Cronologia dei paragrafi

Inno di ringraziamento
Salmo
Il passaggio del Signore
La vigna del Signore
Grazia e castigo
Ritorno degli Israeliti
Contro Samaria
Contro i falsi profeti
Contro i cattivi consiglieri
Parabola
Su Gerusalemme
Oracolo
Il trionfo del diritto
Contro l'ambasciata in Egitto
Altro oracolo contro un'ambasciata
Testamento
Dio perdonerà
Contro l'Assiria
Contro l'alleanza egiziana
Contro l'Assiria
Il re giusto
Il grossolano e il nobile
Contro le donne di Gerusalemme
L'effusione dello Spirito
L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Inno di ringraziamento (Is 26,1-6)

26:1 In quel giorno si canterà questo canto nella terra di Giuda: "Abbiamo una città forte; mura e bastioni egli ha posto a salvezza. 2 Aprite le porte: entri una nazione giusta, che si mantiene fedele. 3 La sua volontà è salda; tu le assicurerai la pace, pace perchè in te confida. 4 Confidate nel Signore sempre, perchè il Signore è una roccia eterna, 5 perchè egli ha abbattuto coloro che abitavano in alto, ha rovesciato la città eccelsa, l'ha rovesciata fino a terra, l'ha rasa al suolo. 6 I piedi la calpestano: sono i piedi degli oppressi, i passi dei poveri".

26:1 26:4 Confidatevi nel Signore in perpetuo. perciocche' nel Signore Iddio e' la Rocca eterna. 2 26:5 Perciocche' egli ha abbassati quelli che abitavano in luoghi alti, in citta' elevata. egli ha abbattuta quella citta'. egli l'ha abbattuta fino in terra, e l'ha messa fin nella polvere. 3 26:6 Il pie' la calpestera', i piedi de' poveri, le piante dei miseri. 4 26:7 Il cammino del giusto e' tutto piano. tu addirizzi, e livelli il sentiero del giusto. 5 26:8 Noi ti abbiamo aspettato, o Signore, eziandio nella via de' tuoi giudicii. il desiderio dell'anima nostra e' stato intento al tuo Nome, ed alla tua ricordanza. 6 26:9 Di notte io ti ho desiderato nell'anima mia. eziandio in sul far del giorno ti ho ricercato con lo spirito mio che e' dentro di me. perciocche', secondo che i tuoi giudicii sono in terra, gli abitanti del mondo imparano giustizia.

26:1 26:4 Confidate in perpetuo nell'Eterno, poichè l'Eterno, si' l'Eterno, e' la roccia de' secoli. 2 26:5 Egli ha umiliato quelli che stavano in alto. Egli ha abbassato la citta' elevata, l'ha abbassata fino a terra, l'ha stesa nella polvere. 3 26:6 i piedi la calpestano, i piedi del povero, vi passan soproa i meschini. 4 26:7 La via del giusto e' diritta. Tu rendi perfettamente piano il sentiero del giusto. 5 26:8 Sulla via dei tuoi giudizi, o Eterno, noi t'abbiamo aspettato! Al tuo nome, al tuo ricordo anela l'anima nostra. 6 26:9 Con l'anima mia ti desidero, durante la notte. con lo spirito ch'e' dentro di me, ti cerco. poichè, quando i tuoi giudizi si compion sulla terra, gli abitanti del mondo imparan la giustizia.

26:1 26:4 Confidate per semproe nel SIGNORE, perchè il SIGNORE, sò il SIGNORE, è la roccia dei secoli. 2 26:5 Egli ha umiliato quelli che stavano in alto. egli ha abbassato la città elevata, l'ha abbassata fino a terra, l'ha stesa nella polvere. 3 26:6 i piedi la calpestano, i piedi dell'opproesso. vi passano soproa i poveri. 4 26:7 La via del giusto è diritta. tu rendi perfettamente piano il sentiero del giusto. 5 26:8 Sulla via dei tuoi giudizi, SIGNORE, noi ti abbiamo aspettato! Al tuo nome, al tuo ricordo anela l'anima. 6 26:9 Con l'anima mia ti desidero, durante la notte. con lo spirito che è dentro di me, ti cerco. poichè, quando i tuoi giudizi si compiono sulla terra, gli abitanti del mondo imparano la giustizia.

26:1 26:4 Confidate nell’Eterno per semproe, perchè l’Eterno, sì l’Eterno, è la roccia eterna. 2 26:5 Egli ha umiliato quelli che stavano in alto, ha abbassato la città elevata, l’ha abbassata fino a terra, l’ha gettata nella polvere. 3 26:6 i piedi la calpestano, i piedi stessi del povero e i passi dei meschini. 4 26:7 La via del giusto è diritta. o giusto Dio, tu appiani il sentiero del giusto. 5 26:8 Sì, nella via dei tuoi giudizi, o Eterno, noi ti abbiamo aspettato. Il desiderio della nostra anima si volge al tuo nome e al tuo ricordo. 6 26:9 Con la mia anima ti desidero di notte, sì, con lo spirito che è dentro di me ti cerco al mattino proesto. poichè quando i tuoi giudizi si manifestano sulla terra, gli abitanti del mondo imparano la giustizia.

26:1 In quel giorno si canterà questo canto nel paese di Giuda: Abbiamo una città forte; egli ha eretto a nostra salvezza mura e baluardo. 2 Aprite le porte: entri il popolo giusto che mantiene la fedeltà. 3 Il suo animo è saldo; tu gli assicurerai la pace, pace perchè in te ha fiducia. 4 Confidate nel Signore sempre, perchè il Signore è una roccia eterna; 5 perchè egli ha abbattuto coloro che abitavano in alto; la città eccelsa l'ha rovesciata, rovesciata fino a terra, l'ha rasa al suolo. 6 I piedi la calpestano, i piedi degli oppressi, i passi dei poveri.

Mappa

Commento di un santo

Lo stesso Isaia in questo modo predice che, mentre non credettero quelli che meditavano la legge di Dio dalla fanciullezza alla vecchiaia, tutto il mistero della salvezza sarebbe stato trasferito ai pagani: Ecco, egli dice, il Signore degli eserciti preparerà a tutte le genti un banchetto su questo monte: berranno la gioia, berranno vino, si ungeranno di profumi su questo monte: dà ai pagani tutti questi beni. Questa è la volontà del Signore onnipotente sguardo a tutti i pagani.

Autore

Ruffino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

avvento

-1°giovedi dell'anno dove si leggono i seguenti passi
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia