Cronologia dei paragrafi

Documento di Artaserse
Viaggio di Esdra da Babilonia in Palestina
La rottura dei matrimoni con gli stranieri
La lista dei colpevoli

Documento di Artaserse (esd 7,11-26)

7:11 Questa è la copia del documento che il re Artaserse consegnò a Esdra, sacerdote, scriba ed esperto nei comandamenti del Signore e nelle leggi date a Israele: 12 "Artaserse, re dei re, al sacerdote Esdra, scriba della legge del Dio del cielo, salute perfetta. Ora, 13 io ordino che, nel mio regno, chiunque del popolo d'Israele, dei suoi sacerdoti e dei leviti vuole venire a Gerusalemme, venga pure con te; 14 infatti da parte del re e dei suoi sette consiglieri tu sei inviato a fare inchiesta in Giudea e a Gerusalemme riguardo alla legge del tuo Dio che è nelle tue mani, 15 e a portare l'argento e l'oro che il re e i suoi consiglieri inviano come offerta spontanea al Dio d'Israele che abita a Gerusalemme, 16 e tutto l'argento e l'oro che troverai in tutta la provincia di Babilonia, insieme con le offerte spontanee che il popolo e i sacerdoti offriranno per il tempio del loro Dio a Gerusalemme. 17 Perciò con questo argento ti prenderai cura di acquistare tori, arieti, agnelli, con le loro oblazioni e le loro libagioni, e li offrirai sull'altare del tempio del vostro Dio che è a Gerusalemme. 18 Con il resto dell'argento e dell'oro farete quello che sembrerà bene fare a te e ai tuoi fratelli, secondo la volontà del vostro Dio. 19 I vasi, che ti sono stati dati per il culto del tempio del tuo Dio, rendili al Dio di Gerusalemme. 20 Il resto di quanto occorre per il tempio del tuo Dio, e che spetta a te procurare, lo procurerai a spese del tesoro del re. 21 Io, il re Artaserse, ordino a tutti i tesorieri dell'Oltrefiume: Tutto ciò che Esdra, sacerdote e scriba della legge del Dio del cielo, vi domanderà, sia fatto integralmente, 22 fino a cento talenti d'argento, cento kor di grano, cento bat di vino, cento bat di olio e sale a volontà. 23 Quanto è prescritto dal Dio del cielo sia fatto con diligenza per il tempio del Dio del cielo, perchè non venga l'ira sul regno del re e dei suoi figli. 24 E vi comunichiamo che nessuno può imporre tasse, tributi o imposte a tutti i sacerdoti, leviti, cantori, portieri, oblati e inservienti di questo tempio. 25 Quanto a te, Esdra, secondo la sapienza del tuo Dio, che tu possiedi, stabilisci magistrati e giudici che giudichino tutto il popolo dell'Oltrefiume, cioè tutti coloro che conoscono le leggi del tuo Dio, e voi dovrete istruire chi non le conosce. 26 Contro chiunque non osserverà la legge del tuo Dio e la legge del re, si faccia con sollecitudine un processo e lo si punisca con la morte o una pena corporale o un'ammenda in denaro o il carcere".

7:11 7:11 Or questo e' il tenore delle lettere che il re Arta-serse diede ad Esdra sacerdote, e scriba, scriba delle parole de' comandamenti del Signore, e de' suoi statuti dati a Israele: 12 7:12 Artaserse, re dei re, ad Esdra sacerdote, scriba della Legge dell'Iddio del cielo: compiuta salute, ecc. 13 7:13 Da me e' stato fatto un decreto, che tutti quelli d'in-fra il popolo d'Israele, e de' sacerdoti loro, e de' Leviti, che nel mio regno si disporranno volontariamente ad andare in Gerusalemme, vadano teco. 14 7:14 Perciocche' tu sei mandato dal re, e da' suoi sette consiglieri, per informarti in Giudea ed in Gerusalemme, intorno alla Legge dell'Iddio tuo, che tu hai in mano. 15 7:15 e per portar l'argento e l'oro che il re e i suoi consiglieri hanno volontariamente offerto all'Iddio d'Israele, la cui abitazione e' in Gerusalemme. 16 7:16 e tutto l'argento e l'oro che tu troverai in tutta la provincia di Babilonia, insieme con le offerte volontarie del popolo, e de' sacerdoti, le quali faranno per la Casa dell'Iddio loro, che e' in Gerusalemme. 17 7:17 Acciocche' con que' danari tu comperi prontamente giovenchi, montoni ed agnelli, insieme con le loro offerte di panatica e da spandere. e che tu li offerisca soproa l'Altare della Casa del vostro Dio, che e' in Gerusalemme. 18 7:18 E del rimanente dell'oro e dell'argento fatene cio' che parra' a te ed a' tuoi fratelli, secondo la volonta' del vostro Dio. 19 7:19 E quant'e' agli arredi che ti son dati per lo servigio della Casa dell'Iddio tuo, rimettili nel cospetto dell'Iddio di Gerusalemme. 20 7:20 E le altre cose necessarie per la Casa dell'Iddio tuo, le quali ti accadera' fornire, tu le fornirai della camera del re. 21 7:21 Ed io Artaserse, il re, ordino a tutti voi tesorieri che siete di la' dal fiume, che tutto quello che il sacerdote Esdra, scriba della Legge dell'Iddio del cielo, vi chiedera', sia incontanente fatto, 22 7:22 fino a cento talenti d'argento, e fino a cento cori di grano, fino a cento bati di vino, e fino a cento bati d'olio. e del sale senza alcuna proescritta quantita'. 23 7:23 Tutto cio' che e' del comandamento dell'Iddio del cielo, intorno alla sua Casa, sia prontamente fatto. perche' vi sarebbe egli indegnazione contro al regno, al re, ed a' suoi figliuoli? 24 7:24 Vi facciamo, oltre a cio' assapere che niuno abbia podesta' d'imporre tributo, taglia, o gabella, ad alcun sacerdote, o Levita, o cantore, o portinaio, o Netineo, od altro ministro di cotesta Casa di Dio. 25 7:25 E tu, Esdra, secondo la sapienza dell'Iddio tuo, che tu hai in mano, costituisci rettori, e giudici, i quali rendano ragione a tutto quel popolo che e' di la' dal fiume, cioe' a tutti coloro che hanno conoscenza delle leggi dell'Iddio tuo. e insegnatele a quelli che non le saproanno. 26 7:26 E se v'e' alcuno che non metta in opera la Legge dell'Iddio tuo, e la legge del re, siane incontanente fatta giustizia, o per morte, o per bando, o per ammenda in danari, o per proigione.

7:11 7:11 Or ecco la copia della lettera data dal re Artaserse a Esdra, sacerdote e scriba, scriba versato nei comandamenti e nelle leggi dati dall'Eterno ad Israele: 12 7:12 'Artaserse, re dei re, a Esdra, sacerdote, scriba versato nella legge dell'Iddio del cielo, ecc. 13 7:13 Da me e' decretato che nel mio regno, chiunque del popolo d'Israele, de' suoi sacerdoti e de' Leviti sara' disposto a partire con te per Gerusalemme, vada pure. 14 7:14 giacchè tu sei mandato da parte del re e dai suoi sette consiglieri per informarti in Giuda e in Gerusalemme come vi sia osservata la legge del tuo Dio, la quale tu hai nelle mani, 15 7:15 e per portare l'argento e l'oro che il re ed i suoi consiglieri hanno volenterosa-mente offerto all'Iddio d'Israele, la cui dimora e' a Gerusalemme, 16 7:16 e tutto l'argento e l'oro che troverai in tutta la provincia di Babilonia, e i doni volontari fatti dal popolo e dai sacerdoti per la casa del loro Dio a Gerusalemme. 17 7:17 Tu avrai quindi cura di comproare con questo danaro de' giovenchi, dei montoni, degli agnelli, e cio' che occorre per le relative oblazioni e libazioni, e li offrirai sull'altare della casa del vostro Dio ch'e' a Gerusalemme. 18 7: 18 Del rimanente dell'argento e dell'oro farete, tu e i tuoi fratelli, quel che meglio vi parra', conformandovi alla volonta' del vostro Dio. 19 7: 19 Quanto agli utensili che ti son dati per il servizio della casa dell'Iddio tuo, rimettili davanti all'Iddio di Gerusalemme. 20 7:20 E qualunque altra spesa ti occorrera' di fare per la casa del tuo Dio, ne trarrai l'ammontare dal tesoro della casa reale. 21 7:21 Io, il re Artaserse, do ordine a tutti i tesorieri d'oltre il fiume di consegnare senza dilazione a Esdra, sacerdote e scriba, versato nella legge dell'Iddio del cielo, tutto quello che vi chiedera', 22 7:22 fino a cento talenti d'argento, a cento cori di grano, a cento bati di vino, a cento bati d'olio, e a una quantita' illimitata di sale. 23 7:23 Tutto quello ch'e' comandato dall'Iddio del cielo sia puntualmente fatto per la casa dell'Iddio del cielo. Perchè l'ira di Dio dovrebbe ella venire soproa il regno, soproa il re e i suoi figliuoli? 24 7:24 Vi facciamo inoltre sapere che non e' lecito a nessuno esigere alcun tributo o imposta o pedaggio da alcuno de' sacerdoti, de' Leviti, de' cantori, dei portinai, de' Nethinei e de' servi di questa casa di Dio. 25 7:25 E tu, Esdra, secondo la sapienza di cui il tuo Dio ti ha dotato, stabilisci de' magistrati e de' giudici che amministrino la giustizia a tutto il popolo d'oltre il fiume, a tutti quelli che conoscono le leggi del tuo Dio. e fatele voi conoscere a chi non le conosce. 26 7:26 E di chiunque non osservera' la legge del tuo Dio e la legge del re farete pronta giustizia, punendolo con la morte o col bando o con multa pecuniaria o col carcere'.

7:11 7:11 Ecco il testo della lettera data dal re Artaserse a Esdra, sacerdote e scriba, esperto nei comandamenti e nelle leggi dati dal SIGNORE a Israele: 12 7:12 Artaserse, re dei re, a Esdra, sacerdote e scriba esperto nella legge del Dio del cielo, eccetera. 13 7:13 Io decreto che nel mio regno, chiunque del popolo d'Israele, dei suoi sacerdoti e dei Leviti saró disposto a partire con te per Gerusalemme, vada pure. 14 7:14 Tu infatti sei mandato dal re e dai suoi sette consiglieri in Giuda e a Gerusalemme per informarti come laggiù sia osservata la legge del tuo Dio, la quale è nelle tue mani, 15 7:15 e per portare l'argento e l'oro che il re e i suoi consiglieri hanno volontariamente offerto al Dio d'Israele, la cui dimora è a Gerusalemme, 16 7:16 e tutto l'argento e l'oro che troverai in tutta la provincia di Babilonia, e i doni volontari fatti dal popolo e dai sacerdoti per la casa del loro Dio a Gerusalemme. 17 7:17 Tu avrai quindi cura di comproare con questo denaro tori, montoni, agnelli, e ciò che occorre per le relative oblazioni e libazioni, e li offrirai sull'altare della casa del vostro Dio che è a Gerusalemme. 18 7:18 Dell'argento e dell'oro che avanzeranno farete, tu e i tuoi fratelli, quel che vi sembreró meglio, conformandovi alla volontó del vostro Dio. 19 7:19 Quanto agli utensili che ti sono dati per il servizio della casa del tuo Dio, rimettili davanti al Dio di Gerusalemme. 20 7:20 Inoltre proenderai dal tesoro della casa reale quello che ti serviró per qualunque altra spesa che dovrai fare per la casa del tuo Dio. 21 7:21 Io, il re Artaserse, do ordine a tutti i tesorieri d'ol-tre il fiume di consegnare senza indugio a Esdra, sacerdote e scriba, esperto nella legge del Dio del cielo, tutto quello che vi chiederó, 22 7:22 fino a cento talenti d'argento, a cento cori di grano, a cento bati di vino, a cento bati d'olio, e una quantitó illimitata di sale. 23 7:23 Tutto quello che è comandato dal Dio del cielo sia puntualmente fatto per la casa del Dio del cielo. Perchè infatti l'ira di Dio dovrebbe riversarsi soproa il regno, sul re e i suoi figli? 24 7:24 Vi facciamo inoltre sapere che non si possono esigere tributi o imposte o pedaggi da nessuno dei sacerdoti, dei Leviti, dei cantori, dei portinai, dei Netinei e dei servi di questa casa di Dio. 25 7:25 E tu, Esdra, secondo la saggezza di cui il tuo Dio ti ha dotato, stabilisci dei magistrati e dei giudici che amministrino la giustizia a tutto il popolo d'oltre il fiume, a tutti quelli che conoscono le leggi del tuo Dio. e voi fatele conoscere a chi non le conosce. 26 7:26 Senza esitare farete giustizia di chi non osserveró la legge del tuo Dio e la legge del re, e lo punirete con la morte o con l'esilio, con una multa o con il carcere.

7:11 7:11 Ecco la copia della lettera che il re Artaserse consegnò al sacerdote Esdra, lo scriba, uno scriba esperto nei comandamenti dell’Eterno e nei suoi statuti dati a Israele: 12 7:12 ’Artaserse, re dei re, al sacerdote Esdra, uno scriba esperto nella legge del DIO del cielo. Salute, eccetera. 13 7:13 Io ho emanato un decreto che chiunque del popolo d’Israele e dei suoi sacerdoti e Leviti nel mio regno ha liberamente deciso di andare a Gerusalemme, può venire con te. 14 7:14 Infatti tu sei mandato da parte del re e dai suoi sette consiglieri per fare indagini in Giuda e a Gerusalemme intorno alla legge del tuo Dio, che è nelle tue mani, 15 7:15 e per portare l’argento e l’oro che il re e i suoi consiglieri hanno spontaneamente offerto al Dio d’Israele, la cui dimora è a Gerusalemme, 16 7:16 e tutto l’argento e l’oro che potrai trovare in tutta la provincia di Babilonia, insieme all’offerta volontaria, fatta spontaneamente dal popolo e dai sacerdoti per la casa del loro Dio a Gerusalemme. 17 7:17 Perciò con questo denaro tu avrai cura di comproare torelli, montoni e agnelli con le loro offerte di cibo e libazioni, e li offrirai sull’altare della casa del vostro Dio che è a Gerusalemme. 18 7:18 Quanto al resto dell’argento e dell’oro, farete ciò che sembreró bene a te e ai tuoi fratelli, secondo la volontó del vostro Dio. 19 7:19 Anche gli utensili che ti sono dati per il servizio della casa del tuo Dio, rimettili davanti al Dio di Gerusalemme. 20 7:20 Per qualsiasi altro bisogno della casa del tuo Dio che spetta a te di provvedere, lo provvederai a spese del tesoro reale. 21 7:21 Io, il re Artaserse, do ordine a tutti i tesorieri della regione oltre il Fiume: tutto ciò che chiederó il sacerdote Esdra, lo scriba della legge del Dio del cielo, sia eseguito prontamente, 22 7:22 fino a cento talenti d’argento, cento cori di grano, cento bati di vino, cento bati di olio e sale in quantitó illimitata. 23 7:23 Tutto quello che è comandato dal Dio del cielo venga eseguito diligentemente per la casa del Dio del cielo. Perchè l’ira dovrebbe venire sul regno del re e dei suoi figli? 24 7:24 Inoltre vi rendiamo noto che non è lecito riscuotere tributo, imposta o pedaggio da alcuno dei sacerdoti, Leviti, cantori, portinai, Nethi-nei e servi di questa casa di Dio. 25 7:25 E tu, o Esdra, secondo la sapienza del tuo Dio, che tu possiedi, stabilisci magistrati e giudici che amministrino la giustizia a tutto il popolo che si trova nella regione oltre il Fiume, a tutti quelli che conoscono le leggi del tuo Dio. e a quelli che non le conoscono insegnatele. 26 7:26 Di chiunque poi non osserva la legge del tuo Dio e la legge del re sia fatta prontamente giustizia, o con la morte o con il bando o con la confisca dei beni o con la proigione'.

7:11 Benedetto il Signore, Dio dei padri nostri, che ha disposto il cuore del re a glorificare la casa del Signore che è a Gerusalemme, 12 e ha volto verso di me la benevolenza del re, dei suoi consiglieri e di tutti i potenti principi reali. Allora io mi sono sentito incoraggiato, perchè la mano del Signore mio Dio era su di me e ho radunato alcuni capi d'Israele, perchè partissero con me. 13 Questi sono, con le loro indicazioni genealogiche, i capifamiglia che sono partiti con me da Babilonia, sotto il regno del re Artaserse. 14 dei figli di Finees: Ghersom; dei figli di Itamar: Daniele; dei figli di Davide: Cattus 15 figlio di Secania; dei figli di Paros: Zaccaria; con lui furono registrati centocinquanta maschi; 16 dei figli di Pacat-Moab: Elioenai figlio di Zerachia, e con lui duecento maschi; 17 dei figli di Zattu: Secania figlio di Iacaziel e con lui trecento maschi; 18 dei figli di Adin: Ebed figlio di Giònata e con lui cinquanta maschi; 19 dei figli di Elam: Isaia figlio di Atalia e con lui settanta maschi; 20 dei figli di Sefatia: Zebadia figlio di Michele e con lui ottanta maschi; 21 dei figli di Ioab: Obadia figlio di Iechiel e con lui duecentodiciotto maschi; 22 dei figli di Bani: Selomit figlio di Iosifia e con lui centosessanta maschi; 23 dei figli di Bebai: Zaccaria figlio di Bebai e con lui ventotto maschi; 24 dei figli di Azgad: Giovanni figlio di Akkatan e con lui centodieci maschi; 25 dei figli di Adonikam: gli ultimi, di cui ecco i nomi: Elifelet, Ieiel e Semaia e con loro sessanta maschi; 26 dei figli di Bigvai: Utai figlio di Zaccur e con lui settanta maschi.

Mappa

#http://#

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia