Cronologia dei paragrafi

La morte del re di Babilonia
Contro l'Assiro
Contro i Filistei
Su Moab
La richiesta dei Moabiti
Lamento di Moab
Contro Damasco e Israele
Contro l'Etiopia
Contro l'Egitto
Conversione dell'Egitto
A proposito della presa di Asdòd
La caduta di Babilonia
Sull'Idumea
Contro gli Arabi
Contro l'entusiasmo di Gerusalemme
Contro Sebnà
Contro Tiro
Il giudizio del Signore
Canto sulla città distrutta
Le ultime sventure
Inno di ringraziamento
Il divino banchetto
Inno di ringraziamento
Salmo
Il passaggio del Signore
La vigna del Signore
Grazia e castigo
Ritorno degli Israeliti
Contro Samaria
Contro i falsi profeti
Contro i cattivi consiglieri
Parabola
Su Gerusalemme
Oracolo
Il trionfo del diritto
Contro l'ambasciata in Egitto
Altro oracolo contro un'ambasciata
Testamento
Dio perdonerà
Contro l'Assiria
Contro l'alleanza egiziana
Contro l'Assiria
Il re giusto
Il grossolano e il nobile
Contro le donne di Gerusalemme
L'effusione dello Spirito
L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

La morte del re di Babilonia (Is 14,3-23)

14:3 In quel giorno avverrà che il Signore ti libererà dalle tue pene, dal tuo affanno e dalla tua dura schiavitù a cui eri stato assoggettato. 4 Allora intonerai questa canzone sul re di Babilonia e dirai: "Ah, come è finito l'aguzzino, è finita l'aggressione! 5 Il Signore ha spezzato la verga degli iniqui, il bastone dei dominatori, 6 che percuoteva i popoli nel suo furore, con colpi senza fine, che dominava con furia le nazioni con una persecuzione senza respiro. 7 Riposa ora tranquilla tutta la terra ed erompe in grida di gioia. 8 Persino i cipressi gioiscono per te e anche i cedri del Libano: "Da quando tu sei prostrato, non sale più nessuno a tagliarci". 9 Gli inferi di sotto si agitano per te, per venirti incontro al tuo arrivo; per te essi svegliano le ombre, tutti i dominatori della terra, e fanno sorgere dai loro troni tutti i re delle nazioni. 10 Tutti prendono la parola per dirti: "Anche tu sei stato abbattuto come noi, sei diventato uguale a noi". 11 Negli inferi è precipitato il tuo fasto e la musica delle tue arpe. Sotto di te v'è uno strato di marciume, e tua coltre sono i vermi. 12 Come mai sei caduto dal cielo, astro del mattino, figlio dell'aurora? Come mai sei stato gettato a terra, signore di popoli? 13 Eppure tu pensavi nel tuo cuore: "Salirò in cielo, sopra le stelle di Dio innalzerò il mio trono, dimorerò sul monte dell'assemblea, nella vera dimora divina. 14 Salirò sulle regioni superiori delle nubi, mi farò uguale all'Altissimo". 15 E invece sei stato precipitato negli inferi, nelle profondità dell'abisso! 16 Quanti ti vedono ti guardano fisso, ti osservano attentamente: "è questo l'individuo che sconvolgeva la terra, che faceva tremare i regni, 17 che riduceva il mondo a un deserto, che ne distruggeva le città, che non apriva la porta del carcere ai suoi prigionieri?". 18 Tutti i re dei popoli, tutti riposano con onore, ognuno nella sua tomba. 19 Tu, invece, sei stato gettato fuori del tuo sepolcro, come un virgulto spregevole; sei circondato da uccisi trafitti da spada, deposti sulle pietre della fossa, come una carogna calpestata. 20 Tu non sarai unito a loro nella sepoltura, perchè hai rovinato la tua terra, hai assassinato il tuo popolo. Non sarà più nominata la discendenza degli iniqui. 21 Preparate il massacro dei suoi figli a causa dell'iniquità dei loro padri, e non sorgano più a conquistare la terra e a riempire il mondo di rovine". 22 "Io insorgerò contro di loro - oracolo del Signore degli eserciti -, sterminerò il nome e il resto di Babilonia, la prole e la stirpe - oracolo del Signore. 23 Io la ridurrò a dominio del riccio, a palude stagnante; la spazzerò con la scopa della distruzione". Oracolo del Signore degli eserciti.

14:3 14:6 Colui che con furore percoteva i popoli di percosse, che non si potevano schivare, il qual signoreggiava le genti con ira, ora e' perseguito, senza che possa difendersi. 4 14:7 Tutta la terra e' in riposo, e quieta. gli uomini fanno risonar grida di allegrezza. 5 14:8 Gli abeti ancora e i cedri del Libano si son rallegrati di te, dicendo: Da che tu sei stato atterrato, niuno e' salito contro a noi, per tagliarci. 6 14:9 L'inferno disotto si e' commosso per te, per andarti incontro alla tua venuta. egli ha fatti muovere i giganti, tutti i proincipi della terra, per te. egli ha fatti levare d'in su i lor troni tutti i re delle nazioni. 7 14:10 Essi tutti ti faranno motto, e diranno: Anche tu sei stato fiaccato come noi, e sei divenuto simile a noi. 8 14:11 La tua alterezza e' stata posta giu' nell'inferno, al suono de' tuoi salteri. e si e' fatto sotto te un letto di vermini, e i lombrici son la tua coverta. 9 14:12 Come sei caduto dal cielo, o stella mattutina, fi-gliuol dell'aurora? come sei stato riciso ed abbattuto in terra? come sei caduto soproa le genti, tutto spossato? 10 14:13 E pur tu dicevi nel cuor tuo: Io saliro' in cielo, io innalzero' il mio trono soproa le stelle di Dio, e sedero' nel monte della rau-nanza, ne' lati di verso il Settentrione. 11 14:14 Io saliro' soproa i luoghi eccelsi delle nuvole, io mi faro' somigliante all'Altissimo. 12 14:15 Pur sei stato calato nell'inferno nel fondo della fossa. 13 14:16 Quelli che ti vedranno ti riguarderanno, e ti considereranno dicendo: e' costui quell'uomo che facea tremare la terra, che scrollava i regni? 14 14:17 Il quale ha ridotto il mondo come in un deserto, ed ha distrutte le sue citta', e non ha sciolti i suoi proigioni, per rimandarli a casa? 15 14:18 Tutti quanti i re delle genti giacciono in gloria, ciascuno in casa sua. 16 14:19 Ma tu sei stato gittato via dalla tua sepoltura, come un rampollo abbomine-vole. come veste di uccisi, trafitti dalla spada, che scendono alle pietre della fossa. come un corpo morto calpestato. 17 14:20 Tu non sarai aggiunto con coloro nella sepoltura. perciocchà tu hai guasta la tua terra, tu hai ucciso il tuo popolo. la progenie dei malfattori non sara' nominata in perpetuo. 18 14:21 proeparate l'uccisione a' suoi figliuoli, per l'iniquita' de' lor padri. acciocchà non si levino, e non posseggano la terra, e non empiano di citta' la superficie del mondo. 19 14:22 Io mi levero' contro a loro, dice il Signor degli eserciti. e sterminero' a Babilonia nome e rimanente, figliuolo e nipote, dice il Signore. 20 14:23 E la ridurro' in pos-session di civette, e in paludi di acque. e la spazzero' con iscope di distruzione, dice il Signor degli eserciti. 21 14:24 IL Signor degli eserciti ha giurato, dicendo: Se egli non avviene cosi' come io ho pensato. e se la cosa non à messa ad effetto, secondo il consiglio che io ho proeso. 22 14:25 che e', di romper l'Assiro nella mia terra, e di calcarlo soproa i miei monti. talche' il suo giogo sia rimosso da essi, e il suo incarico d'in su le loro spalle. 23 14:26 Quest'e' il consiglio proeso contro a tutta la terra. e questa e' la mano stesa contro a tutte le genti.

14:3 14:6 Colui che furiosamente percoteva i popoli di colpi senza tregua, colui che dominava irosamente sulle nazioni, e' inseguito senza misericordia. 4 14:7 Tutta la terra e' in riposo, e' tranquilla, la gente manda gridi di gioia. 5 14:8 Perfino i ciproessi e i cedri del Libano si rallegrano a motivo di te. 'Da che sei atterrato, essi dicono, il boscaiolo non sale piu' contro di noi'. 6 14:9 Il soggiorno de' morti, laggiu' s'e' commosso per te, per venire ad incontrarti alla tua venuta. esso sveglia per te le ombre, tutti i proincipi della terra. fa alzare dai loro troni tutti i re delle nazioni. 7 14:10 Tutti proendon la parola e ti dicono: 'Anche tu dunque sei diventato debole come noi? anche tu sei dunque divenuto simile a noi? 8 14:11 Il tuo fasto e il suon de' tuoi salte'ri sono stati fatti scendere nel soggiorno de' morti. sotto di te sta un letto di vermi, e i vermi son la tua coperta'. 9 14:12 Come mai sei caduto dal cielo, o astro mattutino, figliuol dell'aurora?! Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le nazioni?! 10 14:13 Tu dicevi in cuor tuo: 'Io saliro' in cielo, elevero' il mio trono al disoproa delle stelle di Dio. io m'assidero' sul monte dell'assemblea, nella parte estrema del settentrione. 11 14:14 saliro' sulle sommita' delle nubi, saro' simile all'Altissimo'. 12 14:15 Invece t'han fatto discendere nel soggiorno de' morti, nelle profondita' della fossa! 13 14:16 Quei che ti vedono fissano in te lo sguardo, ti considerano attentamente, e dicono: 'e' questo l'uomo che faceva tremare la terra, che scoteva i regni, 14 14:17 che riduceva il mondo in un deserto, ne distruggeva le citta', e non rimandava mai liberi a casa i suoi proigioni?' 15 14:18 Tutti i re delle nazioni, tutti quanti riposano in gloria ciascuno nella proproia dimora. 16 14:19 ma tu sei stato gettato lungi dalla tua tomba come un rampollo abominevole coperto di uccisi trafitti colla spada, calati sotto i sassi della fossa, come un cadavere calpestato. 17 14:20 Tu non sarai riunito a loro nel sepolcro perchè hai distrutto il tuo paese, hai ucciso il tuo popolo. della razza de' malfattori non si ragionera' mai piu'. 18 14:21 proeparate il massacro de' suoi figli, a motivo della iniquita' de' loro padri! Che non si rialzino piu' a conquistare la terra, a riempire il mondo di citta'! 19 14:22 Io mi levero' contro di loro, dice l'Eterno degli eserciti. sterminero' di Babilonia il nome, ed i superstiti, la razza e la progenie, dice l'Eterno. 20 14:23 Ne faro' il dominio del porcospino, un luogo di paludi, la spazzero' con la scopa della distruzione, dice l'Eterno degli eserciti. 21 14:24 L'Eterno degli eserciti l'ha giurato, dicendo: In verita', com'io penso, cosi' sara'. come ho deciso, cosi' avverra'. 22 14:25 Frantumero' l'Assiro nel mio paese, lo calpestero' sui miei monti. allora il suo giogo sara' tolto di sovr'essi, e il suo carico sara' tolto di su le loro spalle. 23 14:26 Questo e' il piano deciso contro tutta la terra. questa e' la mano stesa contro tutte le nazioni.

14:3 14:6 Colui che furiosamente percoteva i popoli con colpi senza tregua, colui che dominava rabbiosamente sulle nazioni, è inseguito senza misericordia. 4 14:7 Tutta la terra è in riposo, è tranquilla, la gente manda grida di gioia. 5 14:8 Perfino i ciproessi e i cedri del Libano si rallegrano a motivo di te. ""Da quando tu sei atterrato"", essi dicono, ""il boscaiolo non sale più contro di noi"". 6 14:9 Il soggiorno dei morti, laggiù, si agita per te, per venire a incontrarti al tuo arrivo. esso sveglia per te le ombre, tutti i proincipi della terra. fa alzare dai loro troni tutti i re delle nazioni. 7 14:10 Tutti proendono la parola e ti dicono: 'Anche tu dunque sei diventato debole come noi? Anche tu sei divenuto dunque simile a noi?'. 8 14:11 Il tuo fasto e il suono dei tuoi salteri sono stati fatti scendere nel soggiorno dei morti. sotto di te sta un letto di vermi, e i vermi sono la tua coperta. 9 14:12 Come mai sei caduto dal cielo, astro mattutino, figlio dell'aurora? Come mai sei atterrato, tu che calpestavi le nazioni? 10 14:13 Tu dicevi in cuor tuo: 'Io salirò in cielo, innalzerò il mio trono al di soproa delle stelle di Dio. mi siederò sul monte dell'assemblea, nella parte estrema del settentrione. 11 14:14 salirò sulle sommità delle nubi, sarò simile all'Altissimo'. 12 14:15 Invece ti hanno fatto discendere nel soggiorno dei morti, nelle profondità della fossa! 13 14:16 Coloro che ti vedono fissano in te lo sguardo, ti esaminano attentamente, e dicono: 'è questo l'uomo che faceva tremare la terra, che agitava i regni, 14 14:17 che riduceva il mondo in un deserto, ne distruggeva le città, e non rimandava mai liberi a casa i suoi proigionieri?'. 15 14:18 Tutti i re delle nazioni, tutti quanti riposano gloriosi, ciascuno nella proproia casa. 16 14:19 ma tu sei stato gettato lontano dalla tua tomba come un rampollo abominevole coperto di uccisi trafitti con la spada, calati sotto i sassi della fossa, come un cadavere calpestato. 17 14:20 Tu non sarai riunito a loro nella sepoltura, perchè hai distrutto il tuo paese, hai ucciso il tuo popolo. della razza dei malfattori non si parlerà mai più. 18 14:21 proeparate il massacro dei suoi figli, a causa della iniquità dei loro padri! Che non si rialzino più a conquistare la terra, a riempire il mondo di città! 19 14:22 'Io sorgerò contro di loro', dice il SIGNORE degli eserciti. 'sterminerò di Babilonia il nome, i superstiti, la razza e la discendenza', dice il SIGNORE. 20 14:23 'Ne farò dominio del porcospino, un luogo di paludi, la spazzerò con la scopa della distruzione', dice il SIGNORE degli eserciti. 21 14:24 Il SIGNORE degli eserciti l'ha giurato, dicendo: 'In verità, come io penso, cosò sarà. come ho deciso, cosò avverrà. 22 14:25 Frantumerò l'Assiro nel mio paese, lo calpesterò sui miei monti. allora il suo giogo sarà tolto da essi e il suo carico sarà tolto dalle loro spalle'. 23 14:26 Questo è il piano deciso contro tutta la terra. questa è la mano stesa contro tutte le nazioni.

14:3 14:6 Colui che nel suo furore percuoteva i popoli con colpi incessanti, colui che dominava con ira sulle nazioni è inseguito senza misericordia. 4 14:7 Tutta la terra riposa tranquilla, la gente erompe in gridi di gioia. 5 14:8 Perfino i ciproessi e i cedri del Libano gioiscono per te e dicono: ""Da quando sei atterrato, nessun taglia-bosco è più salito contro di noi"". 6 14:9 Lo Sceol di sotto è in agitazione per te, per farsi incontro al tuo arrivo. esso risveglia gli spiriti dei trapassati, tutti i proincipi della terra. ha fatto alzare dai loro troni tutti i re delle nazioni. 7 14:10 Tutti proendono la parola per dirti: 'Anche tu sei diventato debole come noi e sei divenuto simile a noi. 8 14:11 Il tuo fasto è proecipitato nello Sceol assieme al suono delle tue arpe. sotto di te si stende un letto di vermi e i vermi sono la tua coperta'. 9 14:12 Come mai sei caduto dal cielo, o Lucifero, figlio dell’aurora? Come mai sei stato gettato a terra, tu che atterravi le nazioni? 10 14:13 Tu dicevi in cuor tuo: ""Io salirò in cielo, innalzerò il mio trono al di soproa delle stelle di Dio. mi siederò sul monte dell’assemblea, nella parte estrema del nord. 11 14:14 salirò sulle parti più alte delle nubi, sarò simile all’Altissimo"". 12 14:15 Invece sarai proecipitato nello Sceol, nelle profondità della fossa. 13 14:16 Quanti ti vedono ti guardano fisso, ti osservano attentamente e dicono: ""è questo l’uomo che faceva tremare la terra, che scuoteva i regni, 14 14:17 che ridusse il mondo come un deserto, distrusse le sue città e non lasciò mai andar liberi i suoi proigionieri?"". 15 14:18 Tutti i re delle nazioni, tutti quanti riposano in gloria, ciascuno nel proproio sepolcro. 16 14:19 tu invece sei stato gettato lontano dalla tua tomba come un germoglio abominevole, come un vestito di uccisi trafitti colla spada, che scendono sui sassi della fossa, come un cadavere calpestato. 17 14:20 Tu non sarai riunito a loro nella sepoltura, perchè hai distrutto il tuo paese e hai ucciso il tuo popolo. la discendenza dei malfattori non sarà più nominata. 18 14:21 proeparate il massacro dei suoi figli a causa della iniquità dei loro padri, perchè non si alzino più a proendere possesso della terra e a riempire la faccia del mondo di città. 19 14:22 'Io mi leverò contro di loro' dice l’Eterno degli eserciti, 'e sterminerò da Babilonia il nome e i superstiti, la progenie e la discendenza' dice l’Eterno. 20 14:23 'Ne farò il dominio del porcospino e paludi di acqua. la spazzerò con la scopa della distruzione', dice l’Eterno degli eserciti'. 21 14:24 L’Eterno degli eserciti ha giurato, dicendo: ’In verità come ho pensato, così sarà, e come ho deciso, così accadrà. 22 14:25 Frantumerò l’Assiro nel mio paese e lo calpesterò sui miei monti. allora il suo giogo sarà rimosso da essi, e il suo carico sarà rimosso dalle loro spalle. 23 14:26 Questo è il piano deciso contro tutta la terra e questa è la mano stesa contro tutte le nazioni.

14:3 In quel giorno il Signore ti libererà dalle tue pene e dal tuo affanno e dalla dura schiavitù con la quale eri stato asservito. 4 Allora intonerai questa canzone sul re di Babilonia e dirai: ""Ah, come è finito l'aguzzino, è finita l'arroganza! 5 Il Signore ha spezzato la verga degli iniqui, il bastone dei dominatori, 6 di colui che percuoteva i popoli nel suo furore, con colpi senza fine, che dominava con furia le genti con una tirannia senza respiro. 7 Riposa ora tranquilla tutta la terra ed erompe in grida di gioia. 8 Persino i cipressi gioiscono riguardo a te e anche i cedri del Libano: Da quando tu sei prostrato, non salgono più i tagliaboschi contro di noi. 9 Gli inferi di sotto si agitano per te, per venirti incontro al tuo arrivo; per te essi svegliano le ombre, tutti i dominatori della terra, e fanno sorgere dai loro troni tutti i re delle nazioni. 10 Tutti prendono la parola per dirti: Anche tu sei stato abbattuto come noi, sei diventato uguale a noi. 11 Negli inferi è precipitato il tuo fasto, la musica delle tue arpe; sotto di te v'è uno strato di marciume, tua coltre sono i vermi. 12 Come mai sei caduto dal cielo, Lucifero, figlio dell'aurora? Come mai sei stato steso a terra, signore di popoli? 13 Eppure tu pensavi: Salirò in cielo, sulle stelle di Dio innalzerò il trono, dimorerò sul monte dell'assemblea, nelle parti più remote del settentrione. 14 Salirò sulle regioni superiori delle nubi, mi farò uguale all'Altissimo. 15 E invece sei stato precipitato negli inferi, nelle profondità dell'abisso! 16 Quanti ti vedono ti guardano fisso, ti osservano attentamente. è questo l'individuo che sconvolgeva la terra, che faceva tremare i regni, 17 che riduceva il mondo a un deserto, che ne distruggeva le città, che non apriva ai suoi prigionieri la prigione? 18 Tutti i re dei popoli, tutti riposano con onore, ognuno nella sua tomba. 19 Tu, invece, sei stato gettato fuori del tuo sepolcro, come un virgulto spregevole; sei circondato da uccisi trafitti da spada, come una carogna calpestata. A coloro che sono scesi in una tomba di pietre 20 tu non sarai unito nella sepoltura, perchè hai rovinato il tuo paese, hai assassinato il tuo popolo; non sarà più nominata la discendenza dell'iniquo. 21 Preparate il massacro dei suoi figli a causa dell'iniquità del loro padre e non sorgano più a conquistare la terra e a riempire il mondo di rovine"". 22 Io insorgerò contro di loro - parola del Signore degli eserciti -, sterminerò il nome di Babilonia e il resto, la prole e la stirpe - oracolo del Signore -. 23 Io la ridurrò a dominio dei ricci, a palude stagnante; la scoperò con la scopa della distruzione - oracolo del Signore degli eserciti -.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia