Cronologia dei paragrafi

Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Il risveglio del Signore (Is 51,9-11)

51:9 Svègliati, svègliati, rivèstiti di forza, o braccio del Signore. Svègliati come nei giorni antichi, come tra le generazioni passate. Non sei tu che hai fatto a pezzi Raab, che hai trafitto il drago? 10 Non sei tu che hai prosciugato il mare, le acque del grande abisso, e hai fatto delle profondità del mare una strada, perchè vi passassero i redenti? 11 Ritorneranno i riscattati dal Signore e verranno in Sion con esultanza; felicità perenne sarà sul loro capo, giubilo e felicità li seguiranno, svaniranno afflizioni e sospiri.

51:9 51:12 Io, io son quel che vi consolo. chi sei tu che temi dell'uomo che morra', del figliuol dell'uomo che diverra' simile a fieno? 10 51:13 Ed hai dimenticato il Signore che ti ha fatto, che ha distesi i cieli, e fondata la terra. ed hai del continuo, tuttodi', avuto paura dell'in-degnazione di colui che ti stringeva, quando egli si apparecchiava per distruggere. ora, dove e' l'indegna-zione di colui che ti stringeva? 11 51:14 Colui che e' stato menato in cattivita' si affretta a sciogliersi, acciocche' non muoia nella fossa, e che non gli manchi il pane.

51:9 51:12 Io, io son colui che vi consola. chi sei tu che tu tema l'uomo che deve morire, e il figliuol dell'uomo che passera' com'erba. 10 51:13 che tu dimentichi l'Eterno, che t'ha fatto, che ha disteso i cieli e fondata la terra. che tu tremi continuamente, tutto il giorno, dinanzi al furore dell'opproessore, quando s'approesta a distruggere? E dov'e' dunque il furore dell'opproessore? 11 51:14 Colui ch'e' curvo nei ceppi sara' bentosto liberato. non morra' nella fossa, e non gli manchera' il pane.

51:9 51:12 'Io, io sono colui che vi consola. chi sei tu che temi l'uomo che deve morire, il figlio dell'uomo che passerà come l'erba? 10 51:13 Hai dimenticato il SIGNORE che ti ha fatto, che ha disteso i cieli e fondato la terra? Tu tremi continuamente, tutto il giorno, davanti al furore dell'opproessore, quando si proepara a distruggere. Ma dov'è il furore dell'opproessore? 11 51:14 Colui che è curvo nei ceppi sarà proesto liberato: non morirà nella fossa, non gli mancherà il pane.

51:9 51:12 Io, io stesso, sono colui che vi consola. chi sei tu da dover temere l’uomo che muore e il figlio dell’uomo destinato ad essere come erba? 10 51:13 Tu hai dimenticato l’Eterno che ti ha fatto, che ha disteso i cieli e gettato le fondamenta della terra. Avevi semproe paura, tutto il giorno, davanti al furore dell’opproessore, quando si proeparava a distruggere. Ma dov’è ora il furore dell’opproessore? 11 51:14 L’esule in cattività sarà proesto liberato, non morirà nella fossa nè gli mancherà il pane.

51:9 Svegliati, svegliati, rivestiti di forza, o braccio del Signore. Svegliati come nei giorni antichi, come tra le generazioni passate. Non hai tu forse fatto a pezzi Raab, non hai trafitto il drago? 10 Forse non hai prosciugato il mare, le acque del grande abisso e non hai fatto delle profondità del mare una strada, perchè vi passassero i redenti? 11 I riscattati dal Signore ritorneranno e verranno in Sion con esultanza; felicità perenne sarà sul loro capo; giubilo e felicità li seguiranno; svaniranno afflizioni e sospiri.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia