Cronologia dei paragrafi

Dio perdonerà
Contro l'Assiria
Contro l'alleanza egiziana
Contro l'Assiria
Il re giusto
Il grossolano e il nobile
Contro le donne di Gerusalemme
L'effusione dello Spirito
L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Dio perdonerà (Is 30,18-26)

30:18 Eppure il Signore aspetta con fiducia per farvi grazia, per questo sorge per avere pietà di voi, perchè un Dio giusto è il Signore; beati coloro che sperano in lui. 19 Popolo di Sion, che abiti a Gerusalemme, tu non dovrai più piangere. A un tuo grido di supplica ti farà grazia; appena udrà, ti darà risposta. 20 Anche se il Signore ti darà il pane dell'afflizione e l'acqua della tribolazione, non si terrà più nascosto il tuo maestro; i tuoi occhi vedranno il tuo maestro, 21 i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te: "Questa è la strada, percorretela", caso mai andiate a destra o a sinistra. 22 Considererai cose immonde le tue immagini ricoperte d'argento; i tuoi idoli rivestiti d'oro getterai via come un oggetto immondo. "Fuori!", tu dirai loro. 23 Allora egli concederà la pioggia per il seme che avrai seminato nel terreno, e anche il pane, prodotto della terra, sarà abbondante e sostanzioso; in quel giorno il tuo bestiame pascolerà su un vasto prato. 24 I buoi e gli asini che lavorano la terra mangeranno biada saporita, ventilata con la pala e con il vaglio. 25 Su ogni monte e su ogni colle elevato scorreranno canali e torrenti d'acqua nel giorno della grande strage, quando cadranno le torri. 26 La luce della luna sarà come la luce del sole e la luce del sole sarà sette volte di più, come la luce di sette giorni, quando il Signore curerà la piaga del suo popolo e guarirà le lividure prodotte dalle sue percosse.

30:18 30:21 E le tue orecchie udiranno dietro a te una parola che dira': Questa e' la via: camminate per essa, o che andiate a destra, o che andiate a sinistra. 19 30:22 E voi contaminerete la coverta delle sculture del vostro argento, e l'ammanto delle statue di getto del vostro oro. tu le gitterai via come un panno lordato. tu dirai loro: Esci fuori. 20 30:23 E il Signore dara' la pioggia, che si conviene alla tua semenza, che tu avrai seminata in terra. e dara' il pane del frutto della terra, il qual sara' dovizioso, e grasso. in quel giorno il tuo bestiame pasturera' in paschi spaziosi. 21 30:24 Ed i buoi, e gli asi-nelli, che lavorano la terra, mangeranno biada saporita, la quale sara' sventolata, col vaglio, e con la ventola. 22 30:25 E vi saranno de' rivi, e de' condotti d'acque soproa ogni alto monte, e soproa ogni colle elevato, nel giorno della grande uccisione, quando le torri caderanno. 23 30:26 E la luce della luna sara' come la luce del sole, e la luce del sole sara' sette volte maggiore, come sarebbe la luce di sette giorni insieme. nel giorno che il Signore avra' fasciata la rottura del suo popolo, e risanata la ferita della sua percossa. 24 30:27 Ecco, il Nome del Signore viene da lontano, la sua ira e' ardente, ed il suo carico e' pesante. le sue labbra son piene d'indegnazio-ne, e la sua lingua e' come un fuoco divorante. 25 30:28 ed il suo Spirito e' come un torrente traboccato, che arriva infino a mezzo il collo, per isbatter le genti d'uno sbattimento tale, che sieno ridotte a nulla. ed e' come un freno nelle mascelle de' popoli, che li fa andar fuor di via. 26 30:29 Voi avrete in bocca un cantico, come nella notte che si santifica la solennita'. e letizia al cuore, come chi cammina con flauti, per venire al monte del Signore, alla Rocca d'Israele.

30:18 30:21 e quando andrete a destra o quando andrete a sinistra, le tue orecchie udranno dietro a te una voce che dira': 'Questa e' la via. camminate per essa! ' 19 30:22 E considererete come cose contaminate le vostre immagini scolpite ricoperte d'argento, e le vostre immagini fuse rivestite d'oro. le getterete via come una cosa impura, 'Fuori di qui' direte loro ! 20 30:23 Egli ti dara' la pioggia per la semenza di cui avrai seminato il suolo, e il pane, che il suolo produrra' saporito ed abbondante. e, in quel giorno, il tuo bestiame pascolera' in vasti pascoli. 21 30:24 i buoi e gli asini che lavoran la terra mangeranno foraggi salati, ventilati con la pala e il ventilabro. 22 30:25 Soproa ogni alto monte e soproa ogni elevato colle vi saranno ruscelli, acque correnti, nel giorno del gran massacro, quando cadran le torri. 23 30:26 La luce della luna sara' come la luce del sole, e la luce del sole sara' sette volte piu' viva, come la luce di sette giorni assieme, nel giorno che l'Eterno fascera' la ferita del suo popolo e guarira' la piaga da lui fatta con le sue percosse. 24 30:27 Ecco, il nome dell'Eterno viene da lungi. la sua ira e' ardente, grande n'e' la conflagrazione. le sue labbra son piene d'indignazione, la sua lingua e' come un fuoco divorante. 25 30:28 il suo fiato e' come un torrente che straripa, che arriva fino al collo. Ei viene a vagliar le nazioni col vaglio della distruzione, e a mettere, tra le mascelle dei popoli, un freno che li faccia fuorviare. 26 30:29 Allora intonerete de' canti, come la notte quando si celebra una festa. e avrete la gioia nel cuore, come colui che cammina al suon del flauto per andare al monte dell'Eterno, alla Ro'cca d'Israele.

30:18 30:21 Quando andrete a destra o quando andrete a sinistra, le tue orecchie udranno dietro a te una voce che dirà: 'Questa è la via. camminate per essa!'. 19 30:22 Considererete come cose contaminate le vostre immagini scolpite, ricoperte d'argento, e le vostre immagini fuse, rivestite d'oro. le getterete via come una cosa impura, 'Fuori di qui!' direte loro. 20 30:23 Egli ti darà la pioggia per la semenza con cui avrai seminato il suolo, e il pane, che il suolo produrrà saporito e abbondante. in quel giorno, il tuo bestiame pascolerà in vasti pascoli. 21 30:24 i buoi e gli asini che lavorano la terra mangeran-no foraggi salati, ventilati con la pala e il ventilabro. 22 30:25 Soproa ogni alto monte e soproa ogni elevato colle ci saranno ruscelli, acque correnti, nel giorno del gran massacro, quando cadranno le torri. 23 30:26 La luce della luna sarà come la luce del sole e la luce del sole sarà sette volte più viva, come la luce di sette giorni assieme, nel giorno che il SIGNORE fascerà la ferita del suo popolo e guarirà la piaga da lui fatta con le sue percosse. 24 30:27 Ecco, il nome del SIGNORE viene da lontano. la sua ira è ardente, grande è il suo furore. le sue labbra sono piene d'indignazione, la sua lingua è come un fuoco divorante. 25 30:28 il suo fiato è come un torrente che straripa, che arriva fino al collo. Egli viene a vagliare le nazioni con il vaglio della distruzione, e a mettere tra le mascelle dei popoli un morso che li faccia fuorviare. 26 30:29 Allora intonerete dei canti, come la notte quando si celebra una festa. avrete la gioia nel cuore, come colui che cammina al suono del flauto per andare al monte del SIGNORE, alla Rocca d'Israele.

30:18 30:21 Quando andrete a destra o quando andrete a sinistra, le tue orecchie udranno dietro a te una parola che dirà: ’Questa è la via. camminate in essa!'. 19 30:22 Considerate come impure le vostre immagini scolpite ricoperte d’argento e le vostre immagini di metallo fuso rivestite d’oro. le getterete via come una cosa impura, ’Fuori!', direte loro. 20 30:23 Allora egli concederà la pioggia per il tuo seme che avrai seminato nel terreno, e il pane che il suolo produrrà sarà saporito e abbondante. in quel giorno il tuo bestiame pascolerà su vasti pascoli. 21 30:24 I buoi e gli asini che lavorano la terra mangeran-no foraggi salati, ventilati con la pala e il ventilabro. 22 30:25 Su ogni alto monte e su ogni colle elevato vi saranno ruscelli e corsi d’acqua nel giorno del grande massacro, quando cadranno le torri. 23 30:26 La luce della luna sarà come la luce del sole, e la luce del sole sarà sette volte più forte, come la luce di sette giorni, nel giorno in cui l’Eterno fascerà la piaga del suo popolo e guarirà la ferita prodotta dalle sue percosse. 24 30:27 Ecco, il nome dell’Eterno viene da lontano. la sua ira è ardente e il suo carico pesante. le sue labbra sono piene d’indignazione e la sua lingua è come un fuoco divorante. 25 30:28 il suo soffio è come un torrente che straripa, che giunge fino al collo, per vagliare le nazioni con il vaglio della distruzione e per mettere nelle mascelle dei popoli una briglia che li faccia fuorviare. 26 30:29 Allora innalzerete un canto come la notte quando si celebra una festa. e avrete la gioia nel cuore, come chi cammina al suono del flauto per recarsi al monte dell’Eterno, alla Rocca d’Israele.

30:18 Eppure il Signore aspetta per farvi grazia, per questo sorge per aver pietà di voi, perchè un Dio giusto è il Signore; beati coloro che sperano in lui! 19 Popolo di Sion che abiti in Gerusalemme, tu non dovrai più piangere; a un tuo grido di supplica ti farà grazia; appena udrà, ti darà risposta. 20 Anche se il Signore ti darà il pane dell'afflizione e l'acqua della tribolazione, tuttavia non si terrà più nascosto il tuo maestro; i tuoi occhi vedranno il tuo maestro, 21 i tuoi orecchi sentiranno questa parola dietro di te: ""Questa è la strada, percorretela"", caso mai andiate a destra o a sinistra. 22 Considererai cose immonde le tue immagini ricoperte d'argento; i tuoi idoli rivestiti d'oro getterai via come un oggetto immondo. ""Fuori!"" tu dirai loro. 23 Allora egli concederà la pioggia per il seme che avrai seminato nel terreno; il pane, prodotto della terra, sarà abbondante e sostanzioso; in quel giorno il tuo bestiame pascolerà su un vasto prato. 24 I buoi e gli asini che lavorano la terra mangeranno biada saporita, ventilata con la pala e con il vaglio. 25 Su ogni monte e su ogni colle elevato, scorreranno canali e torrenti d'acqua nel giorno della grande strage, quando cadranno le torri. 26 La luce della luna sarà come la luce del sole e la luce del sole sarà sette volte di più, quando il Signore curerà la piaga del suo popolo e guarirà le lividure prodotte dalle sue percosse.

Mappa

Commento di un santo

Il nostro andare sia diritto verso ciò che sta sopra di noi, perchè è meglio salire che discendere; perciò, come è stato letto oggi: Guai a coloro che discendono in Egitto! Non è certo una colpa passare in Egitto, bensì passare ai costumi degli Egiziani, alla malvagità della loro perfidia, all'obbrobrio della loro lussuria. Chi passa da quella parte discende, chi discende cade. Evitiamo dunque l'uomo e non il Dio d'Egitto. Anche lo stesso re d Egitto fu dato in potere ai propri vizi, e> al suo confronto, Mosè fu giudicato ''un dio', tale da comandare ai re, sottomettere a sè i potenti. Perciò leggiamo c egli fu detto: Ti farò come un dio per il re Faraone (Es 7, 1).

Autore

Ambrogio

Lettura del testo durante l'anno liturgico

avvento

-1°sabato dell'anno dove si leggono i seguenti passi
[(sal 146,1-6)};
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia