Cronologia dei paragrafi

Il re giusto
Il grossolano e il nobile
Contro le donne di Gerusalemme
L'effusione dello Spirito
L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Il re giusto (Is 32,1-5)

32:1 Ecco, un re regnerà secondo giustizia e i prìncipi governeranno secondo il diritto. 2 Ognuno sarà come un riparo contro il vento e un rifugio contro l'acquazzone, come canali d'acqua in una steppa, come l'ombra di una grande roccia su arida terra. 3 Non saranno più accecati gli occhi di chi vede e gli orecchi di chi sente staranno attenti. 4 Gli animi volubili si applicheranno a comprendere e la lingua dei balbuzienti parlerà spedita e con chiarezza. 5 L'abietto non sarà più chiamato nobile nè l'imbroglione sarà detto gentiluomo,

32:1 32:4 E il cuore degl'inconsiderati intendera' scienza, e la lingua de' balbettanti parlera' speditamente e nettamente. 2 32:5 Lo stolto non sara' piu' chiamato proincipe, e l'avaro non sara' piu' detto magnifico. 3 32:6 Perciocche' l'uomo da nulla parla scelleratezza, e il suo cuore opera iniquita', usando ipocrisia, e pronunziando parole di disviamento contro al Signore. per render vuota l'anima dell'affamato, e far mancar da bere all'assetato. 4 32:7 E gli strumenti dell'avaro sono malvagi, ed egli proende scellerati consigli, per distruggere i poveri, con parole di falsita', eziandio quando il bisognoso parla dirittamente. 5 32:8 Ma il proincipe proende consigli da proincipe, e si leva per far cose degne di proincipe.

32:1 32:4 Il cuore degli inconsiderati capira' la saviezza, e la lingua de' balbuzienti parlera' spedita e distinta. 2 32:5 Lo scellerato non sara' piu' chiamato nobile, e l'impostore non sara' piu' chiamato magnanimo. 3 32:6 Poichè lo scellerato proferisce scelleratezze e il suo cuore si da' all'iniquita' per commettere cose empie e dir cose malvage contro l'Eterno. per lasciar vuota l'anima di chi ha fame, e far mancar la bevanda a chi ha sete. 4 32:7 Le armi dell'impostore sono malvage. ei forma criminosi disegni per distruggere il misero con parole bugiarde, e il bisognoso quando afferma il giusto. 5 32:8 Ma l'uomo nobile forma nobili disegni, e sorge a pro di nobili cose.

32:1 32:4 Il cuore degli sconsiderati capirà la saggezza, e la lingua dei balbuzienti parlerà veloce e distinta. 2 32:5 Lo scellerato non sarà più chiamato nobile, e l'impostore non sarà più chiamato magnanimo. 3 32:6 Poichè lo scellerato proferisce scelleratezze e il suo cuore si dà all'iniquità per commettere cose empie e dir cose malvage contro il SIGNORE. per lasciare a bocca asciutta colui che ha fame, e far mancare da bere a chi ha sete. 4 32:7 Le armi dell'impostore sono malvage. egli forma criminosi disegni per distruggere l'indifeso con parole bugiarde, e il bisognoso quando afferma ciò che è giusto. 5 32:8 Ma l'uomo nobile forma nobili disegni. egli si impegna per cose nobili.

32:1 32:4 Il cuore degli sconsiderati acquisterà conoscenza e la lingua dei balbuzienti parlerà speditamente e chiaramente. 2 32:5 L’uomo sproegevole non sarà più chiamato nobile nè il disonesto sarà detto magnanimo. 3 32:6 Poichè l’uomo sproegevole proferisce cose sproegevoli e il suo cuore si dà all’iniquità, per commettere empietà e dire cose irriverenti contro l’Eterno, per lasciare vuoto lo stomaco dell’affamato e far mancare la bevanda all’assetato. 4 32:7 Le armi del disonesto sono inique. egli escogita disegni malvagi per distruggere il misero con parole bugiarde, anche quando il bisognoso afferma il giusto. 5 32:8 Ma l’uomo nobile escogita nobili disegni e si proefigge cose nobili.

32:1 Ecco, un re regnerà secondo giustizia e i principi governeranno secondo il diritto. 2 Ognuno sarà come un riparo contro il vento e uno schermo dall'acquazzone, come canali d'acqua in una steppa, come l'ombra di una grande roccia su arida terra. 3 Non si chiuderanno più gli occhi di chi vede e gli orecchi di chi sente staranno attenti. 4 Gli animi volubili si applicheranno a comprendere e la lingua dei balbuzienti parlerà spedita e con chiarezza. 5 L'abietto non sarà chiamato più nobile nè l'imbroglione sarà detto gentiluomo,

Mappa

Commento di un santo

Ci rimproverano, poi, come se avessimo pensato il contrario di quanto abbiamo già scritto. Tuttavia, per quanto ne so, dicono anche che abbiamo accettato di recente qualche nuova professione di fede o un nuovo simbolo, mancando in qualche modo eli rispetto a quello antico e degno di venerazione. Ma lo sciocco dirà sciocchezze e il suo cuore avrà pensieri folli. A parte questo, diciamo: nessuno ci ha domandato spiegazioni in merito alla fede e di certo neppure noi ne abbiamo accolta una inventata da altri. Infatti per noi sono sufficienti la Scrittura ispirata e il rispetto dell'opinione dei santi Padri e il simbolo della fede che è stato elaborato in ogni dettaglio sulla base della retta dottrina.

Autore

Cirillo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia