Cronologia dei paragrafi

Splendore è maestà del Signore
L'anarchia a Gerusalemme
Le donne di Gerusalemme
Gerusalemme colpita dalla sventura
Il germoglio del Signore
Il canto della vigna
Maledizioni
La collera del Signore
La chiamata degli invasori
Vocazione di Isaia
Primo intervento di Isaia
Secondo intervento
Predizione di un'invasione
Nascita di un figlio di Isaia
Siloe e l'Eufrate
La missione di Isaia
Il cammino nella notte
La liberazione
Le prove del regno del Nord
Contro il re di Assiria
Il piccolo resto
Fiducia in Dio
L'invasione
Il discendente di Davide
Il ritorno degli esiliati
Salmo
Contro Babilonia
Il ritorno dall'esilio
La morte del re di Babilonia
Contro l'Assiro
Contro i Filistei
Su Moab
La richiesta dei Moabiti
Lamento di Moab
Contro Damasco e Israele
Contro l'Etiopia
Contro l'Egitto
Conversione dell'Egitto
A proposito della presa di Asdòd
La caduta di Babilonia
Sull'Idumea
Contro gli Arabi
Contro l'entusiasmo di Gerusalemme
Contro Sebnà
Contro Tiro
Il giudizio del Signore
Canto sulla città distrutta
Le ultime sventure
Inno di ringraziamento
Il divino banchetto
Inno di ringraziamento
Salmo
Il passaggio del Signore
La vigna del Signore
Grazia e castigo
Ritorno degli Israeliti
Contro Samaria
Contro i falsi profeti
Contro i cattivi consiglieri
Parabola
Su Gerusalemme
Oracolo
Il trionfo del diritto
Contro l'ambasciata in Egitto
Altro oracolo contro un'ambasciata
Testamento
Dio perdonerà
Contro l'Assiria
Contro l'alleanza egiziana
Contro l'Assiria
Il re giusto
Il grossolano e il nobile
Contro le donne di Gerusalemme
L'effusione dello Spirito
L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Splendore è maestà del Signore (Is 2,6-99)

2:6 Sì, tu hai rigettato il tuo popolo, la casa di Giacobbe, perchè rigurgitano di maghi orientali e di indovini come i Filistei; agli stranieri battono le mani. 7 La sua terra è piena d'argento e d'oro, senza limite sono i suoi tesori; la sua terra è piena di cavalli, senza limite sono i suoi carri. 8 La sua terra è piena di idoli; adorano l'opera delle proprie mani, ciò che hanno fatto le loro dita. 9 L'uomo sarà piegato, il mortale sarà abbassato; tu non perdonare loro. 10 Entra fra le rocce, nasconditi nella polvere, di fronte al terrore che desta il Signore e allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra. 11 L'uomo abbasserà gli occhi superbi, l'alterigia umana si piegherà; sarà esaltato il Signore, lui solo, in quel giorno. 12 Poichè il Signore degli eserciti ha un giorno contro ogni superbo e altero, contro chiunque si innalza, per abbatterlo, 13 contro tutti i cedri del Libano alti ed elevati, contro tutte le querce del Basan, 14 contro tutti gli alti monti, contro tutti i colli elevati, 15 contro ogni torre eccelsa, contro ogni muro fortificato, 16 contro tutte le navi di Tarsis e contro tutte le imbarcazioni di lusso. 17 Sarà piegato l'orgoglio degli uomini, sarà abbassata l'alterigia umana; sarà esaltato il Signore, lui solo, in quel giorno. 18 Gli idoli spariranno del tutto. 19 Rifugiatevi nelle caverne delle rocce e negli antri sotterranei, di fronte al terrore che desta il Signore e allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra. 20 In quel giorno ognuno getterà ai topi e ai pipistrelli gli idoli d'argento e gli idoli d'oro, che si era fatto per adorarli, 21 per entrare nei crepacci delle rocce e nelle spaccature delle rupi, di fronte al terrore che desta il Signore e allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra. 22 Guardatevi dunque dall'uomo, nelle cui narici non v'è che un soffio: in quale conto si può tenere?

2:6 2:6 Perciocche' tu, Signore, hai abbandonato il tuo popolo, la casa di Giacobbe. perche' son pieni d'Oriente, e son pronosticatori come i Filistei. da'nno la mano a' figliuoli de' forestieri. 7 2:7 E il lor paese si e' riempiuto d'argento e d'oro, tal-che' hanno tesori senza fine. il lor paese si e' eziandio riempiuto di cavalli, ed hanno carri senza fine. 8 2:8 Oltre a cio', il lor paese si e' riempiuto d'idoli. hanno adorata l'opera delle lor mani, cio' che le lor dita hanno fatto. 9 2:9 E la gente vile si e' inchinata, e parimente gli uomini onorati si son bassa-ti. percio' non perdonar loro. 10 2:10 Entra nella roccia, e nasconditi nella polvere, per lo spavento del Signore, e per la gloria della sua altezza. 11 2:11 Gli occhi altieri dell'uomo saranno abbassati, e l'altezza degli uomini sara' deproessa. e il Signore solo sara' esaltato in quel giorno. 12 2:12 Perciocche' vi e' un giorno del Signore degli eserciti contro ad ogni superbo ed altiero. e contro a chiunque s'innalza. ed egli sara' abbassato. 13 2:13 e contro a tutti i cedri alti ed elevati del Libano, e contro a tutte le querce di Basan. 14 2:14 e contro a tutti gli alti monti, e contro a tutti i colli elevati. 15 2:15 e contro ad ogni torre eccelsa, e contro ad ogni muro forte. 16 2:16 e contro a tutte le navi di Tarsis, e contro a tutti i be' disegni. 17 2:17 E l'altezza degli uomini sara' deproessa, e la sublimita' degli uomini sara' abbassata. e il Signore solo sara' esaltato in quel giorno. 18 2:18 Ed egli sterminera' del tutto gl'idoli. 19 2:19 E gli uomini entreranno nelle spelonche delle rocce, e nelle grotte della terra, per lo spavento del Signore, e per la gloria della sua altezza, quando egli si levera' per fiaccar la terra. 20 2:20 In quel giorno l'uomo gittera' alle talpe, ed a' vipistrelli, gl'idoli del suo argento, e gl'idoli del suo oro, i quali altri gli avra' fatti, per adorarli. 21 2:21 entrando nelle buche delle rocce, e nelle caverne de' sassi, per lo spavento del Signore, e per la gloria della sua altezza, quando egli si levera' per fiaccar la terra. 22 2:22 Rimanetevi di fidarvi nell'uomo il cui alito e' nelle nari. perciocche', di quanto proegio e valore e' egli?

2:6 2:6 Poichè tu, o Eterno, hai abbandonato il tuo popolo, la casa di Giacobbe, perchè son pieni di proatiche orientali, proaticano le arti occulte come i Filistei, fanno alleanza coi figli degli stranieri. 7 2:7 Il loro paese e' pieno d'argento e d'oro, e hanno tesori senza fine. il loro paese e' pieno di cavalli, e hanno carri senza fine. 8 2:8 Il loro paese e' pieno d'idoli. si prostrano dinanzi all'opera delle loro mani, dinanzi a cio' che le lor dita han fatto. 9 2:9 Percio' l'uomo del volgo e' umiliato, e i grandi sono abbassati, e tu non li perdoni. 10 2:10 Entra nella roccia, e nasconditi nella polvere per sottrarti al terrore dell'Eterno e allo splendore della sua maesta'. 11 2:11 Lo sguardo altero dell'uomo del volgo sara' abbassato, e l'orgoglio de' grandi sara' umiliato. l'Eterno solo sara' esaltato in quel giorno. 12 2:12 Poichè l'Eterno degli eserciti ha un giorno contro tutto cio' ch'e' orgoglioso ed altero, e contro chiunque s'innalza, per abbassarlo. 13 2:13 contro tutti i cedri del Libano, alti, elevati, e contro tutte le querce di Basan. 14 2:14 contro tutti i monti alti, e contro tutti i colli elevati. 15 2:15 contro ogni torre eccelsa, e contro ogni muro fortificato. 16 2:16 contro tutte le navi di T arsis, e contro tutto cio' che piace allo sguardo. 17 2:17 L'alterigia dell'uomo del volgo sara' abbassata, e l'orgoglio de' grandi sara' umiliato. l'Eterno solo sara' esaltato in quel giorno. 18 2:18 Gl'idoli scompariranno del tutto. 19 2:19 Gli uomini entreranno nelle caverne delle rocce e negli antri della terra per sottrarsi al terrore dell'Eterno e allo splendore della sua maesta', quand'ei si levera' per far tremare la terra. 20 2:20 In quel giorno, gli uomini getteranno ai topi ed ai pipistrelli gl'idoli d'argento e gl'idoli d'oro, che s'eran fatti per adorarli. 21 2:21 ed entreranno nelle fessure delle rocce e nei crepacci delle rupi per sottrarsi al terrore dell'Eterno e allo splendore della sua maesta', quand'ei si levera' per far tremare la terra. 22 2:22 Cessate di confidarvi nell'uomo, nelle cui narici non e' che un soffio. poichè qual caso se ne puo' fare?

2:6 2:6 Infatti tu, SIGNORE, hai abbandonato il tuo popolo, la casa di Giacobbe, perchè sono pieni di proatiche divinatorie, proaticano le arti occulte come i Filistei, fanno alleanza con i figli degli stranieri. 7 2:7 Il suo paese è pieno d'argento e d'oro, e ha tesori a non finire. il suo paese è pieno di cavalli, e ha carri a non finire. 8 2:8 Il suo paese è pieno d'idoli: si prostra davanti all'opera delle sue mani, davanti a ciò che le sue dita hanno fatto. 9 2:9 Perciò l'uomo sarà umiliato. ognuno sarà abbassato. Tu non li perdonare. 10 2:10 Entra nella roccia, e nasconditi nella polvere per sottrarti al terrore del SIGNORE e allo splendore della sua maestà. 11 2:11 Lo sguardo altero dell'uomo sarà umiliato, e l'orgoglio di ognuno sarà abbassato. il SIGNORE solo sarà esaltato in quel giorno. 12 2:12 Infatti il SIGNORE degli eserciti ha un giorno contro tutto ciò che è orgoglioso e altero, e contro chiunque s'innalza, per abbassarlo. 13 2:13 contro tutti i cedri del Libano, alti, elevati, e contro tutte le querce di Basan. 14 2:14 contro tutti i monti alti, e contro tutti i colli elevati. 15 2:15 contro ogni torre eccelsa, e contro ogni muro fortificato. 16 2:16 contro tutte le navi di T arsis, e contro tutto ciò che piace allo sguardo. 17 2:17 L'alterigia dell'uomo sarà umiliata, e l'orgoglio di ognuno sarà abbassato. il SIGNORE solo sarà esaltato in quel giorno. 18 2:18 Gli idoli scompariranno del tutto. 19 2:19 Gli uomini entreranno nelle caverne delle rocce e negli antri della terra per sottrarsi al terrore del SIGNORE e allo splendore della sua maestà, quando egli sorgerà per far tremare la terra. 20 2:20 In quel giorno, gli uomini getteranno ai topi e ai pipistrelli gli idoli d'argento e d'oro, che si erano fatti per adorarli. 21 2:21 ed entreranno nelle fessure delle rocce e nei crepacci delle rupi per sottrarsi al terrore del SIGNORE e allo splendore della sua maestà, quando egli sorgerà per far tremare la terra. 22 2:22 Smettete di confidarvi nell'uomo, nelle cui narici non c'è che un soffio. infatti quale importanza gli si potrebbe attribuire?

2:6 2:6 Poichè tu, o Eterno, hai abbandonato il tuo popolo, la casa di Giacobbe, perchè sono pieni di proatiche orientali, proaticano la magia come i Filistei, stringono alleanze con i figli degli stranieri. 7 2:7 Il loro paese è pieno d’argento e d’oro e i loro tesori sono senza fine, il loro paese è pieno di cavalli e i loro carri sono senza fine. 8 2:8 Il loro paese è pieno di idoli. si prostrano davanti all’opera delle loro stesse mani, davanti a ciò che le loro dita hanno fatto. 9 2:9 Perciò l’uomo comune è umiliato e l’uomo eminente è abbassato, ma tu non li perdoni. 10 2:10 Entra nella roccia e nasconditi nella polvere davanti al terrore dell’Eterno e davanti allo splendore della sua maestà. 11 2:11 Lo sguardo altero dell’uomo sarà abbassato e l’orgoglio dei mortali sarà umiliato. soltanto l’Eterno sarà esaltato in quel giorno. 12 2:12 Poichè il giorno dell’Eterno degli eserciti verrà contro tutto ciò che è orgoglioso ed altero, e contro tutto ciò che si innalza, per abbassarlo, 13 2:13 contro tutti i cedri del Libano, alti ed elevati, e contro tutte le querce di Ba-shan, 14 2:14 contro tutti gli alti monti e contro tutti i colli elevati, 15 2:15 contro ogni torre eccelsa e contro ogni muro fortificato, 16 2:16 contro tutte le navi di Tarshish e contro tutte le cose piacevoli. 17 2:17 L’alterigia dell’uomo sarà abbassata e l’orgoglio degli uomini eminenti sarà umiliato. soltanto l’Eterno sarà esaltato in quel giorno. 18 2:18 Gli idoli saranno interamente aboliti. 19 2:19 Gli uomini entreranno nelle caverne delle rocce e negli antri della terra davanti al terrore dell’Eterno e allo splendore della sua maestà, quando si leverà per far tremare la terra. 20 2:20 In quel giorno gli uomini getteranno ai topi e ai pipistrelli i loro idoli d’argento e i loro idoli d’oro, che si erano fabbricati per adorarli, 21 2:21 per entrare nelle fenditure delle rocce e nei crepacci delle rupi davanti al terrore dell’Eterno e davanti allo splendore della sua maestà, quando si leverà per far tremare la terra. 22 2:22 Cessate di confidare nell’uomo, nelle cui narici non c’è che un soffio: quale conto si può fare di lui?

2:6 Tu hai rigettato il tuo popolo, la casa di Giacobbe, perchè rigurgitano di maghi orientali e di indovini come i Filistei; agli stranieri battono le mani. 7 Il suo paese è pieno di argento e di oro, senza fine sono i suoi tesori; il suo paese è pieno di cavalli, senza numero sono i suoi carri. 8 Il suo paese è pieno di idoli; adorano l'opera delle proprie mani, ciò che hanno fatto le loro dita. 9 Perciò l'uomo sarà umiliato, il mortale sarà abbassato; tu non perdonare loro. 10 Entra fra le rocce, nasconditi nella polvere, di fronte al terrore che desta il Signore, allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra. 11 L'uomo abbasserà gli occhi orgogliosi, l'alterigia umana si piegherà; sarà esaltato il Signore, lui solo in quel giorno. 12 Poichè ci sarà un giorno del Signore degli eserciti contro ogni superbo e altero, contro chiunque si innalza ad abbatterlo; 13 contro tutti i cedri del Libano alti ed elevati, contro tutte le querce del Basan, 14 contro tutti gli alti monti, contro tutti i colli elevati, 15 contro ogni torre eccelsa, contro ogni muro inaccessibile, 16 contro tutte le navi di Tarsis e contro tutte le imbarcazioni di lusso. 17 Sarà piegato l'orgoglio degli uomini, sarà abbassata l'alterigia umana; sarà esaltato il Signore, lui solo in quel giorno 18 e gli idoli spariranno del tutto. 19 Rifugiatevi nelle caverne delle rocce e negli antri sotterranei, di fronte al terrore che desta il Signore e allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra. 20 In quel giorno ognuno getterà gli idoli d'argento e gli idoli d'oro, che si era fatto per adorarli, ai topi e ai pipistrelli, 21 per entrare nei crepacci delle rocce e nelle spaccature delle rupi, di fronte al terrore che desta il Signore e allo splendore della sua maestà, quando si alzerà a scuotere la terra. 22 Guardatevi dunque dall'uomo, nelle cui narici non v'è che un soffio, perchè in quale conto si può tenere?

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia