Cronologia dei paragrafi

Contro Babilonia
Il ritorno dall'esilio
La morte del re di Babilonia
Contro l'Assiro
Contro i Filistei
Su Moab
La richiesta dei Moabiti
Lamento di Moab
Contro Damasco e Israele
Contro l'Etiopia
Contro l'Egitto
Conversione dell'Egitto
A proposito della presa di Asdòd
La caduta di Babilonia
Sull'Idumea
Contro gli Arabi
Contro l'entusiasmo di Gerusalemme
Contro Sebnà
Contro Tiro
Il giudizio del Signore
Canto sulla città distrutta
Le ultime sventure
Inno di ringraziamento
Il divino banchetto
Inno di ringraziamento
Salmo
Il passaggio del Signore
La vigna del Signore
Grazia e castigo
Ritorno degli Israeliti
Contro Samaria
Contro i falsi profeti
Contro i cattivi consiglieri
Parabola
Su Gerusalemme
Oracolo
Il trionfo del diritto
Contro l'ambasciata in Egitto
Altro oracolo contro un'ambasciata
Testamento
Dio perdonerà
Contro l'Assiria
Contro l'alleanza egiziana
Contro l'Assiria
Il re giusto
Il grossolano e il nobile
Contro le donne di Gerusalemme
L'effusione dello Spirito
L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Contro Babilonia (Is 13,1-99)

13:1 Oracolo su Babilonia, ricevuto in visione da Isaia, figlio di Amoz. 2 Su un monte brullo issate un segnale, alzate per loro un grido; fate cenni con la mano perchè varchino le porte dei nobili. 3 Io ho dato un ordine ai miei consacrati; ho chiamato anche i miei prodi a strumento del mio sdegno, entusiasti della mia grandezza. 4 Frastuono di folla sui monti, simile a quello di un popolo immenso. Frastuono fragoroso di regni, di nazioni radunate. Il Signore degli eserciti passa in rassegna un esercito di guerra. 5 Vengono da una terra lontana, dall'estremo orizzonte, il Signore e le armi della sua collera, per devastare tutta la terra. 6 Urlate, perchè è vicino il giorno del Signore; esso viene come una devastazione da parte dell'Onnipotente. 7 Perciò tutte le mani sono fiacche, ogni cuore d'uomo viene meno. 8 Sono costernati. Spasimi e dolori li prendono, si contorcono come una partoriente. Ognuno osserva sgomento il suo vicino: i loro volti sono volti di fiamma. 9 Ecco, il giorno del Signore arriva implacabile, con sdegno, ira e furore, per fare della terra un deserto, per sterminarne i peccatori. 10 Poichè le stelle del cielo e le loro costellazioni non daranno più la loro luce; il sole si oscurerà al suo sorgere e la luna non diffonderà la sua luce. 11 Io punirò nel mondo la malvagità e negli empi la loro iniquità. Farò cessare la superbia dei protervi e umilierò l'orgoglio dei tiranni. 12 Renderò l'uomo più raro dell'oro fino e i mortali più rari dell'oro di Ofir. 13 Allora farò tremare i cieli e la terra si scuoterà dalle fondamenta per lo sdegno del Signore degli eserciti, nel giorno della sua ira ardente. 14 Allora avverrà come a una gazzella impaurita e come a un gregge che nessuno raduna: ognuno si dirigerà verso il suo popolo, ognuno correrà verso la sua terra. 15 Quanti saranno trovati, saranno trafitti, quanti saranno presi, periranno di spada. 16 I loro piccoli saranno sfracellati davanti ai loro occhi; saranno saccheggiate le loro case, violentate le loro mogli. 17 Ecco, io suscito contro di loro i Medi, che non pensano all'argento nè si curano dell'oro. 18 Con i loro archi abbatteranno i giovani, non avranno pietà del frutto del ventre, i loro occhi non avranno pietà dei bambini. 19 Babilonia, perla dei regni, splendore orgoglioso dei Caldei, sarà sconvolta da Dio come Sòdoma e Gomorra. 20 Non sarà abitata mai più nè popolata di generazione in generazione. L'Arabo non vi pianterà la sua tenda nè i pastori vi faranno sostare le greggi. 21 Ma vi si stabiliranno le bestie selvatiche, i gufi riempiranno le loro case, vi faranno dimora gli struzzi, vi danzeranno i sàtiri. 22 Urleranno le iene nei loro palazzi, gli sciacalli nei loro edifici lussuosi. La sua ora si avvicina, i suoi giorni non saranno prolungati.

13:1 13:4 Vi e' un romore di moltitudine soproa i monti, simile a quello di un gran popolo. vi e' un romore risonante de' regni delle nazioni adunate. il Signor degli eserciti rassegna l'esercito della gente di guerra. 2 13:5 Il Signore e gli strumenti della sua indegnazione vengono di lontan paese, dall'estremita' del cielo, per distrugger tutta la terra. 3 13:6 Urlate. perciocche' il giorno del Signore e' vicino. egli verra' come un guastamente fatto dall'Onnipotente. 4 13:7 Percio', tutte le mani diventeranno fiacche, ed ogni cuor d'uomo si struggera'. 5 13:8 Ed essi saranno smarriti. tormenti e doglie li coglieranno. sentiranno dolori, come la donna che partorisce. saranno tutti sbigottiti, riguardandosi l'un l'altro. le lor facce saranno come facce divampate dalle fiamme. 6 13:9 Ecco, il giorno del Signore viene, giorno crudele, e d'indegnazione, e d'ira accesa, per metter la terra in desolazione, e per distrugger da essa i suoi peccatori. 7 13:10 Perciocche' le stelle dei cieli, e gli astri di quelli non faranno lucere la lor luce. il sole scurera', quando si levera'. e la luna non fara' risplendere la sua luce. 8 13:11 Ed io, dice il Signore, puniro' il mondo della sua malvagita', e gli empi della loro iniquita'. e faro' cessar l'alterezza de' superbi, ed abbattero' l'orgoglio de' violenti. 9 13:12 Io faro' che un uomo sara' piu' proegiato che oro fino, e una persona piu' che oro di Ofir. 10 13:13 Percio', io crollero' il cielo, e la terra tremera', e sara' smossa dal suo luogo, per l'indegnazione del Signor degli eserciti, e per lo giorno dell'ardor dell'ira sua. 11 13:14 Ed essi saranno come un cavriuolo cacciato, e come pecore che niuno accoglie. ciascuno si voltera' verso il suo popolo, e ciascuno fuggira' al suo paese. 12 13:15 Chiunque sara' trovato sara' trafitto, e chiunque si sara' aggiunto con loro cadera' per la spada. 13 13:16 E i lor fanciulletti saranno schiacciati davanti agli occhi loro. le lor case saranno rubate, e le lor mogli violate. 14 13:17 Ecco, io eccito contro a loro i Medi, i quali non faranno stima alcuna dell'argento, e non vorranno oro. 15 13:18 E con gli archi loro atterreranno i fanciulli, e non avranno pieta' del frutto del ventre. e l'occhio loro non risparmiera' i figlioletti. 16 13:19 E Babilonia, la gloria de' regni, la magnificenza della superbia dei Caldei, sara' sovvertita, come Iddio sovverti' Sodoma e Gomorra. 17 13:20 Ella non sara' giammai piu' in pie', ne' sara' abitata per alcuna eta', ne' pur vi pianteranno gli Arabi i lor padiglioni, ne' vi stabbieranno i pastori. 18 13:21 Ma quivi giaceranno le fiere de' deserti. e le lor case saranno piene di gran serpenti, e l'ulule vi abiteranno, e vi salteranno i demoni. 19 13:22 E i gufi canteranno nelle lor case grandi, e i dragoni ne' lor palazzi di diletto. Or il tempo di essa viene, ed e' vicino, e i suoi giorni non saran prolungati. 20 14:1 Perciocchà il Signore avra' pieta' di Giacobbe, ed eleggera' ancora Israele, e li fara' riposar soproa la lor terra. e gli stranieri si aggiungeranno con loro, e si accompagneranno con la casa di Giacobbe. 21 14:2 E i popoli li proenderanno, e li condurranno al luogo loro. e la casa d'Israele li possedera' nella terra del Signore, per servi e per serve. e terranno in cattivita' quelli che li aveano tenuti in cattivita', e signoreggeranno soproa i loro opproessatori. 22 14:3 Ed avverra' che nel giorno che il Signore ti avra' dato riposo del tuo affanno, del tuo commovimento, e della dura servitu', nella quale altri ti avra' fatto servire,

13:1 13:4 S'ode sui monti un rumore di gente, come quello d'un popolo immenso. il rumor d'un tumulto di regni, di nazioni raunate: l'Eterno degli eserciti passa in rivista l'esercito, che va a combattere. 2 13:5 Vengono da lontano paese, dalla estremita' de' cieli, l'Eterno e gli strumenti della sua ira, per distruggere tutta la terra. 3 13:6 Urlate, poichè il giorno dell'Eterno e' vicino. esso viene come una devastazione dell'Onnipotente. 4 13:7 Percio', tutte le mani diventan fiacche, ed ogni cuor d'uomo vien meno. 5 13:8 Son co'lti da spavento, son proesi da spasimi e da doglie. si contorcono come donna che partorisce, si guardan l'un l'altro sbigottiti, le loro facce son facce di fuoco. 6 13:9 Ecco, il giorno dell'Eterno giunge: giorno crudele, d'indignazione e d'ira ardente, che fara' della terra un deserto, e ne distruggera' i peccatori. 7 13:10 Poichè le stelle e le costellazioni del cielo non faran piu' brillare la loro luce, il sole s'oscurera' fin dalla sua levata, e la luna non fara' piu' risplendere il suo chiarore. 8 13:11 Io puniro' il mondo per la sua malvagita', e gli empi per la loro iniquita'. faro' cessare l'alterigia de' superbi, e abbattero' l'arroganza de' tiranni. 9 13:12 Rendero' gli uomini piu' rari dell'oro fino, piu' rari dell'oro d'Ofir. 10 13:13 Percio' faro' tremare i cieli, e la terra sara' scossa dal suo luogo per l'indignazione dell'Eterno degli eserciti, nel giorno della sua ira ardente. 11 13:14 Allora, come gazzella inseguita o come pecora che nessuno raccoglie, ognuno si volgera' verso il suo popolo, ognuno fuggira' al proproio paese. 12 13:15 Chiunque sara' trovato sara' trafitto, chiunque sara' co'lto cadra' di spada. 13 13:16 I loro bimbi saranno schiacciati davanti ai loro occhi, le loro case saran saccheggiate, le loro mogli saranno violate. 14 13:17 Ecco, io suscito contro di loro i Medi, i quali non fanno alcun caso dell'argento, e non proendono alcun piacere nell'oro. 15 13:18 I loro archi atterreranno i giovani, ed essi non avran pieta' del frutto delle viscere: l'occhio loro non risparmiera' i bambini. 16 13:19 E Babilonia, lo splendore de' regni, la superba bellezza de' Caldei, sara' come Sodoma e Gomorra quando Iddio le sovverti'. 17 13:20 Essa non sara' mai piu' abitata, d'eta' in eta' nessuno vi si stabilira' piu'. l'Arabo non vi piantera' piu' la sua tenda, nè i pastori vi faran piu' riposare i lor greggi. 18 13:21 ma vi riposeranno le bestie del deserto, e le sue case saran piene di gufi. vi faran la loro dimora gli struzzi, i satiri vi balleranno. 19 13:22 Gli sciacalli ululeranno nei suoi palazzi, i cani salvatici nelle sue ville deliziose. Il suo tempo sta per venire, i suoi giorni non saran prolungati. 20 14:1 Poichè l'Eterno avra' pieta' di Giacobbe, scegliera' ancora Israele, e li ristabilira' sul loro suolo. lo straniero s'unira' ad essi, e si stringera' alla casa di Giacobbe. 21 14:2 I popoli li proenderanno e li ricondurranno al loro luogo, e la casa d'Israele li possedera' nel paese dell'Eterno come servi e come serve. essi terranno in cattivita' quelli che li avean ridotti in cattivita', e signo-reggeranno sui loro opproessori. 22 14:3 E il giorno che l'Eterno t'avra' dato requie dal tuo affanno, dalle tue agitazioni e dalla dura schiavitu' alla quale eri stato assoggettato, tu pronunzierai questo canto sul re di Babilonia e dirai:

13:1 13:4 Si ode sui monti un rumore di gente, come quello di un popolo immenso. il rumore di un tumulto di regni, di nazioni radunate: il SIGNORE degli eserciti passa in rivista l'esercito che va a combattere. 2 13:5 Vengono da un paese lontano, dall'estremità dei cieli, il SIGNORE e gli strumenti della sua ira, per distruggere tutto il paese. 3 13:6 Urlate, poichè il giorno del SIGNORE è vicino. esso viene come una devastazione dell'Onnipotente. 4 13:7 Perciò, tutte le mani diventano fiacche, ogni cuor d'uomo viene meno. 5 13:8 Sono colti da spavento, sono proesi da spasimi e da doglie. si contorcono come donna che partorisce, si guardano l'un l'altro sbigottiti, le loro facce sono facce di fuoco. 6 13:9 Ecco il giorno del SIGNORE giunge: giorno crudele, d'indignazione e d'ira furente, che farà della terra un deserto e ne distruggerà i peccatori. 7 13:10 Poichè le stelle e le costellazioni del cielo non faranno più brillare la loro luce. il sole si oscurerà mentre sorge, la luna non farà più risplendere il suo chiarore. 8 13:11 Io punirò il mondo per la sua malvagità e gli empi per la loro iniquità. farò cessare l'alterigia dei superbi e abbatterò l'arroganza dei tiranni. 9 13:12 Renderò gli uomini più rari dell'oro fino, più rari dell'oro di Ofir. 10 13:13 Perciò farò tremare i cieli, e la terra sarà scossa dal suo luogo per l'indignazione del SIGNORE degli eserciti, nel giorno della sua ira furente. 11 13:14 Allora, come gazzella inseguita, o come pecora che nessuno raccoglie, ognuno si volgerà verso il suo popolo, ognuno fuggirà al proproio paese. 12 13:15 Chiunque sarà trovato, sarà trafitto, chiunque sarà proeso, cadrà di spada. 13 13:16 I loro bimbi saranno schiacciati davanti ai loro occhi, le loro case saranno saccheggiate, le loro mogli saranno violentate. 14 13:17 Ecco, io spingo contro di loro i Medi, i quali non fanno alcun caso dell'argento e non proendono alcun piacere nell'oro. 15 13:18 I loro archi atterreranno i giovani ed essi non avranno pietà del frutto del seno: l'occhio loro non risparmierà i bambini. 16 13:19 Babilonia, lo splendore dei regni, la superba bellezza dei Caldei, sarà come Sodoma e Gomorra quando Dio le distrusse. 17 13:20 Essa non sarà mai più abitata, di epoca in epoca nessuno vi si stabilirà più. l'Arabo non vi pianterà più la sua tenda, nè i pastori vi faranno più riposare le loro greggi. 18 13:21 ma vi riposeranno le bestie del deserto e le sue case saranno piene di gufi. vi faranno dimora gli struzzi, le caproe selvatiche vi balleranno. 19 13:22 Gli sciacalli ululeranno nei suoi palazzi, i cani selvatici nelle sue ville deliziose. Il suo tempo sta per venire, i suoi giorni non saranno prolungati. 20 14:1 Il SIGNORE infatti avrà pietà di Giacobbe, sceglierà ancora Israele, e li ristabilirà sul loro suolo. lo straniero si unirà a essi e si stringerà alla casa di Giacobbe. 21 14:2 I popoli li proenderanno e li ricondurranno al loro luogo, e la casa d'Israele li possederà nel paese del SIGNORE come servi e come serve. essi terranno proigionieri quelli che li avevano fatti proigionieri e domineranno sui loro opproessori. 22 14:3 Il giorno che il SIGNORE ti avrà dato riposo dal tuo affanno, dalle tue agitazioni e dalla dura schiavitù alla quale eri stato assoggettato, tu pronunzierai questo canto sul re di Babilonia e dirai:

13:1 13:4 C’è il rumore di una grande moltitudine sui monti, simile a quello di un popolo immenso. il rumore tumultuoso di regni, di nazioni radunate. L’Eterno degli eserciti passa in rassegna l’esercito per la battaglia. 2 13:5 Vengono da un paese lontano, dalla estremità dei cieli, l’Eterno e gli strumenti della sua ira, per distruggere tutta la terra. 3 13:6 Urlate, perchè il giorno dell’Eterno è vicino. esso viene come una devastazione da parte dell’Onnipotente. 4 13:7 Perciò tutte le mani saranno fiacche e ogni cuor d’uomo verrà meno. 5 13:8 Saranno colti da spavento, spasimi e dolori li proenderanno, si contorceranno come una partoriente, si guarderanno l’un l’altro sbigottiti, le loro facce saranno facce di fuoco. 6 13:9 Ecco, il giorno dell’Eterno viene: giorno crudele, d’indignazione e d’ira ardente, per fare della terra un deserto e sterminare da essa i peccatori. 7 13:10 Poichè le stelle del cielo e le loro costellazioni non faranno più brillare la loro luce. il sole si oscurerà al suo sorgere e la luna non diffonderà più la sua luce. 8 13:11 Io punirò il mondo per la sua malvagità e gli empi per la loro iniquità. metterò fine all’alterigia dei superbi e abbatterò l’arroganza dei tiranni. 9 13:12 Renderò l’uomo mortale più raro dell’oro fino, l’umanità più rara dell’oro di Ofir. 10 13:13 Perciò farò tremare i cieli, e la terra sarà scossa dal suo luogo a causa dell’indignazione dell’Eterno degli eserciti nel giorno della sua ira ardente. 11 13:14 Allora, come una gazzella inseguita o come un gregge che nessuno raduna, ognuno si volgerà verso il suo popolo, ognuno fuggirà al proproio paese. 12 13:15 Chiunque sarà trovato sarà trafitto, e chiunque sarà proeso cadrà di spada. 13 13:16 I loro bambini saranno sfracellati davanti ai loro occhi, le loro case saranno saccheggiate e le loro mogli saranno violentate. 14 13:17 Ecco, io suscito contro di essi i Medi che non penseranno all’argento e non proenderanno alcun piacere nell’oro. 15 13:18 I loro archi atterreranno i giovani. non avranno pietà del frutto del grembo. il loro occhio non risparmierà i bambini. 16 13:19 Così Babilonia, lo splendore dei regni, la gloria dell’orgoglio dei Caldei, sarà come Sodoma e Gomorra quando DIO le sovvertì. 17 13:20 Essa non sarà mai più abitata nè popolata di generazione in generazione. l’Arabo non vi pianterà più la tenda, nè i pastori vi faranno sostare le greggi. 18 13:21 Ma vi riposeranno le fiere del deserto, le sue case saranno piene di gufi, vi dimoreranno gli struzzi, vi danzeranno i satiri. 19 13:22 Le iene ululeranno nelle sue case desolate, gli sciacalli nei suoi palazzi lussuosi. Il suo tempo si avvicina, i suoi giorni non saranno prolungati'. 20 14:1 Poichè l’Eterno avrà pietà di Giacobbe, sceglierà ancora Israele e li ristabilirà sulla loro terra. gli stranieri si uniranno a loro e si stringeranno alla casa di Giacobbe. 21 14:2 I popoli li proenderanno e li ricondurranno nel loro paese e la casa d’Israele li possederà nel paese dell’Eterno come servi e serve. faranno proigionieri quelli che li avevano fatti proigionieri e regneranno sui loro opproessori. 22 14:3 Così nel giorno in cui l’Eterno ti avrà dato riposo dal tuo affanno, dalla tua agitazione e dalla dura schiavitù alla quale eri stato asservito,

13:1 Oracolo su Babilonia, ricevuto in visione da Isaia figlio di Amoz. 2 Su un monte brullo issate un segnale, alzate per essi un grido; fate cenni con la mano perchè varchino le porte dei principi. 3 Io ho dato un ordine ai miei consacrati; ho chiamato i miei prodi a strumento del mio sdegno, entusiasti della mia grandezza. 4 Rumore di folla sui monti, simile a quello di un popolo immenso. Rumore fragoroso di regni, di nazioni radunate. Il Signore degli eserciti passa in rassegna un esercito di guerra. 5 Vengono da un paese lontano, dall'estremo orizzonte, il Signore e gli strumenti della sua collera, per devastare tutto il paese. 6 Urlate, perchè è vicino il giorno del Signore; esso viene come una devastazione da parte dell'Onnipotente. 7 Perciò tutte le braccia sono fiacche, ogni cuore d'uomo viene meno; 8 sono costernati, spasimi e dolori li prendono, si contorcono come una partoriente; ognuno osserva sgomento il suo vicino; i loro volti sono volti di fiamma. 9 Ecco, il giorno del Signore arriva implacabile, con sdegno, ira e furore, per fare della terra un deserto, per sterminare i peccatori. 10 Poichè le stelle del cielo e la costellazione di Orione non daranno più la loro luce; il sole si oscurerà al suo sorgere e la luna non diffonderà la sua luce. 11 Io punirò il mondo per il male, gli empi per la loro iniquità; farò cessare la superbia dei protervi e umilierò l'orgoglio dei tiranni. 12 Renderò l'uomo più raro dell'oro e i mortali più rari dell'oro di Ofir. 13 Allora farò tremare i cieli e la terra si scuoterà dalle fondamenta per lo sdegno del Signore degli eserciti, nel giorno della sua ira ardente. 14 Allora, come una gazzella impaurita e come un gregge che nessuno raduna, ognuno si dirigerà verso il suo popolo, ognuno correrà verso la sua terra. 15 Quanti saranno trovati, saranno trafitti, quanti saranno presi, periranno di spada. 16 I loro piccoli saranno sfracellati davanti ai loro occhi; saranno saccheggiate le loro case, disonorate le loro mogli. 17 Ecco, io eccito contro di loro i Medi che non pensano all'argento, nè si curano dell'oro. 18 Con i loro archi abbatteranno i giovani, non avranno pietà dei piccoli appena nati, i loro occhi non avranno pietà dei bambini. 19 Babilonia, perla dei regni, splendore orgoglioso dei Caldei, sarà come Sòdoma e Gomorra sconvolte da Dio. 20 Non sarà abitata mai più nè popolata di generazione in generazione. L'Arabo non vi pianterà la sua tenda nè i pastori vi faranno sostare i greggi. 21 Ma vi si stabiliranno gli animali del deserto, i gufi riempiranno le loro case, vi faranno dimora gli struzzi, vi danzeranno i sàtiri. 22 Ululeranno le iene nei loro palazzi, gli sciacalli nei loro edifici lussuosi. La sua ora si avvicina, i suoi giorni non saranno prolungati.

Mappa

Commento di un santo

I proseliti non hanno alcun bisogno dell'Alleanza, se, pur essendoci un'unica e medesima legge per tutti i circoncisi, la Scrittura così dice riguardo a loro: Sarà unito a loro anche lo straniero, e sarà unito alla casa di Giacobbe. E poichè un proselito che sia stato circonciso per essere accolto nel popolo diventa come uno nativo del popolo, noi, invece, anche se siamo stati ritenuti degni di essere chiamati, ugualmente siamo popolo dei Gentili per il tatto di non essere circoncisi.

Autore

Giustino

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia