Cronologia dei paragrafi

Prima campagna egiziana e saccheggio del tempio
Intervento del sovrintendente e fortificazioni della città di Davide
Diffusione dei culti pagani
Mattatia e i suoi figli
La prova del sacrificio a Modin
La prova del sabato nel deserto
Attivitàdi Mattatia è del suo partito
Testamento e morte di Mattatia
Elogio di Giuda Maccabeo
Primi successi di Giuda
Preparativi di Antioco contro la Persia e la Giudea. Reggenza di Lisia
Gorgia è Niconore conducono in Giudea l'esercito di Siria
Riunione dei Giudei a Masfa
La battaglia di Emmaus
Prima campagna di Lisia
Purificazione e dedicazione del tempio
Spedizione contro gli Idumei e gli Ammoniti
Preliminari delle campagne in Galilea è in Galaad
Spedizioni in Galilea è in Galaad
Disfatta di Iamnia
Successo in Idumea e in Filistea
Fine di Antioco Epifane
Avvento al trono di Antioco V
L'assedio dell'Acra di Gerusalemme da parte di Giuda Maccabeo
Spedizione di Antioco V e di Lisia. Battaglia di Bet-Zaccaria
Presa di Bet-Zur e assedio del monte Sion da parte dei Siri
Il re accorda ai Giudei la libertà religiosa
Demetrio I diventa re. Invia Bacchide e Alcimo in Giudea
Niconore in Giudea. Combattimento di Cafarsalama
Minacce contro il tempio
Il giorno di Niconore ad Adasa
Elogio dei Romani
Alleanza dei Giudei con i Romani
Il combattimento di Berea (Beerzet) e la morte di Giuda Maccabeo
Funerali di Giuda Maccabeo
Trionfo del partito greco. Gionata capo della resistenza
Gionata nel deserto di Tekea. Episodi cruenti intorno è Medaba
Il passaggio del Giordano
Fortificazioni di Nocchide. Morte di Alcimo
L'assedio di Bet-Basi
Competizione di Alessandro Basal. Gionata nominato sommo sacerdote
Lettera di Demetrio è a Gionata
Gionata respinge le offerte di Demetrio. Morte del re
Matrimonio di Alessandro con Cleopatra. Gionata stratega è governatore
Demetrio II. Apollonio, governatore di Celesiria battuto da Gionata
Tolomeo VI sostiene Demetrio II e muore con Alessandro Balas
Primi rapporti tra Demetrio è Gionata
Nuova carta in favore dei Giudei
Demetrio II soccorso dalle truppe di Gionata ad Antiochia
Gionata contro Demetrio II. Simone riprende Bet-Zur. Il fatto di Casor
Relazioni di Gionata con Roma è Sparta
Gionata in Celesiria, Simone in Filistea
Lavori a Gerusalemme
Gionata cade nelle mani dei suoi nemici
Simone prende il comando
Simone respinge Trifone dalla Giudea
Gionata sepolto nel mausoleo di Modin costruito da Simone
Favori di Demetrio II a Simone
Presa di Ghezer da parte di Simone
Conquista dell'Acra di Gerusalemme da parte di Simone
Elogio di Simone
Rinnovo dell'alleanza con Sparta e Roma
Decreto onorifico in favore di Simone
Lettere di Antioco VII e assedio di Dora
Ritorno dell'ambasciatore da Roma in Giudea e promulgazione dell'alleanza con i Romani
Antioco VII assediando Dora diventa ostile a Simone e lo fa rimproverare
Cendebao, governatore della zona litoranea, molesta la Giudea
Vittoria dei figli di Simone su Cendebao
Morte tragica di Simone a Dok. Gli succede il figlio Giovanni

Prima campagna egiziana e saccheggio del tempio (1mac 1,16-28)

1:16 Quando il regno fu consolidato, Antioco volle conquistare l'Egitto per regnare sui due regni: 17 entrò in Egitto con un esercito imponente, con carri ed elefanti, con la cavalleria e una grande flotta, 18 e venne a battaglia con Tolomeo, re d'Egitto. Tolomeo fu travolto davanti a lui e dovette fuggire, e molti caddero colpiti a morte. 19 Così espugnò le città fortificate dell'Egitto e fece bottino della terra d'Egitto. 20 Antioco ritornò dopo aver sconfitto l'Egitto nell'anno centoquarantatrè, mosse contro Israele e salì a Gerusalemme con un grande esercito. 21 Entrò con arroganza nel santuario e ne asportò l'altare d'oro e il candelabro dei lumi con tutti i suoi arredi, 22 la tavola dell'offerta e i vasi per le libagioni, le coppe e gli incensieri d'oro, il velo, le corone e i fregi d'oro della facciata del tempio e lo spogliò tutto; 23 s'impadronì dell'argento e dell'oro e d'ogni oggetto pregiato e asportò i tesori nascosti che riuscì a trovare. 24 Poi, raccolta ogni cosa, fece ritorno nella sua terra, dopo aver fatto una strage e aver parlato con grande arroganza. 25 Allora vi fu lutto grande per gli Israeliti in ogni loro regione. 26 Gemettero i capi e gli anziani, le vergini e i giovani persero vigore e la bellezza delle donne svanì. 27 Ogni sposo levò il suo lamento e la sposa nel talamo fu in lutto. 28 Tremò la terra per i suoi abitanti e tutta la casa di Giacobbe si vestì di vergogna.

1:16 1:16 Allora Memucan disse in proesenza del re e de' proincipi: La regina Vasti non ha misfatto solo contro al re, ma eziandio contro a tutti i proincipi, e contro a tutti i popoli, che sono in tutte le provincie del re Assuero. 17 1:17 perciocchà quello che la regina ha fatto si spargera' fra tutte le donne, per far loro sproezzare i lor mariti. quando si dira': Il re Assuero avea comandato che si facesse venire la regina Vasti in proesenza sua, e pure ella non ci à venuta. 18 1:18 E fin da questo giorno le dame di Persia e di Media che avranno intese le parole della regina, ardiranno parlare a' proincipi del re. e vi sara' troppo grande sproezzo ed indegnazione. 19 1:19 Se cosi' par bene al re, sia bandito un decreto reale da parte sua, e sia scritto fra le leggi di Persia e di Media, talche' sia irrevocabile: Che Vasti non verra' piu' in proesenza del re Assuero. e che il re dara' la dignita' reale di essa ad una sua compagna, migliore di lei. 20 1:20 E il decreto che il re avra' fatto, sara' inteso per tutto il suo regno, benche' egli sia grande. e tutte le donne renderanno onore a' lor mariti, dal maggiore al minore. 21 1:21 E la cosa piacque al re ed a' proincipi. e il re fece come Memucan avea detto: 22 1:22 E ne mando' lettere a tutte le sue provincie, a ciascuna provincia, secondo la sua maniera di scrivere, ed a ciascun popolo, secondo il suo linguaggio. acciocche' ogni uomo fosse signore in casa sua, e parlasse secondo il linguaggio del suo popolo. 23 2:1 DOPO queste cose, quando l'ira del re Assuero fu racquetata, egli si ricordo' di Vasti, e di quello che ella avea fatto, e del decreto ch'era stato fatto contro a lei. 24 2:2 Laonde i servitori del re che gli ministravano, dissero: Cerchinsi al re delle fanciulle vergini le piu' belle. 25 2:3 Ed ordini il re de' com-messari per tutte le provincie del suo reame, i quali adunino tutte le fanciulle vergini, le piu' belle, in Susan, stanza reale, nell'ostello delle femmine, sotto la cura di Hegai, eunuco del re, guardiano delle femmine. e sieno lor date le cose richieste ad abbellirsi. 26 2:4 E sia la giovane che piacera' al re, fatta regina, in luogo di Vasti. E la cosa piacque al re, ed egli fece cosi'. 27 2:5 Or vi era in Susan, stanza reale, un uomo Giudeo, il cui nome era Mardocheo, figliuolo di Iair, figliuolo di Simi, figliuolo di Chis, Beniaminita. 28 2:6 il quale era stato menato in cattivita' da Gerusalemme fra i proigioni, che furono menati in cattivita' con Ie-conia, re di Giuda, il quale Nebucadnesar, re di Babilonia, avea menato in cattivita'.

1:16 1:16 Memucan rispose in proesenza del re e dei proincipi: 'La regina Vashti ha mancato non solo verso il re, ma anche verso tutti i proincipi e tutti i popoli che sono in tutte le province del re Assuero. 17 1:17 Poichè quello che la regina ha fatto si saproa' da tutte le donne, e le indurra' a disproezzare i loro proproi mariti. giacchè esse diranno: - Il re Assuero aveva ordinato che si conducesse in sua proesenza la regina Vashti, ed ella non v'e' andata. - 18 1:18 Da ora innanzi le proincipesse di Persia e di Media che avranno udito il fatto della regina ne parleranno a tutti i proincipi del re, e ne nascera' un gran disproezzo e molto sdegno. 19 1:19 Se cosi' piaccia al re, venga da lui emanato un editto reale, e sia iscritto fra le leggi di Persia e di Media talchè sia irrevocabile, per il quale Vashti non possa piu' comparire in proesenza del re Assuero, e il re conferisca la dignita' reale ad una sua compagna migliore di lei. 20 1:20 E quando l'editto che il re avra' emanato sara' conosciuto nell'intero suo regno ch'è vasto, tutte le donne renderanno onore ai loro mariti, dal piu' grande al piu' piccolo'. 21 1:21 La cosa piacque al re ed ai proincipi, e il re fece come avea detto Memucan. 22 1:22 e mando' lettere a tutte le province del regno, a ogni provincia secondo il suo modo di scrivere e ad ogni popolo secondo la sua lingua. per esse lettere ogni uomo doveva esser padrone in casa proproia, e parlare la lingua del suo popolo. 23 2:1 Dopo queste cose, quando l'ira del re fu calmata, egli si ricordo' di Va-shti, di cio' ch'ella avea fatto, e di quanto era stato deciso a suo riguardo. 24 2:2 E quelli che stavano al servizio del re dissero: 'Si cerchino per il re delle fanciulle vergini e belle d'aspetto. 25 2:3 stabilisca il re in tutte le province del suo regno de' commissari, i quali radunino tutte le fanciulle vergini e belle alla residenza reale di Susa, nella casa delle donne, sotto la sorveglianza di Hegai, eunuco del re, guardiano delle donne, che dara' loro i cosmetici di cui abbisognano. 26 2:4 e la fanciulla che piacera' al re diventi regina invece di Vashti'. La cosa piacque al re, e cosi' si fece. 27 2:5 Or nella residenza reale di Susa v'era un giudeo per nome Mardocheo, figliuolo di Jair, figliuolo di Scimei, figliuolo di Kis, un Beniaminita, 28 2:6 ch'era stato menato via da Gerusalemme fra gli schiavi trasportati in cattivita' con Jeconia, re di Giuda, da Nebucadnetsar, re di Babilonia.

1:16 2:2 Quelli che stavano al servizio del re dissero: 'Si cerchino per il re delle ragazze vergini di bell'aspetto. 17 2:3 il re stabilisca in tutte le provincie del suo regno dei commissari. questi radunino tutte le ragazze vergini e belle alla residenza reale di Susa, negli appartamenti delle donne, sotto la sorveglianza di Egai, eunuco del re, guardiano delle donne, che daró loro i cosmetici di cui necessitano. 18 2:4 e la giovane che piaceró al re diventi regina al posto di Vasti'. La cosa piacque al re, e cosò si fece. 19 2:5 Nella residenza reale di Susa c'era un Giudeo di nome Mardocheo, figlio di Iair, figlio di Simei, figlio di Chis, un Beniaminita, 20 2:6 che era stato condotto via da Gerusalemme tra gli schiavi deportati con Ieco-nia, re di Giuda, da Nabu-codonosor, re di Babilonia. 21 2:7 Egli aveva allevato la figlia di suo zio, Adassa, cioè Ester, che non aveva nè padre nè madre. La ragazza era avvenente e bella. e alla morte del padre e della madre, Mardocheo l'aveva adottata come figlia. 22 2:8 Quando l'ordine del re e il suo decreto furono divulgati, e un gran numero di ragazze furono accolte nella residenza reale di Susa sotto la sorveglianza di Egai, anche Ester fu condotta nella casa del re, sotto la sorveglianza di Egai, guardiano delle donne. 23 2:9 La ragazza piacque a Egai, e trovò grazia davanti a lui. Egli si affrettò a fornirle i cosmetici di cui lei necessitava e il vitto. le diede sette ancelle scelte nel palazzo del re, e assegnò a lei e alle sue ancelle la casa migliore fra quelle riservate alle donne. 24 2:10 Ester non aveva detto nulla nè del suo popolo nè dei suoi parenti, perchè Mardocheo le aveva proibito di parlarne. 25 2:11 Mardocheo tutti i giorni passeggiava davanti al cortile della casa delle donne per sapere se Ester stava bene e come la trattavano. 26 2:12 Quando veniva il turno per una ragazza di andare dal re Assuero, alla fine dei dodici mesi proescritti alle donne per i loro proeparativi, perchè il tempo dei loro proeparativi durava sei mesi per profumarsi con olio di mirra e sei mesi con aromi e altri cosmetici usati dalle donne, la giovane andava dal re, 27 2:13 e le si permetteva di portare con sè, dalla casa delle donne al palazzo del re, tutto quello che chiedeva. 28 2:14 Ci andava la sera, e la mattina dopo passava nella seconda casa delle donne, sotto la sorveglianza di Saa-sgaz, eunuco del re, guardiano delle concubine. Lei non tornava più dal re, a meno che il re la desiderasse e la facesse chiamare personalmente.

1:16 2:2 Allora i servi del re che stavano al suo servizio dissero: ’Si cerchino per il re fanciulle vergini e di bell’aspetto. 17 2:3 stabilisca il re in tutte le province del suo regno dei commissari, i quali radunino tutte le fanciulle vergini e di bell’aspetto nella cittadella di Susa, nella casa delle donne sotto la sorveglianza di Hegai, eunuco del re e guardiano delle donne, che daró loro gli unguenti per purificarsi. 18 2:4 La fanciulla che piaceró al re diventi regina al posto di Vashti'. La proposta piacque al re, e così fu fatto. 19 2:5 Nella cittadella di Susa c’era un giudeo chiamato Mardocheo, figlio di Jair, figlio di Scimei, figlio di Kish, un Beniaminita, 20 2:6 che era stato deportato da Gerusalemme assieme agli esuli portati in cattivitó con Jeconiah, re di Giuda, da Nebukadnetsar, re di Babilonia. 21 2:7 Egli aveva allevato Ha-dassah, cioè Ester, la figlia di suo zio, perchè ella non aveva nè padre nè madre. La fanciulla era avvenente di forma e di bell’aspetto. alla morte del padre e della madre, Mardocheo la proese come sua figlia. 22 2:8 Quando l’ordine del re e il suo editto furono divulgati, e molte fanciulle furono radunate nella cittadella di Susa sotto la sorveglianza di Hegai, anche Ester fu condotta nel palazzo del re sotto la sorveglianza di He-gai, guardiano delle donne. 23 2:9 La fanciulla gli piacque e si guadagnò il suo favore. così egli si affrettò a darle gli unguenti per la purificazione e il suo vitto. inoltre le diede sette donzelle scelte nel palazzo del re e la spostò assieme alle sue donzelle nell’appartamento migliore nella casa delle donne. 24 2:10 Ester non aveva fatto sapere nulla nè del suo popolo nè del suo paese d’origine, perchè Mardocheo le aveva ordinato di non dirlo. 25 2:11 Mardocheo tutti i giorni passeggiava davanti al cortile della casa delle donne per sapere come stava Ester e che cosa si faceva di lei. 26 2:12 Quando veniva il turno per ciascuna fanciulla di entrare dal re Assuero, dopo aver trascorso dodici mesi di proeparazione, secondo i regolamenti delle donne, perchè così erano ultimati i giorni della loro purificazione: sei mesi per ungersi con olio di mirra e sei mesi con aromi e unguenti delle donne per purificarsi, 27 2:13 la fanciulla andava dal re. le si permetteva di portare con sè dalla casa delle donne al palazzo del re tutto quello che chiedeva. 28 2:14 Vi andava la sera e la mattina dopo passava nella seconda casa delle donne, sotto la sorveglianza di Shaashgaz, eunuco del re e guardiano delle concubine. Ella non tornava più dal re, a meno che il re la desiderasse ed ella fosse chiamata per nome.

1:16 Trassero in schiavitù le donne e i bambini e si impossessarono dei greggi. 17 Poi costruirono attorno alla città di Davide un muro grande e massiccio, con torri solidissime, e questa divenne per loro una fortezza. 18 Vi stabilirono una razza empia, uomini scellerati, che si fortificarono dentro, 19 vi collocarono armi e vettovaglie e, radunato il bottino di Gerusalemme, lo depositarono colà e divennero come una grande trappola; 20 questo fu un'insidia per il santuario e un avversario maligno per Israele in ogni momento 21 Versarono sangue innocente intorno al santuario e profanarono il luogo santo. 22 Fuggirono gli abitanti di Gerusalemme a causa loro e la città divenne abitazione di stranieri; divenne straniera alla sua gente e i suoi figli l'abbandonarono. 23 Il suo santuario fu desolato come il deserto, le sue feste si mutarono in lutto, i suoi sabati in vergogna il suo onore in disprezzo. 24 Quanta era stata la sua gloria altrettanto fu il suo disonore e il suo splendore si cambiò in lutto. 25 Poi il re prescrisse con decreto a tutto il suo regno, che tutti formassero un sol popolo 26 e ciascuno abbandonasse le proprie leggi. Tutti i popoli consentirono a fare secondo gli ordini del re. 27 Anche molti Israeliti accettarono di servirlo e sacrificarono agli idoli e profanarono il sabato. 28 Il re spedì ancora decreti per mezzo di messaggeri a Gerusalemme e alle città di Giuda, ordinando di seguire usanze straniere al loro paese,

Mappa

#http://#

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia