Cronologia dei paragrafi

Seguito del poema sulla conversione
L'invasione dal nord
Le ragioni dell'invasione
La pedagogia del castigo
In occasione di una carestia
Ripresa del tema
Ancora l'invasione
a) L'attacco contro il tempio
b) Gli dei stranieri
c) Il culto senza fedeltà
d) Di nuovo il culto illegittimo; minaccia di esilio
Minacce, lamenti, istruzioni. Traviamento di Israele
La legge nelle mani dei sacerdoti
Ripresa di un frammento con minacce
Minacce alla vigna - Giuda
Lamento del profeta per una carestia
Corruzione morale di Giuda
Lamenti a Sion
La vera saggezza
La circoncisione, falsa garanzia
Idoli e vero Dio
Panico nel paese
Geremia e le parole dell'alleanza
Rimprovero ai frequentatori del tempio
Geremia perseguitato ad Anatàt
La felicità dei cattivi
Lamenti del Signore sulla sua eredità invasa
Giudizio e salvezza dei popoli vicini
La cintura inutilizzabile
I boccali di vino fracassati
Prospettive di esilio
Minacce è Ioiachan
Ammonizione e Gerusalemme che non si converte
La grande siccità
La sventura della guerra
Rinnovo della vocazione
La vita del profeta come segno
Il ritorno dei dispersi di Israele
Annunzio dell'invasione
La conversione delle nazioni
Colpe cultuali di Giuda
Sentenze di saggezza
Fiducia nel tempio e nel Signore
Una preghiera di vendetta
L'osservanza del sabato
Geremia presso il vasaio
Israele dimentica il Signore
In occasione di un attentato contro Geremia
La brocca spezzata è l'alterco con Pascer
Estratti diversi dalle e Confessionì
La risposta agli inviati di Sedecia
Appello generale alla casa reale
Oracoli contro diversi re: contro Ioacaz
Contro Ioiakim
Contro Ioiachin
Oracoli messianici. Il re dell'avvenire
Libretto contro i falsi profeti
I due canestri di fichi
4. Babilonia, flagello del Signore
La visione della coppa
Arresto e giudizio di Geremia
L'azione simbolica del giogo e il messaggio ai re occidentali
L'alterco con il profeta Anania
La lettera agli esiliati
Profezia contro Semaia
Restaurazione promessa a Israele
Ristabilimento promesso a Giuda
Israele e Giuda
La retribuzione personale
La nuova alleanza
Permanenza di Israele
Ricostruzione e grandezza di Gerusalemme
L'acquisto di un campo, pegno di avvenire felice
Altra promessa di restaurazione
Le istituzioni dell'avvenire
La sorte finale di Sedecia
Il problema della liberazione degli schiavi
Il rotolo del 65-64
Giudizio riassuntivo su Sedecia
Geremia nella cisterna. Intervento di Ebed-Milech
Ultimo incontro di Geremia con Sedecia
Sorte di Geremia alla caduta di Gerusalemme
Oracolo di salvezza per Ebed-Milech
Ancora la sorte di Geremia
Godolia governatore: suo assassinio
La fuga in Egitto
Geremia predice l'invasione dell'Egitto da parte di Nabucodonosor
Ultimo ministero di Geremia: i Giudei in Egitto e la Regina del Cielo
La parola di consolazione per Baruc
Oracoli contro l'Egitto. La disfatta di Crchemis
L'invasione dell'Egitto
Oracolo contro i Filistei
Oracolo contro Moab
Oracolo contro Ammon
Oracolo contro Edom
Oracolo contro città sire
Oracolo contro le tribù arabe
Oracolo contro Elam
Oracolo contro Babilonia
Caduta di Babilonia, liberazione di Israele
Caduta di Babilonia annunziata a Gerusalemme
Il peccato di insolenza
Il Signore redentore di Israele
Il popolo del nord e il leone del Giordano
Il Signore contro Babilonia
Il martello del Signore e il monte colossale
Verso la fine
La vendetta del Signore
Elegia su Babilonia
La visita del Signore agli idoli
L'abbattimento di Babilonia
L'oracolo gettato nell'Eufrate
La catastrofe di Gerusalemme è il favore reso è Ioiachin

Seguito del poema sulla conversione (ger 3,19-99)

3:19 Io pensavo: "Come vorrei considerarti tra i miei figli e darti una terra invidiabile, un'eredità che sia l'ornamento più prezioso delle genti!". Io pensavo: "Voi mi chiamerete: Padre mio, e non tralascerete di seguirmi". 20 Ma come una moglie è infedele a suo marito, così voi, casa di Israele, siete stati infedeli a me". Oracolo del Signore. 21 Sui colli si ode una voce, pianto e gemiti degli Israeliti, perchè hanno reso tortuose le loro vie, hanno dimenticato il Signore, loro Dio. 22 "Ritornate, figli traviati, io risanerò le vostre ribellioni". "Ecco, noi veniamo a te, perchè tu sei il Signore, nostro Dio. 23 In realtà, menzogna sono le colline, e le grida sui monti; davvero nel Signore, nostro Dio, è la salvezza d'Israele. 24 L'infamia ha divorato fin dalla nostra giovinezza il frutto delle fatiche dei nostri padri, le loro greggi e i loro armenti, i loro figli e le loro figlie. 25 Corichiamoci nella nostra vergogna, la nostra confusione ci ricopra, perchè abbiamo peccato contro il Signore, nostro Dio, noi e i nostri padri, dalla nostra giovinezza fino ad oggi; non abbiamo ascoltato la voce del Signore, nostro Dio".

3:19 3:19 Ma io ho detto: Come ti riporro' io fra i miei figliuoli, e ti daro' il paese desiderabile, la bella eredita' degli eserciti delle genti? Ed io ho detto: Tu mi chiamerai: Padre mio, e non ti rivolgerai indietro da me. 20 3:20 Certo, siccome una moglie e' disleale al suo consorte, lasciandolo. cosi' voi, o casa d'Israele, siete stati disleali inverso me, dice il Signore. 21 3:21 Una voce e' stata udita soproa i luoghi elevati, un pianto di supplicazioni de' figliuoli d'Israele. perche' hanno pervertita la lor via, ed hanno dimenticato il Signore Iddio loro. 22 3:22 Convertitevi, figliuoli ribelli, ed io guariro' le vostre ribellioni. Ecco, noi veniamo a te, perciocche' tu sei il Signore Iddio nostro. 23 3:23 Certo, in vano si aspetta la salute dai colli, dalla moltitudine de' monti. certo, nel Signore Iddio nostro e' posta la salute d'Israele. 24 3:24 E quella cosa vergognosa ha consumata la sostanza de' padri nostri, fin dalla nostra fanciullezza. le lor pecore, i lor buoi, i lor figliuoli, e le lor figliuole. 25 3:25 Noi giacciamo nella nostra vergogna, e la nostra ignominia ci coproe. per-ciocche' noi, ed i nostri padri, abbiam peccato contro al Signore Iddio nostro, dalla nostra fanciullezza infino a questo giorno. e non abbiamo ascoltata la voce del Signore Iddio nostro.

3:19 3:19 Io avevo detto: 'Oh qual posto ti daro' tra i miei figliuoli! Che paese delizioso ti daro'! la piu' bella eredita' delle nazioni!' Avevo detto: 'Tu mi chiamerai: -Padre mio! - e non cesserai di seguirmi'. 20 3:20 Ma, proproio come una donna e' infedele al suo amante, cosi' voi mi siete stati infedeli, o casa d'Israele! dice l'Eterno. 21 3:21 Una voce s'e' fatta udire sulle alture. sono i pianti, le supplicazioni de' figliuoli d'Israele, perchè hanno pervertito la loro via, hanno dimenticato l'Eterno, il loro Dio. 22 3:22 Tornate, o figliuoli traviati, io vi guariro' dei vostri traviamenti!' 'Eccoci, noi veniamo a te, perchè tu sei l'Eterno, il nostro Dio. 23 3:23 Si', certo, vano e' il soccorso che s'aspetta dalle alture, dalle feste strepitose sui monti. si', nell'Eterno, nel nostro Dio, sta la salvezza d'Israele. 24 3:24 Quella vergogna, che son gl'idoli, ha divorato il prodotto della fatica de' nostri padri fin dalla nostra giovinezza, le loro pecore e i loro buoi, i loro figliuoli e le loro figliuole. 25 3:25 Giaciamoci nella nostra vergogna e ci coproa la nostra ignominia! poichè abbiam peccato contro l'Eterno, il nostro Dio: noi e i nostri padri, dalla nostra fanciullezza fino a questo giorno. e non abbiam dato ascolto alla voce dell'Eterno, ch'e' il nostro Dio'.

3:19 3:19 Io avevo detto: ""Quale posto ti darò tra i miei figli? Che paese delizioso ti darò? La più bella eredità delle nazioni!"". Avevo detto: ""Tu mi chiamerai: Padre mio! E non smetterai di seguirmi"". 20 3:20 Ma proproio come una donna è infedele al suo amante, cosò voi mi siete stati infedeli, casa d'Israele!' dice il SIGNORE. 21 3:21 Una voce si è fatta udire sulle alture. sono i pianti, le suppliche dei figli d'Israele, perchè hanno pervertito la loro via, hanno dimenticato il SIGNORE, il loro Dio. 22 3:22 'Tornate, figli traviati, io vi guarirò dei vostri traviamenti!'. Eccoci, noi veniamo da te, perchè tu sei il SIGNORE, il nostro Dio. 23 3:23 Certo, è vano il soccorso che si aspetta dalle alture, dalle feste strepitose sui monti. certo, nel SIGNORE, nel nostro Dio, sta la salvezza d'Israele. 24 3:24 La vergogna ha divorato il prodotto della fatica dei nostri padri, sin dalla nostra giovinezza: le loro pecore e i loro buoi, i loro figli e le loro figlie. 25 3:25 Noi abbiamo la nostra vergogna come giaciglio e la nostra infamia come coperta, poichè abbiamo peccato contro il SIGNORE, il nostro Dio: noi e i nostri padri, dalla nostra infanzia sino a questo giorno. non abbiamo dato ascolto alla voce del SIGNORE, il nostro Dio.

3:19 3:19 Io dicevo: ""Quanto volentieri ti collocherei tra i miei figli e ti darei un paese delizioso, una splendida eredità fra tutte le nazioni"". Dicevo: ""Tu mi chiamerai: Padre mio!, e non ti allontanerai più da me"". 20 3:20 Ma come una donna è infedele al proproio marito, così voi siete stati infedeli a me, o casa d’Israele', dice l’Eterno. 21 3:21 Una voce si ode sulle alture. il pianto e le suppliche dei figli d’Israele, perchè hanno pervertito la loro via e hanno dimenticato l’Eterno, il loro DIO. 22 3:22 ’Ritornate, o figli traviati, io guarirò le vostre ribellioni'. ’Ecco, noi veniamo a te, perchè tu sei l’Eterno, il nostro DIO. 23 3:23 è certamente vano l?aiuto che si aspetta dai colli e dal gran numero dei monti. certamente la salvezza d’Israele è nell’Eterno, il nostro DIO. 24 3:24 Quella cosa vergognosa ha divorato il frutto della fatica dei nostri padri fin dalla nostra giovinezza, le loro pecore e i loro buoi, i loro figli e le loro figlie. 25 3:25 Corichiamoci nella nostra vergogna e ci ricoproa la nostra ignominia, perchè abbiamo peccato contro l’Eterno, il nostro DIO, noi e i nostri padri, dalla nostra giovinezza fino a questo giorno, e non abbiamo dato ascolto alla voce dell’Eterno, il nostro DIO'.

3:19 Io pensavo: Come vorrei considerarti tra i miei figli e darti una terra invidiabile, un'eredità che sia l'ornamento più prezioso dei popoli! Io pensavo: Voi mi direte: Padre mio, e non tralascerete di seguirmi. 20 Ma come una donna è infedele al suo amante, così voi, casa di Israele, siete stati infedeli a me"". Oracolo del Signore. 21 Sui colli si ode una voce, pianto e gemiti degli Israeliti, perchè hanno reso tortuose le loro vie, si sono dimenticati del Signore loro Dio. 22 ""Ritornate, figli traviati, io risanerò le vostre ribellioni"". ""Ecco, noi veniamo a te perchè tu sei il Signore nostro Dio. 23 In realtà, menzogna sono le colline, come anche il clamore sui monti; davvero nel Signore nostro Dio è la salvezza di Israele. 24 L'infamia ha divorato fino dalla nostra giovinezza il frutto delle fatiche dei nostri padri, i loro greggi e i loro armenti, i loro figli e le loro figlie. 25 Avvolgiamoci nella nostra vergogna, la nostra confusione ci ricopra, perchè abbiamo peccato contro il Signore nostro Dio, noi e i nostri padri, dalla nostra giovinezza fino ad oggi; non abbiamo ascoltato la voce del Signore nostro Dio"".

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia