracolo gettato nell'Eufrate
La catastrofe di Gerusalemme è il favore reso è Ioiachin

In occasione di una carestia (ger 5,2-25)

5:2 Invece giurano certamente il falso anche quando dicono: "Per la vita del Signore!". 3 I tuoi occhi, Signore, non cercano forse la fedeltà? Tu li hai percossi, ma non mostrano dolore; li hai fiaccati, ma rifiutano di comprendere la correzione. Hanno indurito la faccia più di una rupe, rifiutano di convertirsi. 4 Io pensavo: "Sono certamente gente di bassa condizione, quelli che agiscono da stolti, non conoscono la via del Signore, la legge del loro Dio. 5 Mi rivolgerò e parlerò ai grandi, che certo conoscono la via del Signore, e il diritto del loro Dio". Purtroppo anche questi hanno rotto il giogo, hanno spezzato i legami! 6 Per questo li azzanna il leone della foresta, il lupo delle steppe ne fa scempio, il leopardo sta in agguato vicino alle loro città: quanti escono saranno sbranati, perchè si sono moltiplicati i loro peccati, sono aumentate le loro ribellioni. 7 "Perchè ti dovrei perdonare? I tuoi figli mi hanno abbandonato, hanno giurato per coloro che non sono dèi. Io li ho saziati, ed essi hanno commesso adulterio, si affollano nelle case di prostituzione. 8 Sono come stalloni ben pasciuti e focosi; ciascuno nitrisce dietro la moglie del suo prossimo. 9 Non dovrei forse punirli? Oracolo del Signore. Di una nazione come questa non dovrei vendicarmi? 10 Salite sulle sue terrazze e distruggetele, senza compiere uno sterminio; strappate i tralci, perchè non sono del Signore. 11 Poichè si sono ribellate contro di me la casa d'Israele e la casa di Giuda". Oracolo del Signore. 12 Hanno rinnegato il Signore, hanno proclamato: "Non esiste! Non verrà sopra di noi la sventura, non vedremo nè spada nè fame. 13 I profeti sono diventati vento, la sua parola non è in loro". 14 Perciò dice il Signore, Dio degli eserciti: "Poichè avete fatto questo discorso, farò delle mie parole come un fuoco sulla tua bocca e questo popolo sarà la legna che esso divorerà. 15 Ecco, manderò da lontano una nazione contro di te, casa d'Israele. Oracolo del Signore. è una nazione valorosa, è una nazione antica! Una nazione di cui non conosci la lingua e non comprendi che cosa dice. 16 La sua faretra è come un sepolcro aperto. Sono tutti prodi. 17 Divorerà le tue messi e il tuo pane, divorerà i tuoi figli e le tue figlie, divorerà le greggi e gli armenti, divorerà le tue vigne e i tuoi fichi, distruggerà le città fortificate, nelle quali riponevi la tua fiducia. 18 Ma anche in quei giorni - oracolo del Signore - non farò di voi uno sterminio". 19 Allora, se diranno: "Perchè il Signore Dio ci fa tutto questo?", tu risponderai loro: "Come avete abbandonato il Signore per servire nella vostra terra divinità straniere, così sarete servi degli stranieri in una terra non vostra". 20 Annunciatelo nella casa di Giacobbe, fatelo udire in Giuda e dite: 21 "Ascolta, popolo stolto e privo di senno, che ha occhi ma non vede, ha orecchi ma non ode. 22 Non mi temerete? Oracolo del Signore. Non tremerete dinanzi a me, che ho posto la sabbia per confine al mare, limite perenne che non varcherà? Le sue onde si agitano ma non prevalgono, rumoreggiano ma non l'oltrepassano". 23 Questo popolo ha un cuore indocile e ribelle; si voltano indietro e se ne vanno, 24 e non dicono in cuor loro: "Temiamo il Signore, nostro Dio, che dona la pioggia autunnale e quella primaverile a suo tempo, che custodisce per noi le settimane fissate per la messe". 25 Le vostre iniquità hanno sconvolto quest'ordine e i vostri peccati tengono lontano da voi il benessere;

5:2 5:2 E se pur dicono: Il Signor vive. certo giurano falsamente. 3 5:3 O Signore, non sono gli occhi tuoi volti verso la lealta': tu li hai percossi, e non e' lor doluto. tu li hai consumati, ed han ricusato di ricevere correzione. hanno indurata la faccia loro, piu' che un sasso. hanno rifiutato di convertirsi. 4 5:4 Or io diceva: Questi son solo i miseri. sono insensati. perciocche' non conoscono la via del Signore, la Legge dell'Iddio loro. 5 5:5 Io me ne andro' a' grandi, e parlero' con loro. per-ciocche' essi conoscono la via del Signore, la Legge dell'Iddio loro. ma essi tutti quanti hanno spezzato il giogo, hanno rotti i legami. 6 5:6 Percio' il leone della selva li ha percossi, il lupo del vespro li ha deserti, il pardo sta in guato proesso alle lor citta'. chiunque ne uscira' sara' lacerato. per-ciocche' i lor misfatti sono moltiplicati, le lor ribellioni si son rinforzate. 7 5:7 Come ti perdonerei io questo? i tuoi figliuoli mi hanno lasciato, ed han giurato per quelli che non sono dii. ed avendoli io satollati, han commesso adulterio. e si sono adunati a schiere in casa della meretrice. 8 5:8 Quando si levano la mattina, son come cavalli ben pasciuti: ciascun di loro ringhia dietro alla moglie del suo prossimo. 9 5:9 Non farei io punizione di queste cose? dice il Signore. e non vendichereb-besi l'anima mia d'una cotal gente? 10 5:10 Salite su le sue mura, e guastate, e non fate fine. togliete via i suoi ripari. perciocche' non son del Signore. 11 5:11 Conciossiache' la casa d'Israele, e la casa di Giuda, si sieno portate del tutto dislealmente inverso me, dice il Signore. 12 5:12 Han rinnegato il Signore, ed han detto: Egli non e': e male alcuno non ci verra' addosso. e non vedremo spada, ne' fame. 13 5:13 e i profeti andranno al vento, e non vi e' oracolo alcuno in loro. cosi' sara' lor fatto. 14 5:14 Per tanto, cosi' ha detto il Signore Iddio degli eserciti: Perciocche' voi avete proferita questa parola, ecco, io faro' che le mie parole saranno nella tua bocca come un fuoco, e questo popolo sara' come legne, e quel fuoco lo divorera'. 15 5:15 O casa d'Israele, ecco, io fo venir soproa voi, dice il Signore, una gente di lontano. ella e' una gente poderosa, una gente antica, una gente, della quale tu non saproai la lingua, e non intenderai quel che dira'. 16 5:16 Il suo turcasso sara' come un sepolcro aperto, essi tutti saranno uomini di valore. 17 5:17 Ed ella mangera' la tua ricolta, ed il tuo pane, che i tuoi figliuoli, e le tue figliuole doveano mangiare. mangera' le tue pecore, e i tuoi buoi. mangera' i frutti delle tue vigne, e de' tuoi fichi. e con la spada ridurra' allo stremo le citta' forti, nelle quali tu ti confidi. 18 5:18 E pure anche in que' giorni, dice il Signore, non faro' fine con voi. 19 5:19 Ed avverra' che voi direte: Perche' ci ha il Signore Iddio nostro fatte tutte queste cose? Allora tu di' loro: Siccome voi mi avete lasciato, e avete servito a dii stranieri nel vostro paese, cosi' servirete a stranieri in paese non vostro. 20 5:20 Annunziate questo nella casa di Giacobbe, e banditelo in Giuda, dicendo: 21 5:21 Ascoltate ora questo, o popolo stolto, e che non ha senno. che ha occhi, e non vede. orecchi, e non ode. 22 5:22 Non mi temerete voi? dice il Signore. non avrete voi spavento di me, che ho, per istatuto perpetuo, posta la rena per termine del mare, il quale egli non trapassera'. e benchà le sue onde si commuovano, non pero' verranno al disoproa. e benchà romoreggino, non pero' lo trapasseranno? 23 5:23 Ma questo popolo ha un cuor ritroso e ribello. si sono stornati, e se ne sono iti. 24 5:24 e non han detto nel cuor loro: Deh! temiamo il Signore Iddio nostro, che da' la pioggia della proima e dell'ultima stagione, al suo tempo. che ci conserva le settimane ordinate per la mietitura. 25 5:25 Le vostre iniquita' hanno stornate queste cose, e i vostri peccati vi han divietato il bene.

5:2 5:2 Anche quando dicono: 'Com'e' vero che l'Eterno vive', e' certo che giurano il falso. 3 5:3 O Eterno, gli occhi tuoi non cercano essi la fedelta'? Tu li colpisci, e quelli non sentono nulla. tu li consumi, e quelli rifiutano di ricevere la correzione. essi han reso il loro volto piu' duro della roccia, rifiutano di convertirsi. 4 5:4 Io dicevo: 'Questi non son che i miseri. sono insensati perchè non conoscono la via dell'Eterno, la legge del loro Dio. 5 5:5 io andro' dai grandi e parlero' loro, perch'essi conoscono la via dell'Eterno, la legge del loro Dio'. ma anch'essi tutti quanti hanno spezzato il giogo, hanno rotto i legami. 6 5:6 Percio' il leone della foresta li uccide, il lupo del deserto li distrugge, il leopardo sta in agguato proesso le loro citta'. chiunque ne uscira' sara' sbranato, perchè le loro trasgressioni son numerose, le loro infedelta' sono aumentate. 7 5:7 Perchè ti perdonerei io? I tuoi figliuoli m'hanno abbandonato, e giurano per degli de'i che non esistono. Io li ho satollati ed essi si danno all'adulterio, e s'affollano nelle case di prostituzione. 8 5:8 Sono come tanti stalloni ben pasciuti ed ardenti. ognun d'essi nitrisce dietro la moglie del prossimo. 9 5:9 Non li punirei io per queste cose? dice l'Eterno. e l'anima mia non si vendicherebbe d'una simile nazione? 10 5:10 Salite sulle sue mura e distruggete, ma non la finite del tutto. portate via i suoi tralci, perchè non son dell'Eterno! 11 5:11 Poichè la casa d'Israele e la casa di Giuda m'hanno tradito, dice l'Eterno. 12 5:12 Rinnegano l'Eterno, e dicono: 'Non esiste. nessun male ci verra' addosso, noi non vedremo nè spada nè fame. 13 5:13 i profeti non sono che vento, e nessuno parla in essi. Quel che minacciano sia fatto a loro ! ' 14 5:14 Percio' cosi' parla l'Eterno, l'Iddio degli eserciti: Perchè avete detto quelle parole, ecco, io faro' che la parola mia sia come fuoco nella tua bocca, che questo popolo sia come legno, e che quel fuoco lo divori. 15 5:15 Ecco, io faccio venire da lungi una nazione contro di voi, o casa d'Israele, dice l'Eterno. una nazione valorosa, una nazione antica, una nazione della quale tu non conosci la lingua e non intendi le parole. 16 5:16 Il suo turcasso e' un sepolcro aperto. tutti quanti son dei prodi. 17 5:17 Essa divorera' le tue me'ssi e il tuo pane, divorera' i tuoi figliuoli e le tue figliuole, divorera' le tue pecore e i tuoi buoi, divorera' le tue vigne e i tuoi fichi. abbattera' con la spada le tue citta' forti nelle quali confidi. 18 5:18 Ma anche in quei giorni, dice l'Eterno, io non ti finiro' del tutto. 19 5:19 E quando direte: 'Perchè l'Eterno, il nostro Dio, ci ha egli fatto tutto questo?' tu risponderai loro: 'Come voi m'avete abbandonato e avete servito degli de'i stranieri nel vostro paese, cosi' servirete degli stranieri in un paese che non e' vostro'. 20 5:20 Annunziate questo alla casa di Giacobbe, banditelo in Giuda, e dite: 21 5:21 Ascoltate ora questo, o popolo stolto e senza cuore, che ha occhi e non vede, che ha orecchi e non ode. 22 5:22 Non mi temerete voi? dice l'Eterno. non temerete voi dinanzi a me che ho posto la rena per limite al mare, barriera eterna, ch'esso non oltrepassera' mai? I suoi flutti s'agitano, ma sono impotenti. muggono, ma non la sormontano. 23 5:23 Ma questo popolo ha un cuore indocile e ribelle. si voltano indietro e se ne vanno. 24 5:24 Non dicono in cuor loro: 'Temiamo l'Eterno il nostro Dio, che da' la pioggia a suo tempo: la pioggia della proima e dell'ultima stagione, che ci mantiene le settimane fissate per la mietitura'. 25 5:25 Le vostre iniquita' hanno sconvolto queste cose, e i vostri peccati v'han proivato del benessere.

5:2 5:2 Anche quando dicono: ""Com'è vero che il SIGNORE vive"", è certo che giurano il falso'. 3 5:3 SIGNORE, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà? Tu li colpisci, e quelli non sentono nulla. tu li consumi, e quelli rifiutano di ricevere la correzione. essi hanno reso il loro volto più duro della roccia, rifiutano di convertirsi. 4 5:4 Io dicevo: 'Questi non sono che miseri, insensati che non conoscono la via del SIGNORE, il giudizio del loro Dio'. 5 5:5 io andrò dai grandi e parlerò loro, perchè essi conoscono la via del SIGNORE, il giudizio del loro Dio. ma anch'essi tutti quanti hanno spezzato il giogo, hanno rotto i legami. 6 5:6 Perciò il leone della foresta li uccide, il lupo del deserto li distrugge, il leopardo sta in agguato proesso le loro città. chiunque ne uscirà sarà sbranato, perchè le loro trasgressioni sono numerose, le loro infedeltà sono aumentate. 7 5:7 'Perchè ti dovrei perdonare? I tuoi figli mi hanno abbandonato, giurano per degli dèi che non esistono. Io li ho saziati ed essi si danno all'adulterio, si affollano nella casa della prostituta. 8 5:8 Sono come tanti stalloni ben pasciuti e focosi. ognuno di essi nitrisce dietro la moglie del prossimo. 9 5:9 Non li dovrei punire per queste cose' dice il SIGNORE, 'non dovrei vendicarmi di una simile nazione?'. 10 5:10 'Salite sulle sue mura e distruggete, ma non la finite del tutto. portate via i suoi tralci, perchè non sono del SIGNORE! 11 5:11 Infatti la casa d'Israele e la casa di Giuda mi hanno tradito' dice il SIGNORE. 12 5:12 Rinnegano il SIGNORE, e dicono: 'Non esiste. nessun male ci verrà addosso, noi non vedremo spada nè fame. 13 5:13 i profeti non sono che vento, e nessuno parla in essi. Quel che minacciano sia fatto a loro!'. 14 5:14 Perciò cosò parla il SIGNORE, Dio degli eserciti: 'Poichè avete detto quelle parole, ecco, io farò in modo che la parola mia sia come fuoco nella tua bocca, che questo popolo sia come legno, e che quel fuoco lo divori. 15 5:15 Ecco, io faccio venire da lontano una nazione contro di voi, casa d'Israele' dice il SIGNORE. 'una nazione valorosa, una nazione antica, una nazione della quale tu non conosci la lingua e non capisci le parole. 16 5:16 La sua faretra è un sepolcro aperto. tutti quanti sono valorosi. 17 5:17 Essa divorerà i tuoi raccolti e il tuo pane, divorerà i tuoi figli e le tue figlie, divorerà le tue pecore e i tuoi buoi, divorerà le tue vigne e i tuoi fichi. abbatterà con la spada le tue città fortificate nelle quali confidi. 18 5:18 Ma anche in quei giorni' dice il SIGNORE, 'io non ti finirò del tutto. 19 5:19 Quando direte: ""Perchè il SIGNORE, il nostro Dio, ci ha fatto tutto questo?"" tu risponderai loro: ""Come voi mi avete abbandonato e avete servito dèi stranieri nel vostro paese, cosò servirete gli stranieri in un paese che non è vostro"". 20 5:20 Annunziate questo alla casa di Giacobbe, proclamatelo in Giuda, e dite: 21 5:21 Ascoltate ora questo, popolo stolto e senza cuore, hanno occhi, ma non vedono, hanno orecchi, ma non odono. 22 5:22 Voi non mi temerete' dice il SIGNORE, 'non temerete davanti a me? Io ho posto la sabbia come limite al mare, barriera eterna, che esso non oltrepasserà mai. I suoi flutti si agitano, ma sono impotenti. muggono, ma non la sormontano. 23 5:23 Ma questo popolo ha un cuore indocile e ribelle. si voltano indietro e se ne vanno. 24 5:24 Non dicono in cuor loro: ""Temiamo il SIGNORE, il nostro Dio, che dà la pioggia a suo tempo: la pioggia della proima e dell'ultima stagione, che ci mantiene le settimane fissate per la mietitura"". 25 5:25 Le vostre iniquità hanno sconvolto queste cose. i vostri peccati vi hanno proivati del benessere.

5:2 5:2 Anche se dicono: ’L’Eterno vive', certo giurano il falso. 3 5:3 O Eterno, non sono i tuoi occhi per la verità? Tu li hai colpiti, ma non hanno sentito alcun dolore. li hai consumati, ma hanno rifiutato di ricevere la correzione. Essi hanno indurito la loro faccia più della roccia e hanno rifiutato di ritornare. 4 5:4 Perciò dissi: ’Essi sono certamente poveri, sono insensati perchè non conoscono la via dell’Eterno, la legge del loro DIO. 5 5:5 Andrò quindi dai grandi e parlerò loro, perchè essi conoscono la via dell’Eterno, la legge del loro DIO'. Ma anch’essi insieme hanno spezzato il giogo e hanno rotto i legami. 6 5:6 Perciò il leone della foresta li uccide, il lupo del deserto li distrugge, il leopardo sta in agguato vicino alle loro città. chiunque esce da esse è sbranato, perchè le loro trasgressioni sono numerose, le loro ribellioni sono aumentate. 7 5:7 ’Come potrei perdonarti per questo? I tuoi figli mi hanno abbandonato e giurano per quelli che non sono dèi. Io li ho saziati, ma essi hanno commesso adulterio e si affollano nelle case di prostituzione. 8 5:8 Sono come stalloni ben pasciuti e ardenti al mattino. ciascuno nitrisce dietro la moglie del proproio vicino. 9 5:9 Non li punirò io per queste cose?', dice l’Eterno, ’e non mi vendicherò io di una simile nazione? 10 5:10 Salite sulle mura e distruggete, ma non effettuate una distruzione completa. portate via i suoi tralci, perchè non sono dell’Eterno. 11 5:11 Poichè la casa d’Israele e la casa di Giuda hanno agito perfidamente con me', dice l’Eterno. 12 5:12 Hanno rinnegato l’Eterno e hanno detto: ’Non è lui. Nessun male ci verrà addosso. non vedremo nè spada nè fame. 13 5:13 I profeti non sono che vento, e in loro non c?è la parola di Dio. Sia fatto a loro ciò che dicono a noi'. 14 5:14 Perciò così dice l’Eterno, il DIO degli eserciti: ’Perchè avete parlato in questo modo, io renderò le mie parole come fuoco nella tua bocca, e questo popolo come legna, che esso divorerà. 15 5:15 Ecco, io farò venire contro di voi una nazione da lontano, o casa d’Israele', dice l’Eterno. ’è una nazione valorosa, è una nazione antica, una nazione di cui non conosci la lingua e non intendi le parole. 16 5:16 La sua faretra è come un sepolcro aperto. sono tutti uomini valorosi. 17 5:17 Essa divorerà le tue messi e il tuo pane, divorerà i tuoi figli e le tue figlie, divorerà le tue greggi e i tuoi armenti, divorerà le tue vigne e i tuoi fichi. distruggerà con la spada le tue città fortificate nelle quali confidi. 18 5:18 Ma anche in quei giorni', dice l’Eterno, ’non ti distruggerò completamente. 19 5:19 E avverrà che quando direte: ""Perchè l’Eterno, il nostro DIO, ci ha fatto tutte queste cose?"", tu risponderai loro: ""Come voi avete abbandonato me e avete servito dèi stranieri nel vostro paese, così servirete gli stranieri in un paese che non è vostro"". 20 5:20 Annunziate questo alla casa di Giacobbe e proclamatelo in Giuda, dicendo: 21 5:21 Ascoltate ora questo, o popolo stolto e senza cuore, che ha occhi ma non vede, che ha orecchi ma non ode. 22 5:22 Non mi temerete?', dice l’Eterno, ’non tremerete davanti a me che ho posto la sabbia per limite al mare, come statuto eterno che non oltrepasserà mai? Le sue onde si agitano ma non proevalgono, rumoreggiano ma non la sorpassano"". 23 5:23 Ma questo popolo ha un cuore ostinato e ribelle. si voltano indietro e se ne vanno. 24 5:24 Non dicono in cuor loro: ""Temiamo l’Eterno, il nostro DIO, che dà la pioggia a suo tempo, la proima e l’ultima pioggia, che mantiene per noi le settimane fissate per la mietitura'. 25 5:25 Le vostre iniquità hanno sconvolto queste cose e i vostri peccati tengono lontano da voi la prosperità.

5:2 Anche quando esclamano: ""Per la vita del Signore!"", certo giurano il falso. 3 Signore, i tuoi occhi non cercano forse la fedeltà? Tu li hai percossi, ma non mostrano dolore; li hai fiaccati, ma rifiutano di comprendere la correzione. Hanno indurito la faccia più di una rupe, non vogliono convertirsi. 4 Io pensavo: ""Certo, sono di bassa condizione, agiscono da stolti, perchè non conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio. 5 Mi rivolgerò ai grandi e parlerò loro. Certo, essi conoscono la via del Signore, il diritto del loro Dio"". Ahimè, anche questi hanno rotto il giogo, hanno spezzato i legami! 6 Per questo li azzanna il leone della foresta, il lupo delle steppe ne fa scempio, il leopardo sta in agguato vicino alle loro città quanti ne escono saranno sbranati; perchè si sono moltiplicati i loro peccati, sono aumentate le loro ribellioni. 7 Perchè ti dovrei perdonare? I tuoi figli mi hanno abbandonato, hanno giurato per chi non è Dio. Io li ho saziati ed essi hanno commesso adulterio, si affollano nelle case di prostituzione. 8 Sono come stalloni ben pasciuti e focosi; ciascuno nitrisce dietro la moglie del suo prossimo. 9 Non dovrei forse punirli per questo? Oracolo del Signore. E di un popolo come questo non dovrei vendicarmi? 10 Salite sui suoi filari e distruggeteli, compite uno sterminio; strappatene i tralci, perchè non sono del Signore. 11 Poichè, certo, mi si sono ribellate la casa di Israele e la casa di Giuda"". Oracolo del Signore. 12 Hanno rinnegato il Signore, hanno proclamato: ""Non è lui! Non verrà sopra di noi la sventura, non vedremo nè spada nè fame. 13 I profeti sono come il vento, la sua parola non è in essi"". 14 Perciò dice il Signore, Dio degli eserciti: ""Questo sarà fatto loro, poichè hanno pronunziato questo discorso: Ecco io farò delle mie parole come un fuoco sulla tua bocca. Questo popolo sarà la legna che esso divorerà. 15 Ecco manderò contro di voi una nazione da lontano, o casa di Israele. Oracolo del Signore. è una nazione valorosa, è una nazione antica! Una nazione di cui non conosci la lingua e non comprendi che cosa dice. 16 La sua faretra è come un sepolcro aperto. Essi sono tutti prodi. 17 Divorerà le tue messi e il tuo pane; divorerà i tuoi figli e le tue figlie; divorerà i greggi e gli armenti; divorerà le tue vigne e i tuoi fichi; distruggerà le città fortificate nelle quali riponevi la fiducia. 18 Ma anche in quei giorni, dice il Signore, non farò di voi uno sterminio"". 19 Allora, se diranno: ""Perchè il Signore nostro Dio ci fa tutte queste cose?"", tu risponderai: ""Come voi avete abbandonato il Signore e avete servito divinità straniere nel vostro paese, così servirete gli stranieri in un paese non vostro"". 20 Annunziatelo nella casa di Giacobbe, fatelo udire in Giuda dicendo: 21 ""Questo dunque ascoltate, o popolo stolto e privo di senno, che ha occhi ma non vede, che ha orecchi ma non ode. 22 Voi non mi temerete? Oracolo del Signore. Non tremerete dinanzi a me, che ho posto la sabbia per confine al mare, come barriera perenne che esso non varcherà? Le sue onde si agitano ma non prevalgono, rumoreggiano ma non l'oltrepassano"". 23 Ma questo popolo ha un cuore indocile e ribelle; si voltano indietro e se ne vanno, 24 e non dicono in cuor loro: ""Temiamo il Signore nostro Dio che elargisce la pioggia d'autunno e quella di primavera a suo tempo, ha fissato le settimane per la messe e ce le mantiene costanti"". 25 Le vostre iniquità hanno sconvolto queste cose e i vostri peccati tengono lontano da voi il benessere;

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia