Cronologia dei paragrafi

Simone prende il comando
Simone respinge Trifone dalla Giudea
Gionata sepolto nel mausoleo di Modin costruito da Simone
Favori di Demetrio II a Simone
Presa di Ghezer da parte di Simone
Conquista dell'Acra di Gerusalemme da parte di Simone
Elogio di Simone
Rinnovo dell'alleanza con Sparta e Roma
Decreto onorifico in favore di Simone
Lettere di Antioco VII e assedio di Dora
Ritorno dell'ambasciatore da Roma in Giudea e promulgazione dell'alleanza con i Romani
Antioco VII assediando Dora diventa ostile a Simone e lo fa rimproverare
Cendebao, governatore della zona litoranea, molesta la Giudea
Vittoria dei figli di Simone su Cendebao
Morte tragica di Simone a Dok. Gli succede il figlio Giovanni

Simone prende il comando (1mac 13,1-11)

13:1 Simone seppe che Trifone stava radunando un numeroso esercito per venire in Giudea a devastarla. 2 Vedendo che il popolo era tremante e impaurito, andò a Gerusalemme e radunò il popolo; 3 li confortò e disse loro: "Voi sapete bene quanto io e i miei fratelli e la casa di mio padre abbiamo fatto per le leggi e per il santuario, e le guerre e le difficoltà che abbiamo sostenuto. 4 è per questo che i miei fratelli sono morti tutti per la causa d'Israele e sono restato io solo. 5 Ebbene, mai risparmierò la vita di fronte a qualunque tribolazione, perchè io non sono più importante dei miei fratelli. 6 Anzi, io vendicherò la mia nazione, il santuario, le vostre mogli e i vostri figli, poichè tutti i pagani, spinti dall'odio, si sono radunati per sterminarci". 7 Lo spirito del popolo si infiammò all'udire queste parole; 8 perciò risposero gridando a gran voce: "Tu sei il nostro condottiero al posto di Giuda e di Giònata, tuo fratello; 9 combatti la nostra guerra e quanto ci comanderai noi lo faremo". 10 Egli allora radunò tutti gli uomini idonei alle armi e accelerò il completamento delle mura di Gerusalemme e la fortificò tutt'intorno. 11 Poi inviò Giònata, figlio di Assalonne, con un forte esercito a Giaffa; ne scacciò gli occupanti e vi si stabilì.

13:1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

13:1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

13:1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

13:1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11

13:1 Simone si rese conto che gli parlavano con inganno, ma mandò ugualmente a prendere l'argento e i figli, per non attirarsi forte inimicizia da parte del popolo, 2 che poteva commentare: ""è perito perchè non gli hai mandato l'argento nè i figli"". 3 Perciò gli mandò i cento talenti e i figli; ma quegli non mantenne la parola e non liberò Giònata. 4 Fatto questo, Trifone si mosse per entrare nel paese e devastarlo, girando per la via che conduce ad Adòra. Ma Simone con le sue truppe ne seguiva le mosse puntando su tutti i luoghi dove quegli si dirigeva. 5 Quelli dell'Acra intanto inviarono messaggeri a Trifone sollecitandolo a venire da loro attraverso il deserto e a inviare loro vettovaglie. 6 Trifone allestì tutta la sua cavalleria per andare, ma in quella notte cadde neve abbondantissima, e così a causa della neve non potè andare. Perciò si mosse e andò in Gàlaad. 7 Quando fu vicino a Bascama, uccise Giònata e lo seppellì sul posto. 8 Poi tornò e partì per la sua regione. 9 Simone mandò a prendere le ossa di Giònata suo fratello e lo seppellì in Modin, città dei suoi padri. 10 Tutto Israele lo pianse con un grande lamento e fece lutto su di lui per molti giorni. 11 Simone sopraelevò il sepolcro del padre e dei fratelli e lo pose bene in vista con pietre levigate, dietro e davanti.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia