Cronologia dei paragrafi

Contro l'ipocrisia
Lamento su Gerusalemme
Contro gli alberi sacri
La pace perpetua
Splendore è maestà del Signore
L'anarchia a Gerusalemme
Le donne di Gerusalemme
Gerusalemme colpita dalla sventura
Il germoglio del Signore
Il canto della vigna
Maledizioni
La collera del Signore
La chiamata degli invasori
Vocazione di Isaia
Primo intervento di Isaia
Secondo intervento
Predizione di un'invasione
Nascita di un figlio di Isaia
Siloe e l'Eufrate
La missione di Isaia
Il cammino nella notte
La liberazione
Le prove del regno del Nord
Contro il re di Assiria
Il piccolo resto
Fiducia in Dio
L'invasione
Il discendente di Davide
Il ritorno degli esiliati
Salmo
Contro Babilonia
Il ritorno dall'esilio
La morte del re di Babilonia
Contro l'Assiro
Contro i Filistei
Su Moab
La richiesta dei Moabiti
Lamento di Moab
Contro Damasco e Israele
Contro l'Etiopia
Contro l'Egitto
Conversione dell'Egitto
A proposito della presa di Asdòd
La caduta di Babilonia
Sull'Idumea
Contro gli Arabi
Contro l'entusiasmo di Gerusalemme
Contro Sebnà
Contro Tiro
Il giudizio del Signore
Canto sulla città distrutta
Le ultime sventure
Inno di ringraziamento
Il divino banchetto
Inno di ringraziamento
Salmo
Il passaggio del Signore
La vigna del Signore
Grazia e castigo
Ritorno degli Israeliti
Contro Samaria
Contro i falsi profeti
Contro i cattivi consiglieri
Parabola
Su Gerusalemme
Oracolo
Il trionfo del diritto
Contro l'ambasciata in Egitto
Altro oracolo contro un'ambasciata
Testamento
Dio perdonerà
Contro l'Assiria
Contro l'alleanza egiziana
Contro l'Assiria
Il re giusto
Il grossolano e il nobile
Contro le donne di Gerusalemme
L'effusione dello Spirito
L'attesa della salvezza
Il ritorno a Gerusalemme
La condanna di Edom
Il trionfo di Gerusalemme
L'invasione di Sennacherib
Ricorso al profeta Isaia
Ritorno del gran coppiere
Secondo racconto dell'intervento di Sennacherib
Intervento di Isaia
Il segno a Ezechia
Oracolo sull'Assiria
Castigo di Sennacherib
Malattia e guarigione di Ezechia
Cantico di Ezechia
Ambasciata babilonese
Annuncio della liberazione
La grandezza divina
Ciro strumento del Signore
Israele scelto e protetto dal Signore
nullità degli idoli
Primo canto del servo del Signore
Inno di vittoria
L'accecamento di Israele
Dio protettore e liberatore di Israele
Il Signore è l'unico Dio
Contro Babilonia
I prodigi del nuovo esodo
L'ingratitudine di Israele
Benedizione di Israele
Non c'è altro Dio
nullità degli idoli
fedeltà al Signore
Dio creatore del mondo e Signore della storia
Ciro strumento di Dio
Preghiera
Potere sovrano del Signore
Conversione dei popoli pagani
Dio, Signore di tutto l'universo
Caduta di Babilonia
Lamento su Babilonia
Il Signore aveva predetto tutto
Il Signore ha scelto Ciro
Il destino di Israele
La fine dell'esilio
Secondo canto del servo del Signore
La gioia del ritorno
La punizione di Israele
Terzo canto del servo del Signore
Elezione e benedizione di Israele
Il regno della giustizia di Dio
Il risveglio del Signore
Il Signore è il consolatore
Il risveglio di Gerusalemme
Liberazione di Gerusalemme
Annuncio della salvezza
Quarto canto del servo del Signore
La rivincita di Gerusalemme
La nuova Gerusalemme
Invito finale
Conclusione
Promessa agli stranieri
Indegnità dei capi
Contro l'idolatria
La salvezza per i deboli
Il digiuno accetto a Dio
Il sabato
Salmo penitenziale
Oracolo
Splendore di Gerusalemme
Vocazione di un profeta
Ringraziamento
Splendore di Gerusalemme
Il giudizio dei popoli
Maledizione sulla storia di Israele
Il giudizio futuro
Oracolo sul tempio
Giudizio su Gerusalemme
Discorso escatologico

Contro l'ipocrisia (Is 1,10-20)

1:10 Ascoltate la parola del Signore, capi di Sòdoma; prestate orecchio all'insegnamento del nostro Dio, popolo di Gomorra! 11 "Perchè mi offrite i vostri sacrifici senza numero? - dice il Signore. Sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso di pingui vitelli. Il sangue di tori e di agnelli e di capri io non lo gradisco. 12 Quando venite a presentarvi a me, chi richiede a voi questo: che veniate a calpestare i miei atri? 13 Smettete di presentare offerte inutili; l'incenso per me è un abominio, i noviluni, i sabati e le assemblee sacre: non posso sopportare delitto e solennità. 14 Io detesto i vostri noviluni e le vostre feste; per me sono un peso, sono stanco di sopportarli. 15 Quando stendete le mani, io distolgo gli occhi da voi. Anche se moltiplicaste le preghiere, io non ascolterei: le vostre mani grondano sangue. 16 Lavatevi, purificatevi, allontanate dai miei occhi il male delle vostre azioni. Cessate di fare il male, 17 imparate a fare il bene, cercate la giustizia, soccorrete l'oppresso, rendete giustizia all'orfano, difendete la causa della vedova". 18 "Su, venite e discutiamo - dice il Signore. Anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve. Se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana. 19 Se sarete docili e ascolterete, mangerete i frutti della terra. 20 Ma se vi ostinate e vi ribellate, sarete divorati dalla spada, perchè la bocca del Signore ha parlato".

1:10 1:10 Ascoltate, rettori di Sodoma, la parola del Signore. popolo di Gomorra, porgete le orecchie alla Legge dell'Iddio nostro. 11 1:11 Che ho io da far della moltitudine de' vostri sacri-ficii? dice il Signore. io son satollo d'olocausti di montoni, e di grasso di bestie grasse. e il sangue de' giovenchi, e degli agnelli, e de' becchi, non mi e' a grado. 12 1:12 Quando voi venite per comparir nel mio cospetto, chi ha richiesto questo di man vostra, che voi calchiate i miei cortili? 13 1:13 Non continuate piu' a portare offerte da nulla. i profumi mi son cosa abbo-minevole. quant'e' alle ca-lendi, a' sabati, al bandir raunanze, io non posso portare iniquita', e festa solenne insieme. 14 1:14 L'anima mia odia le vostre calendi, e le vostre solennita'. mi son di gravezza. io sono stanco di portarle. 15 1:15 Percio', quando voi spiegherete le palme delle mani, io nascondero' gli occhi miei da voi. eziandio, quando moltiplicherete le orazioni, io non le esaudiro'. le vostre mani son piene di sangue. 16 1:16 Lavatevi, nettatevi, rimovete la malvagita' delle opere vostre d'innanzi agli occhi miei. 17 1:17 Restate di far male. imparate a far bene. cercate la dirittura, ridirizzate l'op-proessato, fate ragione all'orfano, mantenete il diritto della vedova. 18 1:18 Venite pur ora, dice il Signore, e litighiamo insieme. Quando i vostri peccati fossero come lo scarlatto, saranno imbiancati come la neve. quando fosser rossi come la grana, diventeranno come la lana. 19 1:19 Se voi volete ubbidire, mangerete i beni della terra. 20 1:20 Ma se ricusate, e siete ribelli, sarete consumati dalla spada. perciocche' la bocca del Signore ha parlato.

1:10 1:10 Ascoltate la parola dell'Eterno o capi di Sodoma! proestate orecchio alla legge del nostro Dio, o popolo di Gomorra! 11 1:11 Che m'importa la moltitudine de' vostri sacrifizi? dice l'Eterno. io son sazio d'olocausti di montoni e di grasso di bestie ingrassate. il sangue dei giovenchi, degli agnelli e dei caproi, io non lo gradisco. 12 1:12 Quando venite a proesentarvi nel mio cospetto, chi v'ha chiesto di calcare i miei cortili? 13 1:13 Cessate dal recare oblazioni vane. il profumo io l'ho in abominio. e quanto ai noviluni, ai sabati, al convocar raunanze, io non posso soffrire l'iniquita' unita all'assemblea solenne. 14 1:14 I vostri noviluni, le vostre feste stabilite l'anima mia li odia, mi sono un peso che sono stanco di portare. 15 1:15 Quando stendete le mani, io rifiuto di vederlo. anche quando moltiplicate le proeghiere, io non ascolto. le vostre mani son piene di sangue. 16 1:16 Lavatevi, purificatevi, togliete d'innanzi agli occhi miei la malvagita' delle vostre azioni. cessate dal fare il male. 17 1:17 imparate a fare il bene. cercate la giustizia, rialzate l'opproesso, fate ragione all'orfano, difendete la causa della vedova! 18 1:18 Eppoi venite, e discutiamo assieme, dice l'Eterno. quand'anche i vostri peccati fossero come lo scarlatto, diventeranno bianchi come la neve. quand'anche fossero rossi come la porpora, diventeranno come la lana. 19 1:19 Se siete disposti ad ubbidire, mangerete i prodotti migliori del paese. 20 1:20 ma se rifiutate e siete ribelli, sarete divorati dalla spada. poichè la bocca dell'Eterno ha parlato.

1:10 1:10 Ascoltate la parola del SIGNORE capi di Sodoma! proestate orecchio alla legge del nostro Dio, popolo di Gomorra! 11 1:11 'Che m'importa dei vostri numerosi sacrifici? -dice il SIGNORE - Io sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso di bestie ingrassate. il sangue dei tori, degli agnelli e dei caproi, io non lo gradisco. 12 1:12 Quando venite a proesentarvi davanti a me, chi vi ha chiesto di contaminare i miei cortili? 13 1:13 Smettete di portare offerte inutili. l'incenso io lo detesto. e quanto ai noviluni, ai sabati, al convocare riunioni, io non posso sopportare l'iniquità unita all'assemblea solenne. 14 1:14 L'anima mia odia i vostri noviluni e le vostre feste stabilite. mi sono un peso che sono stanco di portare. 15 1:15 Quando stendete le mani, distolgo gli occhi da voi. anche quando moltiplicate le proeghiere, io non ascolto. le vostre mani sono piene di sangue. 16 1:16 Lavatevi, purificatevi, togliete davanti ai miei occhi la malvagità delle vostre azioni. smettete di fare il male. 17 1:17 imparate a fare il bene. cercate la giustizia, rialzate l'opproesso, fate giustizia all'orfano, difendete la causa della vedova! 18 1:18 Poi venite, e discutiamo - dice il SIGNORE -Anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come la neve. anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come la lana. 19 1:19 Se siete disposti a ubbidire, mangerete i frutti migliori del paese. 20 1:20 ma se rifiutate e siete ribelli, sarete divorati dalla spada'. poichè la bocca del SIGNORE ha parlato.

1:10 1:10 Ascoltate la parola dell’Eterno, o capi di Sodoma, proestate orecchio alla legge del nostro DIO, o popolo di Gomorra! 11 1:11 ’Che m’importa la moltitudine dei vostri sacrifici, dice l’Eterno. Sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso di bestie ingrassate. il sangue dei tori, degli agnelli e dei caproi non lo gradisco. 12 1:12 Quando venite a proesentarvi davanti a me, chi ha richiesto questo da voi, che calpestiate i miei cortili? 13 1:13 Smettete di portare oblazioni inutili. l’incenso è per me un abominio. non posso sopportare i noviluni e i sabati, il convocare assemblee e l’iniquità assieme alle riunioni sacre. 14 1:14 Io odio i vostri noviluni e le vostre feste solenni. sono un peso per me, sono stanco di sopportarle. 15 1:15 Quando stendete le vostre mani, io nascondo i miei occhi da voi. anche se moltiplicate le proeghiere, io non ascolto. le vostre mani sono piene di sangue. 16 1:16 Lavatevi, purificatevi, togliete dalla mia proesenza la malvagità delle vostre azioni, cessate di fare il male. 17 1:17 Imparate a fare il bene, cercate la giustizia, soccorrete l’opproesso, rendete giustizia all’orfano, difendete la causa della vedova. 18 1:18 Venite quindi e discutiamo assieme, dice l’Eterno, anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve. anche se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana. 19 1:19 Se siete disposti a ubbidire, mangerete le cose migliori del paese. 20 1:20 ma se rifiutate e vi ribellate, sarete divorati dalla spada', perchè la bocca dell’Eterno ha parlato.

1:10 Udite la parola del Signore, voi capi di Sòdoma; ascoltate la dottrina del nostro Dio, popolo di Gomorra! 11 ""Che m'importa dei vostri sacrifici senza numero?"" dice il Signore. ""Sono sazio degli olocausti di montoni e del grasso di giovenchi; il sangue di tori e di agnelli e di capri io non lo gradisco. 12 Quando venite a presentarvi a me, chi richiede da voi che veniate a calpestare i miei atri? 13 Smettete di presentare offerte inutili, l'incenso è un abominio per me; noviluni, sabati, assemblee sacre, non posso sopportare delitto e solennità. 14 I vostri noviluni e le vostre feste io detesto, sono per me un peso; sono stanco di sopportarli. 15 Quando stendete le mani, io allontano gli occhi da voi. Anche se moltiplicate le preghiere, io non ascolto. Le vostre mani grondano sangue. 16 Lavatevi, purificatevi, togliete il male delle vostre azioni dalla mia vista. Cessate di fare il male, 17 imparate a fare il bene, ricercate la giustizia, soccorrete l'oppresso, rendete giustizia all'orfano, difendete la causa della vedova"". 18 ""Su, venite e discutiamo"" dice il Signore. ""Anche se i vostri peccati fossero come scarlatto, diventeranno bianchi come neve. Se fossero rossi come porpora, diventeranno come lana. 19 Se sarete docili e ascolterete, mangerete i frutti della terra. 20 Ma se vi ostinate e vi ribellate, sarete divorati dalla spada, perchè la bocca del Signore ha parlato"".

Mappa

#http://#

Commento di un santo

La parola dei santi profeti è sempre oscura, eppure è piena di significati nascosti e contiene nel suo grembo la profezia dei misteri divini. Infatti il fine della Legge e dei Profeti, come sta scritto, è Cristo (Rm 10, 4). Allora, dico, bisogna che coloro che intendono esprimere chiaramente simili sottigliezze si impegnino a penetrare in lungo e in largo con l'occhio dell'intelligenza le ampiezze misteriose delle visioni e con grande saggezza determinino ora l'esattezza della storia, ora il dato della visione spirituale, affinchè da ogni parola scaturisca un giovamento per coloro che vi si imbatteranno e la spiegazione del senso del testo non appaia manchevole di qualcosa.

Autore

Cirillo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

quaresima

-2° dell'anno dove si leggono i seguenti passi
E nelle seguenti solennità
dove si leggono i seguenti passi:

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia