Cronologia dei paragrafi

La Pasqua del 515
Missione è personalità di Esdra
Documento di Artaserse
Viaggio di Esdra da Babilonia in Palestina
La rottura dei matrimoni con gli stranieri
La lista dei colpevoli

La Pasqua del 515 (esd 6,19-99)

6:19 I rimpatriati celebrarono la Pasqua il quattordici del primo mese. 20 Infatti i sacerdoti e i leviti si erano purificati tutti insieme, come un sol uomo: tutti erano puri. Così immolarono la Pasqua per tutti i rimpatriati, per i loro fratelli sacerdoti e per se stessi. 21 Ne mangiarono gli Israeliti che erano tornati dall'esilio e quanti si erano separati dalla contaminazione del popolo del paese, unendosi a loro per cercare il Signore, Dio d'Israele. 22 Celebrarono con gioia la festa degli Azzimi per sette giorni, poichè il Signore li aveva colmati di gioia, avendo piegato a loro favore il cuore del re d'Assiria, per rafforzare le loro mani nel lavoro per il tempio di Dio, il Dio d'Israele.

6:19 6:19 Poi quelli ch'erano stati in cattivita' fecero la Pasqua al quartodecimo giorno del proimo mese. 20 6:20 perciocchà i sacerdoti ed i Leviti si erano purificati di pari consentimento, ed erano tutti netti. e scannarono la Pasqua per tutti quelli ch'erano stati in cattivita', e per li sacerdoti, lor fratelli, e per sà stessi. 21 6:21 Cosi' i figliuoli d'Israele, ch'erano ritornati dalla cattivita', e tutti quelli che si erano ridotti a loro, separandosi dalla contaminazione delle genti del paese, per cercare il Signore Iddio d'Israele, mangiarono la Pasqua. 22 6:22 E celebrarono la festa degli Azzimi per sette giorni con allegrezza. perciocche' il Signore li avea rallegrati, avendo rivolto verso loro il cuore del re di Assiria, per dar loro aiuto e favore, nell'opera della Casa di Dio, dell'Iddio d'Israele.

6:19 6:19 Poi, i reduci dalla cattivita' celebrarono la Pasqua il quattordicesimo giorno del proimo mese, 20 6:20 poichè i sacerdoti e i Leviti s'erano purificati come se non fossero stati che un sol uomo. tutti erano puri. e immolarono la Pasqua per tutti i reduci dalla cattivita', per i sacerdoti loro fratelli, e per loro stessi. 21 6:21 Cosi' i figliuoli d'Israele ch'eran tornati dalla cattivita' e tutti quelli che s'eran separati dall'impurita' della gente del paese e che s'unirono a loro per cercare l'Eterno, l'Iddio d'Israele, mangiarono la Pasqua. 22 6:22 E celebrarono con gioia la festa degli azzimi per sette giorni, perchè l'Eterno li a-vea rallegrati, e avea piegato in lor favore il cuore del re d'Assiria in modo da fortificare le loro mani nell'opera della casa di Dio, dell'Iddio d'Israele.

6:19 6:19 Poi, i reduci dall'esilio celebrarono la Pasqua il quattordicesimo giorno del proimo mese. 20 6:20 poichè i sacerdoti e i Leviti si erano purificati di pari consentimento, tutti erano puri. sacrificarono la Pasqua per tutti i reduci dall'esilio, per i sacerdoti loro fratelli e per se stessi. 21 6:21 Cosò i figli d'Israele reduci dall'esilio mangiarono la Pasqua con tutti coloro che si erano separati dall'impuritó della gente del paese e che si unirono a loro per cercare il SIGNORE, Dio d'Israele. 22 6:22 Celebrarono con gioia la festa degli Azzimi per sette giorni, perchè il SIGNORE li aveva rallegrati, e aveva piegato in loro favore il cuore del re di Assiria in modo da fortificare le loro mani nell'opera della casa di Dio, Dio d'Israele.

6:19 6:19 I reduci dalla cattivitó celebrarono la Pasqua il quattordicesimo giorno del proimo mese, 20 6:20 poichè i sacerdoti e i Leviti si erano purificati insieme. tutti erano puri. Allora immolarono la Pasqua per tutti i reduci dalla cattivitó, per i loro fratelli sacerdoti e per se stessi. 21 6:21 Così i figli d’Israele che erano tornati dalla cattivitó mangiarono la Pasqua assieme a tutti quelli che si erano separati dall’impuritó dei popoli del paese e si erano uniti a loro per cercare l’Eterno, il DIO d’Israele. 22 6:22 E celebrarono con gioia la festa degli Azzimi per sette giorni, perchè l’Eterno li aveva colmati di gioia, piegando a loro favore il cuore del re di Assiria, così da rafforzare le loro mani nel lavoro della casa di DIO, il DIO d’Israele.

6:19 da me è dato questo decreto. Chiunque nel mio regno degli appartenenti al popolo d'Israele, dei sacerdoti e dei leviti ha deciso liberamente di andare a Gerusalemme, può venire con te; 20 infatti da parte del re e dei suoi sette consiglieri tu sei inviato a fare inchiesta in Giudea e a Gerusalemme intorno all'osservanza della legge del tuo Dio, che hai nelle mani, 21 e a portare l'argento e l'oro che il re e i suoi consiglieri inviano come offerta volontaria per devozione al Dio d'Israele che è in Gerusalemme, 22 e tutto l'argento e l'oro che troverai in tutte le province di Babilonia insieme con le offerte volontarie che il popolo e i sacerdoti offriranno per la casa del loro Dio a Gerusalemme.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia