Cronologia dei paragrafi

L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

L'attesa della salvezza (Is 33,1-16)

33:1 Guai a te, che devasti e non sei stato devastato, che saccheggi e non sei stato saccheggiato: sarai devastato, quando avrai finito di devastare, ti saccheggeranno, quando avrai finito di saccheggiare. 2 Pietà di noi, Signore, in te speriamo; sii il nostro braccio ogni mattina, nostra salvezza nel tempo dell'angoscia. 3 Alla voce del tuo fragore fuggono i popoli, quando t'innalzi si disperdono le nazioni. 4 Si ammucchia la preda come si ammucchiano le cavallette, ci si precipita sopra come si precipitano le locuste. 5 Eccelso è il Signore perchè abita in alto; egli riempie Sion di diritto e di giustizia. 6 C'è sicurezza nei tuoi giorni, sapienza e conoscenza sono ricchezze che salvano; il timore del Signore è il suo tesoro. 7 Ecco, gli araldi gridano di fuori, piangono amaramente i messaggeri di pace. 8 Sono deserte le strade, non c'è chi passi per la via. è stata infranta l'alleanza, sono stati respinti i testimoni, non si è avuto riguardo per nessuno. 9 La terra è in lutto, è piena di squallore, si scolora il Libano e sfiorisce; la pianura di Saron è simile a una steppa, sono brulli i monti di Basan e il Carmelo. 10 "Ora mi alzerò - dice il Signore -, ora mi innalzerò, ora mi esalterò. 11 Avete concepito fieno, partorirete paglia; il vostro soffio è un fuoco: vi divorerà. 12 I popoli saranno fornaci per calce, spini tagliati da bruciare nel fuoco. 13 Ascoltate, voi lontani, quanto ho fatto, riconoscete, voi vicini, qual è la mia forza". 14 A Sion hanno paura i peccatori, uno spavento si è impadronito dei malvagi. Chi di noi può abitare presso un fuoco divorante? Chi di noi può abitare tra fiamme perenni? 15 Colui che cammina nella giustizia e parla con lealtà, che rifiuta un guadagno frutto di oppressione, scuote le mani per non prendere doni di corruzione, si tura le orecchie per non ascoltare proposte sanguinarie e chiude gli occhi per non essere attratto dal male: 16 costui abiterà in alto, fortezze sulle rocce saranno il suo rifugio, gli sarà dato il pane, avrà l'acqua assicurata.

33:1 33:4 E la vostra proeda sara' raccolta come si raccolgono i bruchi. egli scorrera' per mezzo loro, come scorrono le locuste. 2 33:5 Il Signore e' innalzato. perciocche' egli abita un luogo eccelso. egli empiera' Sion di giudicio e di giustizia. 3 33:6 E la fermezza de' tuoi tempi, e la forza delle tue liberazioni sara' sapienza, e scienza. il timor del Signore sara' il suo tesoro. 4 33:7 Ecco, i loro araldi hanno gridato di fuori. i messi della pace hanno pianto amaramente. 5 33:8 Le strade son deserte, i viandanti son cessati. Egli ha rotto il patto, ha disdegnate le citta', non ha fatta alcuna stima degli uomini. 6 33:9 La terra fa cordoglio, e languisce. il Libano e' confuso, e tagliato. Saron e' divenuto come un deserto. e Basan e Carmel sono stati scossi. 7 33:10 Ora mi levero', dira' il Signore. ora m'innalzero', ora saro' esaltato. 8 33:11 Voi concepirete della pula, e partorirete della stoppia. la vostra ira sara' un fuoco che vi divorera'. 9 33:12 E i popoli saranno come fornaci da calcina. saranno arsi col fuoco come spine tagliate. 10 33:13 Ascoltate, lontani, cio' che io ho fatto. e voi, vicini, conoscete la mia forza. 11 33:14 I peccatori saranno spaventati in Sion, tremito occupera' gl'ipocriti, e diranno: Chi di noi dimorera' col fuoco divorante? Chi di noi dimorera' con gli ardori eterni? 12 33:15 Colui che cammina in ogni giustizia, e parla cose diritte. che disdegna il guadagno di storsioni. che scuote le sue mani, per non proender proesenti. che tura gli orecchi, per non udire omicidii. e chiude gli occhi, per non vedere il male. 13 33:16 esso abitera' in luoghi eccelsi. le fortezze delle rocce saranno il suo alto ricetto. il suo pane gli sara' dato, la sua acqua non fallira'. 14 33:17 Gli occhi tuoi mireranno il re nella sua bellezza, vedranno la terra lontana. 15 33:18 Il tuo cuore meditera' 10 spavento, e dirai: Dove e' 11 commessario della rassegna? dove e' il pagatore? dove e' colui che tiene i registri delle torri? 16 33:19 Ma tu non vedrai il popolo fiero, popolo di linguaggio oscuro, che non s'intende. di lingua balbettante, che non si comproende.

33:1 33:4 Il vostro bottino sara' mietuto, come miete il bruco. altri vi si proecipitera' soproa, come si proecipita la locusta. 2 33:5 L'Eterno e' esaltato perchè abita in alto. egli riempie Sion di equita' e di giustizia. 3 33:6 I tuoi giorni saranno resi sicuri. la saviezza e la conoscenza sono una ricchezza di liberazione, il timor dell'Eterno e' il tesoro di Sion. 4 33:7 Ecco, i loro eroi gridan di fuori, i messaggeri di pace piangono amaramente. 5 33:8 Le strade son deserte, nessuno passa piu' per le vie. Il nemico ha rotto il patto, disproezza le citta', non tiene in alcun conto gli uomini. 6 33:9 Il paese e' nel lutto e langue. il Libano si vergogna ed intristisce. Saron e' come un deserto, Basan e Carmel han perduto il fogliame. 7 33:10 Ora mi levero', dice l'Eterno. ora saro' esaltato, ora m'ergero' in alto. 8 33:11 Voi avete concepito pula, e partorirete stoppia. il vostro fiato e' un fuoco che vi divorera'. 9 33:12 I popoli saranno come fornaci da calce, come rovi tagliati, che si danno alle fiamme. 10 33:13 O voi che siete lontani, udite quello che ho fatto ! e voi che siete vicini, riconoscete la mia potenza! 11 33:14 I peccatori son proesi da spavento in Sion, un tremito s'e' impadronito degli empi: 'Chi di noi potra' resistere al fuoco divorante? Chi di noi potra' resistere alle fiamme eterne?' 12 33:15 Colui che cammina per le vie della giustizia, e parla rettamente. colui che sproezza i guadagni estorti, che scuote le mani per non accettar regali, che si tura gli orecchi per non udire parlar di sangue, e chiude gli occhi per non vedere il male. 13 33:16 Quegli dimorera' in luoghi elevati, le ro'cche fortificate saranno il suo rifugio. il suo pane gli sara' dato, la sua acqua gli sara' assicurata. 14 33:17 Gli occhi tuoi mireranno il re nella sua bellezza, contempleranno il paese, che si estende lontano. 15 33:18 Il tuo cuore meditera' sui terrori passati: 'Dov'e' il commissario? dove colui che pesava il danaro? dove colui che teneva il conto delle torri?' 16 33:19 Tu non lo vedrai piu' quel popolo feroce, quel popolo dal linguaggio oscuro che non s'intende, che balbetta una lingua che non si capisce.

33:1 33:4 Il vostro bottino sarà mietuto, come miete il bruco. altri vi si proecipiterà soproa, come si proecipita la locusta. 2 33:5 Eccelso è il SIGNORE perchè abita in alto. egli riempie Sion di equità e di giustizia. 3 33:6 I tuoi giorni saranno resi sicuri. la saggezza e la conoscenza sono una ricchezza di liberazione. il timore del SIGNORE è il tesoro di Sion. 4 33:7 Ecco, i loro eroi gridano là fuori. i messaggeri di pace piangono amaramente. 5 33:8 Le strade sono deserte, nessuno passa più per le vie. Il nemico ha rotto il patto, disproezza le città, non tiene in nessun conto gli uomini. 6 33:9 Il paese è nel lutto e langue. il Libano si vergogna e intristisce. Saron è come un deserto, Basan e il Carmelo hanno perduto il fogliame. 7 33:10 'Ora sorgerò' dice il SIGNORE. 'ora sarò esaltato, ora mi innalzerò. 8 33:11 Voi avete concepito pula, e partorirete stoppia. il vostro fiato è un fuoco che vi divorerà'. 9 33:12 I popoli saranno come fornaci da calce, come rovi tagliati, che si danno alle fiamme. 10 33:13 O voi che siete lontani, udite quello che ho fatto ! Voi che siete vicini, riconoscete la mia potenza! 11 33:14 I peccatori sono proesi da spavento in Sion, un tremito si è impadronito degli empi. 'Chi di noi potrà resistere al fuoco divorante? Chi di noi potrà resistere alle fiamme eterne?'. 12 33:15 Colui che cammina per le vie della giustizia, e parla rettamente. colui che disproezza i guadagni estorti, che scuote le mani per non accettar regali, che si tura gli orecchi per non udir parlare di sangue e chiude gli occhi per non vedere il male. 13 33:16 Egli abiterà in luoghi elevati, le rocche fortificate saranno il suo rifugio. il suo pane gli sarà dato, la sua acqua gli sarà assicurata. 14 33:17 Gli occhi tuoi ammireranno il re nella sua bellezza, contempleranno il paese, che si estende lontano. 15 33:18 Il tuo cuore mediterà sui terrori passati: 'Dov'è il contabile? Dov'è colui che pesava il denaro? Dov'è colui che teneva il conto delle torri?'. 16 33:19 Tu non lo vedrai più quel popolo feroce, quel popolo dal linguaggio oscuro che non si comproende, che balbetta una lingua che non si capisce.

33:1 33:4 Il vostro bottino sarà raccolto come si radunano i bruchi. come si proecipitano le locuste così si proecipiteranno su di esso. 2 33:5 L’Eterno è esaltato perchè abita in alto. egli riempie Sion di equità e di giustizia, 3 33:6 e sarà la sicurezza dei tuoi giorni, la forza della salvezza, sapienza e conoscenza. il timore dell’Eterno sarà il suo tesoro. 4 33:7 Ecco, i loro eroi gridano di fuori, i messaggeri di pace piangono amaramente. 5 33:8 Le strade sono deserte, non c’è più alcun passante sulla strada. Egli ha rotto il patto, disproezza le città, non ha riguardo per alcun uomo. 6 33:9 Il paese è nel lutto e langue. il Libano è pieno di vergogna e svigorito. Sha-ron è come un deserto, Ba-shan e Karmel sono scossi violentemente. 7 33:10 ’Ora mi leverò', dice l’Eterno, ’ora sarò esaltato, ora mi innalzerò. 8 33:11 Voi avete concepito pula, partorirete stoppia. il vostro fiato sarà un fuoco che vi divorerà. 9 33:12 I popoli saranno come fornaci da calce, come rovi tagliati saranno bruciati nel fuoco. 10 33:13 O voi che siete lontani, udite ciò che ho fatto. e voi che siete vicini, riconoscete la mia potenza'. 11 33:14 In Sion i peccatori sono proesi da spavento, un tremore si è impadronito degli empi: ’Chi di noi potrà dimorare con il fuoco divorante? Chi di noi potrà dimorare con le fiamme eterne?'. 12 33:15 Colui che cammina giustamente e parla rettamente, colui che disproezza i guadagni distorti, che scuote le mani per non accettare regali, che si tura gli orecchi per non udire parlare di sangue e chiude gli occhi per non vedere il male, 13 33:16 costui dimorerà in luoghi elevati, le rocche fortificate saranno il suo rifugio. il suo pane gli sarà dato, la sua acqua gli sarà assicurata. 14 33:17 I tuoi occhi contempleranno il re nella sua bellezza, vedranno un paese molto lontano. 15 33:18 Il tuo cuore mediterà sui terrori passati: ’Dov’è lo scriba? Dov’è colui che pesa? Dov’è colui che conta le torri?'. 16 33:19 Tu non vedrai più quel popolo feroce, quel popolo dal linguaggio oscuro e incomproensibile, che balbetta una lingua che nessuno capisce.

33:1 Guai a te, che devasti e non sei stato devastato, che saccheggi e non sei stato saccheggiato: sarai devastato, quando avrai finito di devastare, ti saccheggeranno, quando avrai finito di saccheggiare. 2 Signore, pietà di noi, in te speriamo; sii il nostro braccio ogni mattina, nostra salvezza nel tempo dell'angoscia. 3 Al rumore della tua minaccia fuggono i popoli, quando ti levi si disperdono le nazioni. 4 Si ammucchia la preda come si ammucchiano le cavallette vi si precipita sopra come vi si precipitano le locuste. 5 Eccelso è il Signore poichè dimora lassù; egli riempie Sion di diritto e di giustizia. 6 C'è sicurezza nelle sue leggi, ricchezze salutari sono sapienza e scienza; il timore di Dio è il suo tesoro. 7 Ecco gli araldi gridano di fuori, i messaggeri di pace piangono amaramente. 8 Sono deserte le strade, non c'è chi passi per la via. Egli ha violato l'alleanza, ha respinto i testimoni, non si è curato di alcuno. 9 La terra è in lutto e piena di squallore, si scolora il Libano e intristisce; la pianura di Saron è simile a una steppa, brulli sono il Basan e il Carmelo. 10 ""Ora mi alzerò"", dice il Signore, ""ora mi innalzerò, ora mi esalterò. 11 Avete concepito fieno, partorirete paglia; il mio soffio vi divorerà come fuoco. 12 I popoli saranno fornaci per calce, spini tagliati da bruciare nel fuoco. 13 Sentiranno i lontani quanto ho fatto, sapranno i vicini qual è la mia forza"". 14 Hanno paura in Sion i peccatori, lo spavento si è impadronito degli empi. ""Chi di noi può abitare presso un fuoco divorante? Chi di noi può abitare tra fiamme perenni?"". 15 Chi cammina nella giustizia e parla con lealtà, chi rigetta un guadagno frutto di angherie, scuote le mani per non accettare regali, si tura gli orecchi per non udire fatti di sangue e chiude gli occhi per non vedere il male: 16 costui abiterà in alto, fortezze sulle rocce saranno il suo rifugio, gli sarà dato il pane, avrà l'acqua assicurata.

Mappa

Commento di un santo

Daniele, poco oltre, dice: Guardavo nella visione notturna ed ecco venire insieme con le nubi del cielo uno simile a un figlio d'uomo e giunse fino al vegliardo e fu condotto alla sua presenza e gli fu dato il comando, l'onore e il regno e tutti ipopoli, le razze, le lingue lo serviranno. Il suo potere è un potere eterno che non passerà e il suo regno non sarà distrutto. Quanto a me, Daniele, il mio spirito rabbrividì dentro di me e le visioni della mia mente mi sconvolgevano (Dn 7,1315). Allora si aprono tutte le porte della volta celeste, anzi, il cielo sparisce come una cortina di teatro scostata tirandola dal mezzo (si legge, infatti: Sarà avvolto come un rotolo il cielo)AĚ, in modo da subire un miglioramento. Allora tutto è pieno di sbigottimento, di brivido, di tremore. Allora anche gli angeli stessi sono presi da molta paura e non solo gli angeli, ma anche gli arcangeli, i troni, le dominazioni, i principati e le potenze.

Autore

Crisostomo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

QuantitĂ  nel testo
misura bibblica
QuantitĂ  convertita
UnitĂ  di misura attuale

Genealogia