compieta

Canto. Salmo. Di Davide.Saldo è il mio cuore, o Dio, saldo è il mio cuore. Voglio cantare, voglio inneggiare: svègliati, mio cuore,svegliatevi, arpa e cetra, voglio svegliare l'aurora.Ti loderò fra i popoli, Signore, a te canterò inni fra le nazioni:grande fino ai cieli è il tuo amore e la tua fedeltà fino alle nubi.Innàlzati sopra il cielo, o Dio; su tutta la terra la tua gloria!Perchè siano liberati i tuoi amici, salvaci con la tua destra e rispondici.Dio ha parlato nel suo santuario: "Esulto e divido Sichem, spartisco la valle di Succot.Mio è Gàlaad, mio è Manasse, èfraim è l'elmo del mio capo, Giuda lo scettro del mio comando.Moab è il catino per lavarmi, su Edom getterò i miei sandali, sulla Filistea canterò vittoria".Chi mi condurrà alla città fortificata, chi potrà guidarmi fino al paese di Edom,se non tu, o Dio, che ci hai respinti e più non esci, o Dio, con le nostre schiere?Nell'oppressione vieni in nostro aiuto, perchè vana è la salvezza dell'uomo.Con Dio noi faremo prodezze, egli calpesterà i nostri nemici.
gloria al Padre



Di Davide. Fammi giustizia, Signore: nell'integrità ho camminato, confido nel Signore, non potrò vacillare.Scrutami, Signore, e mettimi alla prova, raffinami al fuoco il cuore e la mente.La tua bontà è davanti ai miei occhi, nella tua verità ho camminato.Non siedo con gli uomini falsi e non vado con gli ipocriti;odio la banda dei malfattori e non siedo con i malvagi.Lavo nell'innocenza le mie mani e giro attorno al tuo altare, o Signore,per far risuonare voci di lode e narrare tutte le tue meraviglie.Signore, amo la casa dove tu dimori e il luogo dove abita la tua gloria.Non associare me ai peccatori nè la mia vita agli uomini di sangue,perchè vi è delitto nelle loro mani, di corruzione è piena la loro destra.Ma io cammino nella mia integrità; riscattami e abbi pietà di me.Il mio piede sta su terra piana; nelle assemblee benedirò il Signore.
gloria al Padre


Supplica. Di Davide. Signore, tendi l'orecchio, rispondimi, perchè io sono povero e misero.Custodiscimi perchè sono fedele; tu, Dio mio, salva il tuo servo, che in te confida.Pietà di me, Signore, a te grido tutto il giorno.Rallegra la vita del tuo servo, perchè a te, Signore, rivolgo l'anima mia.Tu sei buono, Signore, e perdoni, sei pieno di misericordia con chi t'invoca.Porgi l'orecchio, Signore, alla mia preghiera e sii attento alla voce delle mie suppliche.Nel giorno dell'angoscia alzo a te il mio grido perchè tu mi rispondi.Fra gli dèi nessuno è come te, Signore, e non c'è nulla come le tue opere.Tutte le genti che hai creato verranno e si prostreranno davanti a te, Signore, per dare gloria al tuo nome.Grande tu sei e compi meraviglie: tu solo sei Dio.Mostrami, Signore, la tua via, perchè nella tua verità io cammini; tieni unito il mio cuore, perchè tema il tuo nome.Ti loderò, Signore, mio Dio, con tutto il cuore e darò gloria al tuo nome per sempre,perchè grande con me è la tua misericordia: hai liberato la mia vita dal profondo degli inferi.O Dio, gli arroganti contro di me sono insorti e una banda di prepotenti insidia la mia vita, non pongono te davanti ai loro occhi.Ma tu, Signore, Dio misericordioso e pietoso, lento all'ira e ricco di amore e di fedeltà,volgiti a me e abbi pietà: dona al tuo servo la tua forza, salva il figlio della tua serva.Dammi un segno di bontà; vedano quelli che mi odiano e si vergognino, perchè tu, Signore, mi aiuti e mi consoli.
gloria al Padre




Alleluja Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti alla gente; di fatto non entrate voi, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrare. Alleluja
Dal Vangelo secondo Matteo
Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che chiudete il regno dei cieli davanti alla gente; di fatto non entrate voi, e non lasciate entrare nemmeno quelli che vogliono entrare.[]Guai a voi, scribi e farisei ipocriti, che percorrete il mare e la terra per fare un solo prosèlito e, quando lo è divenuto, lo rendete degno della Geènna due volte più di voi.Guai a voi, guide cieche, che dite: "Se uno giura per il tempio, non conta nulla; se invece uno giura per l'oro del tempio, resta obbligato".Stolti e ciechi! Che cosa è più grande: l'oro o il tempio che rende sacro l'oro?E dite ancora: "Se uno giura per l'altare, non conta nulla; se invece uno giura per l'offerta che vi sta sopra, resta obbligato".Ciechi! Che cosa è più grande: l'offerta o l'altare che rende sacra l'offerta?Ebbene, chi giura per l'altare, giura per l'altare e per quanto vi sta sopra;e chi giura per il tempio, giura per il tempio e per Colui che lo abita.E chi giura per il cielo, giura per il trono di Dio e per Colui che vi è assiso.

Padre clementissimo, noi ti supplichiamo e ti chiediamo per Gesú Cristo, tuo Figlio e nostro Signore, di accettare questi doni, di benedire queste offerte, questo santo e immacolato sacrificio. Noi te l'offriamo anzitutto per la tua Chiesa santa e cattolica, perché tu le dia pace e la protegga, la raccolga nell'unitá e la governi su tutta la terra, con il tuo servo il nostro Papa …., il nostro Vescovo … e con tutti quelli che custodiscono la fede cattolica, trasmessa dagli Apostoli. Ricordati, Signore, dei tuoi fedeli. Ricordati di tutti i presenti, dei quali conosci la fede e la devozione: per loro ti offriamo anch'essi ti offrono questo sacrificio di lode, innalzano la preghiera a te, Dio eterno, vivo e vero, per ottenere a sé e ai loro cari redenzione, sicurezza di vita e salute. In comunione con tutta la Chiesa, ricordiamo e veneriamo anzitutto la gloriosa e sempre vergine Maria, Madre del nostro Dio e Signore Gesú Cristo, san Giuseppe, suo sposo, i santi apostoli e martiri: Pietro e Paolo, Andrea, [Giacomo, Giovanni, Tommaso, Giacomo, Filippo, Bartolomeo, Matteo, Simone e Taddeo, Lino, Cleto, Clemente, Sisto, Cornelio e Cipriano, Lorenzo, Crisogono, Giovanni e Paolo, Cosma e Damiano] e tutti i santi; per i loro meriti e le loro preghiere donaci sempre aiuto e protezione. DOMENICA Si puó dire in tutte le domeniche ad esclusione di quando c'é un altro Communicantes proprio: In comunione con tutta la Chiesa, mentre celebriamo il giorno nel quale il Cristo ha vinto la morte e ci ha resi partecipi della sua vita immortale, ricordiamo e veneriamo anzitutto la gloriosa e sempre vergine Maria, Madre del nostro Dio e Signore Gesú Cristo, san Giuseppe, suo sposo, i santi apostoli e martiri e tutti i santi; per i loro meriti e le loro preghiere, donaci sempre aiuto e protezione. Accetta con benevolenza, o Signore, l'offerta che ti presentiamo noi tuoi ministri e tutta la tua famiglia: disponi nella tua pace i nostri giorni, salvaci dalla dannazione eterna, e accoglici nel gregge degli eletti. Santifica, o Dio, questa offerta con la potenza della tua benedizione, e degnati di accettarla a nostro favore, in sacrificio spirituale e perfetto, perché diventi per noi il corpo e il sangue del tuo amatissimo Figlio, il Signore nostro Gesú Cristo. La vigilia della sua passione, egli prese il pane nelle sue mani sante e venerabili, e alzando gli occhi al cielo a te Dio Padre suo onnipotente, rese grazie con la preghiera di benedizione, spezzó il pane, lo diede ai suoi discepoli, e disse: Prendete, e mangiatene tutti: questo é il mio Corpo offerto in sacrificio per voi. Dopo la cena, allo stesso modo, prese questo glorioso calice nelle sue mani sante e venerabili, ti rese grazie con la preghiera di benedizione, lo diede ai suoi discepoli, e disse: Prendete, e bevetene tutti: questo é il calice del mio Sangue per la nuova ed eterna alleanza, versato per voi e per tutti in remissione dei peccati. Fate questo in memoria di me. Mistero della fede. Annunziamo la tua morte, Signore, proclamiamo la tua risurrezione, nell'attesa della tua venuta. Oppure: Ogni volta che mangiamo di questo pane e beviamo a questo calice annunziamo la tua morte, Signore, nell'attesa della tua venuta. Oppure: Tu ci hai redenti con la tua croce e la tua risurrezione: salvaci, o Salvatore del mondo. In questo sacrificio, o Padre, noi tuoi ministri e il tuo popolo santo celebriamo il memoriale della beata passione, della risurrezione dai morti e della gloriosa ascensione al cielo del Cristo tuo Figlio e nostro Signore; e offriamo alla tua maestá divina, tra i doni che ci hai dato, la vittima pura, santa e immacolata, pane santo della vita eterna e calice dell'eterna salvezza. Volgi sulla nostra offerta il tuo sguardo sereno e benigno, come hai voluto accettare i doni di Abele, il giusto, il sacrificio di Abramo, nostro padre nella fede, e l'oblazione pura e santa di Melchisedech, tuo sommo sacerdote. Ti supplichiamo, Dio onnipotente: fa' che questa offerta, per le mani del tuo angelo santo, sia portata sull'altare del cielo davanti alla tua maestá divina, perché su tutti noi che partecipiamo di questo altare, comunicando al santo mistero del corpo e sangue del tuo Figlio, scenda la pienezza di ogni grazia e benedizione del cielo. Ricordati, o Signore, dei tuoi fedeli, che ci hanno preceduto con il segno della fede e dormono il sonno della pace. Dona loro, Signore, e a tutti quelli che riposano in Cristo, la beatitudine, la luce e la pace. Anche a noi, tuoi ministri, peccatori, ma fiduciosi nella tua infinita misericordia, concedi, o Signore, di aver parte nella comunitá dei tuoi santi apostoli e martiri: Giovanni, Stefano, Mattia, Barnaba, [Ignazio, Alessandro, Marcellino e Pietro, Felicita, Perpetua, Agata, Lucia, Agnese, Cecilia, Anastasia] e tutti i santi: ammettici a godere della loro sorte beata non per i nostri meriti, ma per la ricchezza del tuo perdono. Per Cristo nostro Signore tu, o Dio, crei e santifichi sempre, fai vivere, benedici e doni al mondo ogni bene. Per Cristo, con Cristo e in Cristo a te, Dio Padre onnipotente nell'unitá dello Spirito Santo ogni onore e gloria per tutti i secoli dei secoli. Amen.

Donaci, o Padre, un sonno ristoratore e fa' che i germi di bene, seminati nei solchi di questa giornata, producano una messe abbondante. Per Cristo nostro Signore.