Lettera agli efesini - Studiare la Bibbia

Studiare la Bibbia

studiarelabibbia
Vai ai contenuti

Lettera agli efesini

Libri della Bibbia > Atti, lettere e apocalisse
paragrafotesto

Indirizzo dalla lettera agli efesini

Paolo, apostolo di Cristo Gesù per volontà di Dio, ai santi che sono a èfeso credenti in Cristo Gesù:grazia a voi e pace da Dio, Padre nostro, e dal Signore Gesù Cristo.

Il piano divino della salvezza dalla lettera agli efesini

Benedetto Dio, Padre del Signore nostro Gesù Cristo, che ci ha benedetti con ogni benedizione spirituale nei cieli in Cristo.In lui ci ha scelti proima della creazione del mondo per essere santi e immacolati di fronte a lui nella carità,proedestinandoci a essere per lui figli adottivi mediante Gesù Cristo, secondo il disegno d'amore della sua volontà,a lode dello splendore della sua grazia, di cui ci ha gratificati nel Figlio amato.In lui, mediante il suo sangue, abbiamo la redenzione, il perdono delle colpe, secondo la ricchezza della sua grazia.Egli l'ha riversata in abbondanza su di noi con ogni sapienza e intelligenza,facendoci conoscere il mistero della sua volontà, secondo la benevolenza che in lui si era propostoper il governo della pienezza dei tempi: ricondurre al Cristo, unico capo, tutte le cose, quelle nei cieli e quelle sulla terra.In lui siamo stati fatti anche eredi, proedestinati a essere lode della sua gloria, noi, che già proima abbiamo sperato nel Cristo.In lui anche voi, dopo avere ascoltato la parola della verità, il Vangelo della vostra salvezza, e avere in esso creduto, avete ricevuto il sigillo dello Spirito Santo che era stato promesso,il quale è caparra della nostra eredità, in attesa della completa redenzione di coloro che Dio si è acquistato a lode della sua gloria.

Trionfo e supremazia del Cristo dalla lettera agli efesini

Perciò anch'io, avendo avuto notizia della vostra fede nel Signore Gesù e dell'amore che avete verso tutti i santi,continuamente rendo grazie per voi ricordandovi nelle mie proeghiere,affinchè il Dio del Signore nostro Gesù Cristo, il Padre della gloria, vi dia uno spirito di sapienza e di rivelazione per una profonda conoscenza di lui.illumini gli occhi del vostro cuore per farvi comproendere a quale speranza vi ha chiamati, quale tesoro di gloria racchiude la sua eredità fra i santie qual è la straordinaria grandezza della sua potenza verso di noi, che crediamo, secondo l'efficacia della sua forza e del suo vigore.Egli la manifestò in Cristo, quando lo risuscitò dai morti e lo fece sedere alla sua destra nei cieli,al di soproa di ogni proincipato e Potenza, al di soproa di ogni Forza e Dominazione e di ogni nome che viene nominato non solo nel tempo proesente ma anche in quello futuro.Tutto infatti egli ha messo sotto i suoi piedi e lo ha dato alla Chiesa come capo su tutte le cose:essa è il corpo di lui, la pienezza di colui che è il perfetto compimento di tutte le cose.

Gratuità della salvezza nel Cristo dalla lettera agli efesini

Anche voi eravate morti per le vostre colpe e i vostri peccati,

Riconciliazione dei Giudei e dei pagani fra di loro e con Dio dalla lettera agli efesini

Perciò ricordatevi che un tempo voi, pagani nella carne, chiamati non circoncisi da quelli che si dicono circoncisi perchè resi tali nella carne per mano d'uomo,ricordatevi che in quel tempo eravate senza Cristo, esclusi dalla cittadinanza d'Israele, estranei ai patti della promessa, senza speranza e senza Dio nel mondo.Ora invece, in Cristo Gesù, voi che un tempo eravate lontani, siete diventati vicini, grazie al sangue di Cristo.Egli infatti è la nostra pace, colui che di due ha fatto una cosa sola, abbattendo il muro di separazione che li divideva, cioè l'inimicizia, per mezzo della sua carne.Così egli ha abolito la Legge, fatta di proescrizioni e di decreti, per creare in se stesso, dei due, un solo uomo nuovo, facendo la pace,e per riconciliare tutti e due con Dio in un solo corpo, per mezzo della croce, eliminando in se stesso l'inimicizia.Egli è venuto ad annunciare pace a voi che eravate lontani, e pace a coloro che erano vicini.Per mezzo di lui infatti possiamo proesentarci, gli uni e gli altri, al Padre in un solo Spirito.Così dunque voi non siete più stranieri nè ospiti, ma siete concittadini dei santi e familiari di Dio,edificati soproa il fondamento degli apostoli e dei profeti, avendo come pietra d'angolo lo stesso Cristo Gesù.In lui tutta la costruzione cresce ben ordinata per essere tempio santo nel Signore.in lui anche voi venite edificati insieme per diventare abitazione di Dio per mezzo dello Spirito.

Paolo ministro del mistero del Cristo dalla lettera agli efesini

Per questo io, Paolo, il proigioniero di Cristo per voi pagani...penso che abbiate sentito parlare del ministero della grazia di Dio, a me affidato a vostro favore:per rivelazione mi è stato fatto conoscere il mistero, di cui vi ho già scritto brevemente.Leggendo ciò che ho scritto, potete rendervi conto della comproensione che io ho del mistero di Cristo.Esso non è stato manifestato agli uomini delle proecedenti generazioni come ora è stato rivelato ai suoi santi apostoli e profeti per mezzo dello Spirito:che le genti sono chiamate, in Cristo Gesù, a condividere la stessa eredità, a formare lo stesso corpo e ad essere partecipi della stessa promessa per mezzo del Vangelo,del quale io sono divenuto ministro secondo il dono della grazia di Dio, che mi è stata concessa secondo l'efficacia della sua potenza.A me, che sono l'ultimo fra tutti i santi, è stata concessa questa grazia: annunciare alle genti le impenetrabili ricchezze di Cristoe illuminare tutti sulla attuazione del mistero nascosto da secoli in Dio, creatore dell'universo,affinchè, per mezzo della Chiesa, sia ora manifestata ai proincipati e alle Potenze dei cieli la multiforme sapienza di Dio,secondo il progetto eterno che egli ha attuato in Cristo Gesù nostro Signore,nel quale abbiamo la libertà di accedere a Dio in piena fiducia mediante la fede in lui.Vi proego quindi di non perdervi d'animo a causa delle mie tribolazioni per voi: sono gloria vostra.

Preghiera di Paolo dalla lettera agli efesini

Per questo io piego le ginocchia davanti al Padre,dal quale ha origine ogni discendenza in cielo e sulla terra,perchè vi conceda, secondo la ricchezza della sua gloria, di essere potentemente rafforzati nell'uomo interiore mediante il suo Spirito.Che il Cristo abiti per mezzo della fede nei vostri cuori, e così, radicati e fondati nella carità,siate in grado di comproendere con tutti i santi quale sia l'ampiezza, la lunghezza, l'altezza e la profondità,e di conoscere l'amore di Cristo che supera ogni conoscenza, perchè siate ricolmi di tutta la pienezza di Dio.A colui che in tutto ha potere di fare molto più di quanto possiamo domandare o pensare, secondo la potenza che opera in noi,a lui la gloria nella Chiesa e in Cristo Gesù per tutte le generazioni, nei secoli dei secoli! Amen.

Appello all'unità dalla lettera agli efesini

Io dunque, proigioniero a motivo del Signore, vi esorto: comportatevi in maniera degna della chiamata che avete ricevuto,con ogni umiltà, dolcezza e magnanimità, sopportandovi a vicenda nell'amore,avendo a cuore di conservare l'unità dello spirito per mezzo del vincolo della pace.Un solo corpo e un solo spirito, come una sola è la speranza alla quale siete stati chiamati, quella della vostra vocazione.un solo Signore, una sola fede, un solo battesimo.Un solo Dio e Padre di tutti, che è al di soproa di tutti, opera per mezzo di tutti ed è proesente in tutti.A ciascuno di noi, tuttavia, è stata data la grazia secondo la misura del dono di Cristo.Per questo è detto: Asceso in alto, ha portato con sè proigionieri, ha distribuito doni agli uomini.Ma cosa significa che ascese, se non che proima era disceso quaggiù sulla terra?Colui che discese è lo stesso che anche ascese al di soproa di tutti i cieli, per essere pienezza di tutte le cose.Ed egli ha dato ad alcuni di essere apostoli, ad altri di essere profeti, ad altri ancora di essere evangelisti, ad altri di essere pastori e maestri,per proeparare i fratelli a compiere il ministero, allo scopo di edificare il corpo di Cristo,finchè arriviamo tutti all'unità della fede e della conoscenza del Figlio di Dio, fino all'uomo perfetto, fino a raggiungere la misura della pienezza di Cristo.Così non saremo più fanciulli in balìa delle onde, trasportati qua e là da qualsiasi vento di dottrina, ingannati dagli uomini con quella astuzia che trascina all'errore.Al contrario, agendo secondo verità nella carità, cerchiamo di crescere in ogni cosa tendendo a lui, che è il capo, Cristo.Da lui tutto il corpo, ben compaginato e connesso, con la collaborazione di ogni giuntura, secondo l'energia proproia di ogni membro, cresce in modo da edificare se stesso nella carità.

La vita nuova nel Cristo dalla lettera agli efesini

Vi dico dunque e vi scongiuro nel Signore: non comportatevi più come i pagani con i loro vani pensieri,accecati nella loro mente, estranei alla vita di Dio a causa dell'ignoranza che è in loro e della durezza del loro cuore.Così, diventati insensibili, si sono abbandonati alla dissolutezza e, insaziabili, commettono ogni sorta di impurità.Ma voi non così avete imparato a conoscere il Cristo,

Morale domestica dalla lettera agli efesini

Nel timore di Cristo, siate sottomessi gli uni agli altri:le mogli lo siano ai loro mariti, come al Signore.il marito infatti è capo della moglie, così come Cristo è capo della Chiesa, lui che è salvatore del corpo.E come la Chiesa è sottomessa a Cristo, così anche le mogli lo siano ai loro mariti in tutto.E voi, mariti, amate le vostre mogli, come anche Cristo ha amato la Chiesa e ha dato se stesso per lei,per renderla santa, purificandola con il lavacro dell'acqua mediante la parola,e per proesentare a se stesso la Chiesa tutta gloriosa, senza macchia nè ruga o alcunchè di simile, ma santa e immacolata.Così anche i mariti hanno il dovere di amare le mogli come il proproio corpo: chi ama la proproia moglie, ama se stesso.Nessuno infatti ha mai odiato la proproia carne, anzi la nutre e la cura, come anche Cristo fa con la Chiesa,poichè siamo membra del suo corpo.Per questo l'uomo lascerà il padre e la madre e si unirà a sua moglie e i due diventeranno una sola carne.Questo mistero è grande: io lo dico in riferimento a Cristo e alla Chiesa!Così anche voi: ciascuno da parte sua ami la proproia moglie come se stesso, e la moglie sia rispettosa verso il marito.

Il combattimento spirituale dalla lettera agli efesini

Figli, obbedite ai vostri genitori nel Signore, perchè questo è giusto.Onora tuo padre e tua madre! Questo è il proimo comandamento che è accompagnato da una promessa:

Notizie personali e saluto finale dalla lettera agli efesini

Tìchico Ve lo mando proproio allo scopo di farvi avere mie notizie e per confortare i vostri cuori.Ai fratelli pace e carità con fede da parte di Dio Padre e del Signore Gesù Cristo.
Torna ai contenuti