Cronologia dei paragrafi

Contro l'Etiopia
Contro l'Egitto
Conversione dell'Egitto
A proposito della presa di Asdòd
La caduta di Babilonia
Sull'Idumea
Contro gli Arabi
Contro l'entusiasmo di Gerusalemme
Contro Sebnà
Contro Tiro
Il giudizio del Signore
Canto sulla città distrutta
Le ultime sventure
Inno di ringraziamento
Il divino banchetto
Inno di ringraziamento
Salmo
Il passaggio del Signore
La vigna del Signore
Grazia e castigo
Ritorno degli Israeliti
Contro Samaria
Contro i falsi profeti
Contro i cattivi consiglieri
Parabola
Su Gerusalemme
Oracolo
Il trionfo del diritto
Contro l'ambasciata in Egitto
Altro oracolo contro un'ambasciata
Testamento
Dio perdonerà
Contro l'Assiria
Contro l'alleanza egiziana
Contro l'Assiria
Il re giusto
Il grossolano e il nobile
Contro le donne di Gerusalemme
L'effusione dello Spirito
L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Contro l'Etiopia (Is 18,1-99)

18:1 Ah! Terra dagli insetti ronzanti, che ti trovi oltre i fiumi dell'Etiopia, 2 che mandi ambasciatori per mare, in barche di papiro sulle acque: "Andate, messaggeri veloci, verso un popolo alto e abbronzato, verso un popolo temuto ora e sempre, un popolo potente e vittorioso, la cui terra è solcata da fiumi". 3 O voi tutti abitanti del mondo, che dimorate sulla terra, appena si alzerà un segnale sui monti, guardatelo! Appena squillerà la tromba, ascoltatela! 4 Poichè questo mi ha detto il Signore: "Io osserverò tranquillo dalla mia dimora, come il calore sereno alla luce del sole, come una nube di rugiada al calore della mietitura". 5 Poichè prima della raccolta, quando la fioritura è finita e il fiore è diventato un grappolo maturo, egli taglierà i tralci con roncole, strapperà e getterà via i pampini. 6 Saranno abbandonati tutti insieme agli avvoltoi dei monti e alle bestie della terra; su di essi gli avvoltoi passeranno l'estate, su di essi tutte le bestie della terra passeranno l'inverno. 7 In quel tempo saranno portate offerte al Signore degli eserciti da un popolo alto e abbronzato, da un popolo temuto ora e sempre, da un popolo potente e vittorioso, la cui terra è solcata da fiumi; saranno portate nel luogo dove è invocato il nome del Signore degli eserciti, sul monte Sion.

18:1 18:4 Perciocche', cosi' mi ha detto il Signore: Io me ne staro' cheto, e riguardero', dimorando nella mia stanza, a guisa di un calor chiaro piu' che il sole. come una nuvola rugiadosa nel calore della ricolta. 2 18:5 Perciocche', avanti la mietitura, dopo che la vite avra' finito di metter le gemme, e che il fiore sara' divenuto agresto, che si andra' maturando, Iddio tagliera' i magliuoli con falci, e torra' via i tralci, e li ricide-ra'. 3 18:6 Saranno tutti quanti lasciati in abbandono agli uccelli de' monti, ed alle bestie della terra. e gli uccelli passeranno la state soproa essi, ed ogni bestia della terra vi passera' il verno. 4 18:7 In quel tempo sara' portato proesente al Signor degli eserciti da parte del popolo di lunga statura, e dipelato. e da parte del popolo spaventevole, che e' piu' oltre di quello. e della gente sparsa qua e la', e calpestata, la cui terra i fiumi proedano. al luogo del Nome del Signor degli eserciti, al monte di Sion. 5 19:1 Il carico di Egitto. ECCO il Signore, cavalcando una nuvola leggiera, entrera' in Egitto. e gl'idoli di Egitto fuggiranno d'innanzi a lui, e il cuor degli Egizi si struggera' in mezzo di loro. 6 19:2 Ed io faro', dice il Signore, venire alla mischia Egizi contro ad Egizi. e ciascuno combattera' contro al suo fratello, e ciascuno contro al suo prossimo. citta' contro a citta', regno contro a regno. 7 19:3 E lo spirito dell'Egitto verra' meno nel mezzo di esso. ed io dissipero' il lor consiglio. ed essi domanderanno gl'idoli, e i magi, e gli spiriti di Pitone, e gl'indovini.

18:1 18:4 Poichè cosi' m'ha detto l'Eterno: Io me ne staro' tranquillo e guardero' dalla mia dimora, come un calore sereno alla luce del sole, come una nube di rugiada nel calor della me'sse. 2 18:5 Ma proima della me'sse, quando la fioritura sara' passata e il fiore sara' divenuto grappolo formato, Egli tagliera' i tralci con delle roncole, torra' via e recidera' i pampini. 3 18:6 Gli Assiri saran tutti assieme abbandonati agli uccelli rapaci de' monti e alle bestie della terra: gli uccelli rapaci passeranno l'estate sui loro cadaveri, e le bestie della terra vi passe-ran l'inverno. 4 18:7 In quel tempo, delle offerte saran recate all'Eterno degli eserciti dalla nazione dall'alta statura e dalla pelle lucida, dal popolo temuto fin nelle regioni lontane, dalla nazione potente che calpesta tutto, il cui paese e' solcato da fiumi: saran recate al luogo dov'e' il nome dell'Eterno degli eserciti, sul monte di Sion. 5 19:1 Oracolo sull'Egitto. Ecco l'Eterno, che cavalca portato da una nuvola leggera, e viene in Egitto. gl'idoli d'Egitto tremano dinanzi a lui, e all'Egitto si strugge, dentro, il cuore. 6 19:2 Io incitero' Egiziani contro Egiziani, combatteranno il fratello contro il fratello, il vicino contro il vicino, citta' contro citta', regno contro regno. 7 19:3 Lo spirito che anima l'Egitto svanira', io frustrero' i suoi disegni. e quelli consulteranno gl'idoli, gl'incantatori, gli evocatori di spiriti e gl'indovini.

18:1 18:4 Poichè cosò mi ha detto il SIGNORE: 'Io me ne starò tranquillo e guarderò dal mio posto, come un calore sereno alla luce del sole, come una nube di rugiada nel calore della mietitura'. 2 18:5 Ma proima della mietitura, quando la fioritura sarà passata e il fiore sarà divenuto grappolo formato, egli taglierà i tralci con il coltello, taglierà e reciderà i pampini. 3 18:6 Gli Assiri saranno tutti assieme abbandonati agli uccelli rapaci dei monti e alle bestie della terra: gli uccelli rapaci passeranno l'estate sui loro cadaveri e le bestie della terra vi passeranno l'inverno. 4 18:7 In quel tempo, offerte saranno portate al SIGNORE degli eserciti dalla nazione dall'alta statura e dalla pelle lucida, dal popolo temuto fin nelle regioni lontane, dalla nazione potente che calpesta tutto, il cui paese è solcato da fiumi: saranno portate al luogo dov'è il nome del SIGNORE degli eserciti, sul monte Sion. 5 19:1 Oracolo sull'Egitto. Ecco, il SIGNORE cavalca una nuvola leggera ed entra in Egitto. gli idoli d'Egitto tremano davanti a lui e all'Egitto si scioglie il cuore nel petto. 6 19:2 'Io inciterò Egiziani contro Egiziani, combatteranno il fratello contro il fratello, il vicino contro il vicino, città contro città, regno contro regno. 7 19:3 Lo spirito che anima l'Egitto svanirà, io renderò vani i suoi disegni. quelli consulteranno gli idoli, gli incantatori, gli evocatori di spiriti e gli indovini.

18:1 18:4 Poichè così mi ha detto l’Eterno: ’Starò tranquillo e guarderò dalla mia dimora, come un calore sereno e luminoso alla luce del sole, come una nube di rugiada nel calore della mietitura'. 2 18:5 Poichè proima della mietitura, quando la fioritura è finita e il fiore è diventato un grappolo in fase di maturazione, egli taglierà i ramoscelli con le roncole, e strapperà via e troncherà i tralci. 3 18:6 Essi saranno abbandonati tutti insieme agli uccelli rapaci dei monti e alle bestie della terra: gli uccelli rapaci passeranno soproa di essi l’estate e le bestie della terra passeranno soproa di essi l’inverno. 4 18:7 In quel tempo saranno portate offerte all’Eterno degli eserciti da una nazione di alta statura e dalla pelle lucida, da un popolo temuto dai suoi inizi in poi, una nazione potente che calpesta tutto, il cui paese è solcato da fiumi. saranno portate al luogo in cui si trova il nome dell’Eterno degli eserciti, sul monte Sion. 5 19:1 profezia sull’Egitto Ecco l’Eterno che cavalca su una nuvola leggera ed entra in Egitto. Gli idoli d’Egitto barcollano davanti a lui, e il cuore degli Egiziani viene meno dentro di loro. 6 19:2 ’Aizzerò Egiziani contro Egiziani, ognuno combatterà contro il proproio fratello, e ognuno contro il proproio vicino, città contro città, regno contro regno. 7 19:3 Lo spirito dell’Egitto verrà meno nel suo mezzo, e io distruggerò i suoi disegni: così essi consulteranno gli idoli e gli incantatori, i medium e i maghi.

18:1 Ah! paese dagli insetti ronzanti, che ti trovi oltre i fiumi di Etiopia, 2 che mandi ambasciatori per mare, in canotti di papiro sulle acque: ""Andate, messaggeri veloci, verso un popolo alto e abbronzato, verso un popolo temuto ora e sempre, un popolo potente e vittorioso, il cui paese è solcato da fiumi"". 3 O voi tutti abitanti del mondo, che dimorate sulla terra, appena si alzerà un segnale sui monti, guardatelo! Appena squillerà la tromba, ascoltatela! 4 Poichè questo mi ha detto il Signore: ""Io osserverò tranquillo dalla mia dimora, come il calore sereno alla luce del sole, come una nube di rugiada al calore della mietitura"". 5 Poichè prima della raccolta, quando la fioritura è finita e il fiore è diventato un grappolo maturo, egli taglierà i tralci con roncole, strapperà e getterà via i pampini. 6 Saranno abbandonati tutti insieme agli avvoltoi dei monti e alle bestie selvatiche; su di essi gli avvoltoi passeranno l'estate su di essi tutte le bestie selvatiche passeranno l'inverno. 7 In quel tempo saranno portate offerte al Signore degli eserciti da un popolo alto e abbronzato, da un popolo temuto ora e sempre, da un popolo potente e vittorioso, il cui paese è solcato da fiumi, saranno portate nel luogo dove è invocato il nome del Signore degli eserciti, sul monte Sion.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia