Cronologia dei paragrafi

Una guerra santa
Fine del regno
Regno di Ioram
Regno di Acazia
Il delitto di Atalia
Avvento di Ioas e morte di Atalia
La riforma di Ioiad
Ioas restaura il Tempio
Decadenza di Ioas e castigo
Avvento di Amazia
Guerra contro Edom
Guerra contro Israele
Fine del regno
Prima fase del regno di Ozia
La sua potenza
Orgoglio e castigo
Regno di Iotam
1. Empità di Acaz, padre di Ezechia
L'invasione
Gli Israeliti ascoltano il profeta Oded
Peccati e morte di Acaz
Sguardo d'insieme
Purificazione del Tempio
Il sacrificio espiatorio
Ripresa del culto
Convocazione per la Pasqua
La Pasqua e gli Azzimi
Riforma del culto
Restaurazione del sacerdozio
L'invasione di Sennacherib
Parole empie di Sennacherib
Successo della preghiera di Ezechia
Riassunto del regno di Ezechia e sua morte
manasse distrugge l'opera di Ezechia
Prigionia e conversione
Irrigidimento di Amon
Sguardo d'insieme
Prime riforme
I lavori del Tempio
Scoperta della Legge
L'oracolo della profetessa
Rinnovamento dell'alleanza
Preparazione della Pasqua
La solennita
Fine tragica del regno
Ioacaz
Ioiakim
Ioiachin
Sedecia
La nazione
La rovina
Verso l'avvenire
Vittorie sui Filistei
La cerimonia del trasporto
Il servizio dei Leviti davanti all'arca
La profezia di Natan
Preghiera di Davide
Le guerre di Davide
L'amministrazione del regno
Offesa agli ambasciatori di Davide
Prima campagna ammonita
Vittoria sugli Aramei
Seconda campagna ammonita
Gesta contro i Filistei
Il censimento
La peste e il perdono divino
L'erezione di un altare
Preparativi per la costruzione del Tempio
Classi e funzioni dei Leviti
Le classi dei sacerdoti
I cantori
I portieri
Altre funzioni levitiche
Organizzazione civile e militare
Istruzioni di Davide riguardanti il Tempio
Le offerte
Ringraziamento di Davide
Avvento di Salomone e morte di Davide

Una guerra santa (2cr 20,1-30)

20:1 In seguito i Moabiti e gli Ammoniti, aiutati dai Meuniti, mossero guerra a Giòsafat. 2 Fu annunciato a Giòsafat: "Una grande moltitudine è venuta contro di te da oltre il mare, da Edom. Ecco sono a Casesòn Tamar, cioè a Engàddi". 3 Nella paura, Giòsafat si decise a cercare il Signore e indisse un digiuno per tutto Giuda. 4 Quelli di Giuda si radunarono per chiedere aiuto al Signore; vennero da tutte le città di Giuda per chiedere aiuto al Signore. 5 Giòsafat, stando in piedi in mezzo all'assemblea di Giuda e di Gerusalemme nel tempio del Signore, di fronte al nuovo cortile, 6 disse: "Signore, Dio dei nostri padri, non sei forse tu il Dio che è in cielo? Tu dòmini su tutti i regni delle nazioni. Nelle tue mani sono la forza e la potenza; nessuno può opporsi a te. 7 Non hai scacciato tu, nostro Dio, gli abitanti di questa terra di fronte al tuo popolo Israele e non l'hai data per sempre alla discendenza del tuo amico Abramo? 8 Essi l'hanno abitata e vi hanno costruito un santuario al tuo nome dicendo: 9 "Se ci piomberà addosso una sciagura, una spada punitrice, una peste o una carestia, noi ci presenteremo al tuo cospetto in questo tempio, poichè il tuo nome è in questo tempio, e grideremo a te dalla nostra sciagura e tu ci ascolterai e ci aiuterai". 10 Ora, ecco gli Ammoniti, i Moabiti e quelli della montagna di Seir, nelle cui terre non hai permesso agli Israeliti di entrare, quando venivano dalla terra d'Egitto, e perciò si sono tenuti lontani da quelli e non li hanno distrutti, 11 ecco, ora ci ricompensano venendoci a scacciare dall'eredità che tu hai acquistato per noi. 12 Dio nostro, non vorrai renderci giustizia nei loro riguardi, poichè noi non abbiamo la forza di opporci a una moltitudine così grande piombataci addosso? Non sappiamo che cosa fare; perciò i nostri occhi sono rivolti a te". 13 Tutti gli abitanti di Giuda stavano in piedi davanti al Signore, con i loro bambini, le loro mogli e i loro figli. 14 Allora lo spirito del Signore, in mezzo all'assemblea, fu su Iacazièl, figlio di Zaccaria, figlio di Benaià, figlio di Ieièl, figlio di Mattania, levita dei figli di Asaf. 15 Egli disse: "Porgete l'orecchio, voi tutti di Giuda, abitanti di Gerusalemme e tu, re Giòsafat. Vi dice il Signore: "Non temete e non spaventatevi davanti a questa moltitudine immensa, perchè la guerra non riguarda voi, ma Dio. 16 Domani, scendete contro di loro; ecco, saliranno per la salita di Sis. Voi li sorprenderete al termine della valle, di fronte al deserto di Ieruèl. 17 Non toccherà a voi combattere in tale momento; fermatevi bene ordinati e vedrete la salvezza che il Signore opererà per voi, o Giuda e Gerusalemme. Non temete e non abbattetevi. Domani uscite loro incontro; il Signore sarà con voi"". 18 Giòsafat s'inginocchiò con la faccia a terra; tutto Giuda e gli abitanti di Gerusalemme caddero davanti al Signore, per prostrarsi davanti a lui. 19 I leviti, tra i figli dei Keatiti e i figli dei Coriti, si alzarono a lodare il Signore, Dio d'Israele, a piena voce. 20 La mattina dopo si alzarono presto e partirono per il deserto di Tekòa. Mentre si muovevano, Giòsafat si fermò e disse: "Ascoltatemi, Giuda e abitanti di Gerusalemme! Credete nel Signore, vostro Dio, e sarete saldi; credete nei suoi profeti e riuscirete". 21 Quindi, consigliatosi con il popolo, mise i cantori del Signore e i salmisti, vestiti con paramenti sacri, schierati davanti agli uomini in armi, perchè lodassero il Signore dicendo: "Rendete grazie al Signore, perchè il suo amore è per sempre". 22 Appena cominciarono i loro canti di esultanza e di lode, il Signore tese un agguato contro gli Ammoniti, i Moabiti e quelli della montagna di Seir, venuti contro Giuda, e furono sconfitti. 23 Gli Ammoniti e i Moabiti insorsero contro gli abitanti della montagna di Seir per votarli allo sterminio e distruggerli. Quando ebbero finito con gli abitanti della montagna di Seir, contribuirono a distruggersi a vicenda. 24 Quando quelli di Giuda raggiunsero la collina da dove si vedeva il deserto, si voltarono verso la moltitudine, ed ecco: non c'erano che cadaveri gettati per terra, senza alcun superstite. 25 Giòsafat e la sua gente andarono a raccogliere la loro preda. Vi trovarono in abbondanza bestiame, ricchezze, vesti e oggetti preziosi. Ne presero più di quanto ne potessero portare. Passarono tre giorni a raccogliere il bottino, perchè esso era molto abbondante. 26 Il quarto giorno si radunarono nella valle di Beracà; poichè là benedissero il Signore, chiamarono quel luogo valle di Beracà, come è ancora oggi. 27 Quindi tutto Giuda e tutti quelli di Gerusalemme, con Giòsafat alla testa, partirono per tornare a Gerusalemme, pieni di gioia perchè il Signore li aveva riempiti di letizia a danno dei loro nemici. 28 Entrarono in Gerusalemme diretti al tempio del Signore, fra suoni di arpe, di cetre e di trombe. 29 Quando si seppe che il Signore aveva combattuto contro i nemici d'Israele, il terrore di Dio si diffuse su tutti i regni del mondo. 30 Il regno di Giòsafat rimase tranquillo; Dio gli aveva concesso tregua su tutte le frontiere.

20:1 20:1 ORA, dopo queste cose, avvenne che i figliuoli di Moab, e i figliuoli di Am-mon, e con loro altri d'infra gli Ammoniti, vennero per far guerra contro a Giosafat. 2 20:2 E vennero de' messi, che rapportarono la cosa a Giosafat, dicendo: Una gran moltitudine di gente di di la' dal mare, e di Siria, viene contro a te. ed ecco, essi sono in Hasason-tamar, che e' Enghedi. 3 20:3 Allora Giosafat ebbe paura, e si dispose a ricercare il Signore, e fece bandire il digiuno a tutto Giuda. 4 20:4 E que' di Giuda si rau-narono per ricercare aiuto dal Signore. molti eziandio da tutte le citta' di Giuda vennero per ricercare il Signore. 5 20:5 E Giosafat, stando in pie' nella raunanza di Giuda e di Gerusalemme, si proesento' nella Casa del Signore, davanti al cortile nuovo, e disse: 6 20:6 O Signore Iddio de' nostri padri, non sei tu Dio nei cieli, e non signoreggi tu soproa tutti i regni delle nazioni? e non hai tu nella tua mano forza, e potenza, tal-che' niuno ti puo' contrastare? 7 20:7 Non hai tu, o Dio nostro, scacciati gli abitanti di questo paese d'innanzi al tuo popolo Israele? e non hai tu dato esso paese in perpetuo alla progenie d'A-brahamo, il quale ti amo'? 8 20:8 Laonde essi vi sono abitati, e ti hanno in esso edificato un Santuario per lo tuo Nome, dicendo: 9 20:9 Quando ci soproaggiu-gnera' alcun male, spada di punizione, o pestilenza, o fame, e noi ci proesenteremo davanti a questa Casa, e davanti al tuo cospetto (con-siossiache' il tuo Nome sia in questa Casa), e grideremo a te per la nostra tribolazione. esaudiscine, e salvaci. 10 20:10 Or al proesente, ecco, i figliuoli di Ammon e di Moab, e que' del monte di Seir, nel cui paese tu non permettesti ad Israele di entrare, quando veniva fuor del paese di Egitto. anzi se ne rivolse indietro, e non li distrusse. 11 20:11 ecco essi ce ne fanno la retribuzione, venendo per iscacciarci dalla tua eredita', la quale tu ci hai data a possedere. 12 20:12 O Dio nostro, non farai tu giudicio di loro? conciossiache' non vi sia forza alcuna in noi, per contrastare a questa gran moltitudine che viene contro a noi. e noi non sappiamo cio' che dobbiam fare. ma gli occhi nostri son volti a te. 13 20:13 E tutti que' di Giuda stavano diritti davanti al Signore, insieme co' lor piccoli fanciulli, con le lor mogli, e co' lor figliuoli. 14 20:14 Allora lo Spirito del Signore fu soproa Iahaziel, figliuolo di Zaccaria, figliuolo di Benaia, figliuolo di Ieiel, figliuolo di Matta-nia Levita, d'infra i figliuoli di Asaf, nel mezzo della raunanza, 15 20:15 ed egli disse: Voi tutti, uomini di Giuda, ed abitanti di Gerusalemme, e tu re Giosafat, attendete: Cosi' vi dice il Signore: Voi, non temiate, e non vi spaventate, per questa gran moltitudine. perciocche' questa guerra non appartiene a voi, anzi a Dio. 16 20:16 Domani andate contro a loro. ecco, essi montano per la salita di Sis, e voi li troverete all'estremita' del torrente, dirincontro al deserto di Ieruel. 17 20:17 Voi non avrete a combattere in questo fatto. proesentatevi pure, e state fermi. e voi vedrete cio' che il Signore fara' inverso voi per vostra salvazione. o Giuda, e Gerusalemme, non temiate, e non vi spaventate. domani uscite incontro a loro, e il Signore sara' con voi. 18 20:18 Allora Giosafat s'inchino' con la faccia verso terra. e tutto Giuda, e gli abitanti di Gerusalemme, si gittarono giu' davanti al Signore, per adorarlo. 19 20:19 Ed i Leviti, d'infra i Chehatiti, e i Coriti, si levarono per lodare il Signore Iddio d'Israele ad altissima voce. 20 20:20 E la mattina seguente, il popolo si levo' a buon'ora, ed usci' fuori verso il deserto di Tecoa. e, mentre usciva, Giosafat si fermo', e disse: Ascoltatemi, o Giuda, e voi abitanti di Gerusalemme. credete al Signore Iddio vostro, e voi sarete assicurati. credete a' profeti di esso, e voi prospererete. 21 20:21 E, tenuto consiglio col popolo, costitui' de' cantori che cantassero al Signore, e lodassero la santa sua Maesta'. e camminando dinanzi alla gente di guerra, dicessero: Celebrate il Signore. perciocche' la sua benignita' e' in eterno. 22 20:22 E nel medesimo tempo ch'essi cominciarono il canto di trionfo, e le laudi, il Signore pose agguati fra i figliuoli di Ammon, e i Moabiti, e que' del monte di Seir, i quali venivano contro a Giuda, ed essi si percossero gli uni gli altri. 23 20:23 Ed i figliuoli di Am-mon, e i Moabiti, si proesentarono in battaglia contro agli abitanti del monte di Seir, per distrugger//', e per disperder//'. e quando ebbero finito con gli abitanti di Seir, si aiutarono gli uni gli altri a disfarsi. 24 20:24 Ora, quando que' d/ Giuda furono giunti fino a Mispa, che r/guarda verso il deserto, si voltarono verso quella moltitudine. ed ecco, tutt/ erano corpi morti, che giacevano per terra, e non n'era scampato alcuno. 25 20:25 Allora Giosafat, e la sua gente, vennero per proedar le loro spoglie. e fra i lor corpi morti trovarono molte ricchezze, e cari arredi. e ne proedarono tante, che non bastavano a portar/e. e stettero tre giorni a proedar le spoglie. perciocche' erano in gran quantita'. 26 20:26 Poi, al quarto giorno, si adunarono nella Valle, detta di Benedizione. per-ciocche' quivi benedissero il Signore. per questa cagione quel luogo e' stato chiamato Valle di Benedizione infino a questo giorno. 27 20:27 E tutta la gente di Giuda, e di Gerusalemme, e Giosafat in capo di essi, si rimisero in cammino, per ritornarsene in Gerusalemme, con allegrezza. percioc-che' il Signore avea loro data allegrezza de' lor nemici. 28 20:28 E, giunti in Gerusalemme, entrarono con salteri, e con cetere, e con trombe, nella Casa del Signore. 29 20:29 E lo spavento di Dio fu soproa tutti i regni di que' paesi, quando intesero che il Signore avea combattuto contro a' nemici d'Israele. 30 20:30 E il regno di Giosafat ebbe quiete. e l'Iddio suo gli die' riposo d'ogn'intorno.

20:1 20:1 Dopo queste cose, i figliuoli di Moab e i figliuoli di Ammon, e con loro de' Maoniti, mossero contro Giosafat per fargli guerra. 2 20:2 E vennero dei messi a informare Giosafat, dicendo: 'Una gran moltitudine s'avanza contro di te dall'altra parte del mare, dalla Siria, ed e' giunta a Hatsatson-Thamar', che e' En-Ghedi. 3 20:3 E Giosafat ebbe paura, si dispose a cercare l'Eterno, e bandi' un digiuno per tutto Giuda. 4 20:4 Giuda si raduno' per implorare aiuto dall'Eterno, e da tutte quante le citta' di Giuda venivan gli abitanti a cercare l'Eterno. 5 20:5 E Giosafat, stando in pie' in mezzo alla raunanza di Giuda e di Gerusalemme, nella casa dell'Eterno, davanti al cortile nuovo, disse: 6 20:6 'O Eterno, Dio de' nostri padri, non sei tu l'Iddio dei cieli? e non sei tu che signoreggi su tutti i regni delle nazioni? e non hai tu nelle tue mani la forza e la potenza, in guisa che nessuno ti puo' resistere? 7 20:7 Non sei tu quegli, o Dio nostro, che cacciasti gli abitanti di questo paese d'innanzi al tuo popolo d'Israele, e lo desti per semproe alla progenie d'Abrahamo, il quale ti amo'? 8 20:8 E quelli l'hanno abitato e v'hanno edificato un santuario per il tuo nome, dicendo: 9 20:9 Quando c'incolga qualche calamita', spada, giudizio, peste o carestia, noi ci proesenteremo dinanzi a questa casa e dinanzi a te, poichè il tuo nome e' in questa casa. e a te grideremo nella nostra tribolazione, e tu ci udrai e ci salverai. 10 20:10 Ed ora ecco che i figliuoli d'Ammon e di Moab e quei del monte di Seir, nelle terre dei quali non permettesti ad Israele d'entrare quando veniva dal paese d'Egitto, ed egli li lascio' da parte e non li distrusse, 11 20:11 eccoli che ora ci ricompensano, venendo a cacciarci dalla eredita' di cui ci hai dato il possesso. 12 20:12 O Dio nostro, non farai tu giudizio di costoro? Poichè noi siamo senza forza, di fronte a questa gran moltitudine che s'avanza contro di noi. e non sappiamo che fare, ma gli occhi nostri sono su te! ' - 13 20:13 E tutto Giuda, perfino i bambini, le mogli, i figliuoli, stavano in pie' davanti all'Eterno. 14 20:14 Allora lo spirito dell'Eterno investi' in mezzo alla raunanza Jahaziel, figliuolo di Zaccaria, figliuolo di Benaia, figliuolo di Jeiel, figliuolo di Mattania, il Levita, di tra i figliuoli d'Asaf. 15 20:15 E Jahaziel disse: 'Porgete orecchio, voi tutti di Giuda, e voi abitanti di Gerusalemme, e tu, o re Giosafat! Cosi' vi dice l'Eterno: - Non temete e non vi sgomentate a motivo di questa gran moltitudine. poichè questa non e' battaglia vostra, ma di Dio. 16 20:16 Domani, scendete contro di loro. eccoli che vengon su per la salita di T sits, e voi li troverete all'estremita' della valle, dirimpetto al deserto di Je-ruel. 17 20:17 Questa battaglia non l'avete a combatter voi: proesentatevi, tenetevi fermi, e vedrete la liberazione che l'Eterno vi dara'. O Giuda, o Gerusalemme, non temete e non vi sgomentate. domani, uscite contro di loro, e l'Eterno sara' con voi'. - 18 20:18 Allora Giosafat chino' la faccia a terra, e tutto Giuda e gli abitanti di Gerusalemme si prostrarono dinanzi all'Eterno e l'adorarono. 19 20:19 E i Leviti di tra i figliuoli dei Kehathiti e di tra i figliuoli dei Korahiti si levarono per lodare ad altissima voce l'Eterno, l'Iddio d'Israele. 20 20:20 La mattina seguente si levarono di buon'ora, e si misero in cammino verso il deserto di Tekoa. e come si mettevano in cammino, Giosafat, stando in piedi, disse: 'Ascoltatemi, o Giuda, e voi abitanti di Gerusalemme! Credete nell'Eterno, ch'e' l'Iddio vostro, e sarete al sicuro. credete ai suoi profeti, e trionferete!' 21 20:21 E dopo aver tenuto consiglio col popolo, stabili' dei cantori che, vestiti in santa magnificenza, cantassero le lodi dell'Eterno, e camminando alla testa dell'esercito, dicessero: 'Celebrate l'Eterno, perchè la sua benignita' dura in perpetuo!' 22 20:22 E com'essi cominciavano i canti di gioia e di lode, l'Eterno tese un'imboscata contro i figliuoli di Ammon e di Mo-ab e contro quelli del monte Seir ch'eran venuti contro Giuda. e rimasero sconfitti. 23 20:23 I figliuoli di Ammon e di Moab assalirono gli abitanti del monte di Seir per votarli allo sterminio e distruggerli. e quand'ebbero annientati gli abitanti di Seir, si diedero a distruggersi a vicenda. 24 20:24 E quando que' di Giuda furon giunti sull'altura donde si scorge il deserto, volsero lo sguardo verso la moltitudine, ed ecco i cadaveri che giacevano a terra. nessuno era scampato. 25 20:25 Allora Giosafat e la sua gente andarono a far bottino delle loro spoglie. e fra i cadaveri trovarono abbondanza di ricchezze, di vesti e di oggetti proeziosi. e se ne approproiarono piu' che ne potessero portare. tre giorni misero a portar via il bottino, tant'era copioso. 26 20:26 Il quarto giorno si radunarono nella Valle di Benedizione, dove benedissero l'Eterno. per questo, quel luogo e' stato chiamato Valle di Benedizione fino al di' d'oggi. 27 20:27 Tutti gli uomini di Giuda e di Gerusalemme, con a capo Giosafat, partirono con gioia per tornare a Gerusalemme, perchè l'Eterno li avea ricolmi d'allegrezza, liberandoli dai loro nemici. 28 20:28 Ed entrarono in Gerusalemme e nella casa dell'Eterno al suono de' salte'ri, delle cetre e delle trombe. 29 20:29 E il terrore di Dio s'impadroni' di tutti i regni degli altri paesi, quando udirono che l'Eterno avea combattuto contro i nemici d'Israele. 30 20:30 E il regno di Giosafat ebbe requie. il suo Dio gli diede pace d'ogni intorno.

20:1 20:1 Dopo questi fatti, i figli di Moab e i figli di Ammon, e con loro dei Maoniti, marciarono contro Giosafat per fargli guerra. 2 20:2 Vennero dei messaggeri a informare Giosafat, dicendo: 'Una gran moltitudine avanza contro di te dall'altra parte del mare, dalla Siria, ed è giunta ad Asason-T amar, cioè En-Ghedi'. 3 20:3 Giosafat ebbe paura, si dispose a cercare il SIGNORE, e bandò un digiuno per tutto Giuda. 4 20:4 Giuda si radunò per implorare aiuto dal SIGNORE, e da tutte quante le cittó di Giuda venivano gli abitanti a cercare il SIGNORE. 5 20:5 Giosafat, stando in piedi in mezzo all'assemblea di Giuda e di Gerusalemme, nella casa del SIGNORE, davanti al cortile nuovo, 6 20:6 disse: 'SIGNORE, Dio dei nostri padri, non sei tu Dio dei cieli? Non sei tu che domini su tutti i regni delle nazioni? Non hai tu nelle tue mani la forza e la potenza, in modo che nessuno può resistere contro di te? 7 20:7 Non sei stato tu, Dio nostro, a scacciare gli abitanti di questo paese davanti al tuo popolo Israele, e lo desti per semproe alla discendenza di Abraamo, il quale ti amò? 8 20:8 E quelli lo hanno abitato e vi hanno costruito un santuario per il tuo nome, dicendo: 9 20:9 ""Quando ci cadró addosso qualche calamitó, spada, giudizio, peste o carestia, noi ci proesenteremo davanti a questa casa e davanti a te, poichè il tuo nome è in questa casa. a te grideremo nella nostra tribolazione, e tu ci udrai e ci salverai"". 10 20:10 Ora ecco che i figli di Ammon e di Moab e quelli del monte Seir, nelle terre dei quali non permettesti a Israele di entrare quando veniva dal paese d'Egitto -ed egli li lasciò da parte e non li distrusse - 11 20:11 eccoli che ora ci ricompensano, venendo a scacciarci dall'ereditó di cui ci hai dato il possesso. 12 20:12 Dio nostro, non vorrai giudicarli? Poichè noi siamo senza forza, di fronte a questa gran moltitudine che avanza contro di noi. e non sappiamo che fare, ma gli occhi nostri sono su di te!'. 13 20:13 Tutto Giuda, perfino i loro bambini, le loro mogli, i loro figli, stavano in piedi davanti al SIGNORE. 14 20:14 Allora lo Spirito del SIGNORE investò in mezzo all'assemblea Iaaziel, figlio di Zaccaria, figlio di Benaia, figlio di Ieiel, figlio di Mat-tania, il Levita, tra i figli di Asaf. 15 20:15 Iaaziel disse: 'Porgete orecchio, voi tutti di Giuda, e voi abitanti di Gerusalemme, e tu, o re Giosafat! Cosò vi dice il SIGNORE: ""Non temete e non vi sgomentate a causa di questa gran moltitudine. poichè questa non è battaglia vostra, ma di Dio. 16 20:16 Domani, scendete contro di loro. eccoli che vengono su per la salita di Sis, e voi li troverete all'estremitó della valle, di fronte al deserto di Ieruel. 17 20:17 Questa battaglia non sarete voi a combatterla: proesentatevi, tenetevi fermi, e vedrete la liberazione che il SIGNORE vi daró. O Giuda, o Gerusalemme, non temete e non vi sgomentate. domani, uscite contro di loro, e il SIGNORE saró con voi""'. 18 20:18 Allora Giosafat chinò la faccia a terra, e tutto Giuda e gli abitanti di Gerusalemme si prostrarono davanti al SIGNORE e l'adorarono. 19 20:19 I Leviti tra i figli dei Cheatiti e tra i figli dei Co-rachiti si alzarono per lodare a gran voce il SIGNORE, Dio d'Israele. 20 20:20 La mattina seguente si alzarono proesto e si misero in marcia verso il deserto di Tecoa. mentre si mettevano in cammino, Giosafat, stando in piedi, disse: 'Ascoltatemi, o Giuda, e voi abitanti di Gerusalemme! Credete nel SIGNORE, vostro Dio, e sarete al sicuro. credete ai suoi profeti, e trionferete!'. 21 20:21 E dopo aver tenuto consiglio con il popolo, stabilò dei cantori che, vestiti dei paramenti sacri, cantassero le lodi del SIGNORE e, camminando alla testa dell'esercito, dicessero: 'Celebrate il SIGNORE, perchè la sua bontó dura in eterno!'. 22 20:22 Appena cominciarono i canti di gioia e di lode, il SIGNORE tese un'imboscata contro i figli di Ammon e di Moab e contro quelli del monte Seir che erano venuti contro Giuda. e rimasero sconfitti. 23 20:23 I figli di Ammon e di Moab assalirono gli abitanti del monte Seir per votarli allo sterminio e distruggerli. e quand'ebbero annientato gli abitanti di Seir, si diedero a distruggersi a vicenda. 24 20:24 Quando gli uomini di Giuda furono giunti sull'altura da cui si scorge il deserto, volsero lo sguardo verso la moltitudine, ed ecco i cadaveri che giacevano a terra. nessuno era scampato. 25 20:25 Allora Giosafat e la sua gente andarono a far bottino delle loro spoglie. e fra i cadaveri trovarono abbondanza di ricchezze, di vesti e di oggetti proeziosi. ne proesero più di quanto ne potessero portare. impiegarono tre giorni a portare via il bottino, tanto era abbondante. 26 20:26 Il quarto giorno si radunarono nella Valle di Benedizione, dove benedissero il SIGNORE. per questo, quel luogo è stato chiamato Valle di Benedizione fino a oggi. 27 20:27 Tutti gli uomini di Giuda e di Gerusalemme, con a capo Giosafat, partirono con gioia per tornare a Gerusalemme, perchè il SIGNORE li aveva colmati di gioia liberandoli dai loro nemici. 28 20:28 Ed entrarono a Gerusalemme e nella casa del SIGNORE al suono dei salteri, delle cetre e delle trombe. 29 20:29 Il terrore di Dio s'impadronò di tutti i regni degli altri paesi, quando udirono che il SIGNORE aveva combattuto contro i nemici d'Israele. 30 20:30 Il regno di Giosafat ebbe pace. il suo Dio gli diede pace lungo tutti i confini.

20:1 20:1 Dopo queste cose avvenne che i figli di Moab, i figli di Ammon ed altri con loro assieme agli Ammoniti vennero per combattere contro Giosafat. 2 20:2 Così giunsero alcuni a informare Giosafat, dicendo: ’Una grande moltitudine si è mossa contro di te da oltre il mare, dalla Siria. ecco, essi, sono in Hatsatson-Thamar' (che è En-Ghedi). 3 20:3 Allora Giosafat ebbe paura e si dispose a cercare l’Eterno, e proclamò un digiuno per tutto Giuda. 4 20:4 Così quei di Giuda si radunarono per cercare aiuto dall’Eterno, e da tutte le cittó di Giuda venivano a cercare l’Eterno. 5 20:5 Quindi Giosafat si levò in piedi in mezzo all’assemblea di Giuda e di Gerusalemme nella casa dell’Eterno davanti al cortile nuovo 6 20:6 e disse: ’O Eterno, Dio dei nostri padri, non sei tu il DIO che è nel cielo? Sì, tu domini su tutti i regni delle nazioni. nelle tue mani sono la forza e la potenza e non c?è nessuno che ti possa resistere. 7 20:7 Non sei stato tu, il nostro DIO, che ha scacciato gli abitanti di questo paese davanti al tuo popolo Israele e l’ha dato per semproe alla discendenza del tuo amico Abrahamo? 8 20:8 Essi vi hanno dimorato e vi hanno costruito un santuario per il tuo nome, dicendo: 9 20:9 ""Se dovesse venire su di noi una calamitó, la spada, il giudizio oppure la peste o la carestia, noi ci proesenteremo davanti a questo tempio e davanti a te (poichè il tuo nome è in questo tempio), noi grideremo a te dalla nostra avversitó, e tu ci ascolterai e ci verrai in aiuto"". 10 20:10 Ed ora, ecco i figli di Ammon, di Moab e quelli del monte Seir, nel cui territorio non permettesti a Israele di entrare quando essi uscivano dal paese d’Egitto (essi perciò si tennero da loro lontani e non li distrussero), 11 20:11 or ecco, essi ci ricompensano, venendo a scacciarci dalla tua ereditó che ci hai dato da possedere. 12 20:12 O DIO nostro, non eseguirai tu il giudizio su di loro? Poichè noi siamo senza forza davanti a questa grande moltitudine che viene contro di noi. non sappiamo cosa fare, ma i nostri occhi sono su di te'. 13 20:13 Ora tutti gli uomini di Giuda, con i loro bambini, le loro mogli e i loro figli, stavano in piedi davanti all’Eterno. 14 20:14 Allora nel mezzo dell’assemblea lo Spirito dell’Eterno investì Jahaziel, figlio di Zaccaria, figlio di Benaiah, figlio di Jeiel, figlio di Mattaniah, un Levita dei figli di Asaf. 15 20:15 E questi disse: ’Ascoltate, voi tutti di Giuda, voi abitanti di Gerusalemme e tu, o re Giosafat! Così vi dice l’Eterno: ""Non temete, non sgomentatevi a motivo di questa grande moltitudine, perchè la battaglia non è vostra, ma di DIO. 16 20:16 Domani scendete contro di loro. ecco, essi saliranno per la salita di T sits, e voi li troverete all’estremitó della valle di fronte al deserto di Jeruel. 17 20:17 Non sarete voi a combattere in questa battaglia. proendete posizione, state fermi e vedrete la liberazione dell’Eterno, che è con voi. O Giuda, o Gerusalemme, non temete e non sgomentatevi. domani uscite contro di loro, perchè l’Eterno è con voi""'. 18 20:18 Allora Giosafat chinò la faccia a terra, e tutto Giuda e gli abitanti di Gerusalemme si prostrarono davanti all’Eterno e lo adorarono, 19 20:19 Poi i Leviti, dei figli dei Kehathiti e dei figli dei Korahiti, si levarono per lodare ad altissima voce l’Eterno, il DIO d’Israele. 20 20:20 La mattina seguente si alzarono proesto e partirono per il deserto di Tekoa. mentre si mettevano in cammino, Giosafat, stando in piedi, disse: ’Ascoltatemi, o Giuda e voi abitanti di Gerusalemme! Credete nell’Eterno, il vostro DIO e sarete saldi. credete nei suoi profeti e prospererete'. 21 20:21 Quindi, dopo essersi consigliato con il popolo, stabilì quelli che dovevano cantare all’Eterno e dovevano lodar/o per lo splendore della sua santitó, mentre camminavano davanti all’esercito e dicevano: ’Celebrate l’Eterno, perchè la sua benignitó dura in eterno'. 22 20:22 Quando essi cominciarono a cantare e a lodare, l’Eterno tese un’imboscata contro i figli di Ammon e di Moab e quelli del monte Seir che erano venuti contro Giuda, e rimasero sconfitti. 23 20:23 I figli di Ammon e di Moab insorsero contro gli abitanti del monte Seir per votar// allo sterminio e distrugger//, quand’ebbero annientati gli abitanti di Seir, si aiutarono a distruggersi a vicenda. 24 20:24 Così, quando que/// d/ Giuda giunsero sull’altura da cui si poteva osservare il deserto, si volsero verso la moltitudine, ed ecco, non c’erano che cadaveri distesi per terra. nessuno era scampato. 25 20:25 Allora Giosafat e la sua gente andarono a portar via le loro spoglie. tra di loro trovarono una grande quantitó di ricchezze sui loro cadaveri e di oggetti proeziosi. ne proesero per sè più di quanto ne potessero portare. impiegarono tre giorni a portar via il bottino, tanto era copioso. 26 20:26 Il quarto giorno si radunarono nella Valle di Benedizione, dove benedissero l’Eterno. per questo quel luogo è stato chiamato Valle di Benedizione fino al giorno d’oggi. 27 20:27 Quindi tutti gli uomini di Giuda e di Gerusalemme, con Giosafat in testa, si misero in cammino con gioia per far ritorno a Gerusalemme, perchè l’Eterno aveva loro dato motivo di rallegrarsi sui loro nemici. 28 20:28 Così entrarono in Gerusalemme con arpe, cetre e trombe, diretti alla casa dell’Eterno. 29 20:29 Il terrore di DIO cadde su tutti i regni degli altri paesi, quando vennero a sapere che l’Eterno aveva combattuto contro i nemici d’Israele. 30 20:30 Il regno di Giosafat fu tranquillo: il suo DIO gli concesse pace tutt’intorno.

20:1 Non toccherà a voi combattere in tale momento; fermatevi bene ordinati e vedrete la salvezza che il Signore opererà per voi, o Giuda e Gerusalemme. Non temete e non abbattetevi. Domani, uscite loro incontro; il Signore sarà con voi"". 2 Giòsafat si inginocchiò con la faccia a terra; tutto Giuda e gli abitanti di Gerusalemme si prostrarono davanti al Signore per adorarlo. 3 I leviti, dei figli dei Keatiti e dei figli dei Korachiti, si alzarono a lodare il Signore, Dio di Israele, a piena voce. 4 La mattina dopo si alzarono presto e partirono per il deserto di Tekòa. Mentre si muovevano, Giòsafat si fermò e disse: ""Ascoltatemi, Giuda e abitanti di Gerusalemme! Credete nel Signore vostro Dio e sarete saldi; credete nei suoi profeti e riuscirete"". 5 Quindi, consigliatosi con il popolo, mise i cantori del Signore, vestiti con paramenti sacri, davanti agli uomini in armi, perchè lodassero il Signore dicendo: Lodate il Signore, perchè la sua grazia dura sempre. 6 Appena cominciarono i loro canti di esultanza e di lode, il Signore tese un agguato contro gli Ammoniti, i Moabiti e quelli delle montagne di Seir, venuti contro Giuda e furono sconfitti. 7 Gli Ammoniti e i Moabiti insorsero contro gli abitanti delle montagne di Seir per votarli allo sterminio e distruggerli. Quando ebbero finito con gli abitanti delle montagne di Seir, contribuirono a distruggersi a vicenda. 8 Quando quelli di Giuda raggiunsero la collina da dove si vedeva il deserto, si voltarono verso la moltitudine, ed ecco non c'erano che cadaveri gettati per terra, senza alcun superstite. 9 Giòsafat e la sua gente andarono a raccogliere la loro preda. Vi trovarono in abbondanza bestiame, ricchezze, vesti e oggetti preziosi. Ne presero più di quanto ne potessero portare. Passarono tre giorni a raccogliere il bottino, perchè esso era molto abbondante. 10 Il quarto giorno si radunarono nella valle di Beracà; poichè là benedissero il Signore, chiamarono quel luogo valle della Benedizione, nome ancora in uso. 11 Quindi tutto Giuda e tutti quelli di Gerusalemme, con Giòsafat alla testa, partirono per tornare in Gerusalemme, pieni di gioia perchè il Signore li aveva riempiti di letizia a spese dei loro nemici. 12 Entrarono in Gerusalemme diretti al tempio, fra suoni di arpe, di cetre e di trombe. 13 Quando si seppe che il Signore aveva combattuto contro i nemici di Israele, il terrore di Dio si diffuse su tutti i regni dei vari paesi. 14 Il regno di Giòsafat fu tranquillo; Dio gli aveva concesso la pace su tutte le frontiere. 15 Giòsafat regnò su Giuda. Aveva trentacinque anni quando divenne re; regnò venticinque anni in Gerusalemme. Sua madre si chiamava Azuba figlia di Silchi. 16 Seguì la strada di suo padre, senza allontanarsi, per fare ciò che è retto agli occhi del Signore. 17 Ma non scomparvero le alture; il popolo non aveva ancora rafforzato il cuore nella ricerca del Dio dei suoi padri. 18 Le altre gesta di Giòsafat, le prime come le ultime, ecco sono descritte negli atti di Ieu, figlio di Canàni, inseriti nel libro dei re di Israele. 19 In seguito Giòsafat, re di Giuda, si alleò con Acazia re di Israele che agiva con empietà. 20 Egli si associò a lui per costruire navi capaci di raggiungere Tarsis. Allestirono le navi in Ezion-Ghèber. 21 Ma Eliezer figlio di Dodava, di Maresa, predisse contro Giòsafat: ""Perchè ti sei alleato con Acazia, il Signore ha aperto una breccia nei tuoi lavori"". Le navi si sfasciarono e non poterono salpare per Tarsis. 22 Giòsafat si addormentò con i suoi padri e fu sepolto con loro nella città di Davide. Al suo posto divenne re suo figlio Ioram. 23 I suoi fratelli, figli di Giòsafat, erano Azaria, Iechiel, Zaccaria, Azariau, Michele e Sefatia; tutti costoro erano figli di Giòsafat re di Israele. 24 Il padre aveva dato loro ricchi doni: argento, oro e oggetti preziosi insieme con fortezze in Giuda; il regno però l'aveva assegnato a Ioram, perchè era il primogenito. 25 Ioram prese in possesso il regno di suo padre e quando si fu rafforzato, uccise di spada tutti i suoi fratelli e, con loro, anche alcuni ufficiali di Israele. 26 Quando divenne re, Ioram aveva trentadue anni; regnò in Gerusalemme otto anni. 27 Seguì la strada dei re di Israele, come aveva fatto la casa di Acab, perchè sua moglie era figlia di Acab. Egli fece ciò che è male agli occhi del Signore, 28 ma il Signore non volle distruggere la casa di Davide a causa dell'alleanza che aveva conclusa con Davide e della promessa fattagli di lasciargli sempre una lampada, per lui e per i suoi figli. 29 Durante il suo regno Edom si ribellò a Giuda e si elesse un re. 30 Ioram con i suoi ufficiali e con tutti i carri passò la frontiera e, assalendoli di notte, sconfisse gli Idumei che l'avevano accerchiato, insieme con gli ufficiali dei suoi carri.

Mappa

Commento di un santo

Lettura del testo durante l'anno liturgico

Conversione di misure antiche presenti nel testo

Quantità nel testo
misura bibblica
Quantità convertita
Unità di misura attuale

Genealogia