Cronologia dei paragrafi

Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib (Is 37,9-20)

37:9 avendo avuto, riguardo a Tiraka, re d'Etiopia, questa notizia: "Ecco, è uscito per combattere contro di te". Allora il re d'Assiria inviò di nuovo messaggeri a Ezechia dicendo: 10 "Così direte a Ezechia, re di Giuda: "Non ti illuda il tuo Dio in cui confidi, dicendo: Gerusalemme non sarà consegnata in mano al re d'Assiria. 11 Ecco, tu sai quanto hanno fatto i re d'Assiria a tutti i territori votandoli allo sterminio. Soltanto tu ti salveresti? 12 Gli dèi delle nazioni, che i miei padri hanno devastato, hanno forse salvato quelli di Gozan, di Carran, di Resef e i figli di Eden che erano a Telassàr? 13 Dove sono il re di Camat e il re di Arpad e il re della città di Sefarvàim, di Ena e di Ivva?"". 14 Ezechia prese la lettera dalla mano dei messaggeri e la lesse, poi salì al tempio del Signore, l'aprì davanti al Signore 15 e pregò davanti al Signore: 16 "Signore degli eserciti, Dio d'Israele, che siedi sui cherubini, tu solo sei Dio per tutti i regni della terra; tu hai fatto il cielo e la terra. 17 Porgi, Signore, il tuo orecchio e ascolta; apri, Signore, i tuoi occhi e guarda. Ascolta tutte le parole che Sennàcherib ha mandato a dire per insultare il Dio vivente. 18 è vero, Signore, i re d'Assiria hanno devastato le nazioni e la loro terra, 19 hanno gettato i loro dèi nel fuoco; quelli però non erano dèi, ma solo opera di mani d'uomo, legno e pietra: perciò li hanno distrutti. 20 Ma ora, Signore, nostro Dio, salvaci dalla sua mano, perchè sappiano tutti i regni della terra che tu solo sei il Signore".

37:9 37:12 Gl'Iddii delle genti, che i miei padri distrussero, cioe': di Gozan, di Haran, di Resef, e de' figliuoli di Eden, che sono in Telasar, le hanno essi liberate? 10 37:13 Dove e' il re di Ha-mat, e il re di Arpad, e il re della citta' di Sefarvaim, di Hena, e di Ivva? 11 37: 14 Quando Ezechia ebbe ricevute quelle lettere, per mano di que' messi, e le ebbe lette, sali' alla Casa del Signore, e le spiego' davanti al Signore. 12 37:15 Ed Ezechia fece orazione al Signore, dicendo: 13 37:16 O Signore degli eserciti, Iddio d'Israele, che siedi soproa i Cherubini, tu solo sei l'Iddio di tutti i regni della terra. tu hai fatto il cielo e la terra. 14 37:17 O Signore, inchina il tuo orecchio, e odi. o Signore, aproi i tuoi occhi, e vedi. ed ascolta tutte le parole di Sennacherib, ch'egli ha mandate a dire, per oltraggiar l'Iddio vivente. 15 37:18 Egli e' vero, Signore, che i re degli Assiri hanno distrutti tutti que' paesi, e le lor terre. 16 37:19 ed hanno gettati nel fuoco gl'iddii loro. percioc-che' non erano dii, anzi opera di mani d'uomini, pietra, e legno. onde li hanno distrutti. 17 37:20 Ma ora, o Signore Iddio nostro, liberaci dalla sua mano. acciocche' tutti i regni della terra conoscano che tu solo sei il Signore. 18 37:21 Allora Isaia, figliuolo di Amos, mando' a dire ad Ezechia: Cosi' ha detto il Signore Iddio d'Israele: Quant'e' a cio', di che tu mi hai fatta orazione intorno a Sennacherib, re degli Assiri. 19 37:22 questa e' la parola, che il Signore ha pronunziata contro a lui: La vergine, figliuola di Sion, ti ha sproezzato, e ti ha beffato. la figliuola di Gerusalemme ha scossa la testa dietro a te. 20 37:23 Chi hai tu schernito ed oltraggiato? e contro a chi hai tu alzata la voce, e levati in alto gli occhi tuoi? contro al Santo d'Israele.

37:9 37:12 Gli de'i delle nazioni che i miei padri distrussero, gli de'i di Gozan, di Charan, di Retsef, e dei figliuoli di Eden che sono a Telassar, valsero essi a liberarle? 10 37:13 Dove sono il re di Hamath, il re d'Arpad, e il re della citta' di Sefarvaim, e quelli di Hena e d'Ivva?' 11 37:14 Ezechia proese la lettera dalle mani de' messi, e la lesse. poi sali' alla casa dell'Eterno, e la spiego' dinanzi all'Eterno. 12 37:15 Ed Ezechia proego' l'Eterno, dicendo: 13 37:16 'O Eterno degli eserciti, Dio d'Israele, che siedi soproa i cherubini! Tu solo sei l'Iddio di tutti i regni della terra. tu hai fatto il cielo e la terra. 14 37:17 O Eterno, inclina il tuo orecchio, ed ascolta! O Eterno, aproi i tuoi occhi, e vedi! Ascolta tutte le parole che Sennacherib ha mandate a dire per oltraggiare l'Iddio vivente! 15 37:18 e' vero, o Eterno. i re d'Assiria hanno devastato tutte quelle nazioni e le loro terre, 16 37:19 e hanno dato alle fiamme i loro de'i. perchè quelli non erano de'i. ma erano opera di man d'uomo, legno e pietra, e li hanno distrutti. 17 37:20 Ma ora, o Eterno, o Dio nostro, liberaci dalle mani di Sennacherib, affinchè tutti i regni della terra conoscano che tu solo, sei l'Eterno!' 18 37:21 Allora Isaia, figliuolo di Amots, mando' a dire ad Ezechia: 'Cosi' dice l'Eterno, l'Iddio d'Israele: -La proeghiera che tu m'hai rivolta riguardo a Sennache-rib, re d'Assiria, io l'ho udita. 19 37:22 e questa e' la parola che l'Eterno ha pronunziata contro di lui: La vergine, figliuola di Sion, ti disproezza e si fa beffe di te. la figliuola di Gerusalemme scuote la testa dietro a te. 20 37:23 Chi hai tu insultato e oltraggiato? Contro di chi hai tu alzata la voce e levati in alto gli occhi tuoi? Contro il Santo d'Israele.

37:9 37:12 Gli dèi delle nazioni che i miei padri distrussero, gli dèi di Gozan, di Caran, di Resef, e dei figli di Eden che sono a Telassar, riuscirono forse a liberarle? 10 37:13 Dove sono il re di Camat, il re di Arpad, e il re della città di Sefarvaim, di Ena e d'Ivva?'. 11 37:14 Ezechia proese la lettera dalle mani dei messaggeri e la lesse. poi salò alla casa del SIGNORE, e la spiegò davanti al SIGNORE. 12 37:15 Ezechia proegò il SIGNORE, dicendo: 13 37:16 'SIGNORE degli eserciti, Dio d'Israele, che siedi soproa i cherubini! Tu solo sei il Dio di tutti i regni della terra. tu hai fatto il cielo e la terra. 14 37:17 SIGNORE, porgi l'orecchio e ascolta! SIGNORE, aproi i tuoi occhi e guarda! Ascolta tutte le parole che Sennacherib ha mandate per insultare il Dio vivente! 15 37:18 è vero, SIGNORE. i re d'Assiria hanno devastato tutte quelle nazioni e i loro paesi, 16 37:19 e hanno dato alle fiamme i loro dèi. perchè quelli non erano dèi. ma erano opera di mano d'uomo: legno e pietra. e li hanno distrutti. 17 37:20 Ma ora, SIGNORE, Dio nostro, liberaci dalle mani di Sennacherib, affinchè tutti i regni della terra conoscano che tu solo sei il SIGNORE!'. 18 37:21 Allora Isaia, figlio di Amots, mandò a dire a Ezechia: 'Cosò dice il SIGNORE, Dio d'Israele: Ho udito la proeghiera che mi hai rivolta riguardo a Sennache-rib, re d'Assiria. 19 37:22 Questa è la parola che il SIGNORE ha pronunziata contro di lui: 'La vergine, figlia di Sion, ti disproezza e si fa beffe di te. la figlia di Gerusalemme scrolla il capo dietro a te. 20 37:23 Chi hai insultato e oltraggiato? Contro chi hai alzato la voce e levati in alto i tuoi occhi? Contro il Santo d'Israele.

37:9 37:12 Hanno forse i re delle nazioni liberato quelli che i miei padri hanno distrutto: Gozan, Haran, Retsef e i figli di Eden che erano a Telassar? 10 37:13 Dove sono il re di Hamath, il re di Arpad e il re della città di Sefarvaim, di Hena e di Ivah?'. 11 37:14 Ezechia proese la lettera dalle mani dei messaggeri e la lesse. poi salì alla casa dell’Eterno e la distese davanti all’Eterno. 12 37:15 Quindi Ezechia proegò l’Eterno, dicendo: 13 37:16 ’O Eterno degli eserciti, DIO d’Israele, che siedi tra i cherubini, tu sei DIO, tu solo, di tutti i regni della terra. tu hai fatto i cieli e la terra. 14 37:17 Porgi il tuo orecchio, o Eterno, e ascolta. aproi i tuoi occhi, o Eterno, e vedi. Ascolta tutte le parole di Sennacherib che ha mandato a dire per insultare il DIO vivente. 15 37:18 In verità, o Eterno, i re di Assiria hanno devastato tutte le nazioni e i loro paesi, 16 37:19 e hanno gettato nel fuoco i loro dèi, perchè quelli non erano dèi, ma opera delle mani dell’uomo, legno e pietra. per questo li hanno distrutti. 17 37:20 Ma ora, o Eterno, DIO nostro, liberaci dalle sue mani, affinchè tutti i regni della terra conoscano che tu solo sei l’Eterno'. 18 37:21 Allora Isaia, figlio di Amots, mandò a dire ad Ezechia: ’Così dice l’Eterno, il DIO d’Israele: Poichè tu mi hai proegato riguardo a Sennacherib, re di Assiria, 19 37:22 questa è la parola che l’Eterno ha pronunciato contro di lui: La vergine, figlia di Sion, ti disproezza e si fa beffe di te. la figlia di Gerusalemme scuote il capo dietro a te. 20 37:23 Chi hai insultato e oltraggiato? Contro chi hai alzato la voce e arrogantemente levato i tuoi occhi? Contro il Santo d’Israele.

37:9 Appena Sennàcherib sentì dire riguardo a Tiràka, re di Etiopia: ""è uscito per muoverti guerra""; inviò di nuovo messaggeri a Ezechia per dirgli: 10 ""Direte così a Ezechia, re di Giuda: Non ti illuda il tuo Dio, in cui confidi, dicendoti: Gerusalemme non sarà consegnata nelle mani del re di Assiria; 11 ecco tu sai quanto hanno fatto i re di Assiria in tutti i paesi che hanno votato alla distruzione; soltanto tu ti salveresti? 12 Gli dèi delle nazioni che i miei padri hanno devastate hanno forse salvato quelli di Gozan, di Carran, di Rezef e la gente di Eden in Telassàr? 13 Dove sono il re di Amat e il re di Arpad e il re della città di Sefarvàim, di Enà e di Ivvà?"". 14 Ezechia prese la lettera dalla mano dei messaggeri, la lesse, quindi salì al tempio del Signore. Ezechia, spiegato lo scritto davanti al Signore, 15 lo pregò: 16 ""Signore degli eserciti, Dio di Israele, che siedi sui cherubini, tu solo sei Dio per tutti i regni della terra; tu hai fatto i cieli e la terra. 17 Porgi, Signore, l'orecchio e ascolta; apri, Signore, gli occhi e guarda; ascolta tutte le parole che Sennàcherib ha mandato a dire per insultare il Dio vivente. 18 è vero, Signore, i re di Assiria hanno devastato tutte le nazioni e i loro territori; 19 hanno gettato i loro dèi nel fuoco; quelli però non erano dèi, ma solo lavoro delle mani d'uomo, legno e pietra; perciò li hanno distrutti. 20 Ma ora, Signore nostro Dio, liberaci dalla sua mano perchè sappiano tutti i regni della terra che tu sei il Signore, il solo Dio"".

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia